venerdì 2 giugno 2017

Uomo armato, panico nel resort a Manila: almeno 36 vittime. Polizia: "Morti asfissiati, non è terrorismo"

Assalitore si suicida dopo aver appiccato incendio. Secondo Rita Katz, del sito che monitora il jihadismo sul web, un combattente dell'Isis ha rivendicato la responsabilità dell'azione a "soldati lupi solitari del Califfo". Il capo delle forze dell'ordine: "Jihadisti fanno propaganda, è stata rapina al casinò"

Un uomo è entrato in un resort di Manila causando il panico tra la gente. Sarebbero almeno 36 le persone trovate morte e alcune decine si sono ferite nel tentativo di fuggire. Secondo alcune fonti locali, le vittime sarebbero state causate da asfissia. Solo a distanza di alcune ore c'è stata un'irruzione delle forze speciali e l'assalitore si è ucciso. Il capo della polizia metropolitana, Oscar Albayalde, ha detto che la persona sospetta - uno straniero secondo quanto riferito dalla polizia e forse di lingua inglese - è stata trovata senza vita con la sua pistola al quinto piano dell'edificio che ospita il Resorts World Manila. Secondo Albayalde l'uomo si sarebbe sparato. Prima dell'attacco è uscito dall'auto ed è entrato nell'edificio con la pistola in mano. I vigilanti alla porta sono fuggiti dopo aver visto l'uomo armato che, secondo una prima ricostruzione, avrebbe compiuto una rapina nel casinò dopo aver perso i soldi nel gioco.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento