mercoledì 22 novembre 2017

Nube radioattiva sull’Europa: conferme dalla Russia, registrata radioattività 986 volte oltre i limiti

Tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre è stata registrata una nube radioattiva sull'Europa di rutenio. Le conferme dalle autorità russe.

E’ di 986 volte oltre la dose normale la concentrazione di radioattività registrata in Russia negli ultimi giorni di settembre. Ad ammetterlo è la Rosgidromet (Federal Service for Hydrometeorology and Environmental Monitoring) comunicando come sia stata la regione del Tatarstan, nel sud del paese, a registrare le concentrazioni maggiori. La nube radioattiva ha raggiunto i paesi europei, compresa l’Italia. E’ il rutenio ad essere stato individuato dalle rilevazioni. Si tratta di un prodotto utilizzato dagli impianti di lavorazione per uso medico.

 

Era il nove novembre quando le autorità francesi lanciarono l’allarme su concentrazioni elevate di radiazioni in Europa e sul territorio francese tra la fine di settembre e la prima metà di ottobre. Allora le autorità russe avevano smentito eventuali incidenti e la presenza di un’eventuale nube radioattiva. Secondo le prime ricostruzioni la dispersione della sostanza nell’atmosfera non rappresenta una conseguenza di incidenti nella centrale nucleare per la presenza del solo rutenio, senza altri radioisotopi.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento