giovedì 8 marzo 2018

Cosa accadrà dopo metà mese? Potrà tornare il FREDDO? Aggiornamento...

Consueta analisi per capire cosa potrebbe accadere durante la terza decade di marzo.

Le condizioni atmosferiche della terza decade del mese di marzo potrebbe essere condizionate da una minore zonalità e da maggiori scambi meridiani di masse d'aria.
Cosa significa? Che l'Europa centrale e in parte il Mediterraneo potrebbero essere raggiunti da vortici depressionari non più in arrivo da ovest ma da nord, con caratteristiche più invernali.
E' quanto abbiamo sostenuto anche ieri e che possiamo confermarvi stamane: il moderato warming previsto in sede stratosferica polare (final warming), potrebbe avere risvolti in troposfera, facendo traslare la parte più attiva del vortice polare proprio sull'Europa, con conseguenze invernali per Russia, Scandinavia, a tratti forse sin sul centro del Continente, mentre sono poche le emissioni che vedono sfondare un freddo invernale tardivo moderato anche sull'Italia.

Ciò non toglie che le fasi di maltempo che potranno riscontrarsi non possano favorire nevicate a quote basse sulle nostre montagne. L'idea invece di un nuovo severo attacco dell'aria fredda al centro Europa ma soprattutto all'Italia pare ancora molto forzata per trovare anche un minimo di attendibilità.

Continua qui 

Meteo: WEEKEND, concreto rischio esondazioni al Centro-Nord

MODELLO EUROPEO: erano anni che non si vedeva un marzo cosi DINAMICO (specie al centro e al nord)

Grosso alla radio: "ci attendono diversi momenti PIOVOSI..."

Tendenza a 15 giorni: TENDENZA. Inizio Primavera più freddo e dinamico; evoluzione meteo fino alle porte di Pasqua

Nessun commento:

Posta un commento