giovedì 23 novembre 2017

Sottomarino disperso, l'"anomalia acustica" è stata un'esplosione

Il portavoce della Marina argentina ha confermato che la registrazione di uno "strano rumore" proveniente dalle acque dove navigava l'imbarcazione era stata una deflagrazione. Si teme per la vita dei 44 marinai: la riserva d'aria a bordo dovrebbe essere quasi esaurita. La rabbia dei parenti: "Li avete mandati a morire"


BUENOS AIRES - A bordo del sottomarino scomparso c'è stata un'esplosione. Esattamente tre ore dopo l'ultimo contatto radio: alle 10,51 del 15 novembre scorso. Otto giorni dopo la scomparsa del San Juan, davanti all'assenza di qualsiasi massa metallica nelle profondità dell'Atlantico che possa riferirsi all'unità dispersa, il portavoce dell'Armada ha ammesso che quell'"idro-anomalia acustica" rilevata dai sonar e dalle boe immerse in profondità "può essere un'esplosione".

Pressato dai parenti che hanno iniziato a gridare e insultare i responsabili della base del Mar del Plata, Henrique Balbi ha detto: "Si è verificato un evento anomalo, singolo, breve, violento non riconducibile ad un'esplosione nucleare". Le caratteristiche di questa deflagrazione sono state confermate da un'agenzia Onu con sede a Vienna, l'Organizzazione del Trattato sulla messa al bando dei test nucleari globali (Ctbto), che monitora eventuali esperimenti clandestini in giro per il mondo. "Due stazioni idroacustiche della Ctbto, hanno rilevato un evento impulsivo subacqueo avvenuto alle 13.51 GMT del 15 novembre a una latitudine di -46,12 gradi e longitudine di -59,69 gradi", tre ore dopo avere perso i contatti con il sommergibile e vicino alla sua ultima localizzazione. 


Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento