domenica 31 luglio 2016

Auto pirata travolge ciclisti nel Lodigiano, 15 feriti

E' piombato su di loro a Camairago e poi è scappato

(ANSA) - MILANO, 30 LUG - Quindici ciclisti sono rimasti feriti travolti da un automobilista che è piombato su di loro lungo la provinciale 27, a Camairago, in provincia di Lodi, e poi è scappato. Nove sono stati portati al pronto soccorso e il più grave di loro, un quarantenne, trasferito in eliambulanza in un ospedale milanese. L'automobilista, al volante di una Lancia Y10, subito dopo ha accelerato facendo perdere le proprie tracce. L'incidente poco dopo le 15. I ciclisti facevano parte di una comitiva di una trentina di appassionati delle due ruote che ogni sabato organizzano uscite. Alcuni testimoni hanno riferito di aver visto l'auto procedere a zigzag appena prima di travolgere i cicloamatori.

Fonte

Usa, mongolfiera precipita in Texas: 16 morti

Ha preso fuoco prima di schiantarsi

Una mongolfiera con a bordo 16 persone ha preso fuoco ed e' precipitata al suolo in Texas, circa 30 miglia a sud di Austin. La autorita' locali e i soccorsi sono accorsi sul luogo. Le 16 persone a bordo sarebbero tutte morte, riportano alcuni media. Lo schianto e' accaduto intorno alle 8.40 del mattino ora locale con la mongolfiera che ha perso quota ed e' finita in un pascolo.

Continua qui

Sgozzata in casa nel Catanese, l'ex fidanzato della figlia si costituisce

A Misterbianco. Ha detto di essersi difeso dalla donna e di averla colpita con un coltello da cucina per proteggersi

Si è costituito in una caserma dei Carabinieri in Calabria ed ha reso spontanee confessioni confessando il delitto l'uomo sospettato di avere sgozzato a Misterbianco Marina Zuccarello, di 55 anni. Ai militari ha detto di essersi difeso dalla donna e di averla colpita con un coltello da cucina per proteggersi. Si tratta dell'ex fidanzato della figlia della vittima.

Continua qui

Muore a 4 anni, padre positivo all'alcoltest

L'auto del padre durante un sorpasso ha urtato un trattore

Tragedia sulla provinciale 63, subito dopo la rotatoria che immette gli automobilisti nella piana di Chilivani, in direzione di Mores. In un incidente ha perso la vita un bambino di quattro anni. Il piccolo, Salvatore Sotgiu, che avrebbe festeggiato il compleanno tra pochi giorni, viaggiava in auto col padre, Daniele Sotgiu, di 36, ozierese ma da tempo trapiantato a Bonnanaro.

Nel tentativo di sorpassare un trattore con la sua Bmw l'uomo ha urtato l'ingombro posteriore del mezzo agricolo e ha zigzagato lungo l'asfalto per oltre 150 metri. Il bambino è stato sbalzato fuori dall'abitacolo. Sul posto sono intervenuti il 118, i vigili del fuoco e i carabinieri, ma nonostante i pronti tentativi di soccorso per lui non c'è stato niente da fare. Sulle cause dell'incidente sono ancora in corso gli accertamenti ma è probabile che all'origine della tragedia ci sia l'alta velocità.

PADRE POSITIVO ALL'ALCOLTEST - Daniele Sotgiu è risultato positivo all'alcoltest. I parametri riscontrati non sono tali da imporre l'arresto per effetto della nuova normativa in materia di omicidio stradale, ma la drammatica vicenda sembra destinata ad avere un ulteriore risvolto sul piano penale. Sotgiu, ozierese ma da tempo trapiantato a Bonnanaro, il paese della sua compagna nonché madre della piccola vittima dell'incidente, sarà infatti denunciato all'autorità giudiziaria dai carabinieri della compagnia di Bonorva, intervenuti sul posto assieme al 118 e ai vigili del fuoco.

Continua qui

Camionista 32enne ucciso in autogrill

Accoltellato nel parcheggio dell'area di servizio nel Piacentino

E' un ucraino di 32 anni il camionista ucciso nel tardo pomeriggio nel parcheggio dell'autogrill Arda sull'A1, in direzione Sud, a Fiorenzuola (Piacenza).

Gli agenti lo hanno identificato dopo che il medico legale ha terminato i primi accertamenti sul cadavere, trovato riverso nel piazzale, in un lago di sangue, proprio davanti al suo camion.

Continua qui

Terremoti, scossa magnitudo 3.9 in Piemonte

Epicentro in Val Chisone. Avvertita anche a Torino

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita in serata a Torino e provincia. Numerose le chiamate ai vigili del fuoco, che al momento non segnalano danni a persone o cose.

Le scosse sono state due, di magnitudo 3.9 e 2.1. L'epicentro, secondo quanto rilevato dai sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, è stato a Pramollo, in val Chisone, a circa 11 chilometri di profondità. "Abbiamo sentito un forte boato, poi si e' messo a tremare tutto, è stato pauroso", racconta un testimone dalla zona dell'epicentro.

Fonte

sabato 30 luglio 2016

Morta Anna Marchesini, regina di ironia dal teatro alla tv

Aveva 62 anni. Quarant'anni di teatro ma la popolarità grazie alla televisione insieme a Lopez e Solenghi che oggi dice: "È stata una grande amica"

Addio alla Signorina Carlo, alla sessuologa Merope Generosa, alla Sora Flora, alla cameriera secca dei signori Montagné e soprattutto alla bella figheira, alla Monaca di Ponza, alla Lucia manzoniana del piccolo schermo. È morta l'attrice Anna Marchesini, a darne l'annuncio su Facebook il fratello Gianni. "Prima che lo sappiate da quel tritacarne dell'informazione - dice in un post - tengo a dirlo io. Ora in questo momento è morta mia sorella Anna Marchesini. Grazie a tutti. Non sarò in grado di rispondervi". L'attrice, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez, era nata a Orvieto ed era malata da tempo di artrite reumatoide. Avrebbe compiuto 63 anni a novembre. Lunedì i funerali nella sua città.

Continua qui

venerdì 29 luglio 2016

Siria, bombardato ospedale pediatrico a Idlib

Save the children: 'E' il più grande di tutta l'area'


L'ospedale pediatrico di Idlib, in Siria, è stato colpito da una raid aereo che ha causato vittime tra pazienti e medici. Lo denuncia Save the Children secondo quanto riportato dalla Bbc. Nella struttura, la più grande della zona, vengono effettuati 300 parti al giorno. Non è chiaro per il momento il numero di morti e feriti ne' chi abbia sganciato le bombe.

Le immagini che circolano sul bombardamento mostrano parte dell'ospedale completamento distrutto. Nella struttura, precisa Save the Children che attraverso il suo partner Syria Relief la finanzia, vengono accolti oltre 1.300 donne e bambini ogni mese.

L'Onu alla Russia: 'Lasciate a noi il corridoio umanitario per Aleppo'L'inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria Staffan de Mistura ha proposto oggi alla Russia di delegare all'Onu la gestione del corridoio umanitario per la città siriana di Aleppo. "Abbiamo studiato l'iniziativa russa", ha detto de Mistura, ma, in attesa di ulteriori informazioni, servono "miglioramenti", ha aggiunto sottolineando che la pausa di 48 ore per l'accesso umanitario discussa dal Consiglio di sicurezza dell'Onu deve essere sostenibile ed elencando alcuni "suggerimenti". "Il nostro suggerimento ai russi è di lasciare a noi il corridoio stabilito su loro iniziativa. L'Onu ed i suoi partner umanitari sanno cosa fare, hanno esperienza ed è il nostro lavoro", ha detto de Mistura parlando ai giornalisti.

Continua qui

Commentare le notizie senza leggerle, il News Feed di Facebook specchio dell’Italia di oggi

Genova - Ieri mattina abbiamo pubblicato sulla pagina Facebook del Secolo XIX la notizia dell’uomo di 38 anni che ha cercato di darsi fuoco a Sarzana (foto) dopo avere perso casa e lavoro, ma senza specificare che si tratta di un cittadino marocchino. Abbiamo scritto semplicemente che «un uomo di 38 anni, sfrattato e senza lavoro, tenta di darsi fuoco davanti alla moglie e ai figli».

Il primo commento è arrivato 4 minuti dopo la pubblicazione del post: «Diamo lavoro agli altri...», con tanto di “mi piace” di un’altra persona che evidentemente ha la medesima opinione; poi, un diluvio: «(con gli, ndr) immigrati non lo fanno», «aiutiamo gli italiani come il signore», o anche, in rapida sequenza, «per lui non esistono sussidi, alberghi e pranzi pagati, vero?» e «aiutiamo gli altri, noi carne da macello», «come mai non gli hanno dato un albergo a tre stelle come ai (suoi, ndr) fratelli migratori?», e i vari «ma noi... pensiamo a ‘sti maledetti immagrati (così nel testo, ndr)» e «invece agli immigrati... » o il più articolato «ma perché, perché... basta andare a Brindisi, imbarcarsi per l’Albania e fare ritorno a Brindisi il giorno dopo... vestito male... e il gioco è fatto!».

Continua qui


giovedì 28 luglio 2016

Morta la bimba 18 mesi lasciata per ore in auto

Era stata portata al pediatrico fiorentino Meyer dall'ospedale di Cecina

E' morta la bambina di 18 mesi che ieri era stata ricoverata all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze per il colpo di calore subito dopo essere rimasta chiusa in auto per almeno 3-4 ore a Vada (Livorno). L'avvenuto decesso è stato reso noto dallo stesso ospedale pediatrico. I genitori hanno acconsentito a donare gli organi.

 La piccola, figlia di una coppia di residenti a Vada (Livorno), era stata soccorsa martedì intorno alle 14, ma secondo quanto ricostruito sarebbe rimasta nell'auto, parcheggiata in centro, già dal mattino. Sull'episodio indagano i carabinieri.

Continua qui

mercoledì 27 luglio 2016

Corsica, la folla dà l'assalto a una moschea: «Fuori gli arabi da casa nostra»


Tensione in Corsica dove la folla ha "vandalizzato" una sala di preghiera musulmana ad Ajaccio, il giorno dopo un agguato in cui sono rimasti feriti dei vigili del fuoco sull'isola francese. Le violenze sono iniziate nella notte tra giovedì e venerdì, quando i pompieri che avevano risposto a una chiamata d'emergenza in un complesso di appartamenti del quartiere islamico della città sono caduti in un'imboscata.

Continua qui

martedì 26 luglio 2016

Week-end: il SETTENTRIONE dovrà fare i conti con i TEMPORALI della domenica?

Week-end: il SETTENTRIONE dovrà fare i conti con i TEMPORALI della domenica?

Venerdì 29 e sabato 30 luglio saranno due giornate soleggiate e calde sull'Italia, stante la rimonta dell'alta pressione in area mediterranea. Farà anche piuttosto caldo (per tutti i dettagli si legga questo articolo: http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/focus-weekend-nuova-ondata-di-caldo-in-arrivo-per-l-italia/54424/)

 

Domenica, infiltrazioni di aria più fresca dall'Atlantico potrebbero destabilizzare il tempo delle regioni settentrionali con l'arrivo di qualche temporale nel pomeriggio, che dalla catena alpina potrebbe estendersi sulle pianure.Questa mappa ci mostra la posizione dei temporali attesa sul nord Italia nel pomeriggio di domenica 31 luglio.

Come si può notare, i fenomeni colpiranno essenzialmente il Piemonte, la Lombardia e il Triveneto, risultando talora intensi.

Continua qui 


Previsioni a 15 giorni: METEO ITALIA. AGOSTO, il tempo che ci aspetta a ridosso del FERRAGOSTO

 

 


Francia, attacco a una chiesa vicino Rouen. Sgozzato il parroco, uccisi gli assalitori. L'Is rivendica

Irruzione di due uomini armati di coltello a Saint-Etienne-du Rouvray, in Normandia. Presi in ostaggio i fedeli, il sacerdote è stato sgozzato. Un ferito grave. I terroristi erano nati nella cittadina. Hollande: "Combatteremo questa guerra". Fermato un ragazzo minorenne


Un parroco assassinato e un ferito grave: è il bilancio di un attacco compiuto da due uomini in una chiesta di Saint-Etienne-du Rouvray, vicino Rouen in Normandia. Gli assalitori sono stati uccisi dalle teste di cuoio della polizia francese. L'attacco è stato compiuto in mattinata, quando i due uomini hanno fatto irruzione, armati di coltelli, all'interno della chiesa in cui era in corso una funzione religiosa. Hanno preso in ostaggio i fedeli poi hanno aggredito il parroco, padre Jacques Hamel, 84 anni, tagliandogli la gola. Un altro ostaggio, anche lui colpito alla gola, è ricoverato in gravissime condizioni, potrebbe trattarsi di una suora ma ancora non sono state diffuse informazioni.

Continua qui

Salvini paragona Boldrini ad una bambola gonfiabile. Presidente Camera: "Donne non sono bambole"

"E' la sua sosia", dice ad una festa del Carroccio

"C'è una sosia della Boldrini qui sul palco. Non so se sia già stata esibita..". Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha commentato l'arrivo sulla scena di una bambola gonfiabile durante un comizio venerdì sera a Soncino, in provincia di Cremona, e catturate su un video che circola sul web e che sta provocando critiche politiche per il paragone.

Replica la presidente della Camera: "Le donne non sono bambole e la lotta politica si fa con gli argomenti, per chi ne ha, non con le offese. Lascio a voi ogni commento"...

E sulle parole del leader del Carroccio si scatena la bufera: Interviene il ministro Maria Elena Boschi: "Una squallida esibizione di sessismo. La frase di Matteo Salvini non è giustificabile in alcun modo. Non offende solo la presidente Laura Boldrini, cui va la mia solidarietà, ma anche tutte le donne e gli uomini del nostro paese". 

Continua qui

Giappone, uomo con coltello fa strage in centro disabili, 19 morti

A Sagamihara a ovest di Tokyo. Il killer si è costituito

Orrore in un centro disabili in Giappone. Un ragazzo di 26 anni, Satoshi Uematsu, armato di coltello, con i capelli biondi e vestito di nero, ha ucciso 19 persone e ne ha ferite altre 20 a Sagamihara, nella prefettura di Kanagawa, a poche decine di chilometri a ovest di Tokyo.

Il ragazzo si è poi consegnato alla polizia che aveva circondato l'edificio e avrebbe detto - secondo alcuni media locali - di aver compiuto l'orribile gesto con l'intenzione di ''liberare il mondo dai disabili''.

Secondo le prime ricostruzioni il giovane aveva lavorato presso il centro di riabilitazione. La polizia ha detto di aver ricevuto alle 2,30 locali la telefonata di un impiegato il quale comunicava che nella struttura stava succedendo qualcosa di orribile. Due ore piu' tardi un ragazzo si e' presentato alla stazione di polizia di Sagamihara. Aveva lasciato il coltello, l'arma del pluriomicidio, nella sua automobile. E' stato arrestato, sospettato di tentato omicidio e violazione di domicilio. Le prime immagini trasmesse dalle televisioni hanno mostrato un gran numero di ambulanze fuori del centro con un continuo andirivieni di medici e infermieri.


Continua qui

lunedì 25 luglio 2016

Germania, Isis rivendica attentato ad Ansbach. In un video il siriano giura fedeltà al Califfato

Rifugiato veniva da Aleppo ed aveva ferite di guerra


In Germania, questa volta ad Ansbach, ancora un attacco. E l'Isis ha rivendicato l'attentato  in cui un uomo si è fatto esplodere ferendo 15 persone di cui 4 in modo grave.
"Una fonte di sicurezza ci ha confermato che l'autore dell'operazione martirio nella città di Ansbach in Germania è uno dei soldati dello Stati Islamico", lo scrive l'agenzia dello Stato islamico Aamaq aggiungendo che "ha condotto l'operazione rispondendo agli appelli colpire e paesi della coalizione che combattono lo stato islamico".

Continua qui

domenica 24 luglio 2016

Germania, uccide donna con machete in negozio kebab: un passante lo investe per fermarlo

Ancora non chiari i motivi dellʼaggressione. La gente è scappata nel panico

Un uomo ha ucciso con un machete una donna a Reutlingen (Baden-Wuerttemberg) ed ha ferito altre persone in un negozio di kebab a Listplatz. La gente è scappata nel panico. L'aggressore è stato arrestato, è un 21enne siriano richiedente asilo. Non sono ancora chiare le ragioni del suo gesto. A fermarlo è stato un passante che con la sua auto lo ha investito. Successivamente è stato preso in carico dalla polizia.

Continua qui

Si chiamerà Volpedo il primo nato da migranti nel paese di Pellizza

Gara di solidarietà per regalargli vestiti, giochi e scarpe


Valentina frezzato
Volpedo(AL)
Milleduecento tra zii, nonni, cugini, fratelli maggiori: il nuovo nato è un bimbo fortunato, perché tutto il paese l’ha adottato e in municipio c’è una stanza piena di regali per lui, manco fosse Natale. Da ieri Volpedo ha 1248 abitanti. E l’ultimo nato si chiama, davvero, Volpedo; iscritto così nel registro del Comune noto per aver dato i natali al pittore Pellizza e prestato lo sfondo a «Il Quarto Stato». 

Esattamente come Pellizza, anche Volpedo (che ha pure un altro nome: Stefano) porterà il posto dove è nato, in giro per il mondo, grazie alla scelta dei suoi genitori, che hanno deciso di chiamarlo così per omaggiare il luogo in cui sono stati accolti, «non come migranti ma come cittadini». Queste le parole della mamma, Antonia Ihekwaba, che in Italia è arrivata con un barcone dei disperati, ormai molti mesi fa; è nigeriana, esattamente come il marito, Samuel, e la bimba che il 2 agosto festeggerà due anni e che ha un nome (pure lei) evocativo: Miracle.

Continua qui

sabato 23 luglio 2016

Attentato dell’Isis a Kabul, almeno 80 morti e 230 feriti

Due kamikaze, nascosti sotto un burqa, si sono fatti esplodere tra la folla durante un corteo di una minoranza sciita. L’Isis rivendica l’attentato, i talebani prendono le distanze


Non accenna a stabilizzarsi il bilancio dell’attentato suicida che oggi a Kabul, in Afghanistan, ha preso di mira una manifestazione di protesta della minoranza etnica degli hazara, che professano la confessione sciita: le ultime notizie riferiscono di almeno 80 morti e 230 feriti, molti dei quali in grave condizioni.

Secondo un comunicato diffuso dal palazzo presidenziale del presidente Ashraf Ghani, i terroristi si sarebbero «infiltrati fra i dimostranti per compiere attentati che hanno portato al martirio di numerosi cittadini e membri delle forze di sicurezza». Secondo un testimone oculare dell’attentato, i kamikaze si sarebbero confusi nella folla indossando un burqa.

Continua qui

Psicologo afroamericano assiste ragazzo autistico, la polizia gli spara

L’uomo con le mani in alto si chiama Charles Kinsey, e lavora come terapista in un centro di salute mentale, mentre il ragazzo seduto per terra ha 23 anni ed è affetto da autismo. Nel video si vede Kinsey poco prima che la polizia gli sparasse, ferendolo a una gamba. Il ragazzo seduto accanto a lui continua a giocare con un camion giocattolo. «Ha subito alzato le mani in aria e ha gridato “non sparate” e si è steso per terra, come gli avevano chiesto di fare. Poi ha cercato di convincere il ragazzo a fare lo stesso» ha denunciato il legale di Charles Kinsey, Hilton Napoleon, mostrando il video ripreso da un testimone con uno smartphone ai giornalisti .

Video

venerdì 22 luglio 2016

Diversi morti in un centro commerciale a Monaco.

Sul posto truppe speciali, pompieri e decine di ambulanze. L’attentatore sarebbe in fuga in metropolitana

Spari al centro commerciale Olympia nel quartiere Moosach a Monaco di Baviera, nella zona del parco olimpico. La polizia di Monaco di Baviera, riferisce la Sueddeutsche Zeitung, parla di «diversi morti e feriti» nella sparatoria al centro commerciale Olympia nel quartiere Mossach, la zona che ospitò il villaggio delle Olimpiadi del 1972. Pare che a sparare sia stata una sola persona. Sul posto si trovano diversi elicotteri ed è in corso un’imponente operazione di polizia.

LA DIRETTA
19.33 L’Olympia Einkaufszentrum, abbreviato in OEZ per comodità, ha aperto i battenti in coincidenza con l’apertura dei Giochi Olimpici di Monaco ’72. Veniva presentato al popolo tedesco quello che in quel momento era un tipo completamente nuovo di fare shopping. Nel corso dei decenni il più grande centro commerciale della Baviera è stato ampliato ulteriormente e modernizzato. L’Olympia Einkaufszentrum si presenta su due livelli luminosi: grandi magazzini, 135 negozi alla moda, grandi marchi di abbigliamento, nonché numerosi caffè e ristoranti sotto un imponente tetto di vetro.

19.31 «La situazione è ancora completamente confusa. Non si sa se ci sia un solo a più attentatori a Monaco»: lo dice alla Dpa un portavoce della polizia, ribadendo che ci si aspettano «morti e feriti». La sparatoria è cominciata alle 17:52.


Continua qui

“Sono un tedesco”: il dialogo tra l’attentatore e un testimone

Testimone: “Ero con mio figlio, l’ho visto caricare l’amra e sparare sui bambini”

Monaco, spari in centro commerciale. La polizia locale: "Ci aspettiamo molti morti"

  L’irruzione della polizia al centro commerciale dopo la sparatoria

 

 

 

Meteo a 7 giorni: TEMPORALI in arrivo sull'Italia, poi l'estate si riprenderà...

Confermata la fase moderatamente instabile tra sabato 23 e martedì 26 sull'Italia, con rischio di temporali o rovesci seppur non diffusi. Estate nuovamente in sella da mercoledì 27 fino alla fine del mese. 

 

Un colpo d'occhio "maculato" per individuare le precipitazioni attese in Italia nella giornata di domenica 24 luglio.

"Maculato" non a caso, in quanto i fenomeni previsti saranno abbastanza spaiati e a macchia di leopardo sulla Penisola. Tutto ciò accrescerà il grado di incertezza previsionale, non trattandosi di piogge organizzate in fronti o linee bel precise.
La mappa ci mostra temporali sulle Alpi e lungo la dorsale appenninica, ma anche in Sardegna. I fenomeni dalle zone interne potrebbero in parte sconfinare lungo le coste, specie del versante tirrenico.
Meno probabili i temporali al sud e sulla Sicilia, anche se nelle zone interne e montuose qualche rovescio pomeridiano potrebbe svilupparsi.

L'inizio della prossima settimana, segnatamente le giornate di lunedì 25 e martedì 26 luglio, vedranno ancora l'influenza della figura instabile che nel suo movimento verso levante interesserà ancora il settore centro-meridionale italico (seconda mappa).
In questo frangente saranno possibili temporali nelle zone interne appenniniche durante il pomeriggio, con locali sconfinamenti anche lungo le coste, specie del versante tirrenico.

Continua qui

mercoledì 20 luglio 2016

Terzo Valico, le mani della 'ndrangheta sui subappalti

Quaranta persone sono state arrestate in Liguria, Calabria, Lazio e Piemonte per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione: al centro dell’inchiesta i sub appalti per la costruzione di alcune infrastrutture ferroviarie, come il Terzo Valico

REGGIO CALABRIA – Quaranta persone sono state arrestate in Liguria, Calabria, Lazio e Piemonte per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione: al centro dell’inchiesta i sub appalti per la costruzione di alcune infrastrutture ferroviarie, come il Terzo Valico. Le persone finite in manette sarebbero legate, secondo gli inquirenti, a due cosche della ‘ndrangheta.

Continua qui

martedì 19 luglio 2016

Turchia, 10mila arresti. Epurazioni per scuola e informazione: revocate licenze di 24 radio e tv


Via all'epurazione nella scuola: sospesi 15.200 dipendenti della Pubblica Istruzione. Chieste le dimissioni di tutti i rettori e decani universitari. Arresti saliti a 9.322. Annunciato invio dossier alla Casa Bianca: "Consegnateci Gülen, è il regista del golpe". Amnesty International: "Diritti umani in grave pericolo"

ANKARA - Proseguono le epurazioni, in Turchia, dopo il fallito colpo di Stato di venerdì scorso. Ma contro l'escalation di violenze la comunità internazionale prende posizione. Amnesty International lancia l'allarme: "Diritti umani in grave pericolo". Mentre la presidente della Camera, Laura Boldrini, avverte con preoccupazione che, "quando si arrestano migliaia di persone arbitrariamente, è repressione. Ed è qualcosa di intollerabile per un Paese che dice di voler entrare nell'Unione europea. Quello che sta accadendo in Turchia ci deve preoccupare ed è inaccettabile"

Continua qui 

Turchia, continua contro-golpe: 9mila arresti, sospesi 15mila docenti. Obama: “Ankara rispetti la democrazia”

 

 

Accoltellato in piazza dopo la lite per il cane

È ricoverato all’ospedale San Giacomo di Novi Ligure ed è stato operato nella notte il cittadino marocchino che è stato accoltellato a Serravalle Scrivia da un italiano. Quest'ultimo aveva lasciato libero un cane di grossa taglia che aveva fatto cadere una donna

SERRAVALLE SCRIVIA (AL) – È ricoverato all’ospedale San Giacomo di Novi Ligure ed è stato operato nella notte il cittadino marocchino che ieri sera, intorno alle 8, è stato accoltellato in piazza Bosio, a Serravalle Scrivia.

Stando alle prime informazioni, ad accoltellarlo sarebbe stato un italiano con cui poco prima era nata una discussione poi sfociata in lite. Poco prima delle 20.00 di lunedì 18 luglio, l’italiano aveva lasciato libero di scorrazzare in giro un cane di grossa taglia, che ha provocato la caduta di un’anziana. Il marocchino allora è intervenuto per chiedere all’altro uomo di andarsene e di tenere a bada il suo dobermann.

Continua qui

Strage di Nizza, identificate altre quattro vittime italiane

È salito a 5 il numero di connazionali morti. Confermato anche il decesso dello studente italo americano Nicolas Leslie

È salito a 5 il numero delle vittime italiane della strage di Nizza. La Farnesina ha informato che nel corso della notte le autorità francesi hanno formalizzato l’avvenuto riconoscimento di quattro connazionali: Carla Gaveglio, Maria Grazia Ascoli, Gianna Muset e Angelo D’Agostino. Le famiglie sono state informate e stanno ricevendo l’assistenza da parte del personale del consolato italiano e dell’Unità di Crisi. Il Ministro Gentiloni e la Farnesina hanno espresso «vicinanza e solidarietà ai famigliari e agli amici delle vittime del barbaro attentato».

Continua qui

lunedì 18 luglio 2016

Louisiana, uccisi altri tre poliziotti. Torna l’incubo della violenza razziale

A Baton Rouge un nero 29enne spara agli agenti. Il sindaco: un’imboscata Fermati due sospetti. Nei giorni scorsi c’erano stati arresti di afroamericani


New York
Colpiti a sangue freddo, uno dopo l’altro, come bersagli senz’anima di un folle tiro a segno. È la sorte toccata ad almeno sei uomini delle forze dell’ordine in servizio a Baton Rouge, in Louisiana. Tre di loro sono morti, gli altri lottano tra la vita e la morte in ospedale. Il killer, secondo Cbs e Nbc che citano fonti dell’inchiesta, è un afroamericano di 29 anni (compiuti proprio ieri), Gavine Eugene Long, di Kansas City.

Continua qui 

Nizza, il giallo dei 100mila euro spediti dal killer alla famiglia in Tunisia

Le ricostruzioni degli inquirenti: Bouhlel aveva prenotato il camion già il 4 luglio. Armi consegnate da due coniugi albanesi, fermati. Il corriere è una terza persona


inviato a Nizza
Una fortuna, un sacco di soldi in contanti». Racconta proprio così, uno dei fratelli di Mohamed Lahouaiej Bouhlel, il massacratore di Nizza.
Vive in Tunisia e quantifica la somma: 100 mila euro. Li ha ricevuti, da Bouhlel, pochi giorni prima della strage. Per i superpoliziotti seduti nei loro uffici della Caserne d’Auvare, il quartier generale della polizia nizzarda, non è una sorpresa. Qualcuno ha avvicinato il terrorista, l’ha esaltato e stordito, facendogli balenare il sogno del riscatto da una vita modesta con un’azione eclatante. Nessuno l’avrebbe mai dimenticata. Un pressing su quella mente confusa, ricompensato persino dai dei soldi, tanti. Con quelli, avrebbe sistemato la sua famiglia in patria. Un emissario del Califfato islamico, arrivato a Nizza qualche settimana fa, ha coordinato l’operazione, ma Bouhlel era già il candidato, il prescelto. 

Continua qui

domenica 17 luglio 2016

Il prezzo del grano in Italia? È fermo a trent’anni fa. Ma il pane dal fornaio costa il 1450% in più

Pochi controlli, legislazione carente, speculazione, import selvaggio. Da Alessandria (che con Bologna è la provincia che ne produce di più) parte la “battaglia del grano”

Il presidente della Coldiretti di Alessandria Roberto Paravidino durante la conferenza stampa di ieri assieme ad alcuni produttori di grano che hanno anche ruoli direttivi nell’associazione agricola dei coltivatori

Alessandria
Il prezzo del grano? Come trent’anni fa, 14 euro al quintale. Ma il consumatore non se ne accorge, anzi: il pane costa il 1450% in più, insomma ci vogliono trenta chili di grano per arrivare alla quotazione di un chilo di pane. Questa la situazione denunciata ieri in Coldiretti Alessandria, dal presidente provinciale Roberto Paravidino: «Nonostante la buona annata, con qualità e rese maggiori del 2015, i prezzi spuntati dai produttori non coprono più i costi e spingono alla chiusura delle aziende agricole». Il dossier lo porta martedì a Roma, alla Coldiretti nazionale, dove si decideranno azioni di protesta e pressione come quelle sul prezzo del latte. La «battaglia del grano» Coldiretti ha deciso di iniziarla qui perché quella di Alessandria è, insieme a Bologna, la provincia con la maggior produzione italiana di grano tenero (pane e biscotti). Se ne coltivano 33 mila ettari e poiché la resa 2016 si dovrebbe attestare sui 65/70 quintali a ettaro (contro i 50 del 2015) scorso, si superano i 2 milioni di quintali. A livello nazionale gli ettari coltivati sono 600 mila per 30 milioni di quintali. Se invece si passa al grano duro, quello per la pasta, coltivato soprattutto nelle regioni meridionali, gli ettari sono 1,3 milioni e i quintali 49 milioni.

Continua qui

 

sabato 16 luglio 2016

Maltempo, 200 turisti evacuati da tre camping sul Gargano

Per il forte vento anche in Sicilia le isole Eolie sono parzialmente isolate


Circa 200 turisti sono stati fatti evacuare ieri sera da tre camping a Lido del Sole, una frazione di Rodi Garganico, nel foggiano a causa degli allagamenti dopo l’ ondata di maltempo che si sta abbattendo sul Gargano. I turisti sono stati ospitati in due strutture ricettive e in una scuola di Rodi Garganico. Ad essere evacuati sono stati tre camping che si trovano a ridosso del mare, sulla litoranea che collega Lido del Sole a Rodi Garganico. Sul posto, da alcune ore, stanno operando cinque squadre dei vigili del fuoco dai distaccamenti di Vico del Gargano, Lucera e San Severo e sono in arrivo supporti da Lecce, Bari e Ancona.

Disagi si sono registrati anche nella zona abitata della frazione di Lido del Sole dove alcune persone sono state allontanate dalle loro abitazioni con gommoni. Sono oltre cento, solo nell’ultima ora, le chiamate di soccorso ai Vigili del fuoco del comando provinciale di Foggia per allagamenti in abitazioni e nei camping della zona. Da ieri sera stanno operando dieci squadre degli uomini del 115 ancora con alcune idrovore per liberare camping, abitazioni e garage completamente invasi dal fango e dall’acqua.

Continua qui

Scontro treni in Puglia, funerali con Mattarella. Il vescovo nell'omelia: "Nostre terre trattate come periferia dell'Italia"

In 5 mila presenti nel palasport allestito per le esequie

In un palasport gremito ad Andria - circa 5.000 persone presenti - si stanno svolgendo i funerali di 13 delle 23 vittime dello scontro tra treni avvenuto il 12 luglio scorso. In prima fila il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la presidente della Camera Laura Boldrini, il ministro delle infrastrutture Graziano Delrio e il governatore della Puglia Michele Emiliano. Sono anche presenti il capo della Polizia Franco Gabrielli e il Comandante Generale della Guardia di Finanza Giorgio Toschi. Sono tanti i giovani che affollano il Palasport: i ragazzi si stringono in abbracci e si sostengono tra loro. Non ci sono soltanto i parenti e i conoscenti delle vittime ma anche numerose persone che hanno affrontato la pioggia battente pur di essere accanto ai familiari delle persone decedute. I parenti vengono assistiti da psicologi e volontari.

Continua qui

Turchia, fallito colpo di Stato. Ore di caos nel Paese: battaglia nella notte ad Ankara


Erdogan ha invitato la gente a scendere in piazza, ma è fuggito in aereo sui cieli turchi per poi tornare a Istanbul. Nella notte i golpisti si ritirano. Un F-16 abbatte elicottero di militari insorti. Chiusi due ponti sul Bosforo. Ad Ankara uccisi 14 poliziotti, in tutto almeno 60 vittime. Ucciso generale golpista e arrestati 754 militari. Jet all'alba bombarda i tank davanti al palazzo presidenziale

Tentativo di colpo di stato contro Erdogan da parte dell'esercito in Turchia (ma la Marina si è chiamata fuori). Il presidente, dopo una rocambolesca fuga nella notte sui cieli turchi, è ritornato ad Istanbul dopo aver avuto la certezza del fallimento del golpe. L'evoluzione dell'insurrezione di parte delle forze armate organizzata dai colonnelli (e non dai generali), è stata seguita con la massima attenzione dalla Russia (tra i due Paesi è stata fatta di recente pace dopo un lungo periodo di forte tensione). E dagli Usa, essendo il Paese componente della Nato. Barack Obama si è schierato al fianco del presidente, dichiarando che va sostenuto "il governo turco democraticamente eletto". Rivolgendosi a tutte le parti, Obama si è appellato "per scongiurare le violenze e bagni di sangue". Pro Erdogan anche se con prudenza Angela Merkel: "L'ordine democratico deve essere rispettato", ha dichiarato il suo portavoce. La Russia è "profondamente preoccupata per le notizie che provengono dalla Turchia", ha fatto sapere il portavoce del Cremlino.

Continua qui 

Golpe Turchia, la foto simbolo: da solo contro il carro armato, il coraggio del manifestante

Golpe Turchia, elicotteri dell'esercito sparano sui civili ad Ankara

Turchia, fallito golpe. Oltre 260 morti. Tensione con Usa, "chi ospita Gulen è nostro nemico"

Turchia, la scommessa dei generali ribelli è fallita

 

 

 

venerdì 15 luglio 2016

Nizza: italiano gravissimo, è un 53enne di Cuneo. Farnesina, "Evitare spostamenti"

Nella cittadina della Costa Azzurra oltre 30mila italiani, oltre a quelli che si trovano là in vacanza

E' stato trovato dai familiari, ricoverato all'ospedale Pasteur di Nizza in gravissime condizioni, Andrea Avagnina, 53 anni, consigliere comunale di S.Michele di Mondovì (Cuneo), uno degli italiani coinvolti nella strage di Nizza che mancavano all'appello. Non si hanno ancora notizie, invece, della moglie, Marinella Ravotti, 55 anni, dipendente dell'Asl. La coppia era in vacanza dall'inizio della settimana nella 'capitale' della Costa Azzurra, dove è proprietaria di una casa.

I familiari non hanno notizie della coppia di Voghera (Pavia): Angelo D'Agostino, 71 anni, e la moglie Gianna Muset, 68 anni, a quanto si è appreso si trovavano sulla Promenade des Anglais per assistere allo spettacolo dei fuochi d'artificio organizzato per la festa nazionale francese. D'Agostino è un ex dipendente della ditta Ledeen; è andato con la moglie in Costa Azzurra per festeggiare la pensione. Il figlio Massimiliano non ha loro notizie da ieri sera.

A Nizza riedono oltre 30mila italiani, oltre a quelli che si trovano là in vacanza.

Continua qui

Chi è Mohamed Lahouaiej Bouhlel, il killer 'depresso' della strage di Nizza sconosciuto agli 007

 

Strage Nizza, il nonno eroe: "Così mio nipote mi ha salvato"

 

 

 

 

Strage a Nizza, camion e spari sulla folla. Il tir a zigzag per falciare più passanti. Almeno 84 morti


Stava terminando la festa per il 14 luglio lungo la Promenade des Anglais quando l'attentatore è entrato in azione. Più di cento i feriti. Ucciso il conducente del mezzo di origine tunisina ma residente a Nizza. Aveva 31 anni. Caccia a complici. Hollande prolunga stato d'emergenza di altri tre mesi e richiama i riservisti. Polizia: "Possibili attacchi con veicoli e autobomba"

PARIGI - Gli spari che si confondono con i fuochi di artificio, le urla coperte dalle musiche dello spettacolo. È stato un 14 luglio di sangue per Nizza e per la Francia costato almeno 84 morti e un centinaio di feriti di cui 18 in condizioni gravissime. Almeno 54 bambini sono ricoverati all'ospedale Lenval.

La folla stava assistendo ai fuochi di artificio sulla Promenade des Anglais, il viale sul lungomare di Nizza. Alle 22:30 un camion si è lanciato sul pubblico riunito per la festa nazionale del 14 luglio. I testimoni raccontano di colpi di fuoco sparati dalla polizia per fermare il camion nella sua corsa folle, lunga ben due chilometri e a zig zag, per fare più vittime possibile. In quel momento stavano esplodendo in cielo i bengala che festeggiano la presa della Bastiglia.

LEGGI Gli occhi del mondo sulla Francia: Hollande: "Paese è forte e lo sarà sempre di più"

Il killer alla guida del camion è stato identificato ore dopo. Si chiama Mohamed Lahouaiej Bouhlel, un franco tunisino di 31 anni che è stato infine "neutralizzato da un uomo e due poliziotti", ha detto Eric Ciotti, presidente del Dipartimento delle Alpi Marittime, a France Info. Uno dei due poliziotti ad averlo fermato, è una donna. "Una persona è saltata sul camion per tentare di fermarlo - ha spiegato Ciotti -. Così la polizia è stata in grado di neutralizzare questo terrorista. Non dimenticherò mai il viso di questa poliziotta che ha intercettato il killer".


Continua qui

Strage Nizza, un poliziotto eroe in scooter affianca l'attentatore: ucciso (video)

 

Strage Nizza, il camion della strage crivellato dai colpi della polizia

  

Camion sulla folla a Nizza: 84 morti. Tanti bambini tra le vittime. L'attentatore è un franco-tunisino. "Molti italiani irrintracciabili"

 

 

 

 

 

giovedì 14 luglio 2016

MEDIO ADRIATICO, ATTENTO! Ecco la sequenza del passaggio temporalesco tra giovedì pomeriggio e venerdì...

Temporali in arrivo al centro-sud e ancora su parte del nord con grandine, vento e calo termico.

 

Nel corso del pomeriggio odierno sono attesi temporali sul Piemonte occidentale e il Ponente Ligure, qualche focolaio sulle zone interne dell'Abruzzo.
In serata l'inserimento del vortice freddo in quota, scaverà un minimo al suolo in rapido movimento dalla costa ligure al medio Tirreno; vi sarà un temporaneo richiamo di correnti da ENE al nord al suolo, sormontate per qualche ora da una corrente da ovest in quota; ne deriveranno temporali serali su basso Piemonte, bassa Lombardia, Emilia-Romagna e Liguria.
Asciutto invece su alte pianure ed Alpi.

Continua qui

In povertà assoluta 4,6 milioni di persone, sta peggio chi vive in città

Istat, indigenza in aumento al Nord per le famiglie numerose e gli stranieri

Nel 2015 l'Istat stima che le famiglie in condizione di povertà assoluta siano pari a 1 mln e 582 mila e le persone a 4 mln e 598 mila (il numero più alto dal 2005). L'incidenza della povertà assoluta si mantiene stabile negli ultimi tre anni per le famiglie; cresce invece se misurata in termini di persone (7,6% della popolazione residente nel 2015, 6,8% nel 2014 e 7,3% nel 2013). Questo perché riguarda le famiglie più numerose. In aumento al Nord, in particolare per gli stranieri, la povertà colpisce chi vive in città e i bassi redditi.

Continua qui

martedì 12 luglio 2016

Puglia, scontro fra treni tra Andria e Corato: 23 morti fra macchinisti e pendolari, 50 feriti


L'incidente in un tratto a binario unico. Bambino estratto vivo da uno dei convogli. Emergenza sangue: in tanti in ospedale ad Andria e al Policlinico per donare. Il sindaco di Corato: "Sembra un disastro aereo"



CORATO - "Sembra un disastro aereo": due treni accartocciati in uno scontro nella campagne della Murgia fra Andria e Corato. Una tragedia: 23 morti e oltre 50 feriti, molti dei quali incastrati nei convogli, nel frontale fra due treni di linea delle Ferrovie Nord Barese avvenuto in mattinata sul tratto a binario unico. Ma il bilancio delle vittime sembra purtroppo destinato ad aumentare. Con la solidarietà che è scattata immediatamente dopo gli appelli per donare il sangue. Ancora incerte le cause del disastro: la Procura di Trani indaga per omicidio colposo plurimo e disastro ferroviario. Il fascicolo è stato aperto a carico di ignoti.

L'ospedale da campo e gli psicologi. Tra i feriti soccorsi negli ospedali di Andria, Barletta e Bisceglie - sette dei quali sono in gravi condizioni - c'è anche un bambino di pochi anni portato in ospedale a bordo di un elicottero. Nella zona dell'incidente è stato allestito un ospedale da campo per i primi soccorsi. La Asl ha messo in campo un coordinamento psicologico sia sul luogo della tragedia sia negli ospedali in collaborazione con l'Ordine degli psicologi. Le salme vengono trasferite all'Istituto di medicina legale di Bari.


Continua qui 

"Persone incastrate tra le lamiere"


Scontro fra treni, a Bari la coda per donare sangue

 

Scontro fra treni, il caso del binario unico fra Andria e Corato: fermo il raddoppio finanziato dalla Ue

 

 

 

Nubifragio su Novara, alberi abbattuti e parte del tetto dell’ex Asl di via Dei Mille vola in strada

I detriti sono crollati sfiorando le macchine che transitavano, danni in centro


NOVARA
Un violento nubifragio si è abbattuto nel tardo pomeriggio a Novara, provocando danni e rallentamenti nella circolazione. Raffiche di vento e pioggia mista a grandine hanno sferzato il centro città per diversi minuti con violenza. Nella zona di corso della Vittoria, il vento ha sradicato una piccola parte del tetto dell’ex sede dell’Asl, chiusa da tempo, trascinando nella sottostante sede stradale alcuni calcinacci e pesanti teloni neri che per miracolo non hanno colpito le macchine che transitavano. Erano la copertura della terrazza della direzione generale. 

Continua qui

Video

lunedì 11 luglio 2016

Massimiliano Milli non ce l’ha fatta, il maresciallo dei carabinieri è morto nella notte

Genova - È morto all’alba Massimiliano Milli, 27 anni, il maresciallo dei carabinieri ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale San Martino in seguito ad una caduta da un muretto sotto la sua abitazione a Genova. L’incidente è avvenuto alle 5,30 di ieri. 

Il giovane, reduce da una serata in discoteca con gli amici, era caduto da un muro di 7 metri e mezzo, come ha rilevato la polizia scientifica. Trasferito al pronto soccorso in gravissime condizioni per via di numerose lesioni interne e alla testa, il ventisettenne era stato sottoposto ad un lungo intervento chirurgico.

Continua qui

sabato 9 luglio 2016

L’impresa di 3 amici spagnoli: attraverso le Alpi in Vespa per il raduno della Madonnina dei Centauri

Dalla Spagna il viaggio più faticoso, ma ci sono anche tanti motociclisti del Nord Europa che hanno macinato oltre 2 mila chilometri per arrivare puntuali a Castellazzo Bormida (AL)

Alessandria 
 
Inutile stupirsi ancora: ogni volta che si passeggia tra le moto dei centauri del motoraduno della Madonnina, s’incontrano delle storie. Alcune lasciano a bocca aperta, altre fanno sorridere, altre stupiscono per chilometri percorsi e motivazioni che spingono i motociclisti a venire, ogni anno, fino a qui, ad Alessandria e poi a Castellazzo. Alcuni lo fanno esclusivamente per il santuario, altri per l’atmosfera che, effettivamente, è unica. 

Esattamente quest’ultima la motivazione che ha spinto Richardt e Anni Nielsen a percorrere 1600 chilometri (partendo da Horsens, città dello Jutland centrale, Danimarca) per raggiungere la provincia di Alessandria ieri, in tempo per motoraduno e gite sulle colline. «È il quarto anno che veniamo - racconta Richardt, in sella a una GoldWing - e ci piace molto». Ma cosa esattamente? «Il fatto che si trovano persone da ogni parte d’Europa - risponde lei -: dalla Germania, dalla Finlandia, dalla Norvegia, dalla Spagna. È divertente ed è un modo per ritrovarsi tra noi bikers». Dormono in un bed&breakfast a Masio e non vedono l’ora di andare alla scoperta del Monferrato. 

Continua qui

venerdì 8 luglio 2016

VIOLENTI TEMPORALI in arrivo al NORD da mercoledì 13 luglio, l'accendiamo?

Una depressione potrebbe infiltrarsi all'interno del tessuto anticiclonico, avviando per alcune delle nostre regioni, un intenso passaggio temporalesco. 

 

SITUAZIONE ATTUALE ED EVOLUZIONE: una figura di alta pressione ancora governa il tempo del nostro stivale italiano, portando per i paesi affacciati sull'area mediterranea, condizioni atmosferiche stabili e calde. L'arrivo del fine settimana coinciderà con un rinforzo ulteriore dell'alta pressione sul Mediterraneo, rinforzo in buona parte provocato dall'amplificazione di un'onda atmosferica che rimetterà temporaneamente in gioco le masse d'aria ancor più calde e stabili di origine nord-africana.

IL PASSAGGIO TEMPORALESCO. 

L'aggiornamento di quest'oggi pone enfasi ad un vistoso passaggio temporalesco previsto sulle regioni del nord e su parte di quelle centrali tra martedì 12 e venerdì 15 luglio. Le masse d'aria fresche provenienti dall'oceano andrebbero a costituire un sistema frontale piuttosto importante (fronte freddo) il cui incontro/scontro con le masse d'aria molto calde presenti in ambito mediterraneo, potranno generare alcuni violenti temporali da contrasto. Questi ultimi potrebbero interessare soprattutto Alpi, Prealpi e le zone settentrionali della Valpadana. Il momento più instabile dovrebbe coincidere con le giornate di mercoledì 13 e giovedì 14, quando potrebbero anche sussistere le condizioni ideali alla formazione di supercelle (da confermare). Venerdì 15 qualche temporale potrebbe interessare anche i settori interni dell'Italia centrale, mentre un netto rinforzo del Libeccio e del Maestrale porterebbe con sè un sensibile raffreddamento della temperatura ad iniziare dai settori più occidentali. 

Continua qui

METEO ITALIA. 12-13 Luglio, rottura dell'ESTATE. Break di TEMPORALI al NORD

METEO SPIAGGE WEEKEND. Mar Mediterraneo già caldo. La temperatura dell'acqua

 

 

 

Dallas: protesta contro afroamericani uccisi, assassinati 4 poliziotti

Obama: "un problema di tutta l'America, non solo di neri e ispanici"

Quattro poliziotti sono stati uccisi a Dallas in una sparatoria scoppiata sul finire di una manifestazione di protesta contro le uccisioni di afroamericani. Altri sette agenti sono feriti, cinque in modo grave. Proteste contro gli eccessi della polizia anche a New York. Obama, appena giunto a Varsavia per il suo ultimo vertice Nato, lo definisce "un problema di tutta l'America, non solo di neri e ispanici", di fronte al quale la giustizia "è troppo lenta".

Continua qui

Dallas: uccisi 5 poliziotti alla marcia di protesta degli afroamericani. Polizia: "Identificato l'unico killer'

Dallas: ecco le vite spezzate in attacco a polizia

 

LAVELLO, PROCLAMATO IL LUTTO CITTADINO PER LE VITTIME DELL’ESPLOSIONE

La Comunità di Lavello si stringe attorno alle 3 vittime dell’esplosione di una bombola di gas avvenuta nella sera di Mercoledì 6 Luglio 2016.
Il sindaco Altobello, in accordo con il Consiglio Comunale, ha proclamato il lutto cittadino in concomitanza con i funerali delle vittime.

Continua qui

giovedì 7 luglio 2016

Reagisce a offese alla compagna Nigeriano picchiato a morte

È​ morto per le violenze subite Emmanuel Chidi Namdi, 36enne nigeriano, picchiato selvaggiamente a Fermo per aver reagito a epiteti razzisti rivolti alla sua compagna. L'uomo, un richiedente asilo fuggito con la fidanzata 24enne dall'orrore di Boko Haram (in una drammatica traversata in cui la donna ha anche perso un bimbo) e ospitato da settembre scorso dal seminario vescovile della cittadina marchigiana, ieri sera stava passeggiando con la fidanzata in via XX settembre quando un fermano ha iniziato a provocare la coppia, chiamando "scimmia" lei e insultando pesantemente anche lui.

Emmanuel ha reagito alle provocazioni, e l'italiano, un 40enne noto ultrà della squadra locale, ha sradicato un palo segnaletico per usarlo a mo' di spranga, e ha colpito il nigeriano riducendolo in fin di vita. Dopo un giorno di agonia, attaccato al respiratore, questa sera Emmanuel è morto. L'aggressore è stato denunciato a piede libero.

Continua qui

martedì 5 luglio 2016

Bangladesh, a Roma l'aereo con le salme dei 9 connazionali uccisi. Arrestati familiari di 2 terroristi

La polizia bengalese ha ammesso di aver ucciso anche un ostaggio nel corso del blitz 

Il volo con a bordo le salme delle nove vittime italiane della strage in Bangladesh è atterrato all'aeroporto militare di Ciampino. I familiari sono tutti schierati sul piazzale dell'aeroporto. Molti di loro stringono tra le mani le foto dei loro congiunti. Accanto a loro il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Le bare, avvolte dal tricolore, sono state sbarcate dal Boeing 767 del XIV Stormo a Ciampino.
Dopo l'omaggio delle autorità, i cadaveri saranno portati nell'istituto di medicina legale del Policlinico Gemelli dove dopo il riconoscimento da parte dei parenti, saranno sottoposti ad una tac dal professor Tommaso Tartaglione. Domani sono in programma le autopsie.

Continua qui

 

VATICANO: Padre Amorth “Emanuela Orlandi morì in un festino pedofilo nella Santa Sede”

La notizia è sconvolgente, ma è ancora più incredibile la fonte da cui proviene. Per Padre Gabriele Amorth, il più grande esorcista della Santa Sede stimato addirittura dal Papa, Emanuela morì tragicamente in un festino pedofilo consumato in ambienti vaticani. Secondo il religioso, infatti, la sfortunata ragazza rimase impigliata in un’orgia orribile che per lei finì tragicamente. Di questa pista si era parlato già in passato, ma le ipotesi che ha avanzato in questi giorni Padre Amorth, gettano nuova luce su quella sparizione. Padre Amorth tira in ballo alcuni testimoni affidabili e tra questi monsignor Simeone Duca, archivista della Santa Sede, che fece cenno a “festini” e in dico anche la presenza di un gendarme vaticano che si proponeva come “reclutatore di ragazze”. In un’intervista al quotidiano torinese La Stampa, Padre Amorth ha aggiunto anche di più: “Ho motivo di credere – ha detto – che si sia trattato di un caso di sfruttamento sessuale con conseguente omicidio poco dopo la scomparsa e di occultamento del cadavere”. Insomma, Emanuela fu drogata, coinvolta in un festino e poi morì o venne uccisa. Per evitare scandali fu dunque necessario far sparire il cadavere. E qui spunta la figura di Don Vergari, l’ex rettore di Sant’Apollinare che di recente è stato indagato proprio per il caso di Emanuela. Si è per esempio sospettato che sia stato lui a far sparire il corpo della ragazza, ma al momento non ci sono prove e non sono leciti nemmeno sospetti. D’altronde, lo stesso Don Vergari smentisce tutto con sicurezza. Interviene però anche Pietro Orlandi, il fratello di Emanuela, che racconta dettagli della vita segreta di Sanf Apollinare. «Le amiche della scuola di musica di Emanuela – ha affermato – mi dissero che suor Dolores, la direttrice, non le faceva andare a messa o a cantare nel coro a Sanf Apollinare, ma preferiva che andassero in altre chiese, proprio perché aveva una brutta opinione di Don Vergari!».

Continua qui

Trovato nel Tevere il cadavere di Beau Solomon, studente americano scomparso

Il cadavere di Beau Solomon, lo studente americano di 19 anni che era scomparso lo scorso giovedì 30 giugno, è stato ritrovato nel Tevere all'altezza di Ponte Marconi, Il corpo presenta una profonda ferita alla testa: si indaga per omicidio. Testimoni affermano di aver visto un uomo che gettava un corpo nel Tevere giovedì notte. Qualcuno avrebbe poi usato le carte di credito del ragazzo dopo la sua scomparsa.

Continua qui

lunedì 4 luglio 2016

Scontro frontale nel Mantovano, 4 morti e un ferito

Lungo un rettilineo a una quindicina di chilometri da Mantova

Un grave incidente stradale si è verificato al scorsa notte nel Mantovano. Quattro i deceduti, mentre una quinta persona è stata ricoverata in ospedale in condizioni gravi. Lo ha comunicato il 118. E' accaduto all'1.45 sulla  a Marcaria (Mantova) in uno scontro frontale tra un auto e un furgone lungo un rettilineo a una quindicina di chilometri da Mantova, da una parte e il fiume Po, dall'altra. Sul posto sono intervenuti il 118, la polizia stradale e i vigili del fuoco.

Continua qui

domenica 3 luglio 2016

Bangladesh: 'I killer non erano dell'Isis'. Renzi: 'Erano lì per uccidere'

Almeno cinque erano militanti che le forze dell'ordine nazionali stavano cercando di arrestare da tempo.

Gli autori della strage al ristorante di Dacca erano tutti giovani, altamente istruiti e provenienti da famiglie bengalesi benestanti, dove diventare miliziani "è diventata una moda". E' il ritratto spiazzante dei jihadisti fornito oggi dal governo del Bangladesh per bocca del ministro degli Interni Asaduzzaman Khan, secondo cui il commando non aveva alcun collegamento con l'Isis. Secondo Khan, i giovani "erano membri del gruppo jihadista bengalese Jumatul Mujahedeen Bangladesh", dichiarato illegale nel paese da più di dieci anni.

Intanto l'Italia è in lutto per la morte di nove connazionali, uccisi da un commando di militanti jihadisti in un ristorante di Dacca, in Bangladesh. Un aereo con a bordo personale della Farnesina e della presidenza del consiglio è giunto in città con l'obiettivo di riportare appena possibile in Italia i resti delle vittime. Da Città del Messico il presidente Mattarella ha ricordato 'i connazionali vittime di una violenza terrorista che semina morte in tutti i continenti.

 

Continua qui  (IL VIDEO della liberazione degli ostaggi)

 

Dacca, i terroristi erano giovani bengalesi di ricche famiglie

 

 

 

 

Iraq: due attentati a Baghdad, 126 morti

Esplosivo nei quartieri sciiti, l'attacco è stato rivendicato dall'Isis

Sale ancora il bilancio della strage provocata oggi a Baghdad da due autobomba: i morti sono 126, di cui 25 bambini. Lo precisa la polizia secondo quanto riferiscono media internazionali aggiungendo che i feriti sono circa 150. 

L'attacco con un'autobomba ha colpito questa mattina il quartiere di Karada, nel centro della città, una zona che era piena di giovani e famiglie, usciti in strada dopo la fine del digiuno del Ramadan. Nella capitale irachena questa mattina c'è stata anche l'esplosione di una seconda autobomba nella parte orientale. Gli attacchi sono stati rivendicati dall'Isis.

Continua qui

sabato 2 luglio 2016

Bangladesh, 9 vittime italiane accertate nell'assalto dell'Isis a Dacca. Erano in 11 nel locale

Le teste di cuoio liberano 13 ostaggi e uccidono 6 jihadisti. Ieri sera l'attentato del commando di terroristi islamici

Claudio, Adele, Simona e le altre vittime dell'assalto di Dacca

 

Sono almeno venti i civili uccisi nell'assalto jihadista al caffè di Dacca, in Bangladesh, liberato stamattina all'alba da un blitz delle forze speciali. Le vittime sono tutte straniere, tra queste nove italiani. "Sono nove le vittime italiane accertate finora", ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.
Ecco le vittime italiane: sono Adele Puglisi, Marco Tondat, Claudia Maria D'Antona, Nadia Benedetti, Vincenzo D'Allestro, Maria Rivoli, Cristian Rossi, Claudio Cappelli e Simona Monti.
Le autorità di Tokyo hanno annunciato che ci sono sette giapponesi tra le vittime di Dacca, cinque uomini e due donne.
"Abbiamo seguito tutta la notte gli eventi - ha dichiarato Matteo Renzi - sperando in esiti diversi. Ora un velivolo della Presidenza è in volo verso Dacca. Notizie ufficiali" verranno date prima alle famiglie delle vittime. Davanti alla tragedia dell'estremismo radicale, credo sia il momento in cui l'Italia unita dia un messaggio di dolore e compassione. Piangiamo lacrime di solidarietà e cordoglio, ma è anche il momento di lanciare un messaggio di determinazione: l'Italia non arretra davanti alla follia di chi vuole disintegrare la vita quotidiana, siamo colpiti ma non piegati".

Continua qui

Bangladesh: 20 morti tutti stranieri

 

Strage di Dacca, lo chef italiano sopravvissuto: "Cucinavo una pasta, poi gli spari e la fuga"

 

 

 

 

 

 

 

Cambia la tratta italiana della Tav: “Costerà 2,6 miliardi in meno”

Rivisitato il progetto: non sarà realizzata la galleria da 20 chilometri a Torino


Torino
Meno tunnel, utilizzo e adeguamento delle linee esistenti e, soprattutto, meno spese per lo Stato. Il progetto della tratta nazionale della Torino-Lione, quella che da Bussoleno scende verso il capoluogo e raggiunge Settimo, è stato «revisionato» rispetto al preliminare del 2011 e il costo degli interventi scende da 4,3 a 1,7 miliardi. È stato il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, ad annunciare il cambio di passo: «Non sono arretramenti ma adeguamenti, e sono un’intelligente rivisitazione dei progetti per fare le opere nei tempi giusti, con i costi minori e che siano davvero utili».

Continua qui