martedì 21 novembre 2017

Esuberi Carige, lavoratori in piazza. In campo i nuovi fondi, il titolo vola

Genova - I 4.800 lavoratori di Banca Carige si spaccano sullo sciopero contro il piano industriale che prevede la chiusura di 120 filiali e il taglio di 1000 dipendenti. Oggi a incrociare le braccia sono solo i bancari che aderiscono all’appello di Fisac Cgil, che ha confermato l’iniziativa chiesta dalle assemblee dei dipendenti organizzando un presidio stamattina davanti al Teatro Carlo Felice di Genova. In mattinata la protesta si è anche spostata davanti alla sede della banca. Tutte le altre sigle - Fabi, First Cisl, Uilca e Unisin - hanno invece revocato lo sciopero a valle di un’intesa sottoscritta in extremis ieri mattina con l’azienda.

Primo sciopero dopo 15 anni
È il primo sciopero da 15 anni, la prima manifestazione di piazza da 20. Il corteo si è mosso dalla centrale piazza De Ferrari ed ha raggiunto la vicina sede della banca proprio mentre arrivava l’Ad Paolo Fiorentino. Per lui fischi e applausi ironici. In un primo tempo questa mattina si è parlato di un incontro alle 14 tra l’Ad e una delegazione della Cgil. Ma alla fine l’incontro non ci sarà.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento