lunedì 8 maggio 2017

Lo Stato non paga, chiude il ristorante che ha aiutato i soccorsi dopo il terremoto

Roma - Potrebbero essere costretti a chiudere. Non per il terremoto ma per le mancanze dello Stato. È la storia dell’unico ristorante rimasto aperto in mezzo alle rovine delle montagne maceratesi, di una famiglia che voleva resistere e di circa 150mila euro di crediti con lo Stato che ora fanno paura più di tutto quello che ha dovuto sopportare in questi lunghi sei mesi. 

Né le scosse, né le macerie, la neve o il paese-fantasma che la circonda erano riusciti a far andare via Silvia Fronzi da Pieve Torina, uno dei borghi delle Marche piegati dal sisma del 30 ottobre scorso. Con la mamma e la sorella di 26 anni gestiscono il ristorante “Il Vecchio Mulino” e hanno continuato a farlo anche quando sembrava solo una follia. È stata invece una scelta naturale, sostiene lei: «Sono stata fortunata, la casa era agibile, anche il ristorante. Abbiamo scelto di tenere aperto e continuare a lavorare. Se non l’avessimo fatto dove avrebbero mangiato i soccorritori?». 

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento