venerdì 31 agosto 2018

La Commissione europea propone di mantenere sempre l'ora legale. Juncker: "orario estivo tutto l'anno"

Se ne parlava già da un po' di tempo ma adesso il tutto appare più concreto. Secondo quanto rilasciato in un'intervista tv delle ultime ore dal presidente Jean-Claude Juncker, la Commissione europea proporrà di abolire il passaggio tra ora legale e solare in tutta l'Unione europea. "La gente vuole farlo, quindi lo faremo", ha affermato Jean-Claude, spiegando che fra Luglio e Agosto è stato fatto un sondaggio online, dove la maggior parte dei 4,6 milioni di partecipanti (circa l'80%) si è detta favorevole a mantenere un solo orario, per tutto l'anno.
La proposta della Commissione, che potrebbe essere presentata già oggi, sarà di adottare l'ora legale per tutto l'anno, abbandonando il passaggio semestrale all'ora solare durante il periodo più freddo dell'anno. Per modificare le disposizioni sull'ora legale, la Commissione dovrà prima convincere i governi dei 28 stati e l'Europarlamento, con una decisione adottata a maggioranza. La decisione finale la si potrà conoscere probabilmente nel mese di Ottobre. 
Già a febbraio, l'Europarlamento aveva bocciato l'ipotesi di abolire il cambio semestrale dell'ora. Ora la Commissione Europea ci riprova, potendo avvalersi di un sondaggio in cui si evince la volontà di un gran numero di persone di abolire il "cambio orario". Il sito Euractiv ne dà quasi per certa l’abolizione.
L'ora legale, ricordiamo, è la convenzione di spostare avanti di un'ora le lancette degli orologi di uno Stato per sfruttare meglio l'irradiazione del sole durante il periodo estivo. Dal 2000 una direttiva comunitaria - quindi vincolante - obbliga gli Stati a introdurla fra il 25 e il 31 marzo di ogni anno e a rimuoverla fra il 25 e il 31 ottobre, per armonizzarne l'utilizzo in tutta la Ue.
Continua qui

Scuola: oltre 1000 euro di spesa tra libri, astucci, zaini

Incrementi da 0, 9% a 4% secondo le associazioni dei consumatori

Con l'avvicinarsi della riapertura delle scuole, le associazioni dei consumatori tornano a calcolare se e quanto aumenteranno i costi dei corredi scolastici e dei libri di testo e ad ipotizzare le 'stangate' che si preparano per le famiglie a settembre. Secondo i calcoli di Federconsumatori, quest'anno costerà intorno ai 526 euro il corredo scolastico per ogni singolo studente, con un incremento dello 0,8% rispetto al 2017.
Nella classifica degli aumenti quest'anno il primo posto spetta agli astucci e diari legati ai beniamini dei cartoni animati, mentre per i libri e 2 dizionari i genitori dovranno sborsare poco più di 456 euro a ragazzo, vale a dire l'1,1% in meno rispetto all'anno scorso. Più pesanti gli aumenti per astucci, zaini e materiale scolastico e anche per i libri di testo secondo il Codacons: nei negozi e nei supermercati di tutta Italia già da giorni è comparso tutto l'occorrente per la scuola - ricorda l'associazione - si va da diari e quaderni "low cost" a zaini e astucci griffatissimi con le marche del momento, sempre più richieste dai giovanissimi. In base alle prime stime l'associazione per i diritti dei consumatori calcola per il corredo scolastico (penne, diari, quaderni, zaini, astucci, ecc.) rispetto al 2017, un incremento medio del +2%, rincaro che raggiunge il +4% per il materiale "griffato", ossia le marche più richieste dai giovanissimi perché legate a squadre sportive, cartoni animati, bambole o personaggi e serie famosi.
Continua qui

Chiesa crollata, Roberto e Sara: «Domenica dovevamo sposarci, erano previsti 150 invitati»

Crollo nella chiesa di San Giuseppe dei Falegnami a Roma


«Ci è crollato il mondo addosso, uno si sposa una volta nella vita. Inizialmente abbiamo pensato che sfortuna...poi riflettendo sul fatto che sarebbe potuto accadere anche domenica, quando dovevamo sposarci noi, con 150 invitati forse qualcuno ci ha protetto da una strage...Ora stiamo andando a vedere San Marco la chiesa di fronte dove abbiamo 'trasferito' subito il matrimonio». Così Roberto Apostolico e Sara Minasi che avrebbero dovuto unirsi in matrimonio questa domenica a San Giuseppe dei Falegnami, la chiesa nel centro di Roma il cui tetto è crollato oggi.

Roberto Apostolico e Sara Minasi fissano da lontano la chiesa dove si sarebbero dovuti sposare questa domenica con sguardo ancora incredulo. Sostano dietro le transenne che, dopo il crollo del tetto, bloccano l'accesso alla chiesa di San Giuseppe dei Falegnami, nel cuore di Roma, e da qui - tra il passaggio di vigili del fuoco e carabinieri - raccontano la loro storia: «Inizialmente abbiamo pensato che sfortuna...poi riflettendo sul fatto che sarebbe potuto accadere anche domenica con 150 invitati e diversi bambini forse qualcuno ci ha protetto da una strage». 

Continua qui


giovedì 30 agosto 2018

Mette l'acido nella bottiglia del collega, arrestata

Aveva anche molestato una donna del suo ufficio

(ANSA) - MILANO, 29 AGO - Ha cercato di avvelenare un collega mettendo dell'acido solforico nella bottiglietta che aveva sulla scrivania. I carabinieri hanno accertato che, in passato, aveva già molestato una sua collega per telefono e imbrattandole auto e porta di casa. Per questo i militari hanno arrestato per atti persecutori, ma le è stato contestato anche il tentato omicidio, una dipendente dell'Eni di San Donato di 52 anni.

Continua qui

Crollo ponte Morandi: Finanza sequestra documentazione. Lettera autostrade di febbraio 2018: 'Non è sicuro'

Tra i documenti acquisiti anche la relazione del progettista in cui si diceva stupito del degrado dei materiali. Toninelli: bene le indagini, chiarezza sul passato

La Guardia di finanza ha eseguito un decreto di sequestro emesso dalla procura di Genova che riguarda tutta la documentazione relativa al ponte Morandi dopo il crollo avvenuto lo scorso 14 agosto provocando la morte di 43 persone. Le Fiamme gialle sono state nelle sedi del Ministero delle Infrastrutture e nel suo ufficio ispettivo territoriale di Genova, nella sede del Provveditorato delle opere pubbliche di Liguria, Piemonte e Val d'Aosta, e della Spea Engineering spa.  
Intanto l'Espresso anticipa una lettera datata 28 febbraio 2018, nella quale il direttore delle manutenzioni di Autostrade, Michele Donferri Mitelli, metteva in guardia il Ministero e il Provveditorato sui rischi per la sicurezza legati al ritardo dell'approvazione del progetto esecutivo di rinforzo del ponte. In particolare si chiedeva di accelerare l'iter proprio per garantire "l'incremento di sicurezza necessario sul viadotto Polcevera".
La lettera inviata al ministero delle Infrastrutture dalla società autostrade, resa nota dall'Espresso, non era "d'allarme" ma serviva a sollecitare l'approvazione del progetto - puntualizza poi la società - di miglioramento del viadotto Polcevera. E' quanto sottolinea in una nota la Società Autostrade definendo fuorviante un'interpretazione allarmistica.
Continua qui

Genova, primi sì al ponte di Piano: Fincantieri e Autostrade trattano

Meteo maltempo: pronto un nuovo attacco all'estate!

Già da oggi primi segnali di instabilità atmosferica su alcuni settori, venerdì temporali al nord, sabato fenomeni soprattutto su nord-est, regioni centrali e Campania con annesso calo termico.


SITUAZIONE: una perturbazione sta transitando sul centro Europa senza coinvolgere direttamente il nostro Paese ma riesce comunque di riflesso ad attivare condizioni di locale instabilità tra Liguria e regioni di nord-est, poiché ha instaurato un flusso di correnti leggermente instabili da WSW. 

TEMPERATURE: oggi pomeriggio farà ancora piuttosto caldo sul nostro Paese, specie al centro e al sud, mentre da venerdì al nord è atteso un calo rilevante, che si confermerà nel fine settimana coinvolgendo anche le regioni centrali.

ATTACCO: arriverà nella prossima notte lo stretto affondo di una saccatura in discesa da centro Europa sul nord Italia ed insisterà per tutta la giornata di venerdì, scendendo poi a coinvolgere anche le regioni centrali dalle prime ore di sabato. 

TEMPORALI: la zona più colpita da fenomeni intensi potrebbe risultare venerdì quella dell'alta Lombardia, mentre sabato l'Emilia-Romagna e gran parte del Veneto e del Friuli Venezia Giulia. Saranno possibili NUBIFRAGI con accumuli di pioggia rilevanti!

Continua qui


METEO A 7 GIORNI: battuta d'arresto dell'estate, FORTI TEMPORALI in arrivo

martedì 28 agosto 2018

“Dopo 40 anni chiudo bottega a causa del cantiere del tunnel”

Terzo valico: Luigi Borasi ha perso i clienti con la deviazione del traffico tra Gavi e Serravalle Scrivia su salita Crenna e la chiusura della galleria. Ora pensa di chiedere i danni

Ha scritto di suo pugno con la vernice il nome della sua ditta su uno dei new jersey all’ingresso del cantiere nella speranza che qualcuno si ricordi della sua attività, aperta oltre quarant’anni fa e ora a rischio chiusura a causa dei lavori della galleria della CrennaLuigi Borasi ha 81 anni ma non intendeva affatto smettere di lavorare. Da decenni vende attrezzature da giardino e per l’enologia a tutta la Val Lemme e in Valle Scrivia, visto che la “bottega” è proprio al confine tra due vallate, nel territorio di Serravalle Scrivia, all’ingresso del piccolo tunnel che da decenni attende di essere allargato e sistemato e che con l’avvio dei lavori del Terzo valico a Voltaggio è diventato ancora più angusto a causa dei tanti camion. Sei anni fa, quando si parlò di avviare i cantieri della Grande opera con le lettere degli espropri piovute sui cittadini ignari, Borasi sentenziò: “Quando aprirà il cantiere della galleria dovrò chiudere”. Da luglio i lavori sono cominciati con la chiusura al traffico del tunnel e la deviazione degli automezzi su salita Crenna. Davanti all’impresa di Borasi, almeno fino all’agosto del 2019, non passerà neppure una macchina poiché la sua casa, come altre, e la sua attività sono praticamente dentro il cantiere.

Continua qui

Diciotti, la bufala dei migranti che ballano 'Waka Waka'. Guardia Costiera: "Video del 2017"

Il portavoce della Guardia Costiera a Repubblica: "Si tratta di un video di una missione dell'estate 2017 girato a bordo della nave"

Libia, torture ai migranti. I terribili video che il Papa ha voluto vedere: "Ecco che succede a chi è rimandato indietro"

Agitu, la ''Regina delle capre felici'' minacciata di morte: ''Brutta negra, io ti uccido. Tornatevene nel vostro Paese''

In Trentino dal 2010 la sua è una storia di successo e integrazione raccontata da tutti i giornali anche internazionali. Da un anno subisce aggressioni e dispetti in Val dei Mocheni per colpa di uno squilibrato violento: ''Ma da giugno la situazione è degenerata". Trovata anche una capra morta con una mammella asportata da un'arma da taglio 


FRASSILONGO. ''Brutta negra'', ''voi non potete stare qua, tornatevene al vostro Paese'', ''devi morire''. Ha deciso di dire basta Agitu Ideo Gudeta. Conosciuta come la ''Regina delle capre felici'', di lei hanno parlato tutti i più grandi giornali, nazionali e non solo, e all'ultimo Festival dell'Internazionale a Ferrara (dove l'avevamo incontrata) aveva fatto il tutto esaurito raccontando la sua storia di riscatto e integrazione. Ebbene oggi a prevalere su tutto sono la paura e l'esasperazione. E quando ti trovi una capra uccisa con una mammella asportata da un'arma da taglio non potrebbe essere altrimenti e i sospetti crescono.

Non ce la fa più. Trasferitasi da qualche tempo con le sue 150 capre in Val dei Mocheni (aveva cominciato la sua attività di allevamento in Val di Gresta) da circa un anno ha a che fare con un vicino ossessivo, razzista, violento. ''Dispetti a non finire -  racconta - gomme della macchina e del carretto bucate nella notte, danni ai macchinari e ogni volta che passiamo davanti alla sua proprietà insulti a non finire, parolacce, minacce. Ma negli ultimi mesi le cose sono degenerate. Il suo razzismo è esploso. Da giugno la situazione si è fatta insostenibile''.

Continua qui

Cinque erbe del Parco Capanne per creare il Cicchetto del Cabanè

La Erbaflor Peruzzo ha prodotto un nuovo amaro con le piante e il miele dell'area protetta



Cinque erbe spontanee del Parco Capanne di Marcarolo per creare il Cicchetto del Cabanè, l’amaro prodotto dalla Erbaflor Peruzzo e già commercializzato nella sua catena di negozi. Alla fine di luglio l’amaro è stato presentato per la prima volta a Capanne di Marcarolo durante la Fiera del bestiame, l’evento che porta nella frazione di Bosio migliaia di persone, nello stand allestito dalla Erbaflor Peruzzo, azienda che da decenni si occupa di erboristeria grazie all’esperienza di Igino Peruzzo, che a Ovada, nel dopoguerra, aveva aperto un laboratorio per le erbe accanto a casa. Per la creazione del Cicchetto del Cabanè la Erbaflor Peruzzo utilizza il ginepro, l’elicrisio, la poligala, il tanaceto e l’artemisia.

L’amaro viene poi dolcificato con miele di castagno, anch’esso proveniente dai boschi del Parco. Il Cicchetto è il secondo prodotto tipico del Parco, dopo la Formaggetta di Capanne, ricavata a Capanne superiori da latte vaccino, reperibile solo nel territorio dell’area protetta a Cascina Saliera.


Continua qui

lunedì 27 agosto 2018

PREVISIONI METEO: nuovi IMPORTANTI temporali in arrivo da venerdì, vediamo DOVE

Una figura di bassa pressione riuscirà a penetrare sul Mediterraneo entro il prossimo fine settimana. Nuovi temporali in previsione su diverse regioni.


Pensavamo che agosto potesse concludersi sotto condizioni atmosferiche più tranquille e invece dobbiamo nuovamente ricrederci. Troppo vasto e troppo importante il passaggio instabile del weekend per credere che non avesse ripercussioni anche nel futuro e così, un po' inaspettatamente, i modelli tornano a proporre un passaggio temporalesco piuttosto importante sul nostro Paese nel primo weekend di settembre. A dire il vero venerdì ci sarebbe già spazio per alcuni forti temporali in arrivo sulle regioni dell'Italia settentrionale e soltanto in un momento successivo i fenomeni potrebbero estendersi anche al centro e forse persino sul nostro meridione soprattutto da domenica. 
Il nuovo impulso riuscirebbe a penetrare sul Mediterraneo sfruttando ancora una volta l'insenatura naturale costituita dal Golfo del Leone, scivolando lungo il bordo orientale dell'anticiclone delle Azzorre. In tal modo venerdì i fenomeni potrebbero interessare le regioni del nord con temporali forti in previsione anche sull'angolo nord-occidentale.
Continua qui

sabato 25 agosto 2018

Ex 007 e amici della Cricca, ecco gli ispettori di Toninelli

Nella commissione sul ponte l’ex capo degli appalti del Sisde, un funzionario intercettato nell’indagine su Balducci e uno con incarichi pagati da Autostrade
DI GIANLUCA DI FEO

Rixi: «La demolizione dei resti del ponte potrebbe iniziare i primi di settembre»

Speciale -  Il crollo del Ponte Morandi

METEO A 7 GIORNI: temporali e calo termico nel weekend, poi un inizio di settimana più tranquillo

In arrivo nuovi temporali al nord a partire da questa sera, in estensione nel weekend anche al centro ed al sud. L'inizio della prossima settimana sotto una rinforzo anticiclonico accompagnato però a temperature più gradevoli.


Una importante perturbazione è in rotta dall'oceano Atlantico verso il bacino centrale del Mediterraneo; raggiungerà il nostro Paese entro la serata odierna, portando con sè i primi temporali in vista lungo l'arco alpino, prealpino e le zone di pianura settentrionali. Nella notte il cambio di circolazione farà sentire i suoi effetti anche nelle località marittime, temporali sono infatti previsti sulla Liguria e sull'alta Toscana. Al centro e soprattutto sulla Sardegna, il passaggio di consegne tra l'aria caldsa ed umida che ormai risiede da giorni sul Mediterraneo, con quella assai più fresca oceanica, farà sentire i suoi effetti già entro domani mattina, attraverso un rinforzo del Maestrale. 

Uno sguardo a sabato pomeriggio, quando il fronte freddo porterà ancora temporali in vista per le regioni settentrionali, con fenomeni questa volta più concentrati sull'angolo nord-est e poi in serata nuovamente sulla Liguria e la Toscana. 

E' un passaggio frontale piuttosto veloce ma che lascerà un'impronta incisiva sulle temperature che saranno soggette ad una diminuzione piuttosto sensibile al nord e su parte del centro, con scarti sino a 6°C/8°C in meno rispetto ai valori attuali. L'apice del raffreddamento al suolo è previsto nella notte tra domenica e lunedì, su alcuni settori dell'Italia settentrionale sarà necessario indossare felpine e magliette a maniche lunghe, sulla fascia alpina farà persino freddo, con la prima neve sulle vette più elevate che potrebbe spingersi sin verso i 2000 metri. 



venerdì 24 agosto 2018

Centro Italia. Macerie, paura e spettri. Il terremoto due anni dopo

Ad Amatrice e negli altri centri, il futuro e il passato da salvare. In uno scenario ancora da brividi, la vita è ricominciata



Sole e pioggia qui non sono diversi. Neppure il tempo, cristallizzatosi. La 'Zona rossa', sempre e dovunque presidiata dai soldati, quella di Amatrice o di Accumoli o di Arquata o Pescara del Tronto o di frazioni e comuni spezzati dal terremoto – dai terremoti – nel centro Italia, non fa troppa differenza. È buio anche di giorno. È ancora brandelli sospesi di vite. Ancora macerie. Ricordi. Lacrime. Scricchiolii sotto i piedi a ogni passo. Troppo, qui, è ancora. S’incontrano gli spettri. Avanzi di materassi e di letti e di mobili appesi a calcinacci affacciati nel vuoto. Tendine sfilacciate da due anni di vento spinte fin fuori gli scheletri delle finestre disallineate coi muri. Giacche e vestiti affacciati sul vuoto dall’armadio in equilibrio su un pavimento aperto in due, gli stessi di due anni fa, appena più rovinati e sporchi. Briciole ammucchiate e sparse d’edifici, erba nelle spaccature delle strade.



Cielo azzurro e lacerato. Le ombre del sangue e della Signora in nero, nascoste dietro le porte strappate. In cima a ringhiere e solette di balconi attorcigliate e sospese nell’aria. Fra reti di letto diventate ferraglia informe. Alle spalle di ante che si muovono, cigolano e ancora, soffiando, si lamentano. S’incontra il silenzio. Pesante. Denso. Che rimbomba. Che è aggrappato dappertutto, come certi rumori che lo sguardo e la suggestione rendono quasi reali. Il vociare della gente che cammina dove ora camminiamo, le risa di bambini, l’eco di una birra insieme al bar o delle donne che fanno la spesa. Bottiglie d’acqua sono accatastate a terra in una nicchia, sotto un po’ di calcinacci, addossate al muro, la plastica della confezione strappata, ma le stringe ancora. Rassicurano, magari tra poco qualcuno verrà a prendersele. Magari. Intorno a quel muro, davanti, c’è polvere e nulla.

Continua qui

giovedì 23 agosto 2018

Mamma di Neanderthal, padre di Denisova: trovata l'erede dei due gruppi di ominidi

Partendo da un piccolo frammento di osso ritrovato nel 2012 in Russia i ricercatori del Max Planck Institute hanno sequenziato il genoma di Denny, scoprendo il primo "ibrido". La ricerca è stata pubblicata su Nature 

di MARIA FRANCESCA FORTUNATO

Il frammento di osso trovato nel 2012 a Denisova e che rappresenta la figlia di una donna
di Neandertal e un uomo di Denisova (Credit T. Higham, University of Oxford) 
I CONTATTI tra l'uomo di Neanderthal e quello di Denisova - i nostri più vicini parenti estinti - sono stati già documentati in passato. Il primo, dalle regioni più occidentali d'Europa, si era spinto parecchio a est nelle sue migrazioni, fino in Uzbekistan e Siberia centrale, lì dove è localizzata la cava di Denisova in cui furono trovati i resti dell'ominide che da quella grotta prese il nome. Ora gli studiosi hanno trovato l'erede dei due gruppi, una ragazza di circa 13 anni, morta 90mila anni fa e ribattezzata dai ricercatori Denny.

Il team di ricercatori del Max Planck Institute  for Evolutionary Anthropology dall'analisi del genoma ha ricostruito "l'albero geneologico" dell'ibrido Denny, partendo da un piccolo frammento di osso recuperato in Russia nel 2012 in mezzo ad altri 2mila resti non identificati, e ha scoperto che si trattava della figlia di una donna di Neandertal e di un uomo di Denisova. Una circostanza piuttosto fortunata per i ricercatori. "L'aspetto interessante di questo genoma - spiega Fabrizio Mafessoni, uno degli autori dello studio pubblicato su Nature- è che ci permette di imparare nuove cose su entrambe le popolazioni". Si è scoperto ad esempio che il padre denisoviano doveva aver avuto almeno un antenato di Neanderthal e che il quadro dei rapporti tra i due gruppi poteva essere più complesso.


Continua qui

mercoledì 22 agosto 2018

METEO A 7 GIORNI: passaggio perturbato in arrivo nel weekend, calo termico e temporali

Ultimi giorni di caldo intenso sulle nostro Paese, poi una perturbazione in arrivo a ridosso del fine settimana con temporali ed una riduzione significativa delle temperature.


Una attiva perturbazione in arrivo dall'oceano Atlantico settentrionale, riporterà condizioni di tempo instabile a ridosso del fine settimana. Trattasi di un impulso perturbato piuttosto veloce che viaggerà accompagnato da un flusso piuttosto teso di correnti nord occidentali. A farne le spese tra giovedì e domenica saranno soprattutto le regioni di nord-est, la Liguria di Levante, la Toscana ed il Lazio. Seguirà una diminuzione piuttosto sensibile delle temperature in arrivo al nord già da sabato e poi in successiva espansione domenica sul centro Italia e lunedì attenuata anche al meridione.

Le precipitazioni legate al fronte freddo avranno un'evoluzione piuttosto veloce ma al momento possiamo distinguere principalmente DUE passaggi, il primo in vista per il nord-ovest, la Toscana e la Liguria venerdì mattina e venerdì pomeriggio, il secondo previsto dalle prime ore di sabato sino al pomeriggio con target Liguria, nord-est e Toscana.

Continua qui

martedì 21 agosto 2018

Venezuela, i prezzi continuano a salire: un rotolo di carta igienica ora costa 2,6 milioni

Il Venezuela è alle prese con una crisi economica senza precedenti. Il presidente Nicolas Maduro sta varando delle riforme per tentare di risollevare le finanze dello Stato e dei cittadini: liberalizzazione del mercato dei cambi, lancio della criptovaluta "petro" legata al petrolio, aumento dell'iva e del costo della benzina, adeguamento del salario minimo a un valore 36 volte superiore all'attuale.
L'obiettivo del governo è arrestare l'inflazione che, secondo il Fondo monetario internazionale, potrebbe arrivare a 1.000.000% a fine 2018. Milioni di venezuelani sono fuggiti dal Paese, ma per chi resta fare la spesa al mercato è proibitivo. Ecco il confronto del fotografo Carlos Garcia Rawlins tra i beni di prima necessità e le montagne di banconote che servono per acquistarli.


lunedì 20 agosto 2018

Pioggia ingrossa torrente, almeno 8 escursionisti morti nel Cosentino

È salito ad 8 il numero delle vittime nella vicenda degli escursionisti travolti dal torrente Raganello nel Parco Nazionale del Pollino a causa del maltempo. Lo si apprende da fonti di Palazzo Chigi. Sonop 4 uomini e 4 donne. I feriti sarebbero 5 e 11 le persone recuperate incolumi.
Il Capo della Protezione civile regionale Carlo Tansi è sul posto. 
I vigili del fuoco sono intervenuti nell'area per soccorrere gli escursionisti. Le piogge che si sono abbattute sulla zona hanno provocato l'ingrossamento del letto del torrente e alcune persone sono rimaste bloccate su alcuni scogli in attesa di essere recuperate.  Sul posto stanno intervendo gli operatori del soccorso speleo fluviale dei Vigili del fuoco di Cosenza insieme ai carabinieri.  È decollato anche un elicottero.

Crollo Ponte Morandi, promessa di Autostrade: "Pedaggio gratuito da lunedì". Ma non è vero

GENOVA -  "Fino a quando non sarà ripristinata la viabilità, da lunedì il pedaggio Genova Bolzaneto - Genova Ovest e Genova Voltri - Genova Prà fino all'Aeroporto sarà gratuito", così aveva assicurato l'amministratore di Autostrade per l'Italia Castellucci sabato durante la conferenza stampa, dopo lunghi giorni di silenzio.
Eppure in tanti ci avete scritto e segnalato al numero di Whatsapp al 3476766291di aver dovuto pagare il pedaggio. E addirittura un nostro utente ci ha segnalato: "Alla mia richiesta di spiegazione l'operatore ha risposto 'a me non risulta'!!! Ho chiesto il tagliando di mancato pagamento, andrò al Punto Blu a contestarlo".
L'assessore Giampedrone in collegamento telefonico con Primocanale sul pedaggio ha detto di avere "le vostre stesse informazioni: non inizia bene come ci aspettavamo, ma speriamo si possa chiarire nelle prossime ore".
Stefano Marigliani, direttore del primo tronco di Autostrade, ha risposto interpellato da Primocanale: "Su questo non ne so nulla, non posso fornire informazioni a riguardo".

Continua qui

CONFERMATO importante peggioramento da venerdì prossimo

Le ultime novità sui modelli: quanto durerà l'anticiclone e cosa succederà dal prossimo fine settimana?



L'estate mediterranea accompagnata da temperature elevate,concede ancora una permanenza sul Mediterraneo. A livello sinottico troviamo infatti una figura di alta pressione dalle origini oceaniche, quale risultato di una accentuata attività delle correnti occidentali alle latitudini più elevate del nostro continente. L'anticiclone sul nostro Paese non riesce tuttavia a garantire condizioni atmosferiche ovunque stabili, al centro ed al sud i temporali spesso e volentieri fanno sentire la loro voce, presentando un'origine non soltanto terrestre ma anche di tipo marittimo, con precipitazioni che si stanno concentrando in queste ore soprattutto sulla Sardegna, coinvolgendo anche le coste. Va meglio al nord dove il tempo risulta più stabile e con temperature elevate. 
Con l'inizio della prossima settimana l'alta pressione subirà ancora un rinforzo e le condizioni di instabilità che interessano soprattutto il centro-sud, allenteranno un po' la presa, concedendo anche su queste regioni uno standard atmosferico un po' più affidabile. Attenzione però alle zone interne dell'Appennino che resteranno sempre a rischio temporale per tutto il periodo preso in esame. L'apice del caldo e della stabilità è preventivato dai modelli tra mercoledì e giovedì prossimo. 
Continua qui

Crollo ponte: lunedì primi alloggi a sfollati. Conte: "Governo con Genova"

Nelle prossime settimane sistemati oltre 40 nuclei familiari. Bilancio 43 morti: concluse le operazioni di ricerca, i vigili del fuoco al lavoro per mettere in sicurezza l'area


Il crollo di ponte Morandi potrebbe esser stato determinato da  "una serie di concause" e non solo dalla rottura di uno strallo. Lo ha dettoRoberto Ferrazza, presidente della Commissione ispettiva del Mit, al termine del sopralluogo sulle macerie di Ponte Morandi.
Intanto "la procura ha autorizzato le verifiche per la messa in sicurezza dei monconi di Ponte Morandi proposte da Anas, dopo aver avuto il parere favorevole dei consulenti. Le verifiche verranno effettuate dai tecnici di Autostrade con i consulenti della procura". Lo ha detto Roberto Ferrazza al termine del sopralluogo dei consulenti della Procura e della Commissione ispettiva del Mit, di cui è presidente, sul luogo della tragedia.
In un mese dal dissequestro delle aree è possibile creare i bypass per ripristinare a Genova i collegamenti merci ferroviari, oltre a quello stradale nell'ex area Ilva. Lo afferma il presidente dell'Autorità del sistema portuale del Mar Ligure occidentale, cioè soprattutto Genova e Savona, Paolo Emilio Signorini, a margine del Meeting di Rimini. I tempi per il dissequestro, da quanto emerge, potrebbero essere molto brevi, anche di giorni, così come in settimana potrebbe giungere la nomina del commissario straordinario.
Lunedì saranno 11 i nuclei familiari sfollati dopo il crollo di ponte Morandi che riceveranno appartamenti pronti mentre nelle prossime settimane saranno sistemati altri 40 nuclei familiari.