sabato 31 marzo 2018

Migranti, blitz a Bardonecchia. La Farnesina convoca l'ambasciatore e smentisce Parigi: "Regole violate, rapporti a rischio"

La Francia: "Un accordo del '90 ci permette di intervenire". L'Italia dopo l'incontro con il rappresentante di Parigi: "Non è più così e tutti ne sono consapevoli. Il comportamento degli agenti francesi è stato inaccettabile". Martina: "Non è così che si fa  la nuova Europa". Salvini: "Espellere i diplomatici francesi non quelli russi"

Dal Pd alla Lega, dal M5s  a Fratelli d'Italia l'irruzione degli agenti francesi nel centro migranti di Bardonecchia suscita sdegno e rabbia e assume le caratteristiche di un incidente internazionale.  L'ambasciatore francese a Roma, Christian Masset, è stato convocato alla Farnesina in relazione all'episodio di Bardonecchia. E a seguito dell'incontro il ministero ha emesso un duro comunicato: "A seguito di quanto accaduto a Bardonecchia nella serata di venerdì 30 marzo, il Ministero degli affari esteri ha immediatamente chiesto spiegazioni alle autorità francesi, sia tramite l'ambasciata di Francia a Roma, sia tramite la nostra ambasciata a Parigi. Non avendo ricevuto alcuna giustificazione per il grave atto (considerato del tutto al di fuori della cornice della collaborazione tra Stati frontalieri), si è deciso di convocare oggi pomeriggio, alla Farnesina, l'ambasciatore di Francia in Italia, Christian Masset. In tale occasione, il Direttore Generale per l'Unione Europea, Giuseppe Buccino Grimaldi, ha rappresentato all'ambasciatore la ferma protesta del Governo italiano per la condotta degli agenti doganali francesi, ritenuta inaccettabile e ha manifestato, al contempo, disappunto per l’assenza di risposte alle nostre richieste di spiegazioni. 

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento