giovedì 31 maggio 2018

Nel mondo ogni anno 7 milioni di morti per il fumo

L'Oms celebra la Giornata mondiale contro il tabacco

Nonostante ci sia stata negli ultimi anni una decisa riduzione dei fumatori, le sigarette uccidono ogni anno 7 milioni di persone nel mondo, tra cui quasi un milione per le conseguenze del fumo passivo. La cifra è fornita dall'Oms, che oggi celebra la Giornata Mondiale contro il Tabacco.

Secondo l'Organizzazione nel 2016 il 20% della popolazione mondiale fumava, mentre nel 2000 era il 27%. Oltre metà dei paesi membri ha ridotto il numero di fumatori in questo lasso di tempo, ma solo uno su otto riuscirà a ridurli del 30% entro il 2025 come richiesto dagli obiettivi dell'Oms. Nel mondo oltre 24 milioni di ragazzi tra 13 e 15 anni fumano, tra cui 17 milioni di ragazzi e 7 milioni di ragazze. Oltre l'80% dei fumatori vive in paesi a medio e basso reddito, che sono anche quelli in cui il numero di fumatori cala più lentamente, e il paese dove si fuma di più è la Cina, con oltre 307 milioni di tabagisti, seguita dall'India.

Continua qui

Maggio da record, non pioveva così a Torino dal 1859

Ben 21 giorni di precipitazioni in un mese. Fine settimana di sole, poi tornano i rovesci


LUCA MERCALLI
TORINO
Che al Nord Italia la primavera sia piovosa non è una novità, lo dicono le statistiche secolari che identificano proprio maggio come mese più bagnato dell’anno soprattutto sulla zona prealpina. Ma in queste settimane, in particolare al Nord-Ovest, si sta passando la misura. 

Torino, città particolarmente colpita da rovesci quasi quotidiani dallo scorso 29 aprile, ha vissuto ieri il suo ventunesimo giorno di pioggia di questo maggio, e oggi potrebbe essere il ventiduesimo - il doppio del normale - stabilendo così un nuovo primato di frequenza nella serie di dati iniziata nel 1803. Precedenti confrontabili si erano verificati con ricorrenza media quarantennale, nel maggio 1810, 1859, 1889, 1946, 1984, tutti episodi da 20-21 giorni di precipitazione nel mese. La ragione sta nella posizione anomala dell’anticiclone, disteso sul Nord Europa dove è scoppiata un’estate dal sapore mediterraneo con tempo asciutto e nuovi record di 29 °C a Copenhagen e 32 °C a Berlino, mentre il Nord Italia rimane in balìa di correnti atlantiche umide ma tiepide. Stupisce l’insistenza degli acquazzoni nostrani, non l’abbondanza: fino a ieri sera nel capoluogo subalpino, si erano raccolti 190 mm d’acqua, quantità sopra la norma che ne vorrebbe 130, ma per nulla eccezionale e già vista in altri episodi recenti (235 mm nel maggio 1999, 203 mm nel 2008).  

LEGGI ANCHE Il maltempo non dà tregua, temporale e grandinata da record nel Torinese 

Per la quantità di pioggia i record sono lontani: nel citato maggio 1810 di millimetri ne caddero ben 564, il Po andò in piena e le campagne soffersero «non soltanto per la perdita dei grani, dei frutti, ma anche per le inondazioni di fiumi e torrenti», come ricordano gli annali dell’Accademia delle Scienze torinese.

Continua qui

La cascata diventa un incubo e inghiotte il sogno di Artur

Brasiliano, 21 anni, affoga ad Almese per girare il video di un provino


Cristina Insalaco
Almese (TO)

La Goja del Pis non è un posto casuale, ha un fascino unico e Artur Cacciolari , 21 anni nato In Brasile ma diventato italiano per via della sua scelta di vita e delle radici, ieri non era lì per caso. Voleva girare un video speciale da mandare alla Compagnia di Franco Dragone, uno dei primi grandi coreografi del circo, uno dei creatori del Cirque du Soleil.

Per Artur era l’occasione della vita, per la prima volta aveva interrotto le sue mille collaborazioni sul palcoscenico, sapeva che con una compagnia che passa senza fatica dal Caesar’s Palace di Las Vegas al Lido di Parigi, avrebbe coronato il suo sogno. Così quando il cielo si è fatto scuro non ha mollato, forse ha pensato che lo scenario diventava ancora più suggestivo. Ha perso l’equilibrio ed è caduto nell’acqua, forse ha battuto la testa. Il verdetto arriverà dall’autopsia ma non ha grande importanza saper come Artur è morto.

Il talentuoso artista era stato scovato in Brasile dalle selezioni internazionali organizzate da quei cercatori di stelle nascenti che sono quelli della compagnia Cirko Vertigo. A Grugliasco si era formato e aveva trovato una nuova casa cominciando l’iter per diventare italiano. La famiglia era lontana e Artur era il leader di un gruppo di atleti-artisti brasiliani. Il Cirko Vertigo - che aveva lasciato da un paio d’anni - lo aveva scelto tra i protagonisti dello spettacolo in piazza San Carlo in occasione della penultima Stratorino.

Continua qui

mercoledì 30 maggio 2018

Violento temporale colpisce Torino: visibilita' ridottissima e allagamenti, traffico in tilt

Un'autentico nubifragio si è scatenato attorno alle 16 di oggi su Torino, colpendo in pieno il centro del capoluogo piemontese.

Acqua e grandine hanno causato disagi e allagamenti estesi, con conseguenti rallentamenti e blocchi al traffico. Oltre 30 i mm di pioggia caduti, in circa mezz'ora.
In gran parte della città, dalle zone collinari al centro, la visibilità per alcuni minuti è stata limitata a poche decine di metri e il traffico delle auto si è completamente fermato. Accumulato anche qualche centimetro di grandine in alcuni punti, per fortuna con chicchi non di grosse dimensioni. Il temporale è stato accompagnato da forti raffiche di vento.

Continua qui

Frana Gallivaggio, Medesimo e Campodolcino ancora isolati: allarme cibo e medicine per 1.500 persone. Inaccessibili anche 60 alpeggi e 18 caseifici


(...)

IL TEMPO in SINTESI sino a MARTEDI 5 GIUGNO: l'instabilità sta per mollare la presa, consegnando l'Italia ad un cuneo di alta pressione che insisterà certamente per il resto della settimana, regalando prevalenza di bel tempo e temperature estive. Limitatamente a giovedi saranno tuttavia ancora possibili brevi spunti temporaleschi a ridosso dei rilievi nelle ore più calde, in particolare lungo le Alpi. Da venerdì a domenica sole e caldo dalle Alpi alla Sicilia, più intenso sulle zone interne e sul catino padano. Con l'inizio della prossima settimana sembra ancora possibile l'inserimento di una saccatura da ovest con conseguente aumento della tendenza a rovesci o temporali, a partire dal nord-ovest e dalla Sardegna.

(...)

Fonte

La frana si abbatte sul santuario: tanta paura ma niente feriti o danni



Cinqumila metri cubi di terra, roccia e detriti e una nube di polvere che ha travolto il paese. La frana che si è abbattuta sul comune di San Giacomo Filippo, in provincia di Sondrio, era stata annunciata dagli esperti che avevano già messo in guardia gli abitanti dai rischi dello smottamento. Non si registrano feriti, solo molta paura tra gli abitanti della zona che hanno udito il fortissimo fragore che ha preceduto la frana. Da giorni la strada statale 36 dello Spluga, in quel tratto, era totalmente inibita al traffico proprio a causa di questa minaccia.

Continua qui (video)

Deutsche Bank conferma licenziamenti, taglio di 7.000 posti di lavoro

Deutsche Bank ha annunciato oggi che ridurrà il suo organico sotto i 90mila dipendenti dai 97mila attuali nell’ambito di un vasto piano di ristrutturazione destinato a ridurre i costi. La banca tedesca ha precisato che taglierà il 25% del personale nelle attività di trading azionario senza precisare quali sedi verranno maggiormente coinvolte, ma aggiungendo che gran parte dei licenziamenti avverranno già quest’anno. L’annuncio conferma le indiscrezioni che erano circolate nelle scorse settimane. Con questa sforbiciata Deutsche Bank prevede di ridurre il suo debito e migliorare la redditività del gruppo dopo che nel primo trimestre dell’anno ha riportato un calo del 79% dell’utile netto.

Fonte

Melegatti, il giudice dichiara il fallimento

Ieri i lavoratori avevano fatto pubblicare un appello chiedendo di separare il giudizio sulle responsabilità degli amministratori dal futuro dell'azienda per la quale il fondo americano D.E. Shaw & C. aveva presentato un piano di salvataggio. Debiti oltre i 50 milioni di euro.

ROMA - Non ce l'ha fatta la Melegatti. La fabbrica di Verona, famosa per i suoi pandori è fallita. Il collegio del Tribunale di Verona presieduto da Giulia Rizzuto ha dichiarato oggi il fallimento della società e della controllata 'Nuova Marelli' di San Martino Buon Albergo, in provincia di Verona. Si chiude così la tormentata vicenda della storica azienda dolciaria con sede a San Giovanni Lupatoto. Il Tribunale ha accolto l'istanza presentata venerdì dal pubblico ministero Alberto Sergio, constatata la pesante situazione debitoria di Melegatti. I dipendenti dell'azienda, tra diretti e lavoratori stagionali, sono 350.

I problemi di Melegatti erano iniziati prima di Natale. E a nulla è servita la solidarietà partita del web che invitava a mangiare Menegatti durante le festività. Le difficoltà dell’azienda dolciaria nonostante la solidarietà e e la disponibilità dei lavoratori, che hanno lavorato in fretta e furia per produrre un milione e mezzo di dolci sotto Natale, non sono però cessate. L’attività produttiva a gennaio s'è dunque fermata. In soccorso dello storico marchio sono accorsi prima il fondo maltese Abalone e il marchio trevigiano di caffè Hausbrandt. Nulla però si è concretizzato. E il collegio giudicante presieduto da Silvia Rizzuto ha rigettato l'ipotesi di una proroga per un'eventuale concordato, che avrebbe salvato Melegatti il suo marchio e anche garantito meglio i lavoratori.


Continua qui

Spread, così consumatori e imprese rischiano di pagare il conto della politica insieme allo Stato

L'economista Daveri: "Se c'è un aumento di costi che riescono a scaricare sui clienti, le banche continuano a prestare. Se, invece, stabiliscono che non è un buon momento, allora ci potrebbe essere una restrizione del credito"
 
La crisi politica ha innescato un meccanismo a catena che mieterà le prime vittime nell’economia reale, fatta di imprese, banche e consumatori. “Con l’innalzamento dello spread è aumentato il costo per finanziarsi di aziende e istituti di credito”, spiega Francesco Daveri, professore di macroeconomia alla SDA Bocconi di Milano. “L’aumento dei tassi d’interesse che viene richiesto dagli investitori per comprare titoli pubblici italiani si riflette infatti anche sul settore privato: aziende e banche, che vogliono finanziarsi sul mercato, sono costrette ad aumentare i tassi a cui loro offrono le loro obbligazioni”, precisa Daveri. In pratica, se l’Italia è percepita come più rischiosa, gli investitori chiedono di guadagnare di più sui prestiti per compensare la maggiore probabilità di default. Così accade che, come spiega Daveri, “le imprese che vogliono finanziarsi per investire pagano un aggravio di costo d’interesse” e che “lo stesso accade anche per le banche che si rivolgono al mercato interbancario”.
Questo spiega in parte il motivo per cui gli investitori hanno deciso di disfarsi a piene mani delle azioni del settore bancario italiano in Borsa. Ma ci sono anche altre ragioni. “Innanzitutto gli istituti di credito hanno in pancia molti titoli pubblici. Quindi se per caso il mercato ritiene più probabile un default, allora questi titoli valgono di meno”, aggiunge. L’impatto di questa situazione sui bilanci bancari non è però prevedibile perché gli istituti di credito potrebbero “scaricare l’aggravio di costi sui clienti in vari modo magari facendo pagare di più i mutui o nascondendolo da qualche altra parte nei costi di gestione dei conti correnti”.

Continua qui

Liegi, coltellate e spari in centro: uccisi un passante e due agenti. Ammazzato killer. “Era schedato per radicalizzazione”

Avvicinato da due agenti per un controllo di routine, Benjamin Herman le ha accoltellate e poi ha aperto il fuoco davanti al liceo Léonie de Waha. Uccise due poliziotte e un 22enne. Testimoni: "Ha urlato Allah Akbar". Feriti altri due militari, salvo un ostaggio. Indaga la procura antiterrorismo.
 
Prima le urla “Allah Akbar”, poi le poliziotte disarmate, le coltellate e gli spari. Ha fatto 3 morti, Benjamin Herman, prima di essere neutralizzato dagli agenti mentre teneva in ostaggio una donna. Non un perfetto sconosciuto per le forze dell’ordine, non solo per il suo continuo entrare-e-uscire dal carcere.

A differenza di quanto appreso in un primo momento, infatti, l’uomo era schedato dalla sicurezza di Stato dal 2017 in quanto sospettato di radicalizzazione. Lo riferisce la tv belga Rtbf citando fonti proprie. Nato nel 1987 e originario di Rochefort, secondo quanto precisato dalla procura, Herman aveva un permesso di uscita dalla prigione di qualche ora per un appuntamento per il suo reinserimento, ma non è mai rientrato.

Continua qui

martedì 29 maggio 2018

FORTI PIOGGE al NORD-OVEST nella giornata di mercoledi 30? Le mappe...

Il nostro modello ci va pesante sul nord-ovest (e non solo) nella giornata di mercoledi 30

 

Abbiamo messo il punto di domanda in quanto molte elaborazioni risultano più morbide rispetto a quella che vi presentiamo in questa sede. Di conseguenza la previsione, pur essendo a breve termine, presenta ancora gradi di incertezza.

Secondo il nostro modello, nella giornata di mercoledi 30 maggio le regioni nord-occidentali potrebbero essere interessate da piogge intense e temporali.
La prima mappa mostra le precipitazioni imbastite dal modello nel lasso di tempo tra le 6 e le 12 di mercoledi 30 maggio.

Oltre al settore nord-occidentale sembra coinvolta anche la Toscana, unitamente alle zone interne dell'Italia centrale. L'estremo nord-est invece potrebbe essere addirittura saltato dai fenomeni; nessun fenomeno anche sulle due Isole maggiori e al meridione (a parte qualche piovasco all'interno).

Il piatto forte per le regioni nord-occidentali arriverebbe nel pomeriggio, segnatamente su basso Piemonte e Liguria centro-occidentale (specie i versanti interni). Queste zone potrebbero avere un discreto carico d'acqua (seconda mappa).
Le altre zone sembrano interessate meno, con piovaschi locali solo sui settori alpini e nelle aree interne dell'Italia centrale.

Continua qui 

Quanto CALDO farà nel week-end?

lunedì 28 maggio 2018

Cottarelli: per realizzare contratto M5S-Lega mancano coperture fino a 125 miliardi

Mancano le coperture per realizzare le misure previste dal programma di governo M5S-Lega: da 108, 7 miliardi di euro (nella migliore delle ipotesi) a 125,7, nella peggiore. È quanto emerge da una tabella pubblicata sulla pagina Facebook dell’Osservatorio conti pubblici dell’università Cattolica di Milano, guidato dall’ex commissario alla spending review Carlo Cottarelli.

Lo squilibrio tra le misure espansive e le coperture previste
È stato calcolato il costo delle misure contenute nel contratto, insieme alle entrate che deriverebbero dalle misure indicate per le coperture. Da una parte le soluzioni proposte o, come vengono definite nella tabella, le “misure espansive”: introduzione flat tax Irpef (costo 50 miliardi); sterilizzazione delle clausole di salvaguardia (12,5 miliardi); eliminazione delle accise sulla benzina (6 miliardi); reddito e pensioni di cittadinanza (17).


Continua qui

Nubifragi in Lombardia: situazione critica in Val Serina, esonda torrente

Come previsto infiltrazioni d'aria più fresca e quindi instabile sulle regioni del Nord stanno apportando dei temporali nelle ultime ore anche di forte intensità. I fenomeni si sono accaniti soprattutto sulla Lombardia, in particolare sulle zone montuose e alte pianure.

Un nubifragio, con oltre 60-70 mm di pioggia caduti in poco tempo, si è verificato in Val Serina, nella provincia di Bergamo. Un torrente è esondato poco fa nella zona di Algua: i detriti hanno invaso la strada impedendo il regolare transito dei veicoli. La zona è la stessa dove 2 anni fa si aprì una voragine che portò alla chiusura della strada per qualche mese per permettere i lavori di ripristino. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per aiutare gli automobilisti a liberare alcune auto, intrappolate da acqua e fango. 

Continua qui

Ultime ore:
 
BERGAMO: stamane intorno alle 6.30 si è scatenato un nubifragio sulla città di Bergamo e anche in altre zone della provincia. Nel tardo pomeriggio di domenica 27 maggio era toccato alle valli, con frani e danni alle strade.


Al nord entro sera ritorno dei TEMPORALI, variabile al centro, sole e caldo al sud

 

MODELLO EUROPEO: stabilità estiva in lista di attesa

Mattarella sotto accusa

Mattarella sotto accusa | M5s e Fdi evocano impeachment | Art. 90 Costituzione | Impeachment, come funziona la messa in stato d'accusa
M5s e Fratelli d'Italia evocano l'impeachment. Toni da guerra civile. Salvini: "L'Italia è un paese a democrazia limitata". Ma come funziona la "messa in stato di accusa"? Una gogna che si è verificata solo due volte ma mai portata avanti

 


Mattarella sotto accusa | M5s e Fdi evocano impeachment | Art. 90 Costituzione | Impeachment, come funziona la messa in stato d'accusa
Dopo il no a Paolo Savona, è il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a finire sul banco degli imputati. Durissime le accuse che piovono da Lega, M5s e Fratelli d'Italia.  "Penso che oggi sia accaduta una cosa gravissima" ha detto su La7 Giorgio Meloni, la prima a chiedere esplicitamente l'impeachment per il Capo dello Stato.
 
 Mattarella sotto accusa | M5s e Fdi evocano impeachment | Art. 90 Costituzione | Impeachment, come funziona la messa in stato d'accusa
Cottarelli convocato al Quirinale: chi è l'economista anti deficit 
 
  Mattarella sotto accusa | M5s e Fdi evocano impeachment | Art. 90 Costituzione | Impeachment, come funziona la messa in stato d'accusa
"Ritengo che il presidente Mattarella non avesse alcun appiglio costituzionale per rifiutare un ministro perché non ne condivide le idee. (...) Penso che Mattarella abbia fatto una cosa che va molto oltre le sue prerogative".
Secondo Meloni, il capo dello Stato "sta subendo pressioni da parte di interessi di nazioni straniere, e questo significa che c'è un problema. Io l'ho detto (...) chiederemo al Parlamento di mettere in stato di accusa il Presidente della Repubblica per alto tradimento ai sensi dell'articolo 90 della Costituzione".




Potrebbe interessarti: http://www.today.it/politica/mattarella-impeachment-articolo-90-costituzione.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930
  Mattarella sotto accusa | M5s e Fdi evocano impeachment | Art. 90 Costituzione | Impeachment, come funziona la messa in stato d'accusaI toni sono ormai da guerra civile. A nulla è servito il messaggio del Capo dello Stato, che ha cercato di spiegare le motivazioni del no a Savona: salvaguardare i risparmi degli italiani, stroncare sul nascere qualsiasi velleità di uscire dalla moneta unica. 
Continua “

Potrebbe interessarti: http://www.today.it/politica/mattarella-impeachment-articolo-90-costituzione.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930
 
Continua qui
 

“Ecco la mia Europa…”. Ora parla il professor Savona

Bugiardi 

 

 

.

 

Potrebbe interessarti: http://www.today.it/politica/mattarella-impeachment-articolo-90-costituzione.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930
 

Potrebbe interessarti: http://www.today.it/politica/mattarella-impeachment-articolo-90-costituzione.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930

domenica 27 maggio 2018

I 5 Stelle non lo vogliono, la Lega chiede di cambiare il progetto: il Terzo valico diventa un caso

PIERO BOTTINO
I 5 Stelle non lo vogliono e la Lega vuole cambiare il progetto. Si annuncia dura la vita del Terzo valico con il governo giallo-verde. Per adesso sono solo parole, ma prima o poi una decisione in merito alla grande opera si dovrà pur prenderla. Quale sarà?

Sulla posizione dei «grillini», accusati di tradimento dai No Tav, si è già scritto e detto. Non ci sono riferimenti al Terzo valico nel «contratto» di governo, ma gli esponenti locali del movimento - i gruppi di Alessandria, Tortona, Novi, nonché la senatrice Susy Matrisciano, il consigliere regionale Paolo Mighetti e l’europarlamentare Tiziana Beghin - sono stati chiari: «Tutte le grandi opere dovranno passare il vaglio di nuove e serie analisi costi benefici. Il progetto Terzo valico così com’è non potrà mai superare la prova e per questo, appena nominato il nuovo ministro, porteremo alla sua attenzione tutte le criticità evidenziate in questi anni».

Una di queste criticità adesso è nel mirino anche del segretario regionale della Lega, l’alessandrino Riccardo Molinari: è l’eliminazione dello «shunt», cioè della deviazione per evitare che i treni attraversino Novi. «Farli passare lì - dice - causerebbe un impatto devastante. Non solo, aumenterebbe esponenzialmente l’inquinamento acustico e atmosferico della città e si creerebbero numerosi disagi per l’interruzione della viabilità. I cittadini sono preoccupati: la linea senza variante rischia di essere un boomerang negativo per la popolazione. Chiediamo al governo di riconsiderare il progetto, provvedendo al finanziamento dello shunt».

Continua qui

Tragedia a Roma, giù dal cavalcavia dell’A24 due gemelli

Le notizie sono ancora poche e frammentarie. Il dramma è avvenuto lungo l’autostrada A24 Roma-L’Aquila, all’altezza del chilometro 12,700 dopo lo svincolo di Tivoli in provincia di Roma. In quello che a tutti gli effetti sembra un duplice suicidio, due fratelli gemelli di 55 anni si sarebbero buttati giù dal cavalcavia e avrebbero trovato la morte sul colpo.

Continua qui

sabato 26 maggio 2018

Prato, uccide l’ex fidanzata e poi si toglie la vita

Colpi di pistola all’alba: la donna e il giovane (di 25 anni) trovati morti in auto a San Miniato

Ha ucciso l’ex fidanzata, Elisa Amato di 30 anni, a colpi di pistola e poi si è tolto la vita. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il giovane - Federico Zini, 25 anni, di San Miniato - ha aspettato la ragazza sotto casa di lei a Galciana, frazione di Prato. Intorno alle 3,30, al culmine di una lite per strada le ha sparato: alcuni testimoni parlano di avere sentito tre colpi. Poi l’ha trascinata sulla stessa auto della ragazza e si è diretto verso San Miniato: in un parcheggio in località Gargozzi il giovane si è tolto la vita, probabilmente con la stessa pistola. I due cadaveri sono stati trovati nell’auto intorno alle 9. 

Continua qui

venerdì 25 maggio 2018

Meteo a 7 giorni: i TEMPORALI sfonderanno al nord e su parte del centro la prossima settimana?

Alta pressione in parziale cedimento da ovest ad iniziare dalla settimana prossima. Arriveranno temporali anche intensi su alcune zone del nord. 

 

Si conferma un fine settimana a connotazione estiva su tutta la nostra Penisola, complice l'alta pressione che almeno fino a domenica farà buona guardia in Italia.

Parte delle regioni settentrionali dovranno però "sopportare" una domenica a tratti temporalesca specie nelle ore pomeridiane, mentre il resto del Bel Paese seguiterà a crogiolarsi sotto un caldo sole senza il disturbo dei temporali.

Le temperature più elevate le ritroveremo sulle due Isole Maggiori e al sud, dove i 30° potrebbero essere valicati.

All'inizio della settimana prossima, la saccatura presente sull'Europa occidentale inizierà a rosicchiare terreno verso levante, indebolendo il cuneo portante dell'alta pressione che inizierà a piegarsi verso est. Il nord e parte del centro finiranno sotto temporali anche intensi, mentre il sud e la Sicilia avranno bel tempo ed esuberi termici anche di un certo peso specie sull'Isola e sulle regioni estreme

Continua qui

TEMPORALI: ecco dove e quando colpiranno quelli legati alla nuova fase instabile

 

Previsioni Meteo Estate 2018, conferme su una tendenza a lungo termine davvero clamorosa


giovedì 24 maggio 2018

Incidente a Caluso, nel Torinese: scontro tra Tir e treno: due morti e 18 feriti

Un grave incidente ferroviario è avvenuto mercoledì sera a Caluso, in provincia di Torino. In seguito all’urto sono deragliate le tre vetture di testa. Il Tir trasportava un carico eccezionale. Morti il macchinista del treno e un autista di un furgone di supporto

Grave incidente ferroviario mercoledì sera attorno alle 23,20 sulla linea tra Torino e Ivrea, all’altezza di un passaggio a livello: tre vagoni del treno regionale 10027, tra cui la motrice, sono deragliati dopo che il convoglio si è scontrato con un tir, che sarebbe rimasto bloccato sui binari, all’altezza di un passaggio a livello. Lo scontro è avvenuto nella frazione di Are, tra le stazioni di Rodallo e Caluso, distanti cinque chilometri. Sul convoglio - l’ultimo della giornata su quella tratta - viaggiavano una trentina di persone, salite alla stazione di Torino Porta Nuova e dirette nei centri abitati della provincia nord del capoluogo piemontese. 

Continua qui

mercoledì 23 maggio 2018

Anticiclone ma non troppo: rischio NUBIFRAGI sul finire del mese...ecco dove!

Secondo la media degli scenari del modello europeo il ramo ascendente della saccatura legata al vortice depressionario iberico potrebbe determinare forti temporali su alcune zone d'Italia.

 

L'anticiclone eroso lungo il bordo ascendente della saccatura collegata alla bobina depressionaria presente sull'Iberia, le correnti più fresche ed instabili che si inseriscono sul nord-ovest e parte del versante tirrenico, l'esaltazione delle convergenze al suolo e delle divergenze in quota, la tendenza alla formazione di temporali ad asse obliquo, pericolosi perché mantengono il nucleo distante dalle aree periferiche del temporale.

Vi basta? 


Ci sono elementi sufficienti per credere che, di fronte a quella curvatura ciclonica, peraltro un po' "ballerina", possano esserci i germi per la formazione di temporali forti tra Piemonte e Lombardia e in genere un'accentuazione dell'instabilità su tutti i rilievi, sia alpini che appenninici già dal pomeriggio di lunedì, come resto mostra anche la prima mappa elaborata da un modello ad area locale disponibile per lunedì 28.

Insomma questa fiammata calda potrebbe essere pagata a caro prezzo da alcune regioni: il contatto tra masse d'aria di origine diversa e tutto quanto esposto sopra potrebbe creare il terreno fertile per la formazione di nuclei temporaleschi particolarmente "cattivi", forieri di grandinate, forti raffiche di venti e rovesci abbondantissimi.

A Torino in 3mila per 5 posti infermieri

Al palazzetto la pre-selezione del concorso

(ANSA) - TORINO, 22 MAG - Tutti in coda a Torino, sotto la pioggia, per il concorso per cinque posti da infermiere bandito dall'ospedale Humanitas Gradenigo. Sono quasi tremila i candidati provenienti da tutta Italia, e in alcuni casi dall'estero, col sogno di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Giovani appena laureati, molti al loro primo concorso. La prova nel palazzetto costruito per le Olimpiadi del 2006 e oggi utilizzato per i concerti più affollati.

    I 2.839 aspiranti infermieri hanno dovuto rispondere a trenta domande in trenta minuti sotto lo sguardo attento dei commissari. I primi 500 accederanno all'esame vero e proprio, a giugno, che consiste in prova scritta, orale e pratica

Continua qui

Arrivata a Palermo la Nave della legalità. Mattarella, contro le mafie serve ulteriore impegno

A bordo mille ragazzi che hanno viaggiato tutta la notte partendo da Civitavecchia dopo il saluto del capo dello stato Sergio Mattarella


E' arrivata al porto di Palermo la Nave della legalità con a bordo i mille ragazzi che hanno viaggiato tutta la notte partendo da Civitavecchia dopo il saluto del capo dello stato Sergio Mattarella. Ad accoglierli il presidente della Camera Roberto Fico, la presidente della Fondazione Falcone, Maria Falcone, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il vicepresidente del Csm Giuseppe Legnini.
"Il 23 maggio è una data che non si può dimenticare, viene ricordata ogni anno la data del vile attentato di Capaci. Da allora si è sviluppato un movimento di reazione civile prezioso e importante, contro la mafia che ha ottenuto risultati importanti ma che richiede ulteriori impegni". Così il capo dello Stato Sergio Mattarella alla partenza della Nave della Legalità.

La lotta alle mafie è "un impegno da riaffermare per sradicare questo fenomeno da tutti i territori del paese", ha detto il capo dello Stato Sergio Mattarella alla partenza della Nave della Legalità." "La presenza della mafia ostacola lo sviluppo economico, frena le possibilità di lavoro, condiziona possibilità di vita sociale, riduce la liBertà di ciascuno per questo è importante la testimonianza che state portando oggi e con la giornata di domani e le significative manifestazioni che ci saranno".

Continua qui

Uomo colpito da fulmine nel Fabrianese

I vigili del fuoco hanno soccorso ieri un uomo di 63 anni, colpito da un fulmine in frazione Rucce di Fabriano (Ancona), dove stava infuriando un violento temporale. Il 63enne è stato raggiunto dai soccorritori su una cresta al confine tra Marche e Umbria: sul tuo anche un'eliambulanza che lo ha prelevato e trasportato all'ospedale di Fabriano. E' stato sempre vigile e collaborativo ed è in buone condizioni di salute. Sorpreso dalla pioggia durante una passeggiata con un amico, ha raccontato di essersi rifugiato sotto alcuni alberi.

Continua qui

Maltempo sull'Italia, forti temporali sulle adriatiche: due trombe marine in Veneto!

martedì 22 maggio 2018

Giornata della biodiversità, Italia paese più green d’Europa ma dall’ulivo al pomodoro molte specie a rischio

Inquinamento, riscaldamento globale e l’introduzione di specie esotiche danno il loro contributo al disastro che si sta attuando ai danni degli ecosistemi. Quest’anno si celebrano i 25 anni della Convenzione sulla diversità biologica, entrata in vigore nel 1993 per difendere animali e piante da una serie di minacce che spesso derivano da attività umane


Il patrimonio di biodiversità, composto da piante e animali diversi da cui dipende la vita del pianeta, si va impoverendo a un ritmo inquietante. Dietro c’è la mano dell’uomo, che continua a distruggere habitat per far posto a campi e allevamenti e privilegiando alla natura, caccia, pesca, bracconaggio e commercio illegale. Inquinamento, riscaldamento globale e l’introduzione di specie esotiche danno il loro contributo al disastro che si sta attuando ai danni degli ecosistemi. Quest’anno si celebrano i 25 anni della Convenzione sulla diversità biologica, entrata in vigore nel 1993 per difendere animali e piante da una serie di minacce che spesso derivano da attività umane. In primo luogo la distruzione degli habitat, a cominciare dalle foreste che, nel mondo, ospitano l’80% delle specie esistenti. E in occasione della Giornata mondiale della biodiversità proclamata dall’Onu, che ricorre il 22 maggio, è proprio il segretario della Convenzione, Cristiana Pasca Palmer, a mettere in guardia: “La biodiversità continua ad essere in declino in tutte le regioni del mondo a ritmi allarmanti”. Un allarme lanciato anche al World Economic Forum, che nel Rapporto sui rischi globali 2018 ha inserito nuovamente la perdita di biodiversità e il collasso di ecosistemi tra le minacce principali.

Continua qui

Genova-Casella, torna in servizio la locomotrice storica

Genova - Ha il sapore di un “Orient Express local”, l’elettromotrice A2 del 1929 completamente restaurata, dotata di carrozze di prima e seconda classe con sedili rossi e rifiniture di teak, che sarà in servizio al sabato su prenotazione sui 24 chilometri della ferrovia storica che collega Genova con Casella e il resto dell’entroterra.

«L’elettromotrice, che chiamo “la signora in rosso”, è un tassello per la manutenzione di una rete che ha una valenza di trasporto pubblico locale e sta diventando sempre più importante per il turismo - ha detto l’assessore regionale ai Trasporti, Gianni Berrino - C’è un turismo di nicchia per questi treni romantici, ma anche una domanda di spunti originali per il turismo genovese e della Liguria».

Continua qui

MODELLO EUROPEO: ondata calda dalla vita corta, specie al nord

Il massimo dell'onda calda, secondo il modello europeo, si avrà sull'Italia tra sabato e lunedì. Poi la depressione presente sull'Iberia avanzerà verso di noi confinando il caldo al meridione. 

 

Confermata l'ondata di caldo che avverrà in Italia tra il week-end e l'inizio della settimana prossima.

Ci sono molte versioni su quanto potrà durare; il modello europeo la risolve in breve tempo con l'avanzamento della depressione iberica verso levante.
Andiamo però con ordine: la fase più calda secondo il modello nostrano, è prevista tra sabato 26 e domenica 27 maggio (prima mappa).

L'isoterma + 20° a 1500 metri, che è un po' il confine tra il caldo sopportabile ed atroce, si posizionerà poco ad ovest della Sardegna, con una sua piccola "sfiatata" verso il massiccio centrale francese.

Sarà questa la fase più calda per le regioni settentrionali, la Sardegna ed i versanti occidentali. Questa fase dovrebbe durare poco in quanto già ad inizio settimana la forzata della goccia fredda iberica dovrebbe piegare la cuspide calda verso levante, con interessamento primario del centro-sud.

Continua qui

Si prepara una pesante ANOMALIA TERMICA...

Neonato abbandonato a Brescia, indagini

Il piccolo, di carnagione chiara, sta bene e ora è in ospedale

Un bambino di circa un mese è stato abbandonato in strada a Brescia nella tarda serata del 21 maggio. A notarlo è stato un residente in una via del centro storico che dal balcone di casa ha visto il passeggino senza la presenza di adulti. Ha chiamato le forze dell'ordine dopo aver scoperto che nel passeggino c'era un bambino vestito con una tuta azzurra. Il piccolo, di carnagione chiara, sta bene ed è stato portato in ospedale. Avrebbe fra i sette e dieci giorni.

Continua qui

lunedì 21 maggio 2018

Meteo a 7 giorni: prima molta instabilità, poi sole e caldo per tutti?

Tempo instabile sull'Italia fino a mercoledi 23, poi progressiva stabilizzazione del tempo con l'arrivo del caldo durante il fine settimana. 

 

La giornata più instabile della settimana sarà quella di domani, martedi 22 maggio; guardate quanti rovesci o temporali saranno presenti sulla verticale italica (prima mappa)

I fenomeni saranno più probabili nelle zone interne del centro-nord e parte delle regioni meridionali senza escludere rovesci al mattino anche lungo le coste.
In vortice instabile in risalita dalla Sardegna verso la Penisola si attarderà poi nella giornata di mercoledi 23 maggio soprattutto al centro e al meridione, mentre al nord il tempo inizierà a migliorare seppure ancora in un contesto latentemente instabile.
Saranno gli ultimi atti di una lunga fase instabile che ha caratterizzato la nostra Penisola per buona parte del mese di maggio. Dalla seconda metà della settimana il tempo dovrebbe virare verso condizioni progressivamente più stabili e calde su tutta l'Italia dopo gli ultimi temporali nelle aree interne nel pomeriggio.

Continua qui

Maltempo a Firenze: albero cade su autobus pieno di turisti, ci sono feriti

Il primo CALDO in arrivo sull'Italia: DOVE, COME, QUANDO




Che cos'è la flat tax: maxi taglio fiscale per i ricchi, rischio beffa per i poveri

La scheda. Le caratteristiche della "tassa piatta" che si prepara ad entrare nel programma di governo gialloverde e che costa almeno 50 miliardi. Chi avvantaggia e perché
di ROBERTO PETRINI


Che cos’è?
Nel gergo anglofilo della politica economica e delle tasse viene chiamata flat tax, significa tassa piatta, ma anche con la traduzione in mano non si capisce. “Piatta”, ma perché? L’aggettivo viene dal linguaggio degli economisti che parlano riferendosi ad un grafico con una curva dove sono rappresentati il reddito (ascisse) e il peso delle tasse (ordinate). Se la curva cresce al crescere del reddito, si parla di tasse progressive, se invece resta ferma al crescese del reddito appare piatta e dunque le tasse sono meramente proporzionali.


Detto questo dobbiamo spiegare che cosa sono le tasse progressive e quelle proporzionali. Il principio di progressività non è così intuitivo, perché prevede che chi guadagna di più paghi più che proporzionalmente, mentre nel sentire comune il termine “proporzionale” già sembra sinonimo di equità. Invece quando si parla di soldi non è così perché, come diceva Einaudi (un grande economista che è stato anche presidente della Repubblica) le stesse dieci lire non hanno lo stesso valore per il povero che ci compra la minestra e per il ricco che ci compra la poltrona al teatro, dunque il ricco può pagare di più.  Quello che diceva Einaudi è talmente vero che la nostra Costituzione all’articolo 53 impone che che le tasse siano ispirate al principio di progressività.

La flat tax è stata mai applicata?
Il 19 novembre del 2004 il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi di ritorno da una visita ufficiale nella giovane democrazia della Repubblica slovacca, dove aveva esaltato le ricette dell’economista, consigliere di Reagan, Arthur Laffer, rilanciò l’idea della flat tax che del rasto, fin dal programma del 2001 era stato uno dei suoi cavalli di battaglia. E’ vero che molti paesi dell’Est hanno adottato l’aliquota unica ma bisogna considerare che quei paesi, usciti dai regimi non di mercato, non avevano un sistema fiscale sviluppato, quindi la certezza di una aliquota al 15 o 16 per cento era giù un successo.


Continua qui 

Lo spread Btp-Bund sale a 185 punti. Milano in rosso, ma pesano le cedole

domenica 20 maggio 2018

Centri commerciali: una catastrofe annunciata. Ma in Italia si insiste

Un disastro che rischia di lasciare senza lavoro decine di famiglie a cui è stato sottratto progressivamente il tempo per vivere con leggi scellerate varate da celebrati "professori" allo scopo (presunto) di aumentare le occasioni d'acquisto per i consumatori e dare impulso a consumi ed occupazione

Quella dei centri commerciali è un’agonia inesorabile. Negli Stati Uniti si parla da anni di apocalisse degli shopping mall ma in Italia evidentemente la lezione non è servita, se è vero come è vero che, soprattutto al Sud, continuano ad essere rilasciati permessi per nuove aperture e si moltiplicano le cessioni a gruppi di dubbia solidità economica di queste cattedrali di cemento in malora che hanno privato decine di uomini e donne dell’equilibrio vitale tra la sfera lavorativa e quella affettiva-relazionale.

I numeri sono scioccanti: 166 vertenze giacciono sul tavolo del MISE. Federcontribuenti ha fornito una prima, angosciante stima: 200mila nuovi disoccupati all’orizzonte.

Un disastro che rischia di lasciare senza lavoro decine di famiglie a cui è stato sottratto progressivamente il tempo per vivere, con leggi scellerate varate da celebrati “professori” allo scopo (presunto) di aumentare le occasioni d’acquisto per i consumatori e dare impulso a consumi ed occupazione.

Continua qui

Lancia figlia da ponte A14 e minaccia il suicidio

Momenti drammatici a Francavilla al Mare (Chieti) dove un uomo ha lanciato dal ponte del viadotto dell'autostrada A14 in contrada Vallemerlo (Chieti) la figlioletta. L'uomo a sua volta minaccia in questo momento di gettarsi nel vuoto, non consentendo ai soccorritori presenti in zona di intervenire.

Al momento non ci sono conferme ufficiali sulle condizioni della bambina.

Continua qui 
Aggiornamento:

Francavilla al Mare, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 poi si suicida

sabato 19 maggio 2018

Terremoto nel piacentino, magnitudo 4.3

Epicentro a Gropparello, non si ha notizia di danni

Una scossa di terremoto è stata distintamente avvertita dalla popolazione in provincia di Piacenza. Secondo le rilevazioni dell'Ingv la scossa, alle 18.41, ha avuto una magnitudo 4,3 nella scala Richter, con epicentro nella zona di Gropparello e a una profondità di 28 chilometri. Al momento non si ha notizia di danni a cosa o persone.

Sempre nella stessa zona ha fatto seguito una seconda scossa, di magnitudo più bassa, 2.6. L'area interessata è tra Gropparello, Pontedellolio e Bettola.

Continua qui

Assente dal lavoro per curare il padre, in realtà era in vacanza in Kenya

L’uomo, un macellaio di Mappano, è stato licenziato. Il padre rischia la revoca dell’assegno di invalidità


Gianni Giacomino
Mappano (Torino)
Padre e figlio sono finiti nei guai per una storia davvero singolare. Il primo, un macellaio di 47 anni ha usufruito dei permessi previsti dalla “legge 104” per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone disabili, ottenendo dall’azienda dove lavorava settimane di congedo per restare a casa ad accudire il genitore, invalido all’80%. Peccato che quest’ultimo, pensionato di 81 anni abbia guidato l’auto fino a Cattolica per raggiungere, insieme alla moglie, un centro termale, mentre il figlio che avrebbe dovuto accudirlo era in vacanza in Kenya. Risultato? Il 47enne è stato licenziato, mentre l’Inps di Torino Nord ha avviato un’indagine parallela a quella della Procura per capire chi è che ha riconosciuto l’handicap dell’80% al pensionato, che potrebbe anche perdere l’assegno di invalidità. Tutta la storia viene a galla poco prima del Natale scorso quando il direttore di un ipermercato della prima cintura torinese si presenta nella caserma dei carabinieri di Leini: «Credo che un nostro dipendente ci abbia truffato».

Continua qui

 Falsificava i certificati di invalidità: impiegata dell’Asl sospesa dal servizio

FINE SETTIMANA con temporali ancora protagonisti su diverse zone d'Italia

Aria nuovamente più umida ed instabile affluisce sul settentrione favorendo un'accentuazione dell'attività temporalesca, coinvolto in parte anche l'Appennino centrale. Nuclei temporaleschi in azione ad intervalli anche all'estremo sud. Tra lunedì e martedì temporali piuttosto estesi tra nord e centro, poi temporaneo miglioramento e più caldo, ma..

 


SENZA TREGUA: continua la dinamicità atmosferica in questa primavera 2018, caratterizzata da anomalie bariche notevoli, che potrebbero avere ripercussioni anche nelle prossime settimane. Per i prossimi giorni attesi anche sbalzi termici non trascurabili, vivremo davvero giorni interessanti.

SITUAZIONE: l'Italia è ancora coinvolta da un canale depressionario che spinge verso di noi a tratti aria più umida ed instabile, come quella destinata ad interessare soprattutto nord e centro nelle prossime 48 ore. Nel contempo è attivo un flusso instabile diretto dall'Algeria alle nostre estreme regioni meridionali, che genera nuclei di vorticità e dunque grossi ammassi temporaleschi.

TEMPORALI: diverranno frequenti nel pomeriggio-sera di oggi e domenica al nord, specie a ridosso delle montagne, coinvolte anche le zone interne ed appenniniche del centro. I fenomeni potrebbero essere accompagnati anche da grandinate. 

EVOLUZIONE: tra lunedì e martedì la saccatura presente sul Mediterraneo occidentale influenzerà ancora il nostro Paese favorendo rovesci e temporali tra nord e centro, mentre da mercoledì a venerdì un cuneo di alta pressione di matrice subtropicale andrà a coinvolgerci a partire dal meridione, favorendo un miglioramento del tempo e un significativo rialzo delle temperature.

Continua qui

venerdì 18 maggio 2018

Belgio: bimba migrante di due anni uccisa in un inseguimento di polizia

La piccola, di origine curda, viaggiava su un furgone con una trentina di migranti a bordo. Ferita da un colpo d'arma da fuoco sparato dalla polizia durante l'inseguimento, è morta durante il trasporto in ospedale

Una bambina curda di due anni che viaggiava su un furgone con una trentina di migranti a bordo è stata uccisa da un colpo d'arma da fuoco, giovedì, durante un inseguimento della polizia, che si è concluso all'altezza di Mons, in Belgio. La bimba è morta in ambulanza, durante il trasporto in ospedale. Lo riportano i media belgi. Secondo una prima ricostruzione i migranti avrebbero in qualche modo mostrato la bambina, per dissuadere la polizia dal proseguire nell'inseguimento del furgone, dove sono stati trovati 26 adulti e quattro bimbi. Tutti i migranti sono stati sottoposti a fermo di polizia, su quanto accaduto è stata aperta un'inchiesta per omicidio volontario, ribellione armata, e tratta di esseri umani. 

Continua qui

Pisa, bambina di un anno dimenticata in auto dal padre: morta

Il padre ha lasciato la figlia in auto nel parcheggio dello stabilimento dove lavora, nel pisano - Cos’è l’amnesia dissociativa| - Seggiolini con sensori «anti-abbandono»

Una bambina di un anno è morta dimenticata in auto per otto ore dal padre. L’uomo l’ha lasciata in mattinata nel parcheggio dello stabilimento dove lavora, la Continental di San Piero a Grado, nel Pisano. Sul posto stanno operando polizia e carabinieri, insieme al personale del 118 e ai vigili del fuoco. L’allarme è scattato intorno alle 15:30, quando l’uomo ha ricevuto la telefonata della moglie dal nido dove la bambina avrebbe dovuto trovarsi. Quando sono arrivati i soccorritori la bambina era già morta. L’auto con a bordo la bimba era stata parcheggiata fin dal mattino lungo una strada che costeggia una zona alberata a San Piero a Grado, a pochi chilometri da Pisa, non lontano dallo stabilimento industriale dove l’uomo lavora. 

Continua qui

Sparatoria in Texas: 10 morti in una scuola superiore. Arrestato l'assalitore, è uno studente di 17 anni

È avvenuto in una scuola superiore di Santa Fe, poco dopo le 7,30 del mattino ora locale. Dieci i morti: 9 studenti e un professore. L'assalitore è Dimitrios Pagourtzis. Fermata una seconda persona

Sparatoria in una scuola superiore a Santa Fe, Texas, quasi 50 chilometri a sud-est di Houston. Secondo i media Usa ci sarebbero dieci morti: nove studenti e un professore. Ferito un poliziotto. L'assalitore è stato arrestato: si tratta di uno studente di 17 anni. Fermata una seconda persona. Nel campus e nell'istituto sarebbero stato trovati anche degli esplosivi, secondo la Cnn si tratta di tubi bomba e pentole a pressione. «Sono afflitto per la terribile perdita di vite. Agli studenti, alla famiglie e al personale di Santa Fe, siamo con voi in queste tragiche ore e lo saremo sempre» ha twittato il presidente americano Donald Trump. 

Continua qui

Cuba, aereo si schianta a L’Avana subito dopo il decollo

Si tratta di un Boeing 737 della compagnia cubana de Aviaciòn: era appena decollato dall'aeroporto dell'Avana

Un velivolo si è schiantato poco dopo il decollo dall’aeroporto internazionale «José Martí» de L’Avana, la capitale di Cuba. A bordo ci sarebbero stati 107 passeggeri. Ma sono ancora pochi i dettagli al momento: la tv di Stato dell’isola spiega che si tratterebbe di un «Boeing 737 della compagnia Cubana de Aviación», ma un’analisi della flotta del vettore mostra come non esistano al momento velivoli di quel tipo. 

Continua qui

Meteo week-end: chi rischia il TEMPORALE?

Sarà un fine settimana discreto sull'Italia, ma attenzione ai rilievi e a parte delle pianure dell'Italia settentrionale. 

 

La prima mappa mostra la situazione attesa in Italia nel pomeriggio di sabato 19 maggio.

 

Il tempo migliore lo avremo lungo le coste, sulle Isole e al meridione, a parte qualche piovasco sulla Sicilia settentrionale. Ampi spazi soleggiati saranno presenti anche sulla Pianura Padana centro-orientale.
Sulle restanti zone la mattinata partirà bene, con tempo soleggiato, mentre nel pomeriggio l'atmosfera diverrà un po' irrequieta specie su Alpi, Prealpi, Piemonte (specie in serata), Appennino Ligure e Tosco Emiliano.
Temporali "di calore" si origineranno anche nelle zone interne centrali poste tra Lazio, Abruzzo e nell'entroterra della Campania.


Domenica 20 maggio (seconda mappa) l'attività temporalesca tenderà un po' ad accentuarsi al nord, ma sarà sempre limitata alle ore pomeridiane (al mattino il tempo resterà nel complesso buono).
Le zone interessate saranno le stesse del sabato, ma con maggiore rischio di sconfinamenti verso le aree pianeggianti adiacenti ai rilievi tra pomeriggio e sera.
Al centro comparirà qualche temporale nelle zone interne della Sardegna e lungo tutta la dorsale dell'Appennino, ma con basso rischio di sconfinamento lungo le coste (dove il tempo resterà abbastanza buono fino a sera).

Continua qui 

Ultime ore:
EMILIA-ROMAGNA: 50mm d’acqua in 21 minuti: questa la portata della bomba di acqua e grandine che si è riversata nel pomeriggio di giovedì 17 maggio nel comprensorio di Lugo di Romagna. Il dato è il più alto in tutto il territorio regionale. L’intensità del temporale è stata circa doppia rispetto alle più intense precipitazioni della giornata (la più alta dopo Lugo è di 26,4 millimetri nelle colline imolesi).

La nuova offensiva TEMPORALESCA del 21-22 maggio: dettagli!

Esuberi per 4.500 in Telecom, avviata la procedura per la cassa integrazione

Attivata la procedura al ministero, poco meno di un mese per trovare soluzioni alternative: riguarda 29mila dipendenti. La società: "Scelta inevitabile, speriamo in accordo". Ricavi in calo per il gruppo, ma il mercato premia i conti solidi.


MILANO - Telecom Italia si muove sulla strada dell'utilizzo della Cigs, la cassa integrazione guadagni straordinaria, per gestire gli esuberi. Il gruppo, secondo quanto riporta l'agenzia Radiocor, ha mandato la lettera al Ministero del Lavoro per avviare le procedure. Nella richiesta si parla di una durata massima di 12 mesi, presumibilmente a partire dal 18 giugno fino al 17 giugno del 2019. Sarà applicata a un massimo di 29.736 lavoratori che saranno sospesi dal lavoro per un numero medio di giornate non superiore a 26, da distribuire su base mensile nel periodo di applicazione e comunque in linea con i fabbisogni del programma di riorganizzazione. Gli  esuberi individuati, alla base della richiesta della cigs, sono 4.500. Alla fine del periodo di applicazione della cassa, precisa la lettera "è prevedibile il permanere di eventuali eccedenze di personale - in misura pari a 4.500 unità di personale che solo in parte potranno essere gestite con strumenti non traumatici in quanto direttamente collegate a specifici contesti produttivi".

Continua qui

giovedì 17 maggio 2018

Paura alle Hawaii, esploso il vulcano Kilauea

Colonna di fumo e cenere alta oltre 9 chilometri 

Devastante esplosione sulla cima del vulcano Kilauea, nelle Hawaii, con una eruzione che ha provocato una colonna di fumo e cenere alta oltre nove chilometri e destinata ad abbattersi sull'arcipelago. L'esplosione e' stata preceduta da una serie di terremoti, col piu' forte che ha raggiunto una magnitudo di 4.4.

Continua qui

Cliente del ristorante ha un infarto, salvato dal cuoco

Nel suo paese si era laureato in medicina e specializzato in radiologia, ma poi è diventato cuoco. Proprio grazie ai suoi studi, però, ha potuto salvare la vita a un uomo. Il protagonista della vicenda è il cuoco 29enne di un locale che si trova a Montevideo, in Uruguay.

Da qualche mese lavora nel ristorante "La Pasiva": «Stavo preparando un sandwich al salmone quando il pizzaiolo del ristorante mi ha detto che c'era bisogno di me, un cliente era crollato a terra privo di sensi. Mi sono precipitato verso di lui, gli ho tirato fuori la lingua e l'ho girato sul fianco, per evitare che ingoiasse la saliva, poi ho iniziato ad alternare il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca».

Continua qui

Ancora TEMPORALI pomeridiani in agguato tra nord e centro, nubi africane al sud

Tempo instabile tra nord e centro con fenomeni prevalentemente pomeridiani e serali, più sole al sud ma con arrivo di nubi medio alte dal nord Africa. Venerdì più sole ovunque. Sabato e domenica instabilità su Alpi, fascia pedemontana del nord e Appennino centro-settentrionale. All'inizio della prossima settimana possibile passaggio perturbato (specie tra martedì e mercoledì).

 

SITUAZIONE: la mancanza di una zona di alta pressione espone l'Italia a condizioni di instabilità che oggi tenderanno a presentarsi soprattutto tra nord e centro. Nel contempo un fronte nuvoloso di matrice afro-mediterranea favorirà annuvolamenti sulle estreme regioni meridionali e la Sardegna.

EVOLUZIONE: venerdì l'instabilità tenderà ad attenuarsi temporaneamente ma al sud sarà ancora attivo il fronte africano che determinerà annuvolamenti ma scarsi fenomeni.

FINE SETTIMANA: il modesto rialzo della pressione atmosferica non sarà sufficiente per scongiurare del tutto il rischio di temporali, che pertanto tenderanno a ripresentarsi a ridosso dei rilievi del nord e del centro Italia, sconfinando localmente anche sulle zone pianeggianti limitrofe.

PROSSIMA SETTIMANA: una saccatura in arrivo da ovest tenderà nuovamente a coinvolgere l'Italia favorendo precipitazioni soprattutto tra martedì 22 e mercoledì 23 maggio, in un contesto termico comunque mite. 

 

Continua qui

Forte temporale si abbatte su Milano: tanta grandine e allagamenti (video)

MILANESE: il violento nubifragio che ieri sera ha colpito il Milanese ha scaricato oltre 90mm di pioggia nella zona di Buccinasco. La grandine si è fatta notare in diversi paesi. Notevole l'attività elettrica.

Ultim'ora: enorme tornado in Germania, su Viersen (video)

 

Meteo a 7 giorni: colpi di tuono "pomeridiani" sui monti e nelle zone interne

Meteo a 15 giorni: anticiclone anomalo sulla Scandinavia, sull'Italia tempo spesso instabile