giovedì 9 marzo 2017

Selfie sui binari con treno in corsa, tredicenne travolto e ucciso in Calabria

Tragico gioco di tre ragazzi, forse una gara di resistenza: gli altri due si salvano e fuggono


Scattare un selfie con alle spalle il treno in corsa, da condividere poi sui social. E’ questo il gioco perverso che ha condannato un tredicenne di Petrizzi, paesino del Catanzarese, travolto e ucciso attorno alle 17.30 da un treno in corsa nei pressi della stazione di Soverato. Si trova con due amici, nati come lui nel 2003, su un noto ponte di ferro, in attesa di scattare la foto all’arrivo del treno. Un tratto della ferrovia che corre in aperta campagna, priva di illuminazione, ma ottima come sfondo. Si stavano sfidando a colpi di selfie, forse troppo concentrati sugli schermi dei loro cellulari per rendersi conto della velocità con cui stava arrivando il treno.

Quando l’intercity Taranto–Reggio Calabria è arrivato, in due sono riusciti a scansarsi, il terzo no. Attardatosi sui binari, il tredicenne è stato travolto. Il suo corpo, sbalzato a decine di metri dal punto di impatto. Gli amici che erano con lui non hanno potuto far altro che restare a guardare, inorriditi. Dopo, forse per lo shock, forse per la paura i due si sono dileguati.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento