giovedì 19 gennaio 2017

Cementir: lettere di licenziamento per 23 dipendenti

Arquata Scrivia (AL)

Spedite ieri le lettere di licenziamento per venti tre lavoratori Cementir, "nonostante gli impegni assunti". I sindacati proclamano "sciopero a tempo indeterminato". Gli esuberi avrebbero dovuto essere assorbiti da Cociv, in fase di commissariamento dopo le inchieste giudiziarie di Genova e Torino. E sulle frasi di Pagani (ex Cociv) in relazione al rischio amianto ("tanto la malattia arriva tre trent'anni) il commissario Romano assicura che i controlli sono eseguiti dal Centro Sanitario delle Regione

AGGIORNAMENTO ORE 11.00:
Sciopero a tempo indeterminato. È questa la decisione presa dalle organizzazioni sindacali Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil che, questa mattina, mercoledì 18 gennaio, si sono riunite in assemblea con i lavoratori dello stabilimento arquatese della Cemetir.

"Ancora nulla di fatto per gli esuberi Cementir e l’azienda procede con i licenziamenti, grave atto non solo verso i lavoratori ma anche verso le Istituzioni che si adoperano per il buon fine della vertenza - commentano le tre sigle sindacali" - I lavoratori riuniti in assemblea, con le Rsu, le segreterie di Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil di Alessandria, giudicano grave l’atteggiamento dell’azienda volto a colpire i lavoratori invece di trovare soluzioni. I dirigenti dell’azienda non vogliono attendere gli sviluppi della richiesta di commissariamento del consorzio Cociv e concordare nuovamente la ricollocazione degli esuberi".

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento