martedì 5 dicembre 2017

Centro di documentazione della Benedicta: la parola ai sindaci e alle Unioni montane


Oggi alle 18,30 seduta del Consiglio del Parco aperta agli amministratori locali: si decide se firmare o meno l'accordo con Provincia e Regione sugli ulteriori 750 mila euro e sulla gestione dell'”ecomostro”.

Sul futuro del centro di documentazione della Benedicta, a Capanne di Marcarolo (Bosio) le Aree protette dell’Appennino Piemontese (l’ex Parco Capanne) oggi ascolteranno i sindaci dei sette Comuni dell’area protetta. È infatti convocata a Bosio alle 18,30 la seduta del Consiglio dell’ente alla quale sono stati inviati gli amministratori di Bosio, Mornese, Lerma, Casaleggio, Voltaggio, Gavi e Tagliolo nonché i presidenti delle Unioni montane Val Lemme e Dal Tobbio al Colma e la Provincia. L’orientamento dei consiglieri del Parco, già espresso in due sedute, è quello di fermare i lavori di questo cantiere aperto nel 2011 sotto i ruderi della ex cascina, nel sacrario della Resistenza, finora costato 750 mila euro e fermo per carenza di fondi. Provincia e Regione ne hanno annunciati altrettanti ma per una destinazione che non piace al Parco, cioè una sorta di archivio di documenti sulla Benedicta e la Resistenza, collocato a 700 metri d’altitudine e quindi poco fruibile per la maggior parte dell’anno.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento