venerdì 23 dicembre 2016

L'attentatore di Berlino ucciso nel Milanese in sparatoria con polizia

Ha urlato "Allah Akbar"

 

Era appena arrivato in treno dalla Francia. Ha sparato agli agenti non appena gli hanno chiesto i documenti. Un agente è rimasto ferito a una spalla



L' hanno identificato dalle impronte digitali e dalla misura del volto: Anis Amri, l'attentatore di Berlino era in Italia, a Sesto San Giovanni. Che si tratti di lui, "senza ombra di dubbio", lo dice il ministro dell'Interno Marco Minniti, lo dicono, prima di lui, gli esperti dell'antiterrorismo della digos di Milano. Armi cercava un nascondiglio? Aveva una rete? A queste domande dovranno rispondere ora gli esperti dell'antiterrorismo italiani. "La cosa può portare anche a sviluppi futuri" aggiunge, infatti, il ministro.

In treno dalla Francia. Di certo Amri era arrivato in treno dalla Francia ma, appena uscito dalla stazione ferroviaria, è incappato in un controllo di polizia. Quando l'hanno fermato ha urlato "Allah Akbar" poi ha sparato contro gli agenti: ne ha colpito uno alla spalla. Loro hanno risposto: lui è morto sul colpo.


Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento