mercoledì 28 febbraio 2018

Carabiniere spara moglie e si barrica in casa con le figlie. Dopo ore di trattative ha ucciso le bambine e si è suicidato

E' accaduto a Cisterna di Latina

Luigi Capasso, il carabiniere che stamani aveva sparato alla moglie a Cisterna di Latina, si è suicidato e nell'appartamento sono state trovate morte le due figlie di 8 e 14 anni. I carabinieri hanno fatto irruzione nella casa, dove l'uomo si era barricato per nove ore con le bambine, dopo che si erano interrotte le trattative da circa un'ora.
Capasso, appuntato dei carabinieri in servizio a Velletri, alcune ore prima aveva sparato con la pistola d'ordinanza alla moglie, Antonietta Gargiulo, di 39 anni, durante una lite avvenuta nel garage e si era poi barricato in casa con le due figlie, di 14 e 8 anni.
La coppia si stava separando.  La moglie del militare è stata raggiunta da più colpi di pistola mentre era in garage, intorno alle 5 di questa mattina, e stava uscendo per recarsi al lavoro, alla Findus di Cisterna. La donna è stata trasportata in gravissime condizioni con l'eliambulanza all'ospedale San Camillo di Roma. Secondo quanto si è appreso da fonti sanitarie, avrebbe tre ferite da colpi d'arma da fuoco: alla mandibola, alla scapola e all'addome.

Continua qui

Effetto Buran sulla pesca, -40% prodotti nei mercati

Federcoopesca, più colpito è il versante adriatico

 

ROMA - Nubifragi, vento e neve costringono molti pescherecci a restare fermi in porto, tanto che per i prossimi giorni è previsto un calo dell'offerta delle produzioni nazionali sui mercati del 40%. A soffrire di più è il versante adriatico, dove in alcune marinerie il 100% della flotta non riesce a lavorare. E' l'effetto Buran nella pesca, fa sapere la Federcoopesca-Confcooperative, nel precisare che al problema della minor pesca si aggiunge quello della viabilità e dei trasporti che spesso rendono difficile il conferimento dei prodotto nei mercati ittici.

Queste ondate di maltempo, precisa l'associazione, hanno il loro effetto non solo nell'immediato, limitando l'attività di pesca, ma spesso lasciano pesanti strascichi per quanto riguarda l'insabbiamento dei porti, come sta accadendo in alcune zone. Da qui la mappatura delle maggiori criticità lungo le coste italiane.

Continua qui

Sgominata 'gang del Torrone', 9 arresti

Specializzati in furti di alimentari, un colpo da 400mila euro

 

Gli agenti della Squadra Mobile di Cremona, con la collaborazione dei colleghi di Foggia e Modena, stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di nove persone,italiane, originarie e residenti in Puglia, Lombardia ed Emilia Romagna appartenenti a un'associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti di ingente valore di prodotti alimentari, commessi o tentati tra marzo e settembre 2015 in varie province del Centro e del Nord Italia. 

Continua qui

Carabiniere spara moglie si barrica con figlie, donna gravissima

E' accaduto a Cisterna di Latina

Un appuntato dei carabinieri in servizio a Velletri ha sparato con la pistola d'ordinanza alla moglie durante una lite, avvenuta nel garage, e si è poi barricato in casa con le due figlie, di 14 e 8 anni. E' accaduto a Cisterna di Latina, dove l'uomo risiede. La situazione è seguita dai carabinieri del comando provinciale di Latina e dal comandante provinciale Gabriele Vitagliano, che si è recato sul posto. E' in corso una trattativa per convincerlo a desistere.
 Sembra che la coppia si stesse separando.
La moglie del militare, una 39enne, è stata raggiunta da più colpi di pistola mentre era in garage, intorno alle 5 di questa mattina, e stava uscendo per recarsi al lavoro, alla Findus di Cisterna. La donna è stata trasportata in gravissime condizioni con l'eliambulanza all'ospedale San Camillo di Roma. 

Continua qui

EDIZIONE meteo STRAORDINARIA: dopo il FREDDO, la NEVE per qualche ora abbraccerà quasi tutta l'Italia!

L'estensione del freddo e lo scorrimento dell'aria umida e mite in seno al fronte caldo in risalita verso nord consentiranno per qualche ora di ritrovare un'Italia nordica con la neve che potrebbe cadere dall'ovest delle Alpi sino alla Calabria, con altri fiocchi non esclusi su Roma e Napoli, sicuri a Firenze e giovedì su tutto il nord. Appendice nevosa venerdì e sabato su parte del settentrione, specie il settore occidentale, l'Emilia e i fondovalle alpini a quote basse.

 

EMOZIONANTE: raramente nella nostra carriera professionale avevamo visto una mappa neve sull'Italia, pur non diffusa, che si estendesse contemporaneamente dalle Alpi occidentali alla Calabria, coinvolgendo praticamente tutte le regioni. Eccola! La vedete qui a fianco, e segnala che questa sera, anche se solo per qualche ora e sfruttando il freddo accumulatosi sul Paese, l'aria più mite ed umida potrà favorire nevicate di addolcimento su molte regioni a partire dal nord-ovest e persino su Roma e Napoli si potrebbe rivedere qualche fiocco prima del passaggio a pioggia.

FREDDO: stamane si segnalano ancora valori notevoli su molte città e zone di montagna, a conclusione di questa intensa, anche se breve ondata di freddo siberiano. Il freddo ora si ritirerà sul settentrione, dove si radicherà almeno sino a sabato, favorendo ulteriori episodi nevosi a bassa quota.

SITUAZIONE: la massa d'aria di estrazione siberiana tende ad abbandonare l'Italia ma rimarrà comunque determinante per le nevicate in arrivo da fronte caldo dalla serata odierna. Sul settentrione oltretutto si manterrà uno strato freddo di notevole spessore. L'aria fredda siberiana tenderà nel frattempo a convergere in una depressione a ridosso dell'Iberia che spingerà diversi corpi nuvolosi in direzione dell'Italia nel corso dei prossimi giorni. Al centro e al sud tra giovedì e venerdì significativo rialzo delle temperature, che si porteranno su valori molto miti in Sicilia.

 

Continua qui 

 

Ninfe e tritoni gelati, lo spettacolo delle fontane a Roma

 

Slovacchia, giornalista ucciso indagava su legami politica-ʼndrangheta

Kuciak ha lavorato per più di un anno sui legami dellʼorganizzazione mafiosa con esponenti politici di vertice nel suo Paese

Jan Kuciak, il reporter slovacco ucciso con la fidanzata, aveva lavorato "per più di un anno" sulle attività della 'ndrangheta in Slovacchia e sui legami dell'organizzazione mafiosa con esponenti politici di vertice nel suo Paese. Lo ha confermato Marek Vagovic, il capo dell'unità investigativa del sito dove Kuciack lavorava, Aktuality.sk. Ora, in seguito all'omicidio del reporter, tanti suoi colleghi sono stati messi sotto protezione dalla polizia.

Continua qui

Italia sotto zero, due clochard morti di freddo a Milano e Ferrara

Inutile lʼintervento del personale del 118 che ha tentato di rianimare il senzatetto milanese. Sala: "La legge non ci permette di obbligare i senzatetto ad accettare il nostro aiuto"

Due clochard sono morti di freddo in queste gelide giornate di fine febbraio. Un senzatetto di 47 anni è stato trovato senza vita a Milano, stroncato da un attacco cardiaco provocato probabilmente dal gelo della notte, con le temperature scese di diversi gradi sotto lo zero. Un altro, un irlandese di 60 anni, è deceduto in una pineta a Lido delle Nazioni, sulla costa ferrarese. Il corpo era all'aperto, vicino a una roulotte dove viveva accampato.

Continua qui

Il maltempo congela i trasporti, ritardi e cancellazioni di treni | Le Ferrovie: "Chiediamo scusa"

LʼItalia sotto la morsa della neve: ecco le foto dal satellite

 

 

martedì 27 febbraio 2018

'Donne abusate da operatori Onu e ong in Siria'

Cooperante a Bbc, hanno tollerato abusi per consegnare più aiuti

Donne siriane sono state abusate da operatori dell'Onu e di altre ong che scambiavano cibo e altri aiuti con "favori sessuali". Lo rivela in un'intervista alla Bbc la cooperante Danielle Spencer. Un fenomeno così diffuso, racconta, che molte donne siriane ormai si rifiutano di andare presso i centri di distribuzione degli aiuti perche' temono di essere 'ricattate'.

 "L'Onu e il sistema in genere hanno deciso di sacrificare il corpo delle donne". E' l'accusa della cooperante nell'intervista nella quale rivela che le donne siriane sono state sistematicamente abusate da operatori umanitari in cambio di aiuti. "E' un problema che si conosce da sette anni" e, nonostante l'Onu negli anni abbia documentato il fenomeno in diversi rapporti, la questione è stata "volutamente ignorata".

Continua qui

Maltempo: Polonia, 5 morti assiderati

53 le vittime per il freddo da novembre scorso

(ANSA) - VARSAVIA, 27 FEB - Cinque persone sono morte assiderate la notte scorsa in Polonia portando così a 53 i decessi dovuti al gelo dall' inizio del novembre scorso. Lo rende noto il Centro della sicurezza del governo di Varsavia. I media locali informano che in alcune zone del paese le temperature sono scese anche a meno 26 gradi sotto e avvertono che pure durante le prossime notti la situazione a causa del freddo esigerà massima attenzione soprattutto pensando ai senzatetto.

Continua qui

La val Borbera nella morsa di Burian: minime a -16

La temperatura più bassa a Capanne di Cosola, con oltre 16 gradi sotto zero. Ma un po' tutta la val Borbera è nella morsa del gelo. Temperature rigide anche in val Lemme (a Marcarolo -13). In pianura si rimane tra i 4 e i 7 gradi sotto zero
 
NOVI LIGURE – Val Borbera nella morsa del gelo. I dati rilevati dalle stazioni meteo dell’Arpa, l’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, sono impietosi: in provincia di Alessandria, la temperatura più bassa è stata rilavata a Capanne di Cosola, a 1.550 metri sul livello del mare, dove la colonnina di mercurio si è fermata a –16,1 gradi di minima. Non che la massima sia stata molto più elevata: –11,6 gradi.

Un po’ in tutta la val Borbera le temperature sono state molto basse. Le minime hanno toccato –13,3 gradi a Carrega Ligure, –9,6 a Roccaforte e –6,4 a Cabella. Sul versante opposto, a Caldirola, a 1.190 metri la minima è stata di –12,3 gradi.
 
Continua qui

lunedì 26 febbraio 2018

Per Juventus-Atalanta nuovo rinvio per NEVE anche in Coppa Italia?

Sembra incredibile ma è assolutamente possibile.

 

Domenica 25 febbraio la partita di campionato Juventus-Atalanta è stata rinviata per neve. Succederà anche per la partita di ritorno della Coppa Italia prevista per mercoledì 28 febbraio alle 20.45?

Sembra di si.

Le precipitazioni nevose, con temperature al di sotto dello zero, dovrebbero cominciare ad investire Torino dalle 21 circa secondo alcuni modelli, e non ci metterebbe molto a trasformare il campo in una lastra di ghiaccio, portando l'arbitro ad un clamoroso secondo rinvio dopo quello occorso in campionato.

Continua qui

Neve a Napoli: Vesuvio completamente imbiancato

Neve in collina a Napoli, ed il Vesuvio è innevato: nel capoluogo e nei comuni della provincia di Napoli si segnalano questa mattina gelo e pioggia. A Ercolano (Napoli) il Comune ha disposto la chiusura della strada comunale di accesso al cratere del Vesuvio, nel tratto compreso tra località La Siesta e piazzale quota 1000.  Sospese le visite al Cratere – secondo quanto comunica l’Ente Parco Vesuvio – da oggi e fino al 28 febbraio.
Ricoperto di neve da cima a valle il Vesuvio. Scuole chiuse nei comuni di San Giuseppe Vesuviano, Ottaviano, Somma Vesuviana.

Continua qui


Maltempo, il Burian sferza l’Italia: GELO incredibile al Nord, tanta NEVE al Centro fino a ROMA e NAPOLI. Ai margini il Sud

 

MOLTO FREDDO anche mercoledì mattina! Anche sotto i -25°C sulle Alpi!

 

Le NEVICATE in arrivo tra mercoledì e giovedì sull'Italia

Classica nevicata di addolcimento in arrivo tra mercoledì e giovedì a chiusura dell'episodio di gran freddo.

 

Il grande freddo è arrivato e raggiungerà un picco clamoroso nella giornata di martedì, con valori anche sino a -15°C a 1500m al nord e di -12°C al centro. Intense le gelate attese nelle prossime due notti.

Nel corso di mercoledì le correnti ruoteranno dai quadranti meridionali in quota,
mentre al nord si manterranno orientali al suolo.
Il tutto andrà ad annunciare l'arrivo di un fronte caldo che coinvolgerà gran parte del Paese, presentandosi più attivo tra Emilia-Romagna, Lombardia e regioni di nord-est.

Il gran freddo accumulato consentirà comunque nevicate anche su molte zone del centro e inizialmente pure del sud. 

Continua qui

Maltempo, non bastano le previsioni: Roma nel caos. Treni bloccati alla Stazione Termini

Molti bus sono fermi nelle rimesse. Il Campidoglio ai romani: "Limitate gli spostamenti". Ed è polemica per l'assenza della Raggi: è in Messico per un convegno




ROMA - Tutte le previsioni sono state rispettate: Roma si è risvegliata sotto la neve caduta abbondante nella notte. Ma sapere che oggi Burian, il freddo gelido proveniente dalla Siberia, avrebbe determinato precipitazioni insolite per la Capitale non sono bastate a fare in modo che la città fosse preparata ad affrontarle. Nonostante la decisione di chiudere le scuole, l'attivazione del piano neve e la circolazione metro regolare, infatti, sono tantissimi i disagi che i cittadini devono affrontare in queste ore per spostarsi lungo le strade imbiancate.

E il Campidoglio avvisa i romani: "Siamo al lavoro per garantire la percorribilità delle strade a fronte della nevicata eccezionale che ha interessato questa notte la Capitale. Si invitano i cittadini a limitare i propri spostamenti allo stretto necessario" si legge su Facebook nel profilo dell'assessore all'Ambiente di Roma Pinuccia Montanari.


Continua qui 

Straordinaria nevicata su Roma! Tra poco miglioramenti...


Ultimi aggiornamenti:

LIGURIA nella morsa del GELO: -18° ai 1789 metri del Monte Bue, in Val d'Aveto!

GIOVEDI nevicata di addolcimento al nord confermata, sia pure con coinvolgimento maggiore della Liguria, della bassa Lombardia, del Triveneto e dell'Emilia-Romagna. 

Una intensa nevicata si è verificata questo pomeriggio su Sanremo (Imperia), località decisamente poco predisposta ad ospitare eventi nevosi sino a quote litoranee che hanno tempi di ritorno molto lunghi.

E' di -34,9 gradi la temperatura registrata alle 7.50 dalla stazione meteorologica installata a 4.750 metri di quota al Colle Major, sul Monte Bianco, la più alta d'Europa (24 ore prima era di -23). Burian, il vento gelido siberiano, fa sentire i suoi effetti anche sulle cime della Valle d'Aosta. Restando sul massiccio del Monte Bianco ma scendendo ai 3.466 metri della stazione di Punta Helbronner, la temperatura poco dopo le 7 era di -24 gradi reali (24 ore prima era di -10), quella percepita al vento di -34. Alle ore 8 la stazione dell'aeronautica militare sul ghiacciaio del Plateau Rosà, a 3.488 metri sul Cervino, ne segnava -24 (-12 domenica alle 9). Scendendo di quota, ai 2.050 metri di quota di Cervinia, alle 9 si registrano -18,1 gradi, contro i -5 di appena 24 ore prima. Nel resto della regione alpina le minime vanno dai -16,3 gradi di Gressoney-La-Trinité ai -17,8 di La Thuile; nel fondovalle dai -9,1 gradi di Courmayeur delle ore 8 (erano -2 solo 24 ore prima) ai -4,2 di Aosta (0,5).


 

La Bora gela Trieste. Temperature da brividi: - 40 nel Vicentino e -21,5 sullo Zoncolan

domenica 25 febbraio 2018

Venezia, crolla un pilone sul ponte della Libertà: bloccato l'accesso alla città“

Crollo pilone | Ponte della Libertà | Venezia | Traffico
Viabilità in tilt. Un testimone: "Pochi secondi e saremmo stati travolti in pieno"
 


Crollo pilone | Ponte della Libertà | Venezia | Traffico
Il forte vento questa mattina ha divento un pilone della segnaletica stradale su Ponte della Libertà a Venezia. L'intera struttura è finita lungo la carreggiata, bloccando il traffico in direzione della città lagunare.

Sul posto la polizia locale e tre squadre dei pompieri, scortati dai vigili contromano per raggiungere il luogo delle operazioni ed è intervenuta una autogru per mettere in sicurezza l'area.
Il pilone numero 70 è caduto perpendicolarmente rispetto al senso di marcia, ma per fortuna nessun veicolo è rimasto coinvolto. Tutti i mezzi pubblici, vista la strada interdetta, sono stati per il tempo necessario deviati verso la stazione ferroviaria di Mestre, da lì l'unica possibilità per raggiungere Venezia è prendere il treno. Si sconsiglia di prendere l'auto per raggiungere il capoluogo lagunare.



Potrebbe interessarti: http://www.today.it/cronaca/crollo-pilone-ponte-della-liberta-venezia-traffico.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930
Continua qui

Fotoracconto: L'appennino sotto la neve

Maltempo: freddo, neve e vento forte da Nord a Sud. Neve attesa anche a Roma: domani scuole chiuse

Alle elezioni debutta la scheda antifrode: cos'è e come funziona“

Elezioni politiche 2018 | Scheda elettorale antifrode | Cosa è | Come funziona
E' una delle tante novità introdotte dal Rosatellum: nuova legge elettorale, nuova scheda, per evitare il voto di scambio. Cosa cambia per gli elettori alle urne




Elezioni politiche 2018 | Scheda elettorale antifrode | Cosa è | Come funziona „ Si è discusso molto delle novità di questa prima tornata elettorale con il Rosatellum, ma ce n'è una - importante - di cui finora si è parlato meno: la nuova scheda elettorale "antifrode". Domenica 4 marzo gli elettori che si recheranno ai seggi si vedranno consegnati una scheda provvista "di un apposito tagliando rimovibile, dotato di codice progressivo alfanumerico generato in serie, denominato 'tagliando antifrode', che è rimosso e conservato dagli uffici elettorali prima dell'inserimento della scheda nell'urna". La nuova legge elettorale, il Rosatellum, appunto, ha introdotto questa novità, come si legge nell'articolo 1 comma 18, che riscrive l'articolo 31 del Dpr 361/1957. Spiega il sito del Dipartimento per gli Affati Interni e Territoriali del Viminale:

Elezioni politiche 2018 | Scheda elettorale antifrode | Cosa è | Come funziona
Le nuove schede elettorali sono dotate di un'appendice cartacea munita di un "tagliando antifrode" con un codice progressivo alfanumerico generato in serie; dopo che l'elettore ha votato ed ha restituito la scheda al presidente del seggio debitamente piegata, tale appendice con il tagliando è staccata dalla scheda e conservata dai componenti dei seggi elettorali, che controllano se il numero del tagliando sia lo stesso di quello annotato prima della consegna della scheda all'elettore; solo dopo tale controllo il presidente del seggio inserisce la scheda stessa nell'urna.

Elezioni politiche 2018 | Scheda elettorale antifrode | Cosa è | Come funziona
La novità è stata inserita nella legge con un emendamento presentato dai deputati Pd Paolo Coppola e Sergio Boccadutri. L'intento è quello di "evitare lo scambio con frode di schede precompilate", aveva spiegato il dem Emanuele Fiano, relatore del Rosatellum. Non sarà possibile quindi inserire nelle urne schede contraffatte compilate in precedenza fuori dal seggio, contrastando così il reato di voto di scambio.
Cont“





Continua qui

A Ghouta l'umanità è di nuovo morta: carneficina di bambini...

Il bilancio delle vittime del bombardamento è spaventoso. E come sempre i più piccoli sono i più colpiti.

I civili, ma soprattutto tanti bambini. Il numero non è preciso. Alcune fonti dicono 47, altre 30. Ma siamo di fronte all’orrore. Un orrore che appare lontano agli occhi distratti di una classe politica più impegnata a respingere i migranti che a far cessare le guerre che ha alimentato. Ma quello che è accaduto è troppo grave per tacere: “Se le notizie sugli ultimi attacchi aerei nel Ghouta Orientale saranno confermate, ieri in Siria sono morti altri 100 civili (il bilancio aggiornato è di 200, ndr) di cui decine di bambini. Bambini che si uniscono ai 60 uccisi nel solo mese di gennaio e alle migliaia di vittime di questa guerra. È un eccidio peggiore di quello di Aleppo" - ha detto Andrea Iacomini, portavoce dell’Unicef Italia.

 "Sette anni di guerra hanno portato la Siria al collasso: nel Ghouta orientale, dove vive il 95% dei siriani sotto assedio oggi, mancano i servizi fondamentali come scuole ed ospedali e i beni di prima necessità come cibo, acqua e medicine. È una vera emergenza umanitaria" - ha continuato Iacomini - "Solo negli ultimi mesi la malnutrizione è aumentata di cinque volte, centinaia di bambini sono gravemente malati e hanno bisogno di lasciare la città per essere curati".

Continua qui

Il GELO sta arrivando...

Punte sotto i -20° sono già presenti sull'Europa centro-orientale...

 

Questa mattina non vi facciamo vedere una mappa di previsione, bensì LA REALTA', ovvero le temperature che si stanno registrando questa mattina sul nostro Continente. Vi consigliamo di ingrandire la mappa per avere un migliore riscontro visivo.

Con la linea bianca abbiamo evidenziato l'avanzata del GELO da est verso ovest. L'aria gelida di matrice continentale sta dilagando a macchia d'olio sfruttando le basse temperature già presenti al suolo prima che il gelo arrivi.

L'aria fredda sta entrando anche in Italia dalla Porta della Bora, con la "vedetta" Trieste già sottozero di alcuni gradi.

Continua qui 

Il GELO di lunedi 26 e martedi 27 febbraio (LE MAPPE)

Tutto il meteo tra domenica 25 febbraio e domenica 4 marzo! 

 

 

sabato 24 febbraio 2018

Borsalino, la Guardia di finanza sequestra il marchio: ora si può vendere

Alessandria - La Guardia di Finanza ha sequestrato il marchio Borsalino, con un provvedimento chiesto dalla Procura della Repubblica di Alessandria e convalidato dal gip. Lo si apprende da ambienti vicini alla storica azienda, dichiarata fallita a fine 2017. Erano stati i curatori fallimentari, Stefano Ambrosini e Paola Barisone, ad attivarsi per il sequestro, autorizzati dal giudice delegato al fallimento. Il sequestro riunifica sia la fabbrica sia il marchio, che è il valore principale, nelle mani di un unico soggetto: la curatela fallimentare.

Continua qui

In Italia arriva il gelo siberiano, ok, ma nell’Artico ci sono 25 gradi oltre la media

Il weekend inizia sotto la neve e vedrà entrare il vento gelido siberiano, che abbasserà le temperature fino a una decina di gradi sotto lo zero. E’ un po’ anomalo che il freddo arrivi alla fine della stagione invernale, ma era già successo. Ricordiamoci, invece, che nell’Oceano artico ci sono 25 gradi sopra la media.

Il commento di Luca Mercalli video

 

venerdì 23 febbraio 2018

Muore intossicata per il monossido: sesta vittima in provincia dall’inizio dell’anno

Castellazzo Bormida (AL). Il monossido di carbonio ha fatto un’altra vittima in provincia di Alessandria, ed è già la sesta dall’inizio dell’anno. Il gas killer, ancora una volta sprigionato da un braciere artigianale, ha colpito questa volta a Castellazzo Bormida, in una abitazione in via Rampina Gioia, nella notte tra mercoledì e giovedì. La vittima è una donna di 57 anni, Costanza Diana.
Costanza si era coricata con il marito nella camera matrimoniale, al primo piano dell’abitazione. Secondo una prima spiegazione la donna non sarebbe in stato di prendere sonno, ed era quindi salita al piano di sopra, che non è riscaldato. La donna avrebbe così deciso di creare un po’ di tepore con un braciere improvvisato, bruciando tizzoni di legna in un secchio di latta. 

Continua qui

Siria, nuovi raid su Ghouta

Continuano i raid aerei governativi siriani su Ghouta, l'area a est di Damasco controllata dai ribelli. Secondo l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria in sei giorni di offensiva sono più di 400 i civili uccisi: di questi 96 sono minori. La Turchia chiede a Russia e Iran di fermare i bombardamenti. "Sono inaccettabili", ha detto il ministro degli esteri turco, Mavlut Cavusoglu, durante una conferenza stampa ad Ankara. 

Continua qui (video)

SEVERA ONDATA DI GELO ALLE PORTE

Continua qui

Previsioni Liguria

Meteo. In arrivo FORTE ONDATA DI GELO SIBERIANA. Italia coinvolta da domenica

 

Trump vuole armare gli insegnanti americani

L’ipotesi ha lo scopo di scoraggiare i troppi episodi di violenza scolastica. Il presidente Usa ha ascoltato sopravvissuti, insegnanti e genitori delle vittime


Il presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, sta pensando di dotare gli insegnanti di un’arma di servizio e di dare loro la formazione necessaria per poterne fare uso.

Per il momento si tratta solo di un’ipotesi, nata in seguito ai tanti episodi di violenza che hanno visto come teatro le scuole, l’ultimo dei quali risale al 14 febbraio appena trascorso ed è costato la vita a 17 persone.

Nel primo scorcio di questo 2018, sono già sette le sparatorie nelle scuole che hanno mietuto vittime o feriti motivo per il quale Trump ha ascoltato alla Casa Bianca una delegazione di sopravvissuti, di genitori delle vittime e di insegnanti.

Continua qui

Bollette, per i morosi pagano tutti. Debito di 200 milioni da dividere

Si tratta degli oneri di sistema. Consumatori furiosi: ricorsi al Tar

Roma, 23 febbraio 2018 - Dopo le bollette su 28 giorni, si apre il fronte delle morosità spalmate in bolletta a tutti gli utenti, compresi quelli perfettamente in regola con i pagamenti. Il conto provvisorio è 200 milioni ma potrebbe superare il miliardo di euro, che è il totale delle morosità complessive rivendicate dalle società elettriche. La delibera dell’Autorità dell’energia, che in realtà si limita a ratificare le sentenze del Tar e una del consiglio di Stato (2182/2016), spiega che la legge pone in capo ai clienti finali, e non alle imprese di vendita, gli oneri generali di sistema pagati ai distributori. Ed è solo la prima tranche della torta di debiti da spalmare sulle bollette.

Ma cosa sono gli oneri di sistema? Rappresentano il 19% della bolletta, dentro ci sono una molteplicità di voci: messa in sicurezza del nucleare, incentivi alle fonti rinnovabili, promozione dell’efficienza energetica, agevolazioni per la rete ferroviaria, sostegno alla ricerca, agevolazioni agli energivori e oneri per il bonus elettrico. Le sentenze della giustizia amministrativa nascono dai ricorsi delle aziende fornitrici che, è il caso di qulle di piccole dimensioni, si sono ritrovate in crisi quando hanno dovuto pagare ai fornitori gli oneri di sistema senza che le fatture dei propri clienti fossero saldate. Il risultato, però, è tipicamente all’italiana: utili privati e debiti socializzati. Anche perché si stima che solo il 2,3% dei clienti domestici non sia in regola con i fornitori di energia. Questo significa che il 97,7% delle famiglie italiana dovrà pagare debiti non suoi. Secondo l’ultimo ‘Monitoraggio retail’ dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), nel 2016 le morosità del sistema elettrico incidevano per ben 6 miliardi di euro (di morosità totali) su un ammontare di 61 miliardi di fatturazione complessiva. Tra i morosi – denuncia l’associazione consumatori Codici – solo 1,4 miliardi sono addebitabili ai consumatori domestici mentre i restanti 4,6 miliardi si riferiscono a utenti di altri usi e media tensione, principalmente Pa, partite Iva e soggetti diversi dal consumatore domestico.

Continua qui 

 

Bolletta elettrica: info su oneri di sistema

giovedì 22 febbraio 2018

Inchiesta rifiuti: nuovo video di Fanpage, affari verso il Nord

Diffuso spezzone del quarto video, sarebbe coinvolta la moglie di un ufficiale dei carabinieri

"Questi sono soldi della camorra? Va bene, dov'è il problema". Fanpage.it diffonde una nuova anticipazione, il quarto video dell'inchiesta Bloody Money. Nel video si vede Nunzio Perrella, ex boss della camorra infiltrato per Fanpage.it, mentre con una interlocutrice discute chiaramente di denaro della camorra da utilizzare per un affare. 

Nel video si vede una donna che incontra la fonte "infiltrata" di Fanpage.it per parlare di un business, la costruzione di un sito di stoccaggio a Marghera. La signora, secondo Fanpage.it, "è la moglie di un colonnello dei carabinieri, che funge da intermediario per una cordata di imprenditori.

Continua qui

mercoledì 21 febbraio 2018

La cassaforte che ha comprato il Milan era già vuota

di Milena Gabanelli e Mario Gerevini


Siamo a Shenzhen nel sud della Cina, 10 milioni di abitanti a ridosso di Hong Kong. Ci sono un imprenditore, due banche e un tribunale: il cinese è titolare di una holding insolvente, le banche creditrici gli hanno fatto causa e il tribunale ha stabilito che, per saldare i debiti, il patrimonio della holding vada all’asta. Una storiella orientale apparentemente insignificante se il cinese con il patrimonio all’asta su Taobao (eBay cinese) non fosse Yonghong Li, l’imprenditore che ha pagato 740 milioni alla Fininvest per comprarsi il Milan.




L’ordine è arrivato dal tribunale del distretto di Futian: «Vendete all’asta il 2 febbraio» (data poi rinviata) la partecipazione (11,39%) che la cassaforte di Li possiede nella società di packaging Zhuhai Zhongfu, quotata alla Borsa di Shenzhen. Valore circa 60 milioni, ma il ricavato andrà a risarcire le banche.


Pochi giorni fa, inoltre, la China Securities Regulatory Commission, la Consob di Pechino, ha comunicato l’avvio di indagini per presunti illeciti sul mercato commessi dalla holding che si chiama «Shenzhen Jie Ande»: ha tenuto nascoste per mesi la sentenza e l’insolvenza.

Continua qui (video) 

.

Il caso Embraco, spiegato

Le cose da sapere sulla chiusura di uno stabilimento di compressori per frigoriferi in provincia di Torino e la reazione del governo italiano
 
Il presidente della regione Piemonte, Sergio Chiamparino, e il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda. Roma, 19 febbraio 2018 (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Stamattina diversi quotidiani hanno aperto le loro prime pagine con la vicenda di Embraco, l’azienda brasiliana del gruppo Whirlpool che ha deciso di licenziare 500 persone nel suo stabilimento a Riva di Chieri (Torino) e di trasferire la produzione di compressori per frigoriferi in Slovacchia. Il caso va avanti da un mese ma ieri è tornato attuale a causa delle dichiarazioni molto battagliere del ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, che ha interrotto le trattative con l’azienda per salvare i posti di lavoro, accusandola di «totale irresponsabilità». Per oggi è previsto un incontro fra Calenda e Margrethe Vestager, la Commissaria europea alla concorrenza, per capire se la decisione di Embraco rispetti le norme europee.

Dall’inizio
Lo stabilimento di Riva di Chieri era stato costruito negli anni Settanta da Fiat Aspera, la divisione di Fiat che produceva frigoriferi. Nel 1985 Fiat vendette il comparto Aspera a Whirpool, la principale multinazionale americana di elettrodomestici, che investì molto e spinse la produzione al massimo. Alla fine degli anni Novanta lo stabilimento impiegava circa 2.500 persone. Nel 2000 Whirpool lo cedette alla sua controllata Embraco, e iniziarono le difficoltà. Repubblica ricorda che la primissima crisi avvenne nel 2004, quando Embraco aprì uno stabilimento in Slovacchia e ridusse il lavoro a Riva di Chieri:
Embraco annuncia 812 esuberi. La Regione stanzia 7,7 milioni e si compra una parte dello stabilimento con l’obiettivo di affittarlo ad altre imprese, il governo mette altri 5 milioni, mentre la Provincia di Torino eroga 500 mila euro per la formazione. In cambio, Embraco investe e fa ripartire la fabbrica. Circa 420 addetti vengono lasciati a casa con la promessa di essere assunti dalle aziende in arrivo nell’area, ma l’operazione non decolla.
Nel 2014 Embraco minacciò di nuovo di lasciare l’Italia. Per farle cambiare idea, la Regione firmò un protocollo di intesa di due milioni di euro, e in cambio Embraco si impegnò a fare nuovi investimenti. Nel frattempo i dipendenti hanno continuato a diminuire, fino ad arrivare ai 537 di oggi.

Continua qui 
 

L’economia è ripartita ovunque, ma c’è un ma

 

 

Valsusa, il governo ammette le ragioni No Tav: “le previsioni di crescita di traffico erano errate”


Un documento della Presidenza del Consiglio dei ministri ammette quello che il movimento NO TAV dice da anni. Non ci sarebbe nessun aumento del trasporto merci a giustificare la grande opera. “Le previsioni di crescita erano false, non erano sbagliate” dice Guido Fissore, storico attivista valsusino

Nel solito silenzio complice della stampa mainstream, è stato pubblicato pochi giorni fa un documento della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal titolo “Adeguamento asse ferroviario Torino Lione. Verifica del modello di esercizio per la tratta nazionale lato Italia 1-2030.” I contenuti del  documento possono lasciare allibiti chi è solito ascoltare il discorso politico nazionale sulla questione TAV. A pagina 58, parlando delle previsioni di crescita del traffico merci, si legge “Non c’è dubbio infatti che molte previsioni fatte quasi 10 anni fa, in assoluta buona fede, anche appoggiandosi a previsioni ufficiali dell’Unione Europea siano state smentite dai fatti, soprattutto per effetto della grave crisi economica di questi anni che ha portato anche a nuovi obiettivi per la società, nei trasporti declinabili nel perseguimento di sicurezza, qualità, efficienza.” Quindi la sicurezza e la qualità nei trasporti sono nuovi obiettivi che si perseguono solo quando c’è crisi. Quando non c’è crisi invece cosa si persegue? Le spese inutili e folli? L’insicurezza?

Continua qui

Meteo a 7 giorni: depressione sull'Italia ma tutti pensano all'irruzione fredda di domenica...

Previste precipitazioni anche generose al centro e al sud sino a sabato, a tratti coinvolto anche parte del nord, poi irruzione fredda probabile soprattutto nel nord Italia, in parte anche al centro.

 

C'è grande fermento intorno alla massa d'aria gelida in discesa dal Polo, in movimento poi sulla Russia e infine in sfondamento sul centro Europa entro domenica. I principali modelli matematici stanno cercando di delineare una linea comune sulla sua traiettoria.
Al momento proprio l'Italia e il Mediterraneo centrale sembrano le aree in cui la previsione si mostra meno affidabile, non tanto sul nostro settentrione, dove l'aria fredda dovrebbe sfondare senza grossi problemi, quanto piuttosto al centro e al sud. Proprio il meridione infatti potrebbe rimanere ai margini di questa irruzione. 

Del resto la lingua gelida sta mostrando un percorso molto lineare solo secondo alcuni modelli, mentre altri la vedono particolarmente ballerina e la spostano di continuo anche di diverse centinaia di km più a nord o più a sud. Da lì il margine di incertezza che continua ad esserci, pur con qualche rassicurazione rispetto alle ultime emissioni.

 

Continua qui 

 

Meteo, in Liguria arriva il 'Burian': scatta l'allerta neve anche sul mare

Meteo a 15 giorni: l'Europa nel FREEZER...e l'Italia?


GRANDE FREDDO: ecco le temperature previste a 1500 metri tra domenica e lunedi

 

 

 

lunedì 19 febbraio 2018

Sylvester Stallone morto? L’attore risponde pubblicando il poster di Creed 2

Alla fake news sulla sua morte la star replica condividendo la locandina fan made del nuovo film atteso per fine 2018 


Sylvester Stallone è morto? E’ questa la domanda che milioni di fan in tutto il mondo si stanno ponendo dal momento che in rete gira la voce secondo cui l’attore sarebbe deceduto in seguito a un tumore alla prostata di cui nessuno sapeva nulla. Per fortuna si tratta solamente dell’ennesima fake news che ha inutilmente allarmato gli estimatori dell’artista, che – a suo modo – ha risposto a questa bufala facendo sapere che è vivo e vegeto.

Continua qui

Facevano prostituire la figlia di 9 anni, genitori arrestati

Arrestati anche i due uomini con cui la bambina ha avuto rapporti sessuali a pagamento

Facevano prostituire la figlia di nove anni: con l'accusa di violenza sessuale e sfruttamento della prostituzione minorile sono stati arrestati dai carabinieri il padre e la madre della piccola vittima. I fatti si sono svolti in un paese del Palermitano. Oltre alla coppia sono stati arrestati i due uomini con cui la bambina ha avuto rapporti sessuali a pagamento. Le indagini sono state condotte dai carabinieri della Compagnia di Partinico. Per i 4 indagati il gip ha disposto i domiciliari. 

L'inchiesta è iniziata dopo la denuncia di un uomo che ha visto in aperta campagna la piccola appartarsi con uno dei due indagati e compiere per due volte atti sessuali. Il testimone ha raccontato che alla scena avrebbe assistito il padre della bambina. Dalle indagini è emerso che anche la madre organizzava gli incontri a pagamento che alcune volte avvenivano nell'abitazione della coppia.

Continua qui

Gentiloni, esenzione canone Rai per 350mila over 75

Decreto Mef- Mise aumenta fascia reddito, prima erano 115.000

"E' stato appena firmato da parte del ministro dell'Economia e del ministro dello Sviluppo economico il decreto per l'aumento della fascia di reddito di esenzione del canone RAI per gli over 75". Lo ha detto il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, intervenendo alla conferenza stampa dell'agenzia Del Demanio sui risultati 2017.

Continua qui

 

Settimana invernale: occasione per precipitazioni anche nevose in Appennino

Moderata fase fredda tra nord e centro, instabile su gran parte del Paese, specie al centro e al sud, ma con qualche fenomeno anche al nord, specie sull'Emilia-Romagna, nevoso a quote basse. Grande attenzione alla massa d'aria gelida attesa nel fine settimana dall'est europeo.

 

GRANDE FREDDO: l'idea è che colpisca il centro Europa e in parte il nostro settentrione da domenica 25 o lunedì 26 sino a mercoledì 28 con risvolti ancora tutti da decifrare. Seguite gli aggiornamenti.
SITUAZIONE: una circolazione depressionaria insiste sul nostro Paese e verrà ulteriormente esaltata dall'inserimento di aria ulteriormente fredda in quota da nord tra martedì e giovedì.
FENOMENI: si svilupperanno soprattutto al centro, al sud, sull'Emilia-Romagna e solo marginalmente sul resto del settentrione. Le nevicate giungeranno sino a quote collinari sull'Appennino centrale (segnatamente Marche ed Abruzzo) così come sull'Emilia-Romagna.  

EVOLUZIONE: la fase instabile vedrà fasi alterne con momenti caratterizzati da una maggiore frequenza di fenomeni ed altri con pause asciutte e qualche schiarita. Al nord nel complesso i fenomeni risulteranno più sporadici ma farà più freddo. Al momento giovedì non è escluso qualche fiocco in pianura sulla bassa Valpadana, in particolare sull'Emilia-Romagna.

FINE SETTIMANA: l'attesa è tutta per l'azione retrograda di una lingua di aria gelida che, partendo dalla Russia, sembrerebbe destinata a colpire in maniera severa il centro Europa e in parte entro domenica o al massimo lunedì 26, anche il nostro settentrione e marginalmente il centro Italia. Il sud ne rimarrebbe ai margini.

Continua qui 

 

ULTIMISSIME sul tempo della prossima settimana e sul grande freddo in arrivo in Europa!

 

 

 

domenica 18 febbraio 2018

Iran: si schianta aereo con 66 passeggeri a bordo. Tutti morti

Partito da Teheran, è scomparso da radar poco dopo decollo    

Tragedia aerea in Iran. Un aereo iraniano con a bordo 66 persone, partito da Teheran e diretto nella città sudoccidentale di Yasuj, si è schiantato a sud di Isfahan e non ci sono sopravvissuti. Lo riferisce la tv iraniana Press tv che cita il portavoce della compagnia aerea iraniana. In base a quanto si apprende, il velivolo era scomparso dal radar poco dopo il decollo. Scattato l'allarme, un elicottero ha cercato di raggiungere la zona dello schianto, ma non è riuscito ad atterrare a cause delle pessime condizioni meteo.

Continua qui

sabato 17 febbraio 2018

Tre italiani scomparsi in Messico

Scomparsi nel nulla in una cittadina di 16mila abitanti a settecento chilometri da Città del Messico. La denuncia arriva da una famiglia napoletana che non ha più notizie dei familiari ormai da 18 giorni. Della vicenda è stata informata anche la Farnesina

Tre italiani sono scomparsi nel nulla in una cittadina di 16mila abitanti a settecento chilometri da Città del Messico, dove facevano i venditori ambulanti. La denuncia arriva da una famiglia napoletana che non ha più notizie dei familiari ormai da 18 giorni. Della vicenda è stata informata anche la Farnesina che sta seguendo il caso con l'ambasciata a Città del Messico in stretto raccordo con le autorità locali e in costante contatto con la famiglia. I tre scomparsi sarebbero il sessantenne Raffaele Russo, suo figlio Antonio e suo nipote Vincenzo Cimmino, rispettivamente di 25 e 29 anni.

Continua qui 

Terremoto magnitudo 7.2 in sud Messico

 

 

 

venerdì 16 febbraio 2018

Mamma ubriaca dimentica a scuola il figlio piccolo: denunciata

Una mamma si dimentica il figlio a scuola. A Montefiascone, provincia di Viterbo, una maestra di una scuola elementare del paese ha segnalato ai carabinieri della stazione locale che nessuno dei genitori era venuto a riprendere un bimbo di dieci anni al termine delle lezioni. 


Una mamma si dimentica il figlio a scuola e viene denunciata per abbandono di minore. A Montefiascone, provincia di Viterbo, una maestra di una scuola elementare del paese ha segnalato ai carabinieri della stazione locale che nessuno dei genitori era venuto a riprendere un bimbo di dieci anni al termine delle lezioni. Il piccolo, restato per diverse ore a scuola insieme alla maestra, è stato momentaneamente accompagnato alla stazione dei carabinieri.

I militari hanno immediatamente iniziato le ricerche della mamma del bimbo e hanno individuato la sua abitazione. Una volta entrati nell'appartamento hanno trovato la donna, una signora di origini brasiliane di 36 anni, completamente ubriaca.


Continua qui

giovedì 15 febbraio 2018

Marinelli-De André, la rivolta dei genovesi sull’accento dell’attore

Genova - Il caso era già stato segnalato all’uscita del trailer dal Secolo XIX : la dizione leggermente romanesca dell’attore che interpreta De Andrè aveva sollevato parecchie perplessità. Toccate il genovese ai genovesi e vedete quel che succede. Nemmeno l’intensa interpretazione di Luca Marinelli nei panni di Fabrizio De André nel film “Principe libero” - dopo il passaggio in sala è stato trasmesso ieri da Rai1 nella prima parte (oltre 6 milioni di spettatori, 24.3%) - è stata sufficiente a calmare l’irritato spirito dei genovesi che hanno sentito parlare e cantare l’attore con un accento romanesco. E l’indignazione si è sparsa sui social a macchia d’olio.

Fabrizio De André, il film al teatro Duse. Dori Ghezzi: «Emozionata e felice»
 
«Marinelli parla come Totti» oppure «Ma come si fa a far parlare Fabrizio De André con l’accento romanesco?? Ma roba da pazzi!». Il tutto condito con fotomontaggi di Faber che canta «via del Campo c’è ‘na puttana.. occhi verdi color cicoria” e la specifica: «a Genova la cicoria non esiste. La verdura standard sono le bietole». Scatta praticamente subito il paragone con il Montalbano di Luca Zingaretti che parla un perfetto siciliano. E la polemica s’infiamma.

Continua qui

Manutenzione Parco dello Scrivia: a disposizione il legname raccolto

Privati e ditte interessati all’acquisto possono consultare l'avviso anche sul sito istituzionale del Comune di Tortona


TORTONA (AL) – Sono a buon punto i lavori di riqualificazione del Parco dello Scrivia, nell’ambito del progetto realizzato dalla Regione Piemonte, Settore Tecnico Regionale di Alessandria e Asti, in collaborazione con il Comune, con la Provincia di Alessandria e con l’A.V.A., l’Associazione Volontari Ambiente di Tortona.

Grazie all’importante lavoro delle squadre forestali, si è già provveduto alla pulizia di un’ampia zona boschiva, con diradamento delle piante esistenti, soprattutto quelle morte o che versavano in pessime condizioni fitosanitarie, e alla rimozione degli alberi abbattuti dal vento e dei numerosi rami spezzati, che rendevano inaccessibili alcuni sentieri.

Continua qui

Salva bimbo su binari, 'sindaco Sala mi ha ringraziato'

Ricevuti lo studente Lorenzo Pianazza e l'agente di stazione Claudia Castellano

Sono stati ricevuti dal sindaco di Milano, Beppe Sala, Lorenzo Pianazza e Claudia Castellano, lo studente e l'agente di stazione che ieri hanno salvato un bimbo di due anni caduto sui binari della metropolitana a Milano. "Il sindaco mi ha ringraziato, abbiamo parlato dell'accaduto e mi ha chiesto la mia versione dei fatti. L'ho ringraziato io per avermi convocato", ha detto Lorenzo al termine dell'incontro in forma privata avvenuto a Palazzo Marino assieme ai suoi genitori: "Mia mamma è molto orgogliosa, sono tutti molto orgogliosi. Non sapevo se la metro sarebbe arrivata o meno, sono andato pensando che ce la facevo e ce l'ho fatta". "La mamma del bambino mi ha già ringraziato...

Continua qui

Si apre grossa voragine in strada alla Balduina a Roma, auto cadono dentro

Verifiche di stabilità sui palazzi, due evacuati

Una grossa voragine si è aperta in strada alla Balduina a Roma. Sul posto la polizia locale per la viabilità. Al momento non si segnalano feriti e la strada è chiusa al traffico. La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine. Gli inquirenti sono in attesa delle prime informative da parte delle forze dell'ordine intervenute nella zona del crollo. Auto giù per 10 metri - Sono sprofondate per circa 10 metri le auto inghiottite dalla voragine che si è aperta in via Livio Andronico. Dai primi accertamenti dei vigili del fuoco, sembra che sia crollato un costone di un cantiere sottostante che ha trascinato parte della strada dove erano parcheggiate le macchine. Sembrerebbe che tempo fa sia stata segnalata una copiosa perdita d'acqua in zona.

Continua qui

Sparatoria in una scuola in Florida, 17 morti

A Parkland. Autore della sparatoria è un diciottenne con la passione per le armi

Diciassette persone sono morte e almeno 14 sono rimaste ferite in una sparatoria in una scuola superiore di Parkland, in Florida. Preso l'autore, un diciottenne descritto come un ''ragazzo difficile'', un ex studente alternativo che avrebbe usato un fucile.

Tra le vittime ci sarebbe anche una professoressa raggiunta dai colpi del killer mentre con il suo corpo proteggeva uno degli studenti.

Sul posto sono accorse le forze dell'ordine e soccorsi in maniera massiccia - stando alle immagini diffuse dalla Cnn - e agenti delle forze speciali avrebbero fatto irruzione in un edificio.
Agli studenti era stato ordinato di barricarsi all'interno degli edifici del campus.

Continua qui

Sparatoria in Florida: il coach di football eroe che ha fatto da scudo agli studenti

mercoledì 14 febbraio 2018

Meteo a 7 giorni: fase meno fredda e relativamente piovosa nel week-end, poi l'est inizierà a ruggire?

Temporanea tregua del freddo, ma è bene non farsi molte illusioni...

 

L'afflusso di aria artica che sta muovendo le fila di un nucleo freddo in marcia verso il Meridione tenderà temporaneamente ad attenuarsi nei prossimi giorni.

 

Al suo posto entrerà una circolazione di aria più umida e temperata da sud-ovest che farà lievitare i termometri, concedendo però alcune precipitazioni soprattutto al nord.
Gli ultimi effetti del nucleo artico che sta transitando oggi sull'Italia saranno avvertiti nella giornata di giovedì sulle regioni meridionali, seppure con situazione in miglioramento.
Altrove subentreranno condizioni di variabilità, con belle schiarite e qualche precipitazione limitata ad alcune zone del settentrione fino a sabato 17 febbraio. Le temperature, come già anticipato, tenderanno ad aumentare specie al centro e al meridione, mentre al nord resisteranno alcune sacche fredde che non consentiranno un aumento termico spiccato.

Continua qui

Incendio in un palazzo di 13 piani: gravissimo un bimbo. 7 gli intossicati

Fiamme al decimo piano di un palazzo di via Cogne

E' di un ferito grave e di altre sette persone leggermente intossicate il bilancio di un incendio divampato in un palazzo di tredici piani, questa mattina, a Milano, e che al momento è sotto controllo.

Un ragazzino di 13 anni è stato trasportato in condizioni gravissime all'ospedale dopo essere stato estratto dal palazzo in fiamme in via Cogne a Milano. Il ragazzino è stato accompagnato all'ospedale Sacco privo di sensi e in arresto cardiaco.

Continua qui

Previsioni meteo: Il GRANDE INVERNO nella terza decade di febbraio

Grande dinamica di retrogressione confermata dai modelli a medio e lungo termine: nel dettaglio le ultime novità.

 

Per la prima volta dopo lunghi mesi, troviamo una linea di tendenza comune, condivisa cioè da più modelli, verso un evento di freddo crudo invernale sull'Europa. Il modello inglese, dopo lo scivolone dei giorni scorsi, torna sui suoi passi e si allinea alla previsione del modello americano, in rotta verso una dinamica di tipo antizonale sul vecchio continente. L'ultima dinamica invernale paragonabile a quella prevista, fu quella del febbraio 2012.
Di cosa stiamo parlando esattamente?
Di una grande manovra atmosferica, la quale poggia radici nel grande riscaldamento stratosferico che ha iniziato a manifestarsi giusto qualche giorno fa, ma che impiegherà circa 7-10 giorni prima di diffondersi nella sottostante fascia troposferica. Dopo le titubanze iniziali, l'imponente warming riuscirà insomma a trasferirsi nei piani bassi, dando luogo ad una importante azione di disturbo a carico del nostro Vortice Polare.

Continua qui


Ultimissime della sera: la svolta INVERNALE sull'Europa da lunedì 19 febbraio

Scandalo Oxfam, nuove accuse al numero uno: "Sapeva di molestie ma non intervenne"

Dopo il caso festini a luci rosse ad Haiti, ora la soffiata di una ex-dipendente rivela che Mark Goldring, amministratore delegato della grande organizzazione umanitaria, sarebbe stato a conoscenza del caso di una donna costretta a fare sesso per ricevere aiuti ma non avrebbe preso provvedimenti. In Guatemala arrestato anche il presidente di Oxfam International per sospetta corruzione


LONDRA – Lo scandalo degli abusi sessuali alla Oxfam continua a crescere e ad aggravarsi. La soffiata di una ex-dipendente rivela al Times che Mark Goldring, amministratore delegato della grande organizzazione umanitaria, era a conoscenza della segnalazione del caso di una donna costretta a fare sesso per ricevere aiuti ma non fece niente per intervenire. L’accusa, se confermata, potrebbe portare ad altre dimissioni al vertice della Oxfam, dopo quelle annunciate ieri dalla sua vicepresidente Penny Lawrence, che ha lasciato l’incarico dicendo di “vergognarsi” e assumendosi la responsabilità per le “orge stile Caligola” ad Haiti allestite dal capo della missione di soccorso dopo il terremoto del 2011.

Continua qui 

In Italia: quasi nove milioni di donne sono state molestate

Livorno, Giorgia Meloni aggredita con bottigliette di plastica e sputi

Giorgia Meloni aggredita a Livorno dove si era recata per un'iniziativa elettorale. E' stata raggiunta da sputi e bottigliette di plastica e alcuni manifestanti le hanno cantato 'Bella ciao' e intonato cori come 'Livorno è antifascista'.

Esposto anche un cartello con scritto 'Livorno i fascisti non li vuole. Meloni vattene!". Meloni, che era circondata da esponenti del suo partito e forze dell'ordine, ha accennato una sorta di balletto al ritmo dei cori, dicendo: "Loro sono questi" e riprendendoli anche col telefonino. Appeso anche un grande striscione enorme alla Fortezza nuova, con scritto 'Livorno non ti vuole'.

Continua qui (video)

martedì 13 febbraio 2018

Ecco la lista degli elettrodomestici che durano di più e si rompono meno. Le marche più affidabili secondo le riviste dei consumatori

Quando compriamo un elettrodomestico facciamo attenzione a diverse caratteristiche: prezzo, ingombro, consumo energetico… ma raramente ci domandiamo quanti anni funzionerà. Altroconsumo ha fatto chiesto a 34.000 soci residenti in cinque diversi Paesi, di cui 8.000 in Italia, quanto fossero soddisfatti, sul lungo periodo, dei loro elettrodomestici. L’indagine ha evidenziato i problemi più comuni, i punti deboli e le criticità delle 15 marche più presenti sul mercato italiano.

Quelle posizionate in cima alla classifica delle lavastoviglie, valutando affidabilità e soddisfazione, secondo il giudizio dei consumatori sono: Miele, Siemens e Bosch. Per questo apparecchio, usato da molti consumatori anche tutti i giorni, il problema più diffuso riguarda la pompa di scarico. Per i frigoriferi combinati invece, a maggiore criticità è l’isolamento delle porte. Sul podio della classifica ci sono: Lg, Siemens e Bosch.

La stessa metodologia di ricerca utilizzata da Altroconsumo, basata sull’esperienza diretta di un gran numero di persone, è stata adottata dalla rivista francese 60 Millions de Consommateurs che ha chiesto ai lettori di rispondere a un questionario. In questo caso l’indagine ha preso in considerazione solo apparecchi acquistati al massimo dieci anni prima, valutando l’affidabilità, la soddisfazione e la disponibilità di pezzi di ricambio. Secondo la rivista gli inconvenienti i guasti e quant’altro non sono il risultato di un’obsolescenza programmata dalle aziende, ma piuttosto l’esito di scelte industriali che cercano in tutti i modi di abbassare i costi di produzione.

Anche per questo motivo conviene seguire alcuni consigli:

– Pagare di più un elettrodomestico potrebbe servire, perché in genere quelli venduti a minor prezzo raramente sono progettati per durare molto o per essere riparati. Va detto, però, che i modelli di fascia alta non sono necessariamente più robusti.

– In genere conviene scegliere le aziende che hanno ricevuto buoni risultati nei test comparativi che pubblicano le riviste dei consumatori perché il rischio di guasti è inferiore e le parti di ricambio sono disponibili per lungo tempo.

– Evitare i dispositivi complessi e con tante funzioni “extra” perché potrebbero aumentare le criticità

Continua qui