mercoledì 23 maggio 2018

Anticiclone ma non troppo: rischio NUBIFRAGI sul finire del mese...ecco dove!

Secondo la media degli scenari del modello europeo il ramo ascendente della saccatura legata al vortice depressionario iberico potrebbe determinare forti temporali su alcune zone d'Italia.

 

L'anticiclone eroso lungo il bordo ascendente della saccatura collegata alla bobina depressionaria presente sull'Iberia, le correnti più fresche ed instabili che si inseriscono sul nord-ovest e parte del versante tirrenico, l'esaltazione delle convergenze al suolo e delle divergenze in quota, la tendenza alla formazione di temporali ad asse obliquo, pericolosi perché mantengono il nucleo distante dalle aree periferiche del temporale.

Vi basta? 


Ci sono elementi sufficienti per credere che, di fronte a quella curvatura ciclonica, peraltro un po' "ballerina", possano esserci i germi per la formazione di temporali forti tra Piemonte e Lombardia e in genere un'accentuazione dell'instabilità su tutti i rilievi, sia alpini che appenninici già dal pomeriggio di lunedì, come resto mostra anche la prima mappa elaborata da un modello ad area locale disponibile per lunedì 28.

Insomma questa fiammata calda potrebbe essere pagata a caro prezzo da alcune regioni: il contatto tra masse d'aria di origine diversa e tutto quanto esposto sopra potrebbe creare il terreno fertile per la formazione di nuclei temporaleschi particolarmente "cattivi", forieri di grandinate, forti raffiche di venti e rovesci abbondantissimi.

Nessun commento:

Posta un commento