lunedì 18 dicembre 2017

Ultimissime modello europeo: le controanalisi dicono PEGGIORAMENTO dopo Natale...

Anche il modello europeo è allineato con quello americano.

 

Dopo "aver dato di matto" durante le ultime emissioni, proponendo una corrente da ovest così violenta che nemmeno sulle peggiori "montagne russe" del mondo si sarebbe potuta sperimentare, il modello europeo è tornato a mostrare carte più attendibili per gli ultimi giorni dell'anno nell'emissione odierna.
Da mercoledì 27 o giovedì 28 dicembre infatti nella media degli scenari prevede l'inserimento sufficientemente ondulato di correnti perturbate atlantiche, in grado di determinare il veloce passaggio di una perturbazione, che potrebbe essere poi seguita da altri fronti nei giorni successivi, magari accompagnati da saccature più incisive e dunque da precipitazioni più consistenti.
E' appena il caso di aggiungere che ci troveremmo di fronte a peggioramenti di tipo "mite" con una quota neve in Appennino limitata alle cime e sulle Alpi, mediamente oltre i 1200-1300m, ma con limite probabilmente più basso ad ovest e nelle vallate più strette e settentrionali, anche più in alto sulla fascia prealpina più meridionale ed orientale.

Continua qui

Inizio settimana all'insegna del FREDDO sull'Italia

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento