martedì 2 maggio 2017

Instabilità sempre in agguato al nord e su parte del centro

Non illudano le attuali schiarite, nel pomeriggio-sera sul nord-ovest tornerà l'instabilità che mercoledì si porterà sul Triveneto e giovedì si rinnoverà su gran parte del nord e in parte anche sulle regioni centrali. Venerdì pausa soleggiata, sabato tornano le piogge a partire dal nord-ovest, in estensione anche alle regioni centrali. 

 

FREDDO: al nord è uno degli esordi di maggio più freddi degli ultimi anni con temperature minime anche prossime agli zero gradi su molte zone di pianura ed estese gelate nelle Alpi. Il passaggio perturbato di ieri ha portato la neve in montagna anche a quote sorprendentemente più basse del previsto, specie laddove sono intervenuti rovesci intensi.


SITUAZIONE: un vortice freddo in quota continuerà a coinvolgere il settentrione e parte delle regioni centrali ad intermittenza, determinando condizioni di instabilità sino a giovedì, con fenomeni che tenderanno a riattivarsi dal pomeriggio-sera odierno sul settore nord-occidentale, per poi traslare mercoledì sul Triveneto.

 

EVOLUZIONE: giovedì il vortice freddo, pur attenuato, rinnoverà l'instabilità su gran parte del nord e poi su Toscana, Umbria e Marche, rimarrà ai margini di questa circolazione ciclonica il resto del Paese. Venerdì pausa soleggiata.

 

FINE SETTIMANA: un nuovo vortice freddo giungerà da ovest, accompagnato anche da un possibile minimo depressionario al suolo: esso coinvolgerà il nord e poi anche le regioni centrali, dispensando piogge anche insistente e localmente abbondanti nella notte su domenica 7 maggio.

 

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento