martedì 31 maggio 2016

Meteo a 7 giorni: con fatica e solo dal week-end in marcia verso il SOLE

Tempo migliore sin da giovedì su meridione ed isole, ma su nord e centro ancora diverse occasioni per rovesci e temporali sparsi.

L'area depressionaria che dal centro Europa tende temporaneamente ad abbracciare anche il Mediterraneo centrale non promette niente di buono sino al fine settimana, quando la sua azione perderà gradualmente d'importanza, grazie soprattutto ad uno spostamento dell'aria instabile verso levante.

Si comincerà con un mercoledì molto instabile al nord e al centro, caratterizzato da frequenti episodi temporaleschi a carattere sparso e dal contemporaneo passaggio di un fronte africano sul meridione che potrà dar luogo a piogge temporalesche in trasferimento dal mare aperto verso la terraferma.

Per la festa della Repubblica l'instabilità si concentrerà tra nord e centro con formazione di diversi nuclei temporaleschi nel corso della giornata, più probabili sulle zone interne ed appenniniche del centro, sulla bassa Valpadana e in genere sul Triveneto.

Tempo migliore su isole e meridione, dove spesso splenderà il sole e solo occasionalmente nel pomeriggio, potrà formarsi qualche temporale isolato in Appennino, specie sul settore campano e molisano.

 Venerdì le condizioni non varieranno di molto: l'instabilità tenderà sempre più a localizzarsi sul nord-est e sul medio Adriatico, ma sarà ancora presente sul resto del centro-nord, molto meno al sud e oseremmo dire per nulla sulle isole, che si godranno delle belle giornate, anche abbastanza calde.

Sabato l'instabilità si localizzerà lungo le regioni adriatiche: dal Friuli, alla Romagna, passando per il basso Veneto, poi sul medio Adriatico e infine tra Molise e nord Puglia, più sole sulle altre regioni.

Domenica 5 giugno ancora residua instabilità sulle estreme regioni nord-orientali e forse il medio Adriatico, mentre da ovest avanzerà il promontorio anticiclonico che da lunedì 6 porterà condizioni più stabili e calde sull'insieme del Paese, a partire dalle isole.

Tale situazione dovrebbe persistere anche per diversi giorni della prossima settimana.

Continua qui 

Oggi: TEMPORALI ANCHE FORTI AL NORD, esonda il lago di Como

MeteoLive: Notizie delle ultime ore

 

TENDENZA METEO PONTE 2 GIUGNO: ultime novità sul tempo dal 2 al 5 Giugno in Italia

 

Meteo estate 2016? Nessun caldo eccezionale prolungato atteso sull'Italia...

 

 

 

 

 

 

ALLUVIONE in GERMANIA: interi villaggi sono stati spazzati via dalla furia delle acque.

Due video sconvolgenti


Concordia, la sentenza della Corte d’appello per Schettino

Comandante nave aspetta a Meta l'esito del processo di Firenze

Non il palazzo di giustizia di Firenze. Ma la sua casa a Meta di Sorrento (Napoli). Questo, adesso, il vero luogo dei sentimenti di Francesco Schettino, mentre trascorrono le ultime ore prima di sapere se con la sentenza di appello ci sarà una nuova verità sul naufragio della Costa Concordia, per lui più clemente. Questa mattina i giudici del secondo grado entreranno in camera di consiglio e decideranno sul destino dell'ex comandante della nave. Schettino deve recuperare il gap della condanna a 16 anni e un mese inflittogli in primo grado. E' da qui che si è ripartiti in appello dove però davanti all'imputato è maturata una richiesta, pesante, della procura generale a 27 anni di reclusione. Un muro difficile da oltrepassare e superiore anche alla richiesta del primo grado dove pure i pm chiesero perfino l'arresto.

Continua qui (video time lapse)

La chiamavano “La Vecchia”: era la signora della droga per tantissimi giovani

VALENZA (AL) - Era conosciuta col soprannome “La Vecchia” e riforniva a tantissimi giovani, anche minorenni, dosi di hashish, marijuana e cocaina. Dallo scorso venerdì, però, la valenzana Rita Casu è stata arrestata dalla Squadra Mobile al termine di una mirata attività d'indagine finalizzata al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti.

Le forze dell’ordine hanno accertato il continuo flusso di clienti che sistematicamente suonavano alla sua porta per rifornirsi di droga.

Continua qui

lunedì 30 maggio 2016

Studentessa trovata morta carbonizzata, l'ex confessa: 'L'ho bruciata viva'

Sara, la giovane di 22 anni, si era lasciata da due giorni con il fidanzato Vincenzo

 

L'ha seguita da casa nuovo fidanzato e costretta ad accostare, l'ha cosparsa di alcol, l'ha inseguita e dato fuoco. Poi è tornato al lavoro. Ha confessato l'omicidio di Sara Di Pietrantonio, Vincenzo Paduano, l'ex ragazzo dela studentessa di 22 anni trovata all'alba di domenica 29 maggio semi carbonizzata nei pressi della sua auto in fiamme, in via della Magliana, alla periferia di Roma.

Dopo un lungo interrogatorio il 27enne è crollato ammettendo il delitto e le sue responsabilità. Paduano era stato con Sara per due anni ed il loro rapporto si era interrotto alcuni giorni fa.
Gli investigatori hanno riferito che alcune persone sono passate in auto mentre la vittima chiedeva aiuto. "Se qualcuno si fosse fermato - spiegano - sarebbe viva".

"Un po' di tempo fa ci eravamo lasciati, ma io non sopportavo che fosse finita. Lei stava con un altro". Così, tra le lacrime, Vincenzo Paduano ha confessato l'omicidio. La storia tra Vincenzo e Sara era cominciata due anni fa ed era stata segnata da rotture e riprese. Da qualche settimana, però, Sara aveva un'altra relazione e questo ha fatto perdere la testa a Paduano.

Continua qui

La settimana comincerà instabile al nord, poi coinvolto dai temporali anche il resto d'Italia

Verso il fine settimana tendenza a miglioramento e probabile rimonta dell'anticiclone per alcuni giorni.

 

SITUAZIONE: il vortice che si è portato dalla Francia verso la Germania scenderà gradualmente di latitudine sino a coinvolgere quasi tutta la Penisola a metà settimana. Per il momento il suo abbraccio instabile si limita al settentrione, dove per oggi e domani potranno verificarsi ancora precipitazioni anche temporalesche di una certa intensità. Ancora un po' caldo all'estremo sud, ma con valori in calo rispetto ai giorni scorsi.


EVOLUZIONE: mercoledì la saccatura andrà a pescare un fronte afro-mediterraneo convogliandolo verso il centro-sud. In questo modo quasi tutta la Penisola conoscerà momenti temporaleschi, ad eccezione forse delle isole maggiori.

FESTA DELLA REPUBBLICA: giovedì 2 giugno le correnti si orienteranno gradualmente da nord-ovest e aria fresca affluirà verso il meridione. L'instabilità si concentrerà tra nord-est e regioni centrali, tempo migliore al nord-ovest e all'estremo sud.

Continua qui

PREVISIONI METEO: l'anticiclone ancora lontano dal palcoscenico atmosferico italiano

 

 

domenica 29 maggio 2016

Cambiamenti, consumo di suolo e verde pubblico

Una semplice analisi di alcuni dati recenti (2000 e 2012) permette anche per la nostra provincia di fare una stima approssimata di come è variato l'uso del suolo durante l'ultimo decennio. Serravalle Scrivia, per via dell'enorme urbanizzazione dell'Outlet, è il comune della Provincia con il maggiore consumo di suolo in percentuale



OPINIONI - Il database Corine permette di vedere come scala europea è cambiato l'uso del suolo a partire dagli anni '90. Una semplice analisi di alcuni dati recenti (2000 e 2012 ) permette anche per la nostra provincia di fare una stima approssimata di come è variato l'uso del suolo durante l'ultimo decennio.
L'uso del suolo in Provincia
Se guardiamo alla composizione dell'uso del suolo vediamo come circa la metà del territorio provinciale è occupato da terreni agricoli, circa un 45 % da aree con vegetazione spontanea o aree miste agricole e forestali. Meno del 4% del territorio è interessato da aree urbanizzate, tuttavia questo dato è sottostimato perché non si tiene conto della rete viabile delle moltissime case sparse che occupano il territorio. Ovviamente la distribuzione dell'uso del suolo mostra come le aree meno antropizzate siano la Val Borbera e il parco delle Capanne di Marcarolo. La pianura salvo, il parco fluviale del Po si presenta come uno spazio totalmente antropizzato da agricoltura ed aree urbane.

Continua qui

Trovata morta carbonizzata a Roma, si indaga per omicidio volontario

E' italiana di 22 anni, la macchina è della madre. 

Il corpo semicarbonizzato di una ragazza italiana di 22 anni, Sara Di Pietrantonio, è stato trovato nei pressi di un'auto in fiamme nella notte alla periferia Sud di Roma. I Vigili del Fuoco sono intervenuti poco prima delle 5 in via della Magliana per l'incendio di una macchina e al termine delle operazioni di spegnimento hanno trovato a circa 500 metri di distanza il cadavere.

La procura di Roma procede per omicidio volontario. Gli accertamenti sono coordinati dal procuratore aggiunto Maria Monteleone.

Il corpo della ragazza era dietro un cespuglio in un'area adibita a parcheggio.

Continua qui

Migranti: 700 morti in tre naufragi

Secondo l'Unhcr, sarebbero oltre 700 le vittime di tre naufragi nel Mediterraneo in questi ultimi giorni

Secondo l'agenzia dei rifugiati dell'Onu, l'Unhcr, sarebbero oltre 700 le vittime di tre naufragi nel Mediterraneo in questi ultimi giorni. La stima, secondo quanto riferisce l'Unhcr, è data dalle testimonianze dei sopravvissuti.

Secondo l'Unhcr mancano all'appello un centinaio di persone dopo il naufragio di una prima barca, mercoledì. A questi si aggiungono circa 500 altri profughi dispersi dopo un secondo naufragio giovedì. Sulla barca senza motore trainata da un altro barcone, c'erano circa 670 persone. Quando la barca senza motore si è capovolta 25 sono riusciti a raggiungere l'imbarcazione che li trainava, 79 sono stati salvati dai soccorritori che hanno anche recuperato 15 cadaveri. Infine, 45 altri corpi sono stati ritrovati venerdì dopo un terzo naufragio e ci sono numerosi dispersi.

Continua qui

Analisi modello europeo: instabile sino ai primi di giugno, poi altra fiammata dell'anticiclone africano

Il commento e la previsione settimanale del modello europeo.

 

COMMENTO
La circolazione ciclonica che si va instaurando nel Mediterraneo persisterà per alcuni giorni, raggiungendo un picco nella giornata di mercoledì 1° giugno, quando quasi tutto il Paese verrà coinvolto da qualche precipitazione temporalesca. Un graduale miglioramento è atteso nei giorni successivi, ma prima che il canale depressionario, pur blando, in cui sarà inserita l'Italia, trasli verso levante e lasci il posto alla rimonta decisa dell'alta pressione, si dovrà aspettare almeno domenica 5 giugno.



ANALISI
un vortice depressionario dalla Francia convoglia correnti umide, progressivamente più fresche ed instabili da sud ovest
; il mulinello va a pescare però anche nuvolaglia di tipo stratiforme proveniente dal nord Africa e questo non determina cieli sereni anche dove l'instabilità non colpisce direttamente. Un impulso temporalesco più esteso ed intenso è atteso per la giornata di mercoledì 1° giugno, accompagnato da aria fresca.

IN SINTESI
Lunedì 30 maggio e martedì 31 maggio 
tempo instabile al nord con qualche rovescio o spunto temporalesco, tempo migliore altrove e solo un po' caldo, specie nel pomeriggio e più intenso all'estremo sud.

Continua qui

Se lo avete perso... dalle signorine buonasera all'artrosi nell'Impero romano

Alcune notizie della settimana che hanno suscitato interesse, hanno fatto discutere o, semplicemente, hanno destato curiosità

 

Ecco alcune notizie della settimana che hanno suscitato interesse, hanno fatto discutere o, semplicemente, hanno destato curiosità.

Da un rapporto dell'agenzia dell'Onu per l'Ambiente (UNEP) e dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), arriva un allarme: l'inquinamento uccide ogni anno nel mondo un numero di persone che è 234 volte quello delle vittime dei conflitti. Il rapporto rivela che, nel 2012, 12,6 milioni di morti premature nel mondo (23%) sono da attribuirsi a condizioni ambientali degradate.

La Terra è ormai diventata un pianeta urbano: oltre metà della popolazione vive nelle città e la tendenza è in costante aumento. Entro il 2050 si prevede che lo faranno due persone su tre: a stimarlo Daniel Kammen, dell'università della California a Berkeley.

Novità nel mondo social network: Twitter va oltre i 140 caratteri, inglobando anche gli allegati come foto e video che quindi non impatteranno più sul limite storico del microblog. Lo annuncia la stessa società, spiegando che la novità sarà attiva "dai prossimi mesi".
 
Era l'artrosi a mettere in ginocchio gli abitanti della citta' eterna, piegando schiene e arti dei cittadini della capitale dell'Impero con un dolore che nessun paziente di oggi conosce. La malattia arrivava presto, gia' a 30 anni. Lo dice il piu' grande studio nel suo genere, realizzato su oltre 2.000 scheletri da una equipe composta da due ortopedici, tre antropologi, due radiologi e due storiche della medicina, in un volume che aiuta a completare un tassello della storia medica.

Dall'antica Roma all'Egitto. E' di origine meteoritica - di uno degli innumerevoli meteoriti caduti sul deserto egiziano, che ancor oggi è facile raccogliere - il metallo della lama di uno dei due pugnali trovati con la mummia di Tutankhamon, lo sfortunato faraone che con il suo incredibile destino continua a sorprendere gli appassionati di egittologia.

Continua qui

Fulmini su bimbi in Francia e in Germania. A Parigi ad una festa al parco. In Germania 35 feriti a partita di calcio

Festeggiavano festa compleanno al parco. Sei i feriti gravi

Cielo pesante in Europa, temporali e intere regioni in allerta, tuoni e fulmini improvvisi. Cadono sui bambini, in pieno centro di Parigi mentre festeggiano al parco il compleanno di un amichetto, in Germania mentre si affrontano in una partita di calcio. Undici i feriti sotto il platano incenerito di Parc Monceau, fra la chiesa di Saint-Augustin e gli Champs-Elysees. Tre bambini e un adulto sono particolarmente gravi.

Addirittura 35 i feriti nella partita di calcio fra bambini a Hoppstadten, in Renania-Palatinato, ma chi sta peggio è l'arbitro, colpito in pieno da un fulmine mentre ancora non pioveva. Gravi anche altri due adulti, mentre i bambini se la sono cavata con poco.

Continua qui

Marò: Salvatore Girone è a casa. "Grazie Italia, siamo un bel popolo"

Il primo abbraccio per il nonno che, forse per la commozione, si è sentito male


"L'Italia è bella, amo l'Italia , ringrazio tutti, siamo un bel popolo". Sono state queste le prime parole del marò Salvatore Girone appena rientrato a casa sua a Bari dopo i 4 anni in India. Il primo abbraccio è stato per il nonno, suo omonimo che, forse per la commozione, si è sentito male subito dopo.

Girone è arrivato in Italia dall'India a bordo di un aereo dell'aeronautica militare atterrato a Ciampino. Poi, a bordo di un altro aereo, con la famiglia e il sindaco di Bari Antonio Decaro, ha raggiunto Bari.
Un applauso ha salutato a Ciampino i suoi primi passi sul suolo italiano. Girone, sorridente, ha salutato con le mani incrociate in segno di vittoria.

Continua qui

Migranti, centinaia di dispersi in naufragio: un fermo

Uno scafista avrebbe provocato anche morte di una donna a bordo nave

Oltre 13mila disperati in salvo, 65 vittime accertate tra cui anche 3 neonati e centinaia di dispersi, uomini, donne e bambini finiti inesorabilmente in fondo al Mediterraneo. La settimana che si sta per chiudere conferma, purtroppo, quanto ormai da mesi vanno ripetendo gli esperti: sarà un'estate difficile e senza un intervento concreto dell'Europa sull'Africa non si riuscirà ad arginare il flusso immenso di migranti che dalla Libia - e nelle ultime settimane anche dall'Egitto - tentano di raggiungere le coste italiane. E si continueranno a contare i morti nel canale di Sicilia.

Continua qui

venerdì 27 maggio 2016

Verità tossiche: la storia dell'altra “Terra dei fuochi” italiana tra Piemonte e Liguria

Serravalle Scrivia è una cittadina in provincia di Alessandria, conosciuta principalmente per il suo outlet, il più grande d'Europa.
A poco meno di un chilometro da lì spicca quel che resta dell'Ecolibarna, un'azienda di smaltimento di rifiuti tossici che ha trasformato questa zona fra Tortona e Genova nella "terra dei fuochi piemontese."

Aperta nel 1983 e chiusa due anni dopo per "sospetto di inquinamento," l'Ecolibarna si occupava di smaltire i rifiuti industriali e tossici, anche se in realtà si limitava a stoccarli e abbandonarli nei pressi dello stabilimento, o in discariche abusive lungo il torrente Scrivia.
Nel 2003, con un decreto, il ministero dell'Ambiente dichiara "sito di interesse nazionale" un'area di circa 70.000 mq che comprende l'insediamento industriale e le aree a valle, fino alla sponda del Torrente Scrivia, ospitando migliaia di metri quadrati contaminati da melme acide e due discariche abusive piene di rifiuti tossici.
Come nella terra dei fuochi campana, anche qui tutto ruota intorno a un'azienda che, dietro una facciata legale, organizzava trasporti clandestini di sostanze nocive per poi scaricare tutto in fiumi o cave abbandonate.

Con una differenza importante però: mentre in Campania la situazione è rimasta sconosciuta fino alla metà degli anni Novanta, la storia dell'Ecolibarna invece è conosciuta da tutti sin dal 1986, quando il comune di Serravalle Scrivia riuscì a far chiudere l'azienda.
Eppure una vera e propria bonifica non è mai stata fatta.

Cos'è l'Ecolibarna

 

Per capire come un tranquillo paese piemontese si sia ritrovato dei rifiuti tossici in casa, occorre tornare indietro di molti decenni: tra il 1940 e il 1980 la zona dell'Ecolibarna era infatti occupata da una raffineria di oli lubrificanti, la Gastaldi Oli, anch'essa accusata di inquinamento ambientale.
"Quella fabbrica ha cambiato diversi nomi ma è sempre stata un problema," racconta Gianluigi Gandini del comitato Bonifica Ecolibarna a VICE News. La Gastaldi, dice, "si spacciava come azienda autorizzata a smaltire rifiuti tossici e nocivi delle attività industriali, senza però esserlo. Abbiamo scoperto che gettavano liquidi inquinanti nel Rio Negraro, un fiume che va a finire nello Scrivia, da dove si prende l'acqua potabile per circa 200mila persone."

Continua qui

giovedì 26 maggio 2016

Dalla parte dei lavoratori francesi

Scioperi e proteste bloccano la Francia

Blocco delle otto raffinerie petrolifere francesi. Blocco dei porti di Le Havre, Saint Nazaire, Marsiglia. Sciopero a tempo indeterminato delle ferrovie a partire dal 31 maggio, e dei trasporti pubblici a Parigi dal 2 giugno. Sciopero del traffico aereo dal 3 al 5 giugno.
Lo scontro sociale in Francia sulla legge El Khomri si radicalizza. È passato dalle giornate di mobilitazione nazionale scaglionate nel tempo a una possibile dinamica di sciopero generale.

Con l'elevarsi del livello di scontro si alza la posta in gioco.
Hollande e Valls sembrano aver tagliato i ponti alle proprie spalle, sotto la pressione incalzante della borghesia francese. La Medef (Confindustria francese) che già ha denunciato i "cedimenti" del governo ai sindacati per le modifiche apportate al testo originario della legge, ha minacciato di rompere con l'esecutivo in caso di ulteriori concessioni. Le Camere del Commercio e la Federazione delle imprese delle costruzioni hanno chiesto al governo la mano pesante per ripristinare l'ordine. Il gruppo Total ha minacciato di revocare i propri piani di investimento in Francia nel caso di un prolungamento dei blocchi e degli scioperi. La destra gollista denuncia l'incapacità del governo di ripristinare “l'autorità” e invoca l'intervento poliziesco.
Hollande e Valls hanno risposto alle pressioni impugnando la bandiera della fermezza. Prima hanno fatto ricorso al famigerato articolo 49 della Costituzione che consente di aggirare il voto parlamentare per decreto. Poi hanno inviato la polizia a sgomberare la raffineria in sciopero di Fos-sur-Mer, per demotivare la continuità della lotta. La parola d'ordine è: la legge sul lavoro non sarà ritirata. La speranza del governo è che l'esibizione della fermezza favorisca il riflusso del movimento, come era avvenuto nel 2010, sotto Sarkozy, nello scontro sulle pensioni. 

Continua qui

Un altro naufragio davanti alle coste libiche: si stimano decine di morti

Roma - Ancora un naufragio nel canale di Sicilia, a 35 miglia dalle coste libiche: un barcone con un centinaio di persone a bordo si è rovesciato. L’allarme è stato dato da un velivolo di Eunavformed, la missione Ue, che ha avvistato i migranti in difficoltà e chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivate immediatamente le motovedette della Guardia costiera. Secondo le prime stime i morti sarebbero 20; 91 le persone tratte in salvo.

Continua qui

Meteo a 7 giorni: domenica caldo spazzato via dai temporali al nord, dall'aria fresca al centro

Il caldo resisterà solo all'estremo sud sino a martedì 31 maggio.

 

All'improvviso...l'estate!
No, non è questo il titolo adatto a questo redazionale, o meglio si tratta di un titolo incompleto, dovremmo infatti aggiungere...Si, ma per poco!

Per la verità al sud le temperature potranno restare mediamente estive anche nel corso della prossima settimana, mentre sul resto d'Italia il ridimensionamento atteso tra domenica 29 e lunedì 30 maggio risulterà importante.

Oltretutto al nord, come già detto in mille salse, sono attesi temporali anche di forte intensità che andranno a colpire soprattutto tra la notte e la mattinata di domenica, accanendosi in particolare tra alto Piemonte, alta Lombardia, Canton Ticino, poi Trentino, alto Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Riflessi instabili potranno comunque manifestarsi, oltre che sul resto del settentrione, anche su parte delle regioni centrali, segnatamente su Toscana, Umbria, nord Marche.

Da notare anche la presenza di un fronte afro-mediterraneo che sempre per domenica sporcherà i cieli delle isole maggiori e del medio basso Tirreno, lasciando cadere al suolo anche qualche goccia di pioggia mista a sabbia, come sovente capito quando si instaurano questi tipi di circolazione.

Nei giorni successivi, pur con un margine di incertezza ancora un po' alto, stante la mancanza di una vera convergenza tra modelli, ci aspettiamo che l'instabilità si trasferisca gradualmente verso il centro-sud, coinvolgendo soprattutto la dorsale appenninica e manifestandosi in particolare nelle ore pomeridiane.

Continua qui 

Previsioni meteo: temperature e precipitazioni previste per i prossimi 10 giorni in Italia

MALTEMPO: quanta pioggia sulle Alpi nel prossimi sei giorni (guarda la cartina all'interno)

 

 

mercoledì 25 maggio 2016

Crolla l'industria italiana: a marzo la peggior frenata dal 2013

Pesa la prima contrazione del comparto degli autoveicoli dal dicembre 2013: il fatturato è sceso del 6,5%. Vanno meglio gli ordinativi che nonostante il dato negativo su base annua, sono stabili rispetto a febbraio

MILANO - Battuta d'arresto per l'industria italiana che a marzo registra la peggior frenata dall'estate del 2013 con una contrazione del fatturato del 3,6% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e dell'1,6% su febbraio. In discesa anche gli ordinativi (-3,3%), che però, rispetto all'anno precedente, crescono dello 0,1%. A trainare il crollo è in particolare il comparto delle auto che scende del 6,5% registrando la prima battuta d'arresto dal dicembre del 2013. Dati che preoccupano gli addetti ai lavori perché rischiano di zavorrare la già lenta ripresa economica.

Continua qui

Migranti: naufragio a largo Libia; 500 salvi, 5 vittime

Il barcone si è rovesciato per il sovraccarico e centinaia di persone sono finite in mare

Nuova tragedia nel canale di Sicilia: un barcone carico di oltre 500 migranti si è rovesciato al largo della Libia. Nella zona sono intervenute nave Bettica e nave Bergamini della Marina Militare, che hanno lanciato zattere di salvataggio e giubbotti salvagente. Al momento sono stati salvati circa 500 migranti e recuperate le salme di altre 5 persone. Le ricerche di altri eventuali dispersi sono ancora in corso.

Continua qui

Meteo a 7 giorni: dall'ondata di CALDO al centro-sud all'ondata di TEMPORALI al nord

Confermata l'ondata di caldo che si farà sentire specie al centro-sud fino alla giornata di sabato. A seguire tempo in peggioramento con forti temporali a partire dal nord...

 

L'alta pressione africana scalda i motori e si prepara a sferrare un primo veloce "attacco" alla nostra Penisola.
L'apice del caldo verrà toccato sull'Italia tra venerdì 27 e sabato 28 maggio. Interessato soprattutto il centro-sud, ma anche il nord avrà valori di tutto rispetto sulle pianure, specie nelle ore pomeridiane.
La prima mappa ci mostra il quadro delle temperature a 1500 metri (circa) previsto per le ore centrali di sabato 28 maggio.

Come si può notare, la Sardegna (specie la parte meridionale), la Sicilia e le estreme regioni meridionali verranno raggiunte da isoterme comprese tra 23 e 25° alla medesima quota, con effetti abbastanza vistosi sulle termiche al suolo (per tutti i dettagli si legga questo articolo: http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/caldo-sardegna-e-sicilia-puntano-ai-37-38-c-/53790/)
L'onda calda sarà piuttosto intensa, ma nel complesso di breve durata.
Già nella giornata di domenica 29 maggio il tempo tenderà a cambiare vistosamente sulle regioni settentrionali e parte di quelle centrali a suon di rovesci e temporali (seconda mappa).

Alle precipitazioni si assocerà anche un generale calo delle temperature specie in occasione di temporali intensi o eventuali grandinate.

Continua qui 

"BUUM" domenica temporali al nord, nubi africane sulle isole maggiori...

 

Ecco il DILUVIO atteso al nord nella giornata di domenica 29 maggio 

 


 

 

 

Capodogli arenati avevano gli stomaci pieni di plastica e parti di automobili


13 metri di rete da pesca e il coperchio di un motore sono solo alcuni dei contenuti sorprendenti trovate all’interno stomaci dei capodogli che negli ultimi tempi si sono spiaggiati sulla costa del Mare del Nord della Germania.

13 capodogli sono stati trovati arenati sulle coste del Mare del Nord, una zona che è troppo poco profonda per la fauna marina. Quello che è più inquietante è cosa è stato scoperto dentro di loro: gli scienziati sono stati profondamente disturbati da ciò che hanno trovato nello stomaco degli animali. Finora sono più di 30 i capodogli trovati spiaggiati dall’inizio dell’anno nel Regno Unito, Paesi Bassi, Francia, Danimarca e Germania.

Secondo un comunicato stampa dal Wadden Sea National Park in Schleswig-Holstein, molte delle balene avevano lo stomaco pieno di detriti di plastica, tra cui una rete da pesca di 13 metri di lunghezza, un pezzo di plastica di 70 centimetri da un auto e altri rifiuti di plastica.

Continua qui

Morire d'amianto: la 'strage' silenziosa di un paesino della provincia pavese

Broni è un comune di circa 9500 abitanti in provincia di Pavia, noto per essere la città con il numero maggiore di morti da tumore per metro quadro. Dal 1994 ad oggi, infatti, qui sono morte circa 700 persone.

Conosciuto per la produzione vinicola e per avere dato i natali a Tiziano Sclavi, il creatore di Dylan Dog, Broni è anche la città della Fibronit, lo stabilimento di materiali per l'edilizia in amianto che ha fatto della località pavese - secondo uno studio di Pietro Comba, direttore del reparto di epidemologia ambientale del ministero della Salute - il posto con il più alto tasso di incidenza di mesotelioma in Italia (pari a 82 casi ogni 100mila abitanti), di poco superiore anche a quello di Casale Monferrato, sede dell'Eternit.

Continua qui

Firenze, voragine di 200 metri sul Lungarno in centro: auto sprofondate

A provocare il cedimento probabilmente la rottura di un grosso tubo dell'acqua

Una voragine di circa duecento metri per sette di larghezza si è aperta sul Lungarno Torrigiani, tra Ponte Vecchio e Ponte alle Grazie, in pieno centro di Firenze. Il cedimento è avvenuto attorno alle 6.30 ed ha coinvolto una ventina di auto che erano in sosta. Ai vigili del fuoco che sono intervenuti non risultano al momento persone coinvolte. A provocare il cedimento, secondo quanto spiegato dai vigili del fuoco, la rottura di un grosso tubo dell'acqua. La rottura, oltre a provocare il crollo, ha causato l'allagamento della voragine sommergendo in parte le vetture cadute all'interno.

Continua qui

lunedì 23 maggio 2016

PREVISIONI METEO; l'anticiclone tra giovedì 26 e sabato 28, poi...

Confermato l'arrivo di una parentesi anticiclonica africana nel periodo compreso tra giovedì 26 e sabato 28 maggio: molta incertezza sull'evoluzione successiva, anche se l'ultima parola potrebbe ancora una volta essere riservata all'instabilità. Vediamo nel dettaglio.

 

Trova ormai conferma anche dagli aggiornamenti di questa sera, l'intervento di una vistosa area anticiclonica in sede centrale mediterranea a partire dalla seconda metà della settimana; quest'ultima imporrà la propria voce a seguito del transito dell'ennesima perturbazione dalle origini settentrionali oceaniche che ha attraversato il nostro Paese proprio in questi ultimi giorni. Trattasi a tutti gli effetti della prima parentesi anticiclonica apportatrice di un profilo termico realmente vicino a quelli che sono gli standard delle temperature estive dell'estate mediterranea. Previsti anzi picchi considerevoli di caldo soprattutto sul Mezzogiorno e con particolare riferimento alle zone interne di Sicilia e Sardegna.

 L'apice della calura sabato 28 maggio, cui seguirà probabilmente un nuovo deterioramento delle condizioni atmosferiche a partire dai settori più occidentali della nostra penisola. Una vasta saccatura strutturata sui settori occidentali d'Europa, determinerà infatti un nuovo incremento della nuvolosità in conseguenza prima del transito di un fronte caldo che determinerebbe addensamenti nuvolosi stratificati senza precipitazioni di rilievo (domenica 29), poi un cambiamento più deciso in chiave temporalesca ed instabile che privilegerebbe soprattutto le regioni centro-settentrionali tra lunedì 30 e martedì 31 maggio.

Continua qui

Grandinata su Genova, strade imbiancate e disagi

Genova - Un’improvvisa ondata di maltempo si è abbattuta sulla città, con una grandinata come non se ne vedevano da anni.

Intorno alle 12 la grandine ha cominciato a cadere tra Pegli e Sestri, per poi spostarsi nel centro cittadino.

Strade imbiancate di ghiaccio, e traffico in tilt, con molti automobilisti costretti a fermarsi per l’impossibilità di procedere, a causa della visibilità molto scarsa.
Dalle 12:30 alle 13:30 il cielo si è fatto scuro e le nubi hanno scaricato pioggia e fulmini. Le strade in altura si sono trasformate in corsi d’acqua. Quelle in città, complice la grandine, hanno dato il colpo d’occhio di una nevicata.

Numerosi i black out elettrici con ascensori bloccati fra cui quello panoramico di Eataly, al Porto Antico dove per liberare le persone bloccate sono dovuti intervenire i vigili del fuoco con l’autoscala (fotogallery ). La perturbazione ha interessato prima il ponente cittadino, poi è arrivato sul centro città. Numerosi allagamenti di scantinati e sottopassi.


Continua qui (video)

MALTEMPO: GENOVA imbiancata...dalla GRANDINE

GRANDINE...da allarme rosso!

FULMINAZIONI pazzesche sul nord Italia!

Ottenevano l’assegno sociale e poi si trasferivano all’estero: 517 denunciati per la maxi truffa all’Inps

Avrebbero riscosso indebitamente 16,5 milioni di euro. Ora si procederà al recupero. I picchi di irregolarità in Sicilia, Campania, Calabria, Lazio e Puglia

Truffa da 16,5 milioni di euro ai danni dell’Inps. Secondo quanto scoperto dal Nucleo speciale spesa pubblica e repressioni frodi comunitarie della Guardia di Finanza centinaia di persone, dopo aver ottenuto l’assegno sociale dall’Inps, si erano trasferiti all’estero ma continuavano a riscuotere l’assegno attraverso l’accredito sul conto corrente oppure tornando saltuariamente in Italia.

L’operazione, denominata “Italians Out”, ha visto la denuncia di 517 persone e ha riguardato 19 regioni e 81 province. Quelle dove sono stati riscontrati picchi di irregolarità sono la Sicilia (3,7 milioni incassati e 123 denunciati), la Campania (3,4 milioni e 98 denunciati), la Calabria (2,3 milioni e 75 denunciati), il Lazio (1,6 milioni e 48 denunciati), la Puglia (904mila euro e 29 denunciati).

Continua qui

sabato 21 maggio 2016

EgyptAir: La foto postata su Fb dalla hostess che temeva di morire nel mare

Curiosità per immagine che la ritrae con coda aereo in mare

Una circostanza realmente singolare ha voluto che una hostess dell'aereo Egyptair precipitato la notte scorsa nel Mediterraneo, Samar Ezz Eldin, avesse avuto una sorta di preveggenza: sulla sua pagina Facebook aveva postato qualche tempo fa una fotografia che la ritraeva in divisa e sullo sfondo il mare dal quale spunta la coda di un aereo.
    Cabalisti e studiosi del paranormale potrebbero sfidarsi per capire le ragioni di quella foto, come se l'hostess avesse immaginato in anticipo il suo futuro. Una sua familiare, Mervat Mohamed, ha detto al quotidiano Al Watan che Samar aveva 26 anni e lavorava da due anni nella linea aerea.

Continua qui

giovedì 19 maggio 2016

Morto Marco Pannella, leader radicale e della lotta per i diritti

Era ricoverato, lottava da tempo contro due tumori

Addio a Marco Pannella. Il leader radicale, protagonista delle battaglia per i diritti civili nella storia italiana era ricoverato in una clinica.

Pannella da anni lottava contro due tumori. Negli ultimi giorni le sue funzioni vitali erano peggiorate.

Fonte: Ansa 

Marco Pannella, una vita per la difesa dei diritti civili

 

 

Yara: Pm chiede ergastolo per Bossetti

Chiesti anche 6 mesi di isolamento. Secondo il pm di Bergamo, Letizia Ruggeri, su Yara Gambirasio "si è voluto infliggere particolare dolore e ci si è riusciti"

Il pm di Bergamo, Letizia Ruggeri, ha chiesto oggi pomeriggio la condanna all'ergastolo con isolamento per Massimo Bossetti, accusato dell'omicidio della tredicenne di Brembate di Sopra, Yara Gambirasio.  Oltre all'ergastolo chiesto anche 6 mesi di isolamento. Le accuse nei confronti del muratore sono di omicidio volontario pluriaggravato e calunnia ai danni di un collega di lavoro.

Secondo il pm di Bergamo, Letizia Ruggeri, su Yara Gambirasio "si è voluto infliggere particolare dolore e ci si è riusciti". Il pubblico ministero lo ha detto per motivare l'aggravante, nei confronti di Massimo Bossetti, delle sevizie e della crudeltà. Per il pm "non vi è dubbio che l' omicidio sia volontario". "Abbandonandola in quel campo - ha aggiunto - si è causata volontariamente la morte" della ragazzina.

Continua qui

Scompare aereo in volo da Parigi a Cairo. "Probabilmente caduto in mare"

Airbus della Egyptair era appena entrato nello spazio aereo egiziano

Un aereo della Egyptair in volo da Parigi al Cairo è scomparso dai radar. Probabilmente è caduto in mare: lo ha detto a SkyNews Arabia un portavoce dell'Aviazione civile egiziana, Ihab Raslan.

A bordo c'erano 56 passeggeri - tra cui un bambino e due neonati -, tre addetti alla sicurezza e sette membri dell'equipaggio. Non ci sono cittadini italiani coinvolti. La maggioranza dei passeggeri sono egiziani (30), oltre a 15 francesi, un britannico, un belga, due iracheni, un kuwaitiano, un saudita, un sudanese, un portoghese, un algerino, un canadese e un cittadino del Ciad.

Continua qui 

Aereo EgyptAir scomparso: precipitato in mare, non escluso terrorismo. "Brusche virate prima di sparire"

 

 

mercoledì 18 maggio 2016

Meteo a 7 giorni: ancora molti temporali in agguato anche se le fasi soleggiate non mancheranno

Primo passaggio instabile tra giovedì 19 e venerdì 20, seguito da un fine settimana discreto. Nuovi peggioramenti in vista anche per la prossima settimana. Ecco il punto della situazione...

 

Siamo in attesa di un passaggio temporalesco abbastanza incisivo che interesserà prima il nord, poi il centro-sud. Tutto si "consumerà" entro la mattinata di sabato, con gli ultimi temporali al meridione in via di attenuazione.
Per tutti i dettagli potete leggere questo articolo: http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/maltempo-ecco-le-tappe-dell-ondata-temporalesca-in-italia/53718/

Occupiamoci ora di ciò che potrebbe succedere dopo; sembra ormai assodato che il penultimo fine settimana di maggio trascorrerà con un tempo abbastanza buono in Italia.

Continua qui


Primi caldi estivi già nell'ultima decade di maggio: realtà o fantasia?

LUNGO TERMINE: la media degli scenari del modello americano conferma anche oggi l'arrivo del bel tempo tra fine maggio e i primi giorni di giugno.

 

 

 

Il cioccolato più forte della crisi

Novi Ligure (AL) - «Il segreto del successo sta tutto nei prodotti». Il cavalier Flavio Repetto, presidente del gruppo Elah-Dufour non si stanca di ripeterlo. E l’analisi può benissimo essere estesa all’intero dolciario Novese che regge sul mercato nonostante i venti di crisi. «I nostri prodotti sono tutti realizzati con materie prime di grande qualità. Nostre le migliori piantagioni di cacao in Ecuador, senza dimenticare le nocciole del Piemonte». 

Proprio recentemente è stato siglato il primo accordo di filiera tra il gruppo dolciario novese e la Coldiretti di Alessandria – Asti. L’intesa ha convogliato l’intera produzione di nocciole (200 imprenditori) alla Novi coprendo, così, il 50% del fabbisogno della fabbrica. «Il nostro obiettivo- sottolinea Repetto- è arrivare alla tracciabilità della nocciola. Abbiamo raggiunto questo importante accordo grazie ai sindaci del territorio e, presto, arriveremo anche nelle Langhe». 

Continua qui 

Legambiente, 7 milioni italiani a rischio frane e alluvioni

"Urbanizzazione in zone pericolose anche negli ultimi 10 anni"

Sono 7 milioni gli italiani che convivono quotidianamente con il pericolo di frane e alluvioni, perché residenti in aree a rischio. In oltre 400 Comuni ci sono interi quartieri costruiti in zone a rischio e in 1.047 (il 77%) ci sono abitazioni in aree 'ostili', vicino ad alvei e in siti a esposti a potenziali frane. Questa la fotografia scattata da Legambiente nel rapporto 'Ecosistema rischio 2016', il monitoraggio sulle attività nelle amministrazioni comunali per la mitigazione del rischio idrogeologico, presentato martedì nella sede dell'Anci.


    L'indagine di Legambiente è stata realizzata sulla base delle risposte a un questionario inviato ai Comuni con aree a rischio idrogeologico. Sono 1.444 quelli che hanno risposto. Dalla ricerca risulta che nel 31% dei Comuni censiti ci sono interi quartieri nelle zone a rischio e che nel 51% dei Comuni sorgono impianti industriali in aree pericolose. Nel 18% dei Comuni sono presenti strutture sensibili come scuole o ospedali nelle aree golenali o a rischio frana, e nel 25% ci sono strutture commerciali in queste zone.

Continua qui 

 

martedì 17 maggio 2016

17 Maggio, torna la neve in Appennino Centrale: spettacolari immagini dall’Abruzzo

Dopo un’inverno arido e caldo nel corso della Primavera 2016 l’Appennino ha parzialmente recuperato il deficit di neve. Tuttavia ora che siamo giunti al 17 Maggio, le nevicate continuano ad interessare sporadicamente i rilievi dell’Appennino Centrale.


Infatti proprio in queste ore modeste nevicate stanno interessando tutti i rilievi di Abruzzo e Molise. La quota neve attulamente si attesta attorno i 1.700/1.800 metri di quota dove si registra già un modesto strato bianco.

Continua qui 

ULTIMISSIME dal modello americano: confermata la RAFFICA di TEMPORALI tra giovedì e venerdì...


Meteo a 7 giorni: a tratti altri VIOLENTI TEMPORALI sino a martedì 24

 

 

 

Assalto a un portavalori sull’A14, banditi in fuga. Caos in autostrada: auto in fiamme e spari

Tra i caselli di Valle del Rubicone e Cesena Sud. Chiuso il traffico in entrambe le direzioni

Cesena 
 
Erano almeno in sei gli uomini armati che poco dopo le 18 hanno assaltato un furgone portavalori lungo l’A14, depredandolo di parte del contenuto e riuscendo poi a fuggire facendo perdere le proprie tracce, almeno per il momento. La rapina è stata portata a termine secondo un copione spettacolare già sperimentato in altre occasioni: i banditi hanno affiancato il mezzo sparando e obbligandolo a fermarsi lungo la carreggiata nord, nel tratto fra i caselli di Valle del Rubicone e Cesena Sud

Continua qui

Petrolio: ai massimi da 6 mesi a 48,8 dollari

Brent a 49,30 dollari

Salgono al massimo da sei mesi le quotazioni del petrolio sul mercato after hour di New York: i contratti sul greggio Wti con scadenza a giugno guadagnano 58 centesimi a 48,8 dollari al barile.Il Brent guadagna 33 centesimi a 49,30 dollari.

Continua qui

domenica 15 maggio 2016

Modica: muore a sette anni e lascia i suoi risparmi all'ospedale

Il piccolo Giovanni ha espresso ai suoi genitori questo suo ultimo desiderio



MODICA (RAGUSA) - La sua odissea sanitaria tra ricoveri, interventi e ospedali si è chiusa dopo 4 lunghi anni, ma il piccolo Giovanni Ignaccolo, di sette anni, prima di morire ha espresso ai suoi genitori un ultimo desiderio: "Comprate con i miei risparmi un'attrezzatura per questo reparto. Servirà per gli altri bambini".

La storia di Giovanni, vittima di un incidente quattro anni fa, quando è caduto nel vuoto dal vano scala di un edificio dall'altezza di circa 6 metri, riportando gravi ferite alla testa , ha emozionato il personale medico e paramedico dell'Ospedale 'Maggiore' di Modica dove è stato ricoverato per tanti anni. 

Continua qui

sabato 14 maggio 2016

Grandine su Torino, la città imbiancata


Uno stuolo di chicchi bianchi sul selciato, parvenze di inverno, temperatura a picco. È durata una manciata di minuti la grandinata improvvisa che ha trasformato zona Vanchiglia, Borgo Po e molte vie del centro, sabato pomeriggio. Nessun danno di grave entità segnalato, qualche ammaccatura per le auto in sosta e molti fiori sui terrazzi sciupati.

Continua qui

Macchinista eroico: salva i passeggeri del treno da schianto con un camion

Il conducente di un treno in Polonia si è trasformato in un eroe. Accortosi che il mezzo stava per scontrarsi con un camion che si trovava sui binari, l’uomo è corso fra i vagoni avvisando i passeggeri a invitandoli a sdraiarsi sul pavimento per evitare le gravi conseguenze dell’impatto. “I passeggeri – ha raccontato – hanno reagito in maniera perfetta e per questo abbiamo evitato che ci fossero feriti”.

Il video

La meraviglia di correre sul ponte Meier: quasi 7 mila gli iscritti alla StrAlessandria

ALESSANDRIA - Circa 7 mila alessandrini non hanno resistito al fascino senza tempo della StrAlessandria. Passare per la prima volta sul Ponte Meier, poi, è stato uno stimolo ulteriore che ha spinto ad accorrere in massa alla Cittadella. Finite le 6500 magliette di questa edizione, nelle ultime ore prima del via, gli organizzatori hanno distribuito, ed esaurito, anche le magliette di un anno fa. Il ponte si è riempito di persone e la serata è diventata subito una festa colorata, piena di sorrisi e di meraviglia.

Continua qui

Thyssen: Cassazione conferma condanne per i sei imputati. Mamme vittime: "Finalmente giustizia"

Il pg aveva chiesto l'annullamento delle condanne

La Cassazione ha confermato le condanne dell'appello bis nei confronti dei sei imputati per il rogo alla Thyssen nel quale, nel dicembre 2007, morirono 7 operai. La pena più alta è di 9 anni e 8 mesi inflitta all'ad Harald Espenhahn, quella più bassa, di 6 anni e 3 mesi per i manager Marco Pucci e Gerald Priegnitz. Condannati inoltre gli altri dirigenti Daniele Moroni a 7 anni e 6 mesi, Raffaele Salerno a 7 anni e 2 mesi e Cosimo Cafueri a 6 anni e 8 mesi. E' stato così confermato il verdetto della Corte d'Assise d'Appello di Torino del 29 maggio 2015.

Continua qui

venerdì 13 maggio 2016

Emma, la nonnina di Verbania è la donna più anziana del mondo

Verbania - La persona più anziana del mondo, una donna afroamericana di New York, è morta negli Stati uniti a 116 anni, passando il testimone del primato di longevità all’italiana Emma Morano, piemontese, anche lei di 116, decana d’Italia e d’Europa. Susannah Mushatt Jones, nata a Montgomery Alabama nel 1899, si è spenta in una casa di riposo di Brooklyn. Era entrata nel Guinness dei primati lo scorso anno alla morte della giapponese Misao Okawa, di 117 anni.

Emma Morano, la nuova nonna dei record, ha compiuto 116 anni lo scorso 29 novembre a Verbania. Così raccontava quel giorno il collega Ivan Fossati sulla Stampa: Se troppe uova alzano il colesterolo e non fare sport accorcia la vita, Emma insegna il contrario. Di uova, crude, ne mangia tre al giorno. E le scale non le fa da un quarto di secolo. Ma Emma è felice. Strafelice.

Continua qui

Bimba sorda dalla nascita torna a sentire dopo il pellegrinaggio a Lourdes

Roma - Una bambina di 6 anni, affetta da sordità dalla nascita (il giorno di Natale del 2009) e ricoverata per tre mesi all’ospedale Gaslini di Genova, ha inspiegabilmente riacquistato l’udito due giorni fa, l’11 maggio; la piccola era insieme con la famiglia a Lourdes per un pellegrinaggio organizzato dalla Sezione Lombarda dell’Unitalsi, che aveva portato al santuario 225 persone partite dalle parrocchie della sottosezione Milano Sud-Ovest.

La bambina era andata a Lourdes accompagnata da mamma, fratellino e nonna (il padre era rimasto a casa per impegni di lavoro): la famiglia vive a Sestri Levante, e si era aggregata al pellegrinaggio lombardo all’ultimo momento.

Continua qui

Parma, Pizzarotti sospeso dal M5s. Grillo: "Per giudizio politico non si attendono sentenze"

Il primo cittadino indagato per abuso d'ufficio. Il leader del movimento: "Trasparenza è primo dovere. Solo ieri la notizia, ma il sindaco sapeva da mesi". La replica: "A mail anonima non fornisco documenti. Inoltre, voi non rispondete alle lettere". E aggiunge: "Non mi dimetto"

"Pizzarotti sospeso dal Movimento 5 stelle: la trasparenza è il primo dovere". Lo scrive su Twitter Beppe Grillo, che rimanda a un post sul suo blog. La 'colpa' del sindaco di Parma è quella di aver nascosto per tre mesi la notizia dell'avviso di garanzia per le nomine del teatro Regio. Avviso che Pizzarotti avrebbe ricevuto a febbraio e di cui avrebbe informato il Movimento soltanto ieri. "La trasparenza è il primo dovere degli amministratori e dei portavoce del Movimento 5 stelle", sottolinea Grillo. Dura la replica di Pizzarotti: "Ad una mail anonima non fornisco nessun documento", scrive. "Inoltre, voi da mesi non rispondete alle mail su cui chiediamo chiarimenti" sul Consiglio comunale della città. Poi fa sapere: "Non mi dimetto". E più tardi, in conferenza stampa aggiunge: "Parma va avanti, non c'è nessuna crisi, giunta e consiglieri siamo tutti allineati".

Continua qui

RespiriAmo Genova: "Dati allarmanti sull'inquinamento in città"

Le soluzioni degli esperti: "Delocalizzare le industrie inquinanti, cura del ferro nella mobilità"
 
Genova - "Dati allarmanti quelli emersi durante il convegno organizzato dal comitato RespiriAmo Genova sul rapporto tra mobilità e inquinamento in città e la tanto discussa ordinanza "anti-vespe", che aveva puntato il dito contro i mezzi Euro Zero. Numeri alla mano, questi mezzi tanto demonizzati in realtà "incidono sull'inquinamento cittadino per una percentuale inferiore all'1%: vietarne la circolazione, insomma, sarebbe come mettere un cerotto su una ferita da granata": ecco perchè mentre l'ordinanza anti smog chiamava a processo le Vespe, il comitato RespiriAmo ha scelto di riunire intorno ad un tavolo associazioni, tecnici, esperti di settore ed istituzioni per portare alla luce verità che in tanti non conoscevano e che alcuni, forse, hanno volutamente scelto di ignorare fino ad oggi".

Smog - "L'inquinamento a Genova è da attribuire principalmente a due fattori e quello preponderante riguarda l'attività portuale, sia per le emissioni delle navi in rada, sia per quelle causate dalle riparazioni navali". "Il porto in questo senso la fa da padrone, con le sue navi che tengono i motori accesi in banchina per poter funzionare e con attività industriali (le saldature in particolare) vietate nei centri urbani - hanno rivelato il chimico ambientale Federico Valerio e l'ingegnere ambientale Giangiorgio Parodi, entrambi con eccezionali curricola sia in Italia che all'estero - Un dato nascosto, ma i numeri parlano chiaro: sono 3.166 le tonnellate di ossidi di azoto all'anno prodotti in porto, 877 le emissioni riconducibili agli autobus, 634 agli autoveicoli, 427 al riscaldamento domestico, 95 alla centrale a carbone dell'Enel e 41 ai motocicli, in base ai dati registrati dall'Arpal nel 2011".

Continua qui

Il tempo resterà INSTABILE ancora per molti giorni, in seguito l'alta pressione vacilla...

Circolazione depressionaria ancora attiva sino a domenica, lunedi e martedì variabile su nord-est e centro-sud, mercoledì bella giornata quasi ovunque, ma la sera peggiora al nord e giovedì temporali in movimento da nord a sud. Venerdì instabile al centro-sud, sabato 21 e domenica 22 maggio forse bel tempo con rialzo termico.

 

INSTABILITA' MARCATA: oggi tra nord e centro si rinnoveranno condizioni di marcata instabilità per la persistenza di un vortice depressionario che favorirà rovesci e locali temporali, mentre al sud si avranno maggiori schiarite con basso rischio di pioggia.

EVOLUZIONE: nel fine settimana le condizioni andranno ulteriormente peggiorando per l'arrivo da ovest di un impulso instabile che confluirà nell'area depressionaria, andando ad esaltare l'instabilità presente sulla Penisola e rinnovando il rischio di temporali tra nord e centro, estendendolo anche alla Campania e domenica a gran parte del meridione. Domenica il tempo migliore lo vivranno le isole maggiori.


PROSSIMA SETTIMANA: le correnti si disporranno da nord e avremo un temporaneo miglioramento sul nord-ovest, la Toscana e la Sardegna, mentre continuerà ad essere presente una certa instabilità su nord-est, regioni centrali e meridione. Mercoledì vivremo la giornata migliore della settimana, ma da nord si avvicinerà alle Alpi un nuovo impulso instabile.

PEGGIORAMENTO: tra giovedì e venerdì nuova passata di temporali su tutto il Paese con fenomeni localmente intensi e accompagnati da un calo delle temperature.



MIGLIORAMENTO: nel fine settimana 21-22 maggio tempo in miglioramento grazie all'espansione di un cuneo di alta pressione che però, rispetto alle emissioni dei giorni precedenti, appare sempre più blando e vulnerabile a nuovi attacchi delle correnti perturbate atlantiche, una situazione che andrà dunque approfondita nella giornata odierna su MeteoLive.

OGGI: nuvolosità irregolare tra nord e centrali tirreniche con rovesci sparsi alternati a schiarite, nel pomeriggio anche brevi temporali, localmente accompagnati da cadute di grandine, più sporadici i fenomeni sul medio Adriatico e sulla Sardegna. Al sud maggiori schiarite e fenomeni quasi assenti. Temperature ancora fresche per la stagione.

Continua qui

Analisi modello europeo: maggio proseguirà tra rovesci e pause soleggiate...

L'ultimo passaggio perturbato di giovedì 19 prima della parentesi SOLEGGIATA e stabile?

Cagliari, coniugi uccisi. Bloccato il figlio in fuga

Igor Diana, il 28enne di origine russa figlio adottivo della coppia uccisa in casa a Settimo San Pietro

E' finita la fuga di Igor Diana, il 28enne di origine russa figlio adottivo della coppia uccisa in casa a Settimo San Pietro (Cagliari). In un'operazione congiunta di Polizia e Carabinieri, è stato rintracciato in auto sulla provinciale 293 nei pressi di Nuxis, paese del Sulcis. C'è stato un conflitto a fuoco tra le forze dell'ordine ed il 28enne in fuga. Il giovane, che era armato, avrebbe sparato alla vista di Polizia e Carabinieri, che hanno reagito a loro volta col fuoco, ferendolo.

Continua qui

Respinta fiducia, approvato jobs act

Violenti scontri a Parigi tra dimostranti e forze dell'ordine

L'Assemblea nazionale francese ha respinto oggi la mozione di sfiducia presentata dall'opposizione contro il governo di Manuel Valls. La controversa legge di riforma del codice del lavoro è stata adottata dai deputati e passa ora al Senato.

Scene di guerriglia a Parigi, dove i primi incidenti nella manifestazione contro la riforma del lavoro si sono tramutati ormai in una battaglia tra forze dell'ordine e dimostranti. Un ragazzo è stato ferito alla testa, secondo quanto si apprende. Tre i fermati, sassi e oggetti di ogni tipo contro la polizia, lacrimogeni da parte degli agenti.

Continua qui

giovedì 12 maggio 2016

Smog: aumentano i “veleni” nell’aria delle città più povere

Secondo un recente studio aumentano i veleni nell'aria delle città più povere

L’aria di città è sempre più inquinata. Oltre l’80% delle persone che vivono in aree urbane è esposto a livelli di ‘veleni’ che superano i limiti fissati dall’Organizzazione mondiale della sanità. E se tutte le aree del pianeta sono colpite, le popolazioni delle città a basso reddito lo sono di più. Secondo l’ultimo database sulla qualità dell’aria urbana, il 98% delle città dei Paesi a basso e medio reddito con più di 100.000 abitanti non soddisfa le linee guida sulla qualità dell’aria dell’Oms. Percentuale che, nei Paesi ricchi, scende al 56%. Negli ultimi due anni l’ampiezza della banca dati – che ora copre 3.000 città in 103 Paesi – è quasi raddoppiata, rilevano oggi dall’Oms. Evidenziando che il declino della qualità dell’aria urbana è collegato con un aumento del rischio di ictus, malattie cardiache, cancro ai polmoni, malattie croniche e respiratorie acute per gli abitanti.

Continua qui

Unioni civili, arriva la luce verde dell’Inps: “Reversibilità delle pensioni sostenibile”

Boeri: «Impatto sui conti, ma è nell’ordine di qualche centinaio di milioni di euro». Marzano lascia il Pd. I parlamentari di centrodestra: siamo pronti al referendum

L’Inps dà via libera alla reversibilità delle pensioni per le coppie gay. «C’è un impatto sui conti, ed è inevitabile che ci sia, ma è nell’ordine di qualche centinaio di milioni di euro ed è quindi sostenibile», spiega il presidente Tito Boeri rispondendo ad una domanda sull’impatto delle nuove norme della legge approvata ieri (CHE COSA PREVEDE).

ANALISI - Quando si inizieranno a celebrare le unioni gay (di Ugo Magri)

MODELLO GERMANIA
Boeri precisa che «c’è sicuramente un aggravio dei costi per il sistema, ma non dell’entità che è stata paventata». «Abbiamo fornito - aggiunge il presidente dell’Inps - alcuni elementi di valutazione alla commissione parlamentare ed i costi non si sono rivelati così elevati. Sono sostenibili. Ci siamo infatti allineati - ha concluso - all’esperienza tedesca, perché la legislazione tedesca era simile a quella italiana».

Continua qui

In Italia 293 spiagge al top, Liguria regina Bandiere Blu

Roma - Crescono ogni anno le località balneari d’eccellenza lungo la Penisola. Quest’anno 152 Comuni rivieraschi (cinque in più del 2015) per 293 spiagge complessive (280 l’anno scorso) e 66 approdi turistici potranno fregiarsi della Bandiera Blu 2016, il riconoscimento internazionale assegnato dalla Foundation for Environmental Education (Fee), che premia la qualità delle acque di balneazione ma anche il turismo sostenibile, l’attenta gestione dei rifiuti e la valorizzazione delle aree naturalistiche.

«L’iniziativa, giunta alla XXX edizione, vede ancora sul podio la Liguria con 25 località premiate e due nuovi ingressi (Ceriale e Levanto), davanti a Toscana (19 e un nuovo ingresso, Massa) e Marche (17). La Campania conferma 14 bandiere con un nuovo ingresso (San Mauro Cilento) e un’uscita; stessa sorte per la Puglia, con 11 bandiere, un nuovo ingresso (Carovigno) e un’uscita.


L’Abruzzo, con tre uscite e una new entry (Silvi) scende a quota 6 bandiere, L’Emilia Romagna ne perde due e scende a 7. Il Veneto e il Lazio confermano le stesse 8 bandiere dell’anno scorso; la Sardegna è presente con 11 località avendone acquistate tre (Badesi, Sassari e Teulada), e la Sicilia raggiunge le 6 bandiere con una nuova entrata (Marina di Ragusa).   

Continua qui 

 

Bagdad, autobomba nel mercato degli sciiti: almeno 64 morti

Un kamikaze a bordo di un suv imbottito di esplosivo si è fatto saltare nel grande quartiere di Sadr City nel nord della capitale irachena. L'attacco rivendicato dall'Is come una grande "operazione di martirio". Altri 22 morti per due autobomba esplose in successione nel quartiere sciita di Kazimiyah e in quello misto sunnita-sciita di Jamea

BAGDAD - Almeno 64 morti e decine di feriti stamani a Bagdad per un'autobomba fatta esplodere nei pressi di un mercato affollato, l'attentato più grave dall'inizio dell'anno nella capitale irachena. La deflagrazione è avvenuta nel grande quartiere Sadr City a maggioranza sciita, zona più volte presa da mira da attentati terroristici. La polizia irachena ha affermato che altre due autobomba sono saltate successivamente nel quartiere sciita di Kazimiyah e in quello misto sunnita-sciita di Jamea a Bagdad, causando secondo i media nel primo caso 15 morti e 33 feriti, nel secondo 7 morti e 20 feriti.

Continua qui

mercoledì 11 maggio 2016

Iraq, Isis sepellisce vivi 45 suoi uomini: fuggiti dalla battaglia

Fonti a media locali: sepolti in una unica fossa comune a Ninive

Roma, 10 mag. (askanews) - Lo Stato Islamico (Isis) "ha sepolto vivi" 45 suoi combattenti per essere fuggiti durante una recente battaglia nei pressi del villaggio di Al Bashir a sud di Kirkuk, città irachena a nord della capitale Baghdad. Lo riferisce oggi la tv satellitare locale al Sumeriya che cita una fonte definita attendibile. 

Continua qui

L’economista italiano scambiato per terrorista islamico

Il 40enne Guido Menzio scriveva equazioni prima del decollo: la vicina di posto ha segnalato quei testi incomprensibili provocando il blocco delle operazioni. Segno di una società di controllori che viaggia verso la stupidità

Divertente, sì, ma anche un simbolo della xenofobia e dell’avversione verso gli intellettuali tipica dei nostri tempi” racconta a Repubblica Guido Menzio, giovane professore di economia che giovedì scorso ha di fatto provocato un ritardo del volo American Airlines in cui si trovava all’aeroporto di Philadelphia.

Continua qui