lunedì 2 gennaio 2017

Che tempo fa? Perturbazione in lento avvicinamento all'Italia

Alta pressione in cedimento nelle prossime ore sul nostro Paese. Arriveranno piogge al centro e al sud, unitamente a nevicate in Appennino specie martedì 3 gennaio. Pochi o nulli i fenomeni al nord.

 

L'alta pressione che da giorni incombe sulla nostra Penisola mostra segni di cedimento già questa mattina. Lo dimostrano gli addensamenti che transitano tra la Liguria orientale e la Toscana, dove è in atto anche qualche precipitazione.

Questi annuvolamenti sono causati da un flusso umido sud-occidentale (Libeccio) che precede un fronte freddo al momento ubicato sui Paesi dell'Europa centrale (prima immagine).
Nelle prossime ore, il corpo nuvoloso farà progressi verso sud-est e tenderà ad addossarsi all'arco alpino.

I venti umidi da sud-ovest sono quindi destinati ad intensificarsi sulla nostra Penisola. Tali correnti determineranno piogge e qualche rovescio sui settori esposti, ovvero la Liguria di Levante, la Toscana e parte della costa laziale (soprattutto in serata).
Sul resto del nord le nubi tenderanno ad aumentare, ma il rischio di pioggia si manterrà basso, fatta eccezione per qualche precipitazione in serata tra basso Veneto ed Emilia Romagna, unitamente a brevi nevicate sulle Alpi.

Continua qui

Ultime ore:  CONFERME: una forte ondata di FREDDO colpirà la nostra Penisola tra giovedì 5 e sabato 7 gennaio, con nevicate fino in pianura sul medio Adriatico e al sud. Nessuna nevicata sul Tirreno e al nord.

Nessun commento:

Posta un commento