domenica 31 gennaio 2016

Alluvione, è boom di volontari

Ovada - «Sono uno degli alluvionati di via IV Novembre, a Castelletto d’Orba. Nell’autunno 2014 ho visto il rio Albara, dove in genere si fatica a bagnarsi i piedi, uscire dagli argini e travolgere tutto, allagare il mio garage e le case dei vicini. Siamo rimasti fuori quattro giorni. Lì ho capito che i volontari sono sempre troppo pochi». 

Così ha scelto di aggiungersi alla lista anche lui. Gianluca Cefalì, amministratore di condominio, 36 anni, ieri, in municipio a Ovada, ha ritirato il diploma di abilitazione a volontario di protezione civile insieme con altri 40 compagni di corso

«Non sono stati mai così tanti», dice Andrea Morchio, a capo del Gruppo comunale di Ovada, che l’ha organizzato, e del Com 16, che raggruppa i centri della vallata.

Continua qui

Accusato di abusi su un’undicenne, nel 2003 finì nei guai per pedopornografia

Genova - Emergono nuove ombre nel passato del docente di Musica di 60 anni che da venerdì scorso si trova agli arresti domiciliari con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di un’allieva di 11 anni: nel 2003 era finito nei guai anche per detenzione di materiale pedopornografico.
Per questo, gli agenti della squadra Mobile della polizia, coordinati dal sostituto procuratore Luca Scorza Azzarà, hanno sequestrato il computer, alcune macchine fotografiche e il telefono cellulare dell’uomo, come emerge dalle carte dell’inchiesta che ha portato all’arresto dell’insegnante.
Il reato di 13 anni sarebbe andato prescritto: adesso, almeno secondo il giudice Ferdinando Baldini, che ha firmato l’ordinanza, ci sarebbe un pericolo di reiterazione del reato.

Continua qui

Attentato Isis Damasco, almeno 60 morti

(ANSA) - ROMA, 31 GEN - E' salito ad almeno 60 il bilancio dei morti degli attentati a Damasco. Lo riferiscono i media locali che parlano di oltre 100 feriti. Due kamikaze e un'autobomba sono esplosi in rapida successione nei pressi del santuario sciita di Sayeda Zeinab, a sud della capitale. Gli attentati sono stati rivendicati dall'Isis.

Fonte

Nigeria: 65 civili uccisi da Boko Haram

 

sabato 30 gennaio 2016

Domenica 31 gennaio blocco del traffico ad Alessandria e Tortona

PROVINCIA - Torna l’allarme smog in provincia di Alessandria. Il nuovo incremento di polveri sottili ha raggiunto il "Livello di Allerta 2" e ha spinto i sindaci dei centrizona ad adottare nuove ordinanze per cercare di limitare l’accumulo di polveri. Al termine del tavolo tecnico in Provincia con i tecnici di Arpa, il sindaco di Alessandria, Rita Rossa, questo venerdì ha in particolare deciso il blocco del traffico per domenica 31 gennaio.

Nel capoluogo dalle 08.30 alle  11.30 e dalle 14 alle 18  sarà vietata la circolazione su tutto il territorio comunale per gli automezzi a benzina classificati Euro 0 ed Euro 1 e per gli automezzi diesel classificati Euro 0/1/2/3, fatta eccezione per la viabilità provinciale ed autostradale e per i veicoli compresi tra le eccezioni previste per legge;

Continua qui


Mal'Aria: Alessandria ancora fuorilegge. Tredicesima per inquinamento in Italia



Andrea, anima generosa tradita dal cuore troppo grande

A 33 anni un infarto stronca Andrea Bergaglio. Gli abitanti di San Cristoforo (AL) lo ricordano come un giovane volenteroso, sempre pronto a dare una mano in paese quando c'era bisogno alla sagra o alla scuola materna. In sua memoria una raccolta fondi per la Fondazione Uspidalet

SAN CRISTOFORO – "Aveva un cuore grandissimo. Ma è stato proprio il cuore a tradirlo". Sta qui, in questa frase che gli abitanti di San Cristoforo ripetono increduli davanti ai manifesti funebri, l’essenza di Andrea Bergaglio, 33 anni, morto nella notte tra giovedì 28 e venerdì 29 gennaio per un malore, probabilmente un infarto.

Già, un cuore grandissimo. Perché nonostante il lavoro a Genova e i tanti impegni che ha ogni ragazzo di quell’età, Andrea riusciva sempre a trovare un po’ di tempo da dedicare al paese. Che fosse alla sagra degli agnolotti, a far friggere le patatine o a montare i tavoli, o che fosse all’associazione che promuove le attività della scuola materna, a intrattenere i bimbi con l’entusiasmo che solo le anime più sincere possono dimostrare, Andrea Bergaglio c’era sempre.

Continua qui

'Ndrangheta: trovato bunker, arrestati i boss latitanti Ferraro e Crea

Nel covo nascosto anche un arsenale, c'era perfino un mitra

I latitanti della 'ndrangheta Giuseppe Ferraro, ricercato dal '98 e Giuseppe Crea, latitante dal 2006 sono stati arrestati dalla polizia in provincia di Reggio Calabria, tra Melicucco e Rizziconi. I due erano in un bunker dove era nascosto anche un arsenale di armi: c'era a che un fucile mitragliatore.
"Oggi è un'altra bella giornata per tutti e per il Paese, perché oggi la giustizia ha vinto ancora una volta e ha vinto in modo eclatante con l'individuazione e l'arresto di due boss "capicosca" della 'ndrangheta, catturati in un bunker in provincia di Reggio Calabria", sottolinea il ministro dell'Interno, Angelino Alfano.

Il bunker era dentro un costone in una località chiamata Agro di Maropati. Si tratta di una costruzione in metallo dotata all'interno di tutti i confort.

Continua qui

venerdì 29 gennaio 2016

Il primo potenziale PEGGIORAMENTO tra il 3 ed il 5 febbraio: tutti i dettagli!

Scriviamo peggioramento solo per onorare la disciplina ma questo primo peggioramento sarebbe già un gran regalo dal cielo.

 

COMMENTO
Primi segnali di cedimento dell'anticiclone "tiranno" che ha dominato per mesi il nostro Paese.

Nei primi giorni di febbraio una saccatura in discesa dal nord Europa vede vista sfondare in maniera abbastanza convinta dai principali modelli in sede mediterranea e favorire alcune precipitazioni, soprattutto sul nord-est e poi al centro-sud, accompagnate anche da un moderato calo delle temperature. 

ATTENDIBILITA'
L'analisi dello "spread" ci consente di capire quanto possa essere attendibile il guasto. Il modello nel complesso inquadra bene in gran parte delle sue corse alternative l'ingresso della saccatura, anche se la posizione del minimo ad essa associato non viene ancora delineata con chiarezza (in azzurro nella prima mappa).

Un dettaglio che in fondo possiamo definire trascurabile, l'importante è sapere che qualcosa di concreto potrà accadere al 55-60% dal 3-4 febbraio.

 

Continua qui

 

 

Meteo: in arrivo maltempo, prossima settimana neve e pioggia

 

 

giovedì 28 gennaio 2016

Ancora strage di migranti, un naufragio nell’Egeo e uno al largo delle coste libiche

Il bilancio complessivo è di 31 morti. Tra le vittime anche dieci bambini

La conta dei morti in mare non conosce fine. Questa mattina c’è stato un ennesimo naufragio nel mar Egeo, al largo dell’isola di Samos. Sono morti ventiquattro migranti, di cui dieci bambini. Lo riferisce la Guardia Costiera che ha salvato una decina di persone dal barcone proveniente dalle coste turche.

Secondo i racconti dei sopravvissuti, la barca si è rovesciata vicino alle coste settentrionali di Samo, un’isola vicina alle coste occidentali turche, porta d’ingresso di centinaia di migliaia di migranti che cercano di arrivare sulle coste europee. Una decina i dispersi e la Guardia Costiera è al lavoro per ritrovarli.

E al largo della Libia gli uomini della Marina Militare hanno recuperato i cadaveri di sei migranti. Si trovavano a bordo di un gommone che, quando sono giunti i soccorsi, stava già affondando. I militari, a bordo di nave Aliseo, sono riusciti a salvare complessivamente 290 persone, 74 delle quali a bordo del gommone che è affondato e le altre su altri due mezzi. Sono in corso le ricerche di eventuali dispersi.

Continua qui

Arrestato dai Carabinieri di Roma l’ex-presidente dell’ INPS Antonio Mastrapasqua

A Roma la Procura fa le inchieste, mentre a Taranto quando fra l’ ASL Taranto e la struttura ospedaliera della Cittadella della Carità, succede di tutto e di più, e qualcosa molto simile a quanto accaduto a Roma, nessuno muove un dito…..

Continua qui

METEO. Giorni della Merla senza INVERNO con ANTICICLONE. Piu' FREDDO a FEBBRAIO

E' di nuovo SUPER ANTICICLONE in Europa e l'inverno rientra ai box. Torna dunque una situazione METEO in ITALIA all'insegna della stabilità sulla Penisola con clima secco seppur non sempre soleggiato. Liguria, Toscana, poi anche parte delle tirreniche e la Valpadana verranno infatti interessati da nubi basse, foschie e locali nebbie che manterranno il tempo a tratti grigio ed uggioso, specie tra i settori liguri e quelli toscani dove si potrà avere anche qualche debole pioggia; altrove prevarranno condizioni soleggiate, specie in montagna.

E' una situazione simile a quanto avvenuto in Dicembre. Sul fronte delle temperature esse risulteranno sopra le medie del periodo, quasi primaverili al Centro Sud ma anche in montagna. Su Alpi ed Appennino lo zero termico tornerà infatti a superare i 2500-3000m, con punte di oltre 13-14°C A 1500-2000m. Al Centrosud attesi picchi anche di  oltre 15-16°C, fino a sfiorare i 20°C sulle Isole Maggiori. Questo avviene proprio in concomitanza dei Giorni della Merla che statisticamente risultano i più freddi dell'anno.

Continua qui 

FINE SETTIMANA molto mite e variabile sull'Italia

Che tempo farà? Prove generali di cambiamento...

 

 

mercoledì 27 gennaio 2016

Ilva, terzo giorno di protesta. Corteo dei metalmeccanici fino alla prefettura

Genova - È iniziato il terzo giorno di protesta dei lavoratori dell’Ilva, a cui si aggiungono oggi tutti i metalmeccanici Cgil. I manifestanti si sono concentrati in piazza Massena a Cornigliano. Il programma prevede un corteo fino al palazzo della Prefettura.

Si tratta della terza giornata di agitazione, dopo le manifestazioni di lunedì e quelle di ieri, culminate con l’incontro con susanna Camusso.

Continua qui

Oregon, arrestato leader rivolta cowboy

Un morto in una sparatoria a un posto di blocco della polizia

La rivolta dei cowboy in Oregon va avanti da settimane. E alla fine c'e' scappata la sparatoria. E anche un morto. Arrestato il leader della protesta Ammon Bundy, insieme a sei membri della milizia armata che dal 2 gennaio occupa il Malheur National Wildlife Refuge, un ufficio federale all'interno di una remota riserva naturale. Tutto e' successo ad un posto di blocco della polizia, durante il quale sono stati esplosi alcuni colpi di arma da fuoco. Un uomo disarmato - ha affermato la polizia - e' rimasto ucciso. Ma non e' ancora chiara la dinamica dell'accaduto, ne' l'identita' della vittima. Ora il timore e' che la protesta possa degenerare.

Continua qui

martedì 26 gennaio 2016

Evasione fiscale nel calcio, 64 indagati in inchiesta Napoli: anche Galliani, Lotito, De Laurentiis, Lavezzi e Paletta

Coinvolti massimi dirigenti, calciatori e procuratori di serie A e B

Un altro terremoto scuote il mondo del calcio e a tremare sono i big. Tra i 64 indagati (TUTTI I NOMI) nell'inchiesta "Fuorigioco" della Procura di Napoli ci sono massimi dirigenti, calciatori e procuratori di serie A e B: l'ad del Milan Adriano Galliani, il numero uno della società partenopea Aurelio De Laurentiis, il presidente della Lazio Claudio Lotito, l'ex presidente e ad della Juventus Jean Claude Blanc. Tra i calciatori indagati il difensore della Nazionale attualmente in prestito dal Milan all'Atalanta, Gabriel Paletta, il centrocampista del Milan, Antonio Nocerino, l'attaccante dell'Atalanta German Denis, l'ex Pescara Fernando Quintero, l'ex attaccante del Napoli Ezequiel Lavezzi. Nell'elenco figurano anche i nomi di alcuni calciatori non più in attività: oltre a Erman Crespo anche quello di Adrian Mutu e Diego Milito. Coinvolti anche diversi procuratori, tra cui Alessandro Moggi.

Continua qui

lunedì 25 gennaio 2016

Ucciso da autista ubriaco, i familiari: «Resti in galeria o ci pensiamo noi»

Genova - «Se dovesse capitare, come spesso purtroppo accade, e quell’uomo dovesse uscire, lo uccido. Fino a quando avrò fiato e forza mi batterò per far sì che quell’assassino non esca più di galera». È lo sfogo di Sara Buttaro, 33 anni, figlia di Giuseppe, l’ex finanziere travolto e ucciso ieri mattina da un’auto guidata da un uomo di origine ecuadoriana ubriaco e drogato.

Continua qui

Ricercato per la fuga dell'Audi gialla si presenta in Questura a Torino: "Non sono io"

E' un albanese di 32 anni

"Quello non sono io": uno dei ricercati per la vicenda dell'Audi gialla si è presentato spontaneamente in questura a Torino per chiarire quello che ha definito "un errore". "Io sono innocente", ha detto agli investigatori l'uomo, un albanese di 32 anni, nella notte fra sabato e domenica.
L'uomo, arrivato da Forlì, si è fatto accompagnare in questura da un avvocato torinese. Agli investigatori, facendo riferimento alle fotografie che in questi giorni sono circolate sugli organi di informazione e sui social network, ha spiegato che conosce anche le altre due persone: due albanesi che, ha assicurato, oggi si trovano nel loro Paese; uno sarebbe anche detenuto.


Continua qui

sabato 23 gennaio 2016

Arnasco, il vescovo Borghetti: se è vero, molto ferito dal gesto del parroco

Arnasco - «Mi sento ferito perchè se quello che si dice sia accaduto fosse vero, sarebbe stato vanificato il mio gesto. Un gesto importante, di una chiesa che include e abbraccia. Devo ancora parlare con il parroco, voglio sentire da lui cosa è accaduto». Così il vescovo coadiutore Guglielmo Borghetti dopo il caos successo ieri ai funerali delle vittime della palazzina crollata ad Arnasco per l’esplosione di una bombola gpl.

Continua qui

Usa, gigantesca bufera di neve: ci sono già delle vittime. Ma «il peggio deve arrivare»

Washington - La costa orientale degli Stati Uniti si trova da oltre 40 ore sotto una bufera di neve di proporzioni epica, chiamata ufficialmente “Jonas” ma ribattezzata dai media “Snowzilla”, cioè “Godzilla di neve”.

I fiocchi cadono senza interruzioni e, secondo le previsioni meteo, non è ancora finita: «Il peggio della tempesta sarà tra le 01:00 e le 13:00 (la mattinata di sabato ora locale; ndr.). Venti dannosi. Neve pesante ovunque. Rimanete al sicuro», ha twittato il servizio meteo nazionale a Baltimora/D.C.

Continua qui

Unioni Civili, anche Genova in piazza «È ora di dare la sveglia ed essere civili»

Genova - Moltissime persone, almeno duemila secondo i partecipanti, alla manifestazione genovese per le unioni civili in appoggio al ddl Cirinnà promosso da diverse associazioni per i diritti. Un corteo ha attraversato il centro città con i colori, i balli e i tamburi della «murga», un laboratorio di danza e percussioni molto attivo nel sociale del centro storico di Genova.

|#SvegliatItalia, le manifestazioni città per città - il ddl in 90 secondi|
 
|#SvegliatItalia, le foto dalle piazze della penisola|
 
In evidenza striscioni e i volantini con scritto «È ora di essere civili #svegliaitalia fai un primo passo verso l’uguaglianza».

Continua qui

Terre da scavo, con i nuovi tetti sull'amianto grandi opere a rischio


Cantieri a rischio in tutto il paese. A partire da alcune grandi opere, destinate ad avere grossi problemi, come il Terzo Valico o la Tav Torino-Lione. Il Governo ha licenziato da pochi giorni, per la seconda volta, il Dpr in materia di terre e rocce da scavo , che andrà a ristrutturare completamente la delicatissima materia del riutilizzo del materiale ricavato dalle lavorazioni in cantiere.

E la brutta notizia, per le imprese, è contenuta nelle definizioni: il limite di amianto tollerato per le operazioni di recupero delle terre viene abbassato di molto, un decimo rispetto a quello in vigore. Una modifica che potrebbe creare grossi problemi in quelle aree nelle quali i livelli di amianto sono naturalmente elevati, come la Liguria o il Piemonte. Anche se non è ancora detta l'ultima parola: i passaggi in Parlamento e in Consiglio di Stato potrebbero portare qualche correzione.
Il passaggio finito sotto la lente già durante la fase di consultazioni riguarda la definizione di terre da scavo, contenuta all'articolo 2 della bozza di decreto. Qui, in sostanza, si definisce quello che può essere considerato sottoprodotto e non rifiuto e che, quindi, rispettando le procedure del nuovo Dpr, potrà essere riutilizzato all'interno del cantiere. Il nuovo testo pone un paletto molto pesante: "Le terre e rocce da scavo possono contenere amianto nel limite massimo di 100 mg/kg, corrispondente al limite di rilevabilità analitico".

Continua qui

venerdì 22 gennaio 2016

Migranti: 3 naufragi nell'Egeo, 45 morti, tra cui 20 bambini

Un barcone con a bordo 49 persone è affondato al largo dell'isola di Farmakonissi. Poche ore dopo, un altro barcone è affondato al largo dell'isola di Kalolimnos

E' di almeno 45 vittime, tra cui 20 bambini, il bilancio di tre naufragi avvenuti nell'Egeo al largo delle coste greche tra giovedì notte e venerdì mattina. Nel primo caso, un barcone con a bordo 49 persone è affondato al largo dell'isola di Farmakonissi, nell'est dell'Egeo: 40 migranti sono riusciti a mettersi in salvo mentre 8, tra cui 6 bambini, sono annegati. Poche ore dopo, un altro barcone con a bordo un numero imprecisato di persone, è affondato al largo dell'isola di Kalolimnos, a sud di Farmakonissi. La Guardia Costiera ha tratto in salvo 26 persone - 22 uomini e 4 donne - e recuperato 34 cadaveri. Le ricerche sono ancora in corso perché non è ancora certo il numero delle persone che erano a bordo del barcone.

Continua qui

giovedì 21 gennaio 2016

Non solo il treno deragliato ad Andora abusi ogni 20 metri

Tra negligenze e nepotismo la Procura scopre l’edilizia “alla Checco Zalone”

inviato ad Andora (Savona) 
 
I faldoni sulla frana di Andora, che due anni fa travolse l’Intercity Milano-Ventimiglia e avrebbe potuto uccidere i 200 passeggeri se un costone di roccia non l’avesse bloccato a pochi centimetri dalla scarpata, sono più di un’inchiesta penale chiusa con cinque indagati.

Raccontano un piccolo e tragicomico romanzo criminale di nefandezze, tracotanze, furberie, ignavie, incompetenze e negligenze ordito da un campionario provinciale di padroncini, mezzemaniche, politici, geometri, palazzinari.

Una trama degna di Checco Zalone. E non è finita, perché solo nel raggio di un chilometro la Procura ha mappato altri cinquanta immobili a ridosso della ferrovia, abusivi e pericolosi come il parcheggio crollato due anni fa.

Il romanzo comincia nel 1962, quando la Riviera ligure si riempie di seconde case, ma entra nel vivo trent’anni dopo, quando Vincenzo Di Troia, industriale milanese e proprietario di una delle palazzine vista mare, chiede al Comune di Andora di trasformare in parcheggio un terrapieno sostenuto da un muretto di pietre a secco (questi pendii ne sono pieni, opera millenaria di sapienti contadini). 

Continua qui

Litvinenko, “Mosca mandante dell’omicidio”

L’ex agente del Kgb era stato ucciso nel 2006 a Londra con il polonio radioattivo. Un giudice britannico ha stabilito che fu la Russia a ordinare l’«azione» che venne «autorizzata da Putin»

Il giudice britannico Robert Owen ha reso pubblici i risultati di un’inchiesta sulla morte di Aleksandr Litvinenko, l’ex agente del Kgb divenuto poi oppositore di Vladimir Putin.

L’operazione per uccidere Litvinenko venne «probabilmente autorizzata» dal presidente russo Vladimir Putin. È quanto conclude l’inchiesta . C’è una «forte probabilità» che i due killer che lo hanno ucciso erano agli ordini del servizio segreto russo Fsb

Continua qui

Uccise 4 persone contromano sull’A26:condannato a 18 anni per omicidio volontario

La Corte d’Assise d’Appello di Torino ha condannato a 18 anni e 4 mesi per omicidio volontario, Ilir Beti, l’albanese che nel 2011, contromano e ubriaco, a bordo della sua auto sull’autostrada A26 Genova Voltri-Sempione, provocò un incidente in cui morirono quattro persone e ne rimase ferita un’altra.

Una decisione sorprendente dopo che, lo scorso marzo, la Cassazione aveva annullato la sentenza precedente, disponendo il rinvio in Corte d’Assise d’Appello e contestando non più il reato di omicidio volontario ma quello di omicidio colposo. L’accusa, avanzata dalla procura generale, è stata però ribaltata dalla Corte.

Continua qui

Lavoro: nel 2020 i robot sostituiranno 5 milioni di lavoratori. Ecco quali

A dirlo è uno studio del Forum economico mondiale

Stando ad uno studio del Forum Economico Mondiale, il lavoro di non meno di cinque milioni di persone nei paesi industrializzati (Europa e Usa in primis) è fortemente a rischio nei prossimi quattro anni. Ed è a rischio non per questioni congiunturali di carattere economico, ma perchè tranquillamente sostituibile dall’opera dei robot, oggi sempre più tecnologicamente avanzati ed efficienti in diversi ambiti. I più esposti al rischio, contrariamente a quanto si potrebbe supporre, sono i lavori di ufficio.

IMPIEGATI A RISCHIO – Lo studio, anticipato dai tedeschi di Frankfurter Allgemeine Zeitung, rivela come siano proprio i ‘colletti bianchi’ a doversi maggiormente preoccupare, giacchè l’utilizzo dei robot al posto degli operai in fabbrica è un paradigma già avanzato, mentre la prossima ‘rivoluzione’ riguarderà soprattutto i cosiddetti ‘colletti bianchi’. Le vendite di robot industriali, del resto, si prevede aumenteranno di oltre il 40 per cento a livello globale entro due anni. Oggi, infatti, nei settori altamente automatizzati come quello automobilistico svolgono quasi il 90 per cento delle mansioni. Da qui al 2020 saranno invece colpite soprattutto le categorie impiegatizie, in particolare amministrazione, contabilità e finanza.

Continua qui

mercoledì 20 gennaio 2016

Colonia: 'Chi molesta non resta', le t-shirt delle europarlamentari azzurre contro la violenza

Le hanno indossate Alessandra Mussolini, Lara Comi, Elisabetta Gardini e Barbara Matera

T-shirt per manifestare contro le molestie subite da centinaia di donne a Colonia la notte di San Silvestro. Le hanno indossate le europarlamentari di Forza Italia Alessandra Mussolini, Lara Comi, Elisabetta Gardini e Barbara Matera.

Continua qui

martedì 19 gennaio 2016

Assenteismo: Sanremo, primi quattro licenziamenti

Il sindaco, altri ci saranno nei prossimi giorni

Il Comune di Sanremo ha licenziato quattro dipendenti coinvolti nell'inchiesta Stakanov sull' assenteismo, scattata il 22 ottobre scorso. Lo dice il sindaco Alberto Biancheri all'ANSA. "Abbiamo firmato i primi quattro provvedimenti di licenziamento. Altri licenziamenti ci saranno nei prossimi giorni". I licenziamenti avvengono a seguito delle risultanze della Commissione disciplinare. L'inchiesta portò a 35 arresti, 8 obblighi di firma e 75 indagati, complessivamente gli accertamenti coinvolsero circa 200 persone.

Continua qui

Stoppani, “blocchi” di cromo sulla spiaggia: scatta l’allarme

Genova - Mareggiate e Libeccio per i residenti di Marina Grande, al confine tra Arenzano e Cogoleto, significano una cosa sola: veder riaffiorare sul bagnasciuga gli inquietanti crostoni, “regalo” di più di un secolo di avvelenamento della fabbrica Stoppani.

I crostoni, sabbia indurita da sostanze inquinanti, sono ciò che resta della bonifica del litorale, conclusa nel 2010, appaltata dalla struttura commissariale. All’epoca vennero portati via solo i crostoni sulla spiaggia. E quelli sotto il bagnasciuga? Troppo pericoloso rimuoverli, secondo le spiegazioni ufficiali, perché si correrebbe il rischio di frantumarli, rilasciando inquinanti in mare. Finché non vengono toccati dalle ruspe e rimangono coperti dalla sabbia, invece, non rappresentano un pericolo e – secondo le analisi del Ministero della Salute – si esclude il rischio di inquinamento.

Continua qui

La Cina rallenta, mai crescita così bassa

Economia perde lo 0.4%. Anche la produzione industriale in calo. Era dalle sanzioni del 1990 che non succedeva

I numeri rilasciati oggi dall’Ufficio nazionale per le statistiche per il 2015 ricalcano alla perfezione le previsioni della leadership. La crescita economica ancora in calo (6,9% contro il 7,3% del 2014) che non era così bassa dal 1990, quando la Cina subì le sanzioni internazionali a seguito del massacro di piazza Tiananmen. Anche la produzione industriale cresce sempre meno (6,1% contro l’8,3% del 2014) mentre aumenta il peso del settore dei servizi che, per la prima volta, supera di mezzo punto percentuale la metà del Pil. L’obiettivo di crescita per il 2016 è stato fissato al 6,5 per cento.

Continua qui

Coppa Italia, Alessandria nella storia: espugna anche La Spezia e vola in semifinale con Milan

Favola senza fine per i grigi di Gregucci che ora all’Olimpico di Torino il 26 gennaio e a San Siro il 1° marzo giocheranno per la finale


La Spezia 
La piccola Alessandria è nella storia del calcio. Nella sfida tra le rivelazioni di questa edizione di Coppa Italia, i grigi di Gregucci dopo aver già battuto Palermo e Genoa espugnano il campo dello Spezia e si regalano la semifinale (andata e ritorno) con il Milan dal sapore vintage. È Bocalon il grande protagonista della sfida del Picco, dove una sua micidiale doppietta nel finale rimonta l’iniziale vantaggio dei liguri firmato da Calaiò su rigore. Un traguardo storico per i piemontesi, che con i rossoneri condividono tra i loro simboli il grande Gianni Rivera. L’ultima squadra di terza divisione capace di approdare tra le prime quattro della Coppa nazionale è stata il Bari, stagione 1983-’84. Grande l’amarezza in casa Spezia: i liguri di Di Carlo possono recriminare per le occasioni sciupate, ma si inchinano di fronte ad un avversario che crede fino all’ultimo nell’impresa.

Continua qui

Alessandria, la nota stonata è la beffa al disabile tifoso

 

lunedì 18 gennaio 2016

Acqui, il pasticcio della casa religiosa diventata un resort di lusso

Acqui Terme - Due Procure della Repubblica, di Savona e Alessandria, indagano sulle attività secolari che, per anni, hanno intrecciato stretti rapporti tra il Seminario della Diocesi di Acqui e la gestione di una struttura ai Piani d’Invrea-Varazze, inizialmente denominata Casa Emmaus che avrebbe dovuto accogliere sacerdoti e seminaristi in riposo e in meditazione, poi trasformata in residence di lusso, con piscina, golf e 12 appartamenti-vacanze, pubblicizzati su siti internet, prima come Villa Primavera, ora Resort Malesia.

Ma i lavori di trasformazione della dimessa dimora per preti in meditazione furono contestati dal Comune di Varazze, che presentò più denunce per illeciti edilizi, contro Renato Bonora, 67 anni, l’uomo cui il Seminario di Acqui, proprietario del patrimonio, aveva affidato la gestione dal 2000. Le denunce sugli illeciti edilizi, però, non definite in tempi utili, finirono inghiottite dalla prescrizione.

Continua qui

Bullismo: ragazzina di 12 anni si lancia dal balcone a Pordenone, è grave

Ha lasciato una lettera per i compagni di classe: "adesso sarete contenti"

Una ragazzina di seconda media, di 12 anni, si è gettata stamani dal secondo piano della propria abitazione restando ferita in modo grave. Prima di lanciarsi nel vuoto, la piccola ha lasciato due lettere sulla scrivania: una ai genitori, scusandosi per il gesto; l'altra ai compagni di classe, con una frase emblematica, "adesso sarete contenti"

Continua qui

sabato 16 gennaio 2016

Burkina Faso, terroristi si erano registrati all'Hotel Splendid

Il bilancio dell'attacco rivendicato da Al Quaeda è di 23 morti e 33 feriti. Uccisi 4 jihadisti: due erano donne. Liberate 126 persone. Un terrorista si è barricato in un bar con altri ostaggi. Al Qaeda: "Vendetta contro la Francia"

OUAGADOUGOU - Almeno 23 morti e 150 feriti di 18 nazionalità diverse, 126 ostaggi liberati dopo un lungo scontro a fuoco: è questo il tragico (ma ancora provvisorio) bilancio dell'attacco terroristico avvenuto stanotte a Ougadougou, capitale del Burkina Faso. Un gruppo di persone armate ha preso d'assalto l'hotel Splendid e il caffè-ristorante "Le Cappuccino", frequentati da occidentali e in particolare da personale dell'Onu. L'attacco, scattato con l'esplosione di due autobomba, è stato rivendicato da Aqim (al Qaeda Maghreb Islamico).


Continua qui

 

Al Qaeda assalta due hotel e un café degli stranieri in Burkina Faso. Blitz nella notte libera 126 ostaggi. Almeno 23 morti, 4 jihadisti uccisi

 

Le ore di paura degli italiani bloccati in Burkina Faso

 

Savona, crolla palazzina ad Arnasco, cinque morti

Sindaco: 'Mai vista una cosa simile. Gli ambienti erano saturi di gas' 

E' salito a cinque il bilancio dell'esplosione che ha fatto crollare una palazzina in frazione Bezzo, nel comune di Arnasco. I vigili del fuoco hanno estratto dalle macerie il corpo di un uomo. Le altre vittime sono tre uomini e una donna. Una donna è grave all'ospedale San Martino di Genova. Sotto le macerie, secondo i soccorritori non dovrebbero esserci altre persone.

Continua qui

venerdì 15 gennaio 2016

Omicidio Macchi, dopo trent'anni arrestato l'ex compagno di liceo: una lettera lo accusa

Stefano Binda frequentava Cl come la vittima. Sarebbe l'autore del testo "In morte di un'amica" consegnato in forma anonima alla famiglia. L'accusa: violentò la studentessa poi la uccise perché "si era concessa ma non avrebbe dovuto farlo per via del suo credo religioso"

MILANO - E' morta come Yara: al freddo di una notte di gennaio, in un luogo isolato, ferita e senza nessuno che la potesse aiutare. A trent'anni dal fatto, l'omicidio di Lidia Macchi, la studentessa di 20 anni trovata morta in un bosco del Varesotto, potrebbe non rientrare più nell'elenco dei 'cold case'. Fu il primo caso in Italia in cui si ricorse al test del Dna, anche se poi le analisi non portarono a nulla. Stefano Binda, 48 anni, ex compagno di liceo e, come lei, frequentatore dell'ambiente di Comunione e Liberazione è l'uomo che l'avrebbe uccisa. Di più, gli investigatori dicono che l'ha uccisa con 29 coltellate dopo averla violentata, perché sarebbe stato convinto che lei si era concessa e che non avrebbe dovuto farlo per il suo "credo religioso".

Continua qui

Borse in rosso. Milano peggiora, Mosca a picco

Wall Street in profondo rosso con il calo del petrolio e i timori sull'economia cinese. Il Dow Jones dall'inizio dell'anno ha perso l'8% ed e' in corsa il mese peggiore dal febbraio 2009. Il Nasdaq ha perso in gennaio il 10%. A pesare sull'avvio di seduta anche il calo delle vendite al dettaglio, scese in dicembre dello 0,1%, nella peggiore fine dell'anno dal 2009.

Milano peggiora (-3%), raffica sospensioni - Raffica di sospensioni al ribasso in Borsa mentre il Ftse Mib perde il 3%. Risultano congelate al momento Exor, Mps e Finmeccanica. In precedenza erano andate in asta di volatilità anche le Fca e le Bper.

Continua picchiata Mosca, -6,18% - Borsa di Mosca in pesante calo mentre precipita il prezzo del petrolio. L'indice Rts in dollari perde il 6,18%, mentre l'indice Micex fa registrare una flessione di quasi il 5% scendendo sotto i 1.600 punti per la prima volta dal luglio del 2015.

 Continua qui

Prezzo petrolio giù: chi guadagna, chi perde in Italia

Corpo forestale, l’accorpamento nei Carabinieri taglia i costi “ma spiana la strada agli ecoreati”

Per Legambiente, Greenpeace e Libera eliminare il corpo che conta 8.500 dipendenti (da non confondere con le decine di migliaia di operai forestali) equivale a depotenziare la tutela dell'ambiente. Il procuratore antimafia Franco Roberti: "Si toglie all’autorità giudiziaria l’unico organismo che smaschera i crimini ambientali". In più non è chiaro come si tuteleranno le riserve naturali

“Tana libera tutti”. Traffico di rifiuti, abusi edilizi, incendi boschivi: il governo rischia di spianare la strada agli ecoreati, spiegano le associazioni ambientaliste. Nel consiglio dei ministri del 15 gennaio, a meno di clamorose sorprese, un decreto attuativo della riforma della pubblica amministrazione riguarderà il Corpo forestale dello Stato. E sancirà il suo accorpamento all’interno dell’arma dei carabinieri per evitare sovrapposizioni e sprechi. Il corpo conta circa 8.500 dipendenti in tutta Italia, specializzati nella tutela del patrimonio naturale e paesaggistico, nella prevenzione e repressione dei reati in materia ambientale e agroalimentare. Questi operatori non vanno confusi con gli operai forestali, oltre 10mila in Calabria e più di 28mila in Sicilia, che non hanno la professionalità degli agenti del Corpo. E che non saranno toccati in alcun modo dalla riforma Madia, pur richiedendo alle casse pubbliche uno sforzo che vale centinaia di milioni di euro ogni anno.

Continua qui

L’eco-suino arriva dall’Asia. In Giappone utilizzano un sistema per nutrire i maiali che potrebbe, se riproposto in Europa, dare enormi benefici

Un allevatore inglese usando illegalmente scarti di cibo crudo per i suoi maiali nel 2002 dà origine a un’epidemia virale veicolata da virus della famiglia coxsackie e da picornavirus, che si diffonde rapidamente in tutto il mondo. La reazione della comunità internazionale non si fa attendere: in Europa viene bandito l’utilizzo di eccedenze alimentari per la dieta dei suini, mentre in Asia, soprattutto in Giappone, i ricercatori si mettono al lavoro per trovare un modo più sicuro di impiegare quanto non viene mangiato dall’uomo, e ci riescono.

Ogni anno, ogni europeo mangia 34 chilogrammi di carne di maiale, per un totale di 21,5 tonnellate. Circa il 75% delle terre coltivate del mondo è destinato a cereali e vegetali diversi usati per nutrire anche l’enorme numero di suini necessario a sfamare l’Europa, e molte di queste terre si trovano oggi dove un tempo sorgevano foreste e savane (1,2 milioni di ettari solo in America del Sud). Entro il 2050, inoltre, il fabbisogno di carne di maiale aumenterà del 60%, con costi destinati a salire fino a livelli difficilmente gestibili.

Continua qui

giovedì 14 gennaio 2016

Brasile, nato nel 1884: Joao pronto a entrare nel Guinness

Joao Coelho de Souza potrebbe battere ogni record. Quello di uomo più vecchio del mondo, con i suoi 131 anni, di colui che ha vissuto in assoluto di più (l'attuale è della francese Jeanne Calment, morta a 122 anni), della più grande differenza di età con la moglie (69 anni) e perfino di aver dato alla luce una figlia alla 'tenera' età di 101 anni. Joao è stato scoperto durante un controllo di routine da Kennedy Afonso, dipendente dei servizi sociali che doveva fare alcuni accertamenti pensionistici nella zona brasiliana della Sena Madureira. Quando l'uomo ha mostrato il certificato di nascita, Afonso è rimasto basito: "C'era questo dettaglio: nato nel 1884. Non ci ho creduto, ma poi ho visto tutti i documenti. Faccio appello alla prefettura di verificare", ha raccontato su Facebook dove ha postato foto e dati dell'ultracentenario. Joao ha ancora momenti di lucidità, ha tre figli, una moglie di 62 anni ed è cresciuto mangiando riso, pesce e fagioli. Al momento, il Guinness dei primati riconosce il giapponese Yasutaro Koide, di 112 anni, come l'uomo più anziano al mondo.

Continua qui

Firenze, spacciatore arrestato per l’omicidio di Ashley

Firenze - Ashley è stata «picchiata a sangue» e strangolata: questa, secondo quanto spiegato dalla polizia, la tragica fine della 35enne americana uccisa nella sua casa a Firenze: nella notte, per il delitto è stato fermato il 25enne Cheik Diaw, cittadino senegalese. È stato incastrato da una telecamera: è quella di un fornaio a pochi metri dal portone della palazzina dove viveva la vittima.

Diaw è un volto noto della movida fiorentina, perché lavora come “pierre” e organizzatore di eventi in diversi locali notturni della città.

Le ammissioni del killer
Nella conferenza stampa della mattina, gli inquirenti hanno detto che Diaw ha sostanzialmente ammesso tutto, raccontando di avere incontrato la giovane americana in un locale notturno e di essere andato a casa di lei: nel bagno dell’abitazione ha lasciato un preservativo e il mozzicone di una sigaretta, fondamentali per identificarlo.

Continua qui

Turchia bombarda posizioni Is in Iraq e Siria. Bambini yazidi rapiti per farne kamikaze

Il premier turco Davutoglu: la risposta all'attentato di Istanbul. Sarebbero 200 i morti. Secondo Mosca, uno dei tre russi arrestati per l'attentato di Istanbul è sospettato di legami con l'Is. Autorità curde a Cnn: 600 piccoli sequestrati nella provincia irachena di Sinjar, in duecento sono riusciti a fuggire. La testimonianza di un 12enne: "Ci dicevano: tornerete per uccidere i vostri genitori miscredenti" 

ANKARA - La Turchia ha bombardato obiettivi dell'Is in Iraq e in Siria.  Lo annuncia il premier turco Davutoglu, collegando il raid all'attentato di Istanbul. "Il nostro Paese effettuerà anche raid aerei se necessario e manterrà la sua posizione fino a quando lo Stato islamico abbandonerà le sue aree di confine", ha dichiarato il premier turco durante una conferenza degli ambasciatori turchi riuniti ad Ankara. Secondo fonti ufficiali turche, i miliziani uccisi sono duecento.

Da fonti delle autorità curde viene invece diffusa la notizia che seicento bambini yazidi sono stati rapiti dall'Is nella provincia irachena di Sinjar con l'obiettivo di usarli come kamikaze. Secondo le fonti, che hanno parlato con Cnn, duecento bambini sarebbero riusciti a scappare. Lo confermerebbe la testimonianza di un 12enne, tra quanti sono riusciti a dileguarsi, che ha raccontato alla Cnn di essere stato addestrato per diventare un attentatore suicida.


Continua qui

Addio a Stefania, la soldatessa che giocava a nascondino con i bimbi nelle missioni di pace

Non ce l’ha fatta Stefania Stellaccio. La soldatessa di Roccadaspide non è riuscita a vincere il male devastante che l’ha strappata alla vita. Il suo grande cuore che affrontato la missione di pace ed onorato il lavoro che aveva scelto, non ha purtroppo retto al male che l’ha portata via. Operata mesi fa ad un tumore al cervello, ha dovuto fare nuovamente i conti con “lui”, che si è ripresentato ancor più aggressivo, ancor più lancinante e stavolta per lei non c’è stato scampo. Originaria di Roccadaspide, 31 anni, ex caporal maggiore dell’Esercito Italiano aveva partecipato ad una missione in Libano ed attualmente lavorava come agente penitenziario a Bollate, Milano.

Continua qui

É legge: la Francia obbliga tutti i Supermercati a donare il cibo avanzato.

Sprechi alimentari? Quante tonnellate di cibo vengono buttate ogni giorno nel mondo? La Francia ha dato “lo stop agli sprechi alimentati nei supermercati” grazie all’iniziativa dell’assessore Arash Derambarsh, il quale ha portato avanti una vera e propria campagna contro gli sprechi alimentari tanto da condurre il Governo francese a emanare una legge che costringe i supermercati francesi a donare il cibo avanzato in beneficenza.
 
L’assessore ha da tempo portato avanti questa campagna contro gli sprechi, esponendo un concetto che forse in tutto il mondo viene condiviso dalla stragrande maggioranza delle persone, ovvero il fatto che è assurdo che ogni giorno nel mondo il cibo, ovviamente in ottimo stato di conservazione, venga sprecato e buttato, quando c’è tantissima gente che purtroppo non riesce nemmeno a fare un pasto al giorno, e parliamo dei senzatetto, dei poveri e dei disoccupati.

Continua qui

Giacarta, serie di attacchi ed esplosioni: almeno 7 morti

Ore di sparatorie tra le forze di polizia ed i presunti attentatori

Almeno tre esplosioni hanno scosso stamattina il centro di Giacarta, la capitale indonesiana. Poi sono seguite oltre due ore di sparatorie tra le forze di polizia ed i presunti attentatori, che secondo Metro Tv, sarebbero stati fino a 14. Almeno sette i morti. Un portavoce della polizia ha detto che il bilancio delle vittime include tre poliziotti e tre civili, secondo quanto riporta il Guardian.
La zona colpita, nel centro di Giacarta, ospita anche molti hotel di lusso, ambasciate e uffici.

Continua qui

mercoledì 13 gennaio 2016

Valanga travolge studenti sulle Alpi francesi, due morti e tre feriti gravi. Cinque dispersi

Colpiti sulla pista di Belelcombe un gruppo di una decina di studenti francesi e il loro professore. La pista era chiusa, ha detto il sindaco

Tragedia sulle Alpi francesi dove una una valanga ha travolto un gruppo di una decina di studenti francesi sulla pista di Bellecombe. Un primo bilancio parla di tre morti, tra i quali un 14enne e 3 feriti, di cui 2 "in condizioni disperate". I soccorritori hanno estratto cinque persone, quatro studenti, tutti trovati in arresto cardiorespiratorio, e il professore, che ha numerose fratture ed è in corso di trasporto all'ospedale di Grenoble, riferisce il quotidiano locale Le Dauphiné Liberé. La scolaresca investita dalla valanga sulle Alpi francesi viene da un liceo di Lione, la scuola "Antoine de Saint-Exupery".

Continua qui

martedì 12 gennaio 2016

Attacco jihadista alla Istanbul dei turisti: 10 morti, 9 sono cittadini tedeschi

"Vittime sono tutte straniere". Boato in piazza Sultanahmet, isolata la zona dove sorge la celebre Moschea Blu. Molti feriti. Governo turco: "Kamikaze di origine saudita e militante dell'Is"

ISTANBUL - Nel cuore della Istanbul turistica e delle splendide moschee, strage di turisti tedeschi. Sono almeno 10 i morti, 9 arrivavano dalla Germania, e 15 i feriti: poco dopo le 9, nel cuore turistico di Istanbul, vicino alla moschea Blu e a quella di Santa Sofia, un kamikaze si è fatto saltare. Era un uomo dell'Is, si chiamava Nabil Fadli, cittadino siriano, nato in Arabia Saudita.

Merkel: "Colpito gruppo turisti tedeschi". L'uomo si è fatto saltare in aria vicino all'obelisco di Teodosio in piazza Sultanahmet, conosciuta in tutto il Mondo per i suoi monumenti e visitata ogni giorno da migliaia di turisti. Fra i feriti ci sarebbero 6 tedeschi, un norvegese e un peruviano. Il premier turco, Ahmet Davutoglu, ha detto che la maggior parte dei deceduti, 9 persone, sono tedesche e che "le vittime sono tutte straniere". Poco prima la cancelliera tedesca, Angela Merkel, aveva annunciato che era stato colpito "un gruppo di turisti della Germania".

Continua qui

In 3 mila per tre posti da infermiere in ospedale ad Alessandria, c’è chi è arrivato anche da Londra

Per cinque giorni i candidati sfileranno nell’aula magna del Politecnico di Alessandria per le pre-selezioni in tre turni giornalieri da 209 persone per un totale di 3.135

I primi sono arrivati oggi. Con il sogno del posto in ospedale. Sono i primi candidati che hanno risposto al bando dell’ospedale di Alessandria per l’assunzione di tre infermieri, istruito lo scorso autunno. Arrivano un po’ da ogni parte d’Italia per quei tre posti che potrebbero essere anche di più. C’è infatti la concreta possibilità di assunzione anche per alcuni degli esclusi. La graduatoria avrà infatti validità di tre anni. In tutto questo periodo e in base a questo elenco che verranno effettuate le eventuali assunzioni. 

Continua qui

Meteo, le previsioni: in arrivo il "vero" inverno con gelo dall'artico

Temperature in notevole calo e neve anche a bassa quota

 Per i prossimi giorni ci sara' un drastico cambiamento meteorologico dato da un notevole calo delle temperature: "aria gelida si getterà dall'Artico russo in direzione sud, coinvolgendo un'ampia fetta dell'Europa centro orientale e meridionale", spiega il Meteo Giornale.

    "La differenza sostanziale rispetto al pregresso, - prosegue - è che stavolta si chiuderà la porta atlantica e il freddo avrà modo di penetrare sul Mediterraneo. L'Italia verrà pienamente coinvolta e le precipitazioni assumeranno carattere nevoso a bassa o bassissima quota".

Continua qui

Ultimi aggiornamenti

Oggi - 07:04
NEVE: risultano davvero notevoli gli accumuli che si registrano sul settore settentrionale della Valle d'Aosta con anche 2 metri di neve fresca alle quote elevate, sulla parte meridionale della regione si toccano comunque gli 80cm.

Enorme valanga sfiora Cervinia, tutto il paese imbiancato


ATTENZIONE: giovedì 14 gennaio la NEVE al NORD torna possibile!

Confermati freddo e neve su molte regioni nel fine settimana

 

lunedì 11 gennaio 2016

Esplosione in poligono nel Ferrarese, 3 morti

Un'esplosione si è verificata in un poligono di tiro privato a Portomaggiore, in provincia di Ferrara. Nell'esplosione, secondo le prime informazioni dei vigili del fuoco sono morte tre persone e altre tre sono rimaste ustionate. Feriti anche due vigili del fuoco a causa del crollo di un solaio durante le operazioni di spegnimento dell'incendio. L'incidente è avvenuto attorno alle 10 in un poligono in via Carlo Cattaneo che si trovava al secondo piano di un piccolo capannone di circa 400 metri quadri. Ancora da accertare le cause che hanno provocato l'incidente.

Continua qui

sabato 9 gennaio 2016

Duplice omicidio nel Napoletano: mamma e figlia uccise a colpi di ascia

Giuliano - Orrore a Varcaturo, sul litorale flegreo, nel Comune di Giugliano (Napoli). Un uomo di 44 anni, ucraino, ha ucciso la moglie 30enne e la figlia di 4 anni, nella loro abitazione in via Licola Mare.

L’uomo ha poi tentato di togliersi la vita, procurandosi tagli alla gola. L’uomo è adesso ricoverato nell’ospedale di Pozzuoli, non in pericolo di vita, ed è in stato di fermo. Il movente non è ancora chiaro e sull’accaduto indagano i Carabinieri.

Continua qui

Hiv, aumentano i contagi di Valentino. Sono ventinove le partner infettate a Roma

Le ragazze malate dopo la relazione con l'uomo, che resterà in carcere per paura che ai domiciliari continui a fare altre vittime. "Ci eravamo conosciuti sul web"

Continua a salire il numero delle ragazze contagiate da Valentino T., il 31 enne che ha intrattenuto rapporti sessuali non protetti con una lunga serie di partner sebbene avesse contratto da anni il virus dell'Hiv. Il bilancio delle vittime sale a 29 ed è in minima parte attenuato dalla notizia che altre dieci giovani donne, invece, sebbene abbiano avuto un rapporto sessuale della stessa specie con Valentino, non hanno contratto il virus agente dell'Aids.

Continua qui

La crisi del “Bellavita”: i lavoratori del centro benessere sono a un bivio

Alessandria - Un bivio esistenziale per i 24 lavoratori del centro benessere Bellavita di Spinetta. Dopo la chiusura per taglio d’energia elettrica dovuto a bollette non pagate, dopo la lezione-protesta davanti ai cancelli, dopo la dissoluzione della «cordata Miraglia» e infine la richiesta di fallimento per la Wellness Age, sono giorni decisivi per il futuro di ognuno.

La situazione è a questo punto: i sindacati hanno sondato l’assessore regionale Pentenero che s’è detta possibilista su una richiesta di cassa integrazione in deroga «vista la specificità del caso». Il problema è che almeno dovrebbe essere avanzata, ma chi la firma? L’amministratore della Wellness Age, Monica Simonazzi, continua ad essere inafferrabile e incontattabile; da Coop7 in liquidazione (che comunque è la «casa madre») dicono di aspettare il curatore fallimentare, nominato chissà quando. Ma per far rientrare nel periodo di cassa (solo tre mesi) anche gennaio, l’inoltro della pratica non può andare oltre il 20/25 del mese. A quel punto, con i buoni uffici di qualche amministratore locale (il sindaco sarebbe disponibile) si potrebbe chiedere a una banca l’anticipo di mensilità che saranno erogate di certo, ma fra diversi mesi.

Continua qui

Quell’osteria strappata alla mafia che dà lavoro ai ragazzi Down

Il caso di ‘La Tela’, nuovo ristorante e centro di aggregazione di Rescaldina (Milano),
gestito da una cordata non profit per avviare progetti di inserimento professionale

C’è più sapore quando un locale nasce dall’impegno civile, sociale e culturale. È il caso di La Tela, nuovo ristorante e centro di aggregazione di Rescaldina (Milano) gestito da una cordata di soggetti non profit ed enti di formazione per restituire alla collettività un bene sequestrato alla criminalità organizzata e avviare progetti di inserimento professionale per giovani con disabilità e non. In sala e al banco, infatti, ecco due ragazze down. «Per ora è stata assunta in borsa lavoro per sei mesi solo Noemi, che ha 22 anni e fa un part-time di una ventina d’ore settimanali per venire incontro alle sue esigenze da nuotatrice - medaglia d’oro nei 50 farfalla ai Campionati 2014 Fisdr (Federazione italiana sport disabilità intellettiva relazionale), argento nei 100 e 200 metri -, ma è in procinto di essere inserita nello staff anche Denise», precisa la referente di Team Down Eunice Gordon. 

Continua qui

venerdì 8 gennaio 2016

Attacco in Egitto, uomini armati in un hotel

Il commando è arrivato dal mare, secondo le prime informazioni
 
Alcuni uomini armati hanno aperto il fuoco all’entrata di un hotel nella città egiziana di Hurghada, sulla costa del Mar Rosso. Secondo le prime informazioni, gli assalitori sono arrivati dal mare. Non si hanno, al momento, informazioni su eventuali vittime.

Hurghada è una città turistica e conta oltre 100mila abitanti.

Continua qui

Acqua, bibite e vino a metà prezzo nei supermercati. Approvata la legge. Ecco come fare

Il vuoto a rendere diventa legge: al via nei prossimi mesi la sperimentazione per imballaggi contenenti birra e acqua minerale serviti al pubblico.

C’è voluto del tempo, veramente tanto considerata l’utilità del provvedimento, ma finalmente il vuoto a rendere è diventato legge.

Fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle, la proposta era stata inserita all’interno del Collegato Ambientale alla legge di stabilità 2014. 
 
Lo scorso 22 dicembre, dopo la votazione in seconda lettura alla Camera, è stato approvato in via definitiva, il disegno di Legge n. 2093-B. Il provvedimento è appunto ciò che rimane del vecchio “Collegato” alla legge di stabilità per il 2014, recante “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali“.
Diversi i provvedimenti presenti all’interno della legge, che introduce misure in materia di tutela della natura e sviluppo sostenibile, valutazioni ambientali, energia, acquisti verdi, gestione dei rifiuti e bonifiche, difesa del suolo e risorse idriche. Tra queste spicca, appunto, quella del vuoto a rendere.
Una pratica antica, che consiste nella restituzione ai negozi degli involucri di bibite, bottiglie e altri imballaggi, in cambio di sconti o punti.

Continua qui 

 

Bruxelles teme attentato il 15 gennaio. Cinture esplosive di Parigi fabbricate nella capitale belga

Nello stesso appartamento dove Salah si rifugiò dopo attentati 

Il Belgio teme un attentato il 15 gennaio prossimo, data simbolica perché è un anno esatto dall'uccisione dei due terroristi che preparavano attentati a Verviers. Lo ha detto il procuratore federale Frederic van Leeuw in un'intervista a Le Soir, spiegando che i servizi hanno preso in esame un tale scenario. "Teniamo conto di questa data simbolica, i terroristi cercano sempre simboli", ha detto il Procuratore federale

Continua qui

Madaya, la città assediata da Assad dove si muore di fame

Oltre 40 mila civili intrappolati da mesi nella località a ovest di Damasco al freddo e senza cibo. L’Onu: un convoglio umanitario potrà raggiungere l’area


INVIATO A MANAMA (BAHREIN)
«Che colpa abbiamo? I miei bambini possono mangiare solo foglie ed erba. Stanno morendo. Portateci armi, portateci angeli. Per misericordia, aiutateci». E’ l’appello disperato che arriva da uno degli abitanti di Madaya, un villaggio siriano sulle montagne vicino al confine con il Libano, sotto assedio da un mese da parte dell’esercito di Damasco. L’uomo parla in uno dei video e delle foto postate da attivisti locali per denunciare la situazione disperata. «La gente sta morendo al rallentatore – è la testimonianza di Louay, un’assistente sociale prigioniera anche lei da un mese -. La gente mangia foglie, fiori fatti crescere nei vasi in casa. Ne ho mangiato un petalo, amarissimo, ma non abbiamo altro».

Continua qui

Violenze a Colonia, c'era un piano: Linea dura Merkel: «Ora si cambia»












IL CAPODANNO Una notte da Far West. Con il passare del tempo, quelle ore a cavallo del nuovo anno, quando un centinaio di donne è stato aggredito da un migliaio di uomini davanti alla stazione di Colonia, ma anche in Svizzera e probabilmente in Austria e in Finlandia a Helsinki, sta assumendo i contorni di un incubo. Caos, violenza, botte e perfino provocazioni. Insomma tutto sembra essere sfuggito di mano.

giovedì 7 gennaio 2016

Libia, camion-bomba contro scuola di polizia a Zlitan: 74 morti. Rivendica lo Stato Islamico

Un attentatore kamikaze è saltato con l'automezzo carico di esplosivo mentre centinaia di reclute assistevano alla consegna dei diplomi. Sarebbero oltre 100 i feriti. L'agenzia Amaq, fiancheggiatrice dello Stato Islamico, afferma che l'azione è stata messa a segno "da uno degli eroi dell'Is a Zliten"

TRIPOLI In Libia, un camion carico di tritolo è piombato in un centro di addestramento della polizia nella città costiera di Zliten, 60 chilometri a ovest di Misurata, causando un'autentica carneficina. L'esplosione è avvenuta mentre centinaia di reclute erano radunate per la cerimonia di consegna dei diplomi. L'ultimo aggiornamento arriva da al Arabiya, che citando fonti ospedaliere parla di 74 morti, oltre 100 i feriti. Lo Stato Islamico ha rivendicato l'attacco kamikaze attraverso la fiancheggiatrice agenzia Amaq, che afferma che l'attentato è stato messo a segno "da uno degli eroi dell'Is a Zliten". "Daesh ha rivendicato l'attentato", conferma il sito di al Arabiya, precisando che i cadaveri identificati sono 23.



"E' stata un'esplosione devastante" ha raccontato Muftah al-Himady, capo del consiglio di Zlitan. Testimoni hanno raccontato che i feriti sono stati portati via dall'area a bordo di ambulanze o dalle auto dei residenti. Il ministro della Salute ha proclamato lo stato d'emergenza e ha chiesto a tutti gli ospedali di aiutare nel trattamento dei feriti in arrivo.


Continua qui

Sparatoria a Parigi, attentatore con una cintura esplosiva ucciso davanti a un commissariato

Torna la paura a un anno dagli attentati di Charlie Hebdo. L’uomo avrebbe urlato “Allah è grande”. Poi è stato colpito dagli agenti del commissariato

Torna il terrore del terrorismo islamico a Parigi. Un uomo armato di coltello e apparentemente con una cintura esplosiva è stato ucciso davanti a un commissariato di polizia nel 18° arrondissement. L’aggressore avrebbe provato a entrare, urlando “Allah è grande”, secondo quanto riferisce France Press. Nel giorno dell’anniversario dell’attentato a Charlie Hebdo, torna dunque la paura. Poco prima François Hollande aveva terminato il discorso per commemorare le vittime, dicendo: «Il terrorismo non ha smesso di far pesare sul nostro Paese una minaccia spaventosa». 

Continua qui

Siria: Isis uccide l’unica reporter donna rimasta a Raqqa. “Loro mi tagliano la testa, io ho la dignità”


Ad annunciarlo sono stati gli attivisti locali citati dall’associazione giornalistica Syria Direct. La donna, 30 anni, sarebbe stata uccisa a settembre dagli uomini dell'autoproclamato Califfato

 Era rimasta l’unica reporter donna a Raqqa in grado di testimoniare sul campo – e anche con ironia – la quotidianità dei suoi concittadini, stravolta dallo Stato Islamico. Ma Ruqia Hassan, conosciuta online come Nissan Ibrahim, è stata uccisa a settembre dai miliziani di Daesh, accusata di essere una spia di altri gruppi anti-Assad in competizione con Isis. Ad annunciarlo sono stati gli attivisti locali citati dall’associazione giornalistica Syria Direct e ripresi il 5 gennaio dai media britannici stando ai quali, da ottobre, sale ad almeno 5 il numero dei giornalisti controcorrente assassinati dai seguaci del Califfo.

Continua qui

Il terrore viene dal mare

Alcuni pescatori hanno catturato a Campora San Giovanni 14 tonnetti malformati. Una vicenda che richiama quanto accaduto lo scorso anno al largo di Fiumefreddo

AMANTEA Se non è ancora allarme, poco ci manca. Ma l'ipotesi che qualcosa nei fondali del Tirreno cosentino stia accadendo sembra sempre più prendere consistenza e forma. Nelle scorse settimane e per due pescate di seguito, al largo di Campora San Giovanni, alcuni pescatori locali hanno catturato quattordici esemplari di tonnetti "alletterati" (una delle specie di tonno più diffuse nel Mediterraneo, la peculiarità sta nella colorazione azzurro-bluastra sul dorso), tutti con una malformazione alla colonna vertebrale. A destare preoccupazione, soprattutto, la circostanza della ripetitività delle catture nella stessa zona. I pescatori amatoriali, infatti, allarmati dalla strana conformazione dei primi 12 tonnetti catturati, sono ritornati nei pressi dello specchio d'acqua – nei pressi del porto della popolosa frazione di Amantea – dove avevano abboccato i pesci e lì ne hanno raccolto altri due trovandoli anch'essi con la stessa anomalia.

Continua qui

martedì 5 gennaio 2016

Affonda un barcone, in 34 annegano in Turchia. Neonato siriano vittima del freddo in una tenda

Ancora vittime sulla costa del Mar Egeo: sul litorale ritrovati anche i corpi di tre bambini. Un quarto, di soli 4 mesi, è morto congelato a nella città turca di Batman. L’Europa convoca Svezia, Danimarca e Germania dopo la chiusure delle frontiere

Ennesima tragedia dei migranti in Turchia. Continua ad aggravarsi il bilancio del naufragio avvenuto la scorsa notte al largo della costa egea a causa del maltempo. Secondo i media locali il numero totale dei corpi rinvenuti in due diverse località è salito adesso ad almeno 34. Le autorità turche hanno dichiarato di aver recuperato i corpi di tre bambini. Ancora sconosciuta la nazionalità delle vittime.

Continua qui

Ecco finalmente la neve anche sulle Alpi occidentali!


La seconda perturbazione di quest'anno, transitata lunedì sul Nord Italia, ha interessato bene anche le Alpi occidentali a partire da domenica sera, riportando finalmente la neve sulle montagne che la attendevano da tanto tempo.

Le nevicate più intense hanno interessato le Alpi francesi, le Alpi svizzere occidentali, e la Val d'Aosta, dove oltre i 1800 metri sono caduti circa 25-40 cm, con punte fino a 50 cm nel giro di 12-14 ore. La neve è caduta a quote superiori ai 1000-1200 m ma in alcune vallate più riparate anche fino a 500-600, come il caso di Aosta con 7-8 cm anche in città.

Continua qui

Meteo a 7 giorni: l'Italia resta sotto tiro delle correnti instabili oceaniche

INVERNO vero è ancora lontano. Ecco la tendenza per GENNAIO

 

 

Pensionati: in media guadagnano 1.140 euro netti al mese

Le donne ricevono redditi lordi inferiori di 6mila euro rispetto agli uomini. I laureati incassano assegni doppi. Nelle famiglie con pensionati il rischio povertà è più basso, ma pesa di più sugli anziani che vivono soli

MILANO - I 16,3 milioni di pensionati censiti nel 2014 hanno incassato in media un reddito previdenziale da 17.040 euro, 400 euro in più di quanto avvenuto nel 2013 E' quanto ha tracciato l'Istat in una indagine dedicata alle condizioni di vita dei pensionati, che integra i dati dell'Inps con quelli dell'indagine campionaria sui redditi. Ancora una volta, l'indagine dimostra che le donne, che sono il 52,9% dei pensionati, ricevono meno: mediamente importi di circa 6 mila euro inferiori a quelli maschili. Se si ragiona al netto, il reddito medio pensionistico netto (questa volta del 2013) è stimato in 13.647 euro (circa 1.140 euro mensili); "tenendo conto di tutti i trattamenti, la metà dei pensionati percepisce meno di 12.532 euro (1.045 euro mensili)", dice l'Istat.

Continua qui 
 

Pensioni, dal 2016 le donne lavoreranno 22 mesi in più 

 

Scattano gli scaglioni previsti dalla legge Fornero. La classe di età più penalizzata è quella delle donne nate nel 1953. Stangata in arrivo nel 2016 sull’età di accesso alla pensione e sull’importo dell’assegno calcolato con il metodo contributivo.

 

 

E' Apple il primo big che si piega: accordo col Fisco italiano, pagherà 318 milioni

La rivelazione di Repubblica in edicola: Cupertino era accusata di aver sottratto ingenti somme all’Agenzia delle Entrate vendendo lungo la Penisola, ma fatturando in Irlanda dove godeva di aliquote prossime allo zero.

Un assegno da 318 milioni di euro che finisce dritto nelle tasche dell'Erario. E' quello che ha dovuto staccare ieri mattina Apple Italia, come rivela questa mattina Repubblica in edicola. Unica via di scampo per il colosso americano di Cupertino fondato da Steve Jobs, per sanare una evasione fiscale per cinque annualità che sfiora - secondo l'accusa - il miliardo di euro.

Continua qui

lunedì 4 gennaio 2016

Un mese (e tremila chilometri) in bicicletta dal Cile alla Patagonia per aiutare i bambini in Africa

L’avventura di quattro sportivi alessandrini in Sudamerica: grazie all’impresa raccoglieranno fondi per sostenere i progetti umanitari dell’associazione YouAid


Alessandria 
Il viaggio in Patagonia, lungo più di un mese, per aiutare i bambini in Africa è iniziato lo scorso lunedì da Alessandria: il 28 dicembre i quattro amici-atleti sono saliti sull’aereo che li ha portati dall’altra parte del mondo con le loro bici. Otto ruote in tutto, quindi, per un percorso da 2800 chilometri, in 22 tappe, con 15 mila metri di dislivello. E un vento che può arrivare a soffiare a circa 150 chilometri orari. L’avventura è appena iniziata.

«Il vento tra le ruote» coinvolge Matteo Gatto (che ha già fatto un’ esperienza analoga in Hymalaya, l’anno scorso), Carmelo Scalzo, Renato Scarrone e Franco Perich. Ma non solo: anche l’associazione YouAid e l’Avis di Masio. «Noi siamo solo l’ultima espressione di questa comunità - dice Gatto, riferendosi a chi sta rendendo possibile l’impresa - che ama la bicicletta e fare del bene».

Continua qui

Ecco i gemellini nati in anni diversi

Fonte

Muore altra donna incinta, oggi i funerali. Ispezioni negli ospedali

Controlli in corso a Brescia, Bassano del Grappa e a San Bonifacio-Verona, dove nei giorni scorsi sono morte in sala parto Giovanna Lazzari, Marta Lazzarin e Anna Massignan'. Attesa relazione finale su caso di Torino

Saranno celebrati alle 15 al Santuario Valverde di Rezzato, nel Bresciano, i funerali di Giovanna Lazzari, la 30enne morta all'ottavo mese di gravidanza all'ospedale di Brescia insieme alla bambina che aveva in grembo. La donna, madre di due bambini di un anno e quattro anni e mezzo, aveva perso la madre quando aveva sei anni e il padre quando ne aveva dodici. Sono stati i fratelli e la sorella a crescerla. Le stesse persone che, con il marito della donna Roberto Coppini, chiedono ora "verità per quello che è successo". La Procura di Brescia indaga per omicidio colposo, inchiesta ancora a carico di ignoti.

Continua qui