lunedì 22 ottobre 2018

Polemica su Grillo e le battute su autismo e Asperger

Le parole pronunciate dal fondatore del M5s dal palco del Circo Massimo hanno alzato un polverone: «Chi siamo? Siamo pieni di malattie nevrotiche, siamo pieni di autistici, l’autismo è la malattia del secolo», ha urlato l'ex comico durante il suo intervento a Italia 5 Stelle. «L’autismo non lo riconosci, per esempio è la sindrome di Asperger, c’è pieno di questi filosofi in televisione che hanno la sindrome di Asperger. Che è quella sindrome di quelli che parlano in quel modo e non capiscono che l’altro non sta capendo. E vanno avanti e fanno magari esempi che non c’entrano niente con quello che stanno dicendo», ha detto strappando le risate dei militanti e suscitando l'indignazione degli avversari.




Cos'è l'autismo


Ragazzo con sindrome di Asperger risponde a Grillo: ''C'è un'Italia migliore del tuo umorismo'' (video)

Uliveto, quella pubblicità della nazionale di volley non è razzista ma…

L'”acqua dello sport” travolta dalle polemiche per una pagina celebrativa che oscura Paola Egonu e non calcola proprio Miriam Sylla: forse non c’era intento deliberato ma il razzismo è solo quello alla luce del sole?


Ieri Uliveto è stata travolta dalle polemiche per aver pubblicato una (bruttissima) pagina di celebrazione della squadra italiana di pallavolo femminile, arrivata seconda ai Mondiali giapponesi. Si tratta ovviamente anche di una pagina pubblicitaria dove non poteva mancare, in massima evidenza, la bottiglia d’acqua del brand del gruppo Cogedi. Peccato che l’oggetto sia stato piazzato sopra la fotografia del team azzurro oscurando due giocatriciSerena Ortolani e Paola Egonu.
Per chi non avesse presente, quest’ultima – nata a Cittadella da genitori nigeriani 19 anni fa – è stata una delle protagoniste del torneo. Far fuori quella “macchina da punti” da una pagina in cui lo sponsor della nazionale ringrazia le ragazze per la favolosa cavalcata nipponica è un po’ come se Jeep pubblicasse una pagina di ringraziamento alla Juventus piazzando una Renegade in faccia a Cristiano Ronaldo. Come se non bastasse, avendo utilizzato uno scatto d’archivio della scorsa estate e non una foto della finale di sabato perché serviva un’immagine “in cui ci fosse anche il tricolore” (lo ha spiegato Patrizio Catalano Gonzaga, direttore marketing del gruppo Uliveto-Rocchetta) dalla compagine mancava anche un’altra protagonista: Miriam Sylla. Anche lei nata in Italia, a Palermo, da genitori ivoriani 23 anni fa.
Continua qui

Sarà FORTE MALTEMPO dal fine settimana

I conti tornano: i modelli confermano. L'autunno volta pagina.


Avevamo scritto nei giorni scorsi che il primo spiffero d'aria fredda avrebbe spalancato la porta ad un cambiamento del tempo ben più clamoroso in arrivo nell'ultimo fine settimana di ottobre.

Tutto sta andando secondo copione: il vortice presente sul meridione insisterà sul basso Tirreno sino a martedì mattina; esso sarà seguito da una temporanea stabilizzazione generale delle condizioni atmosferiche, l'ultima prima del grande assalto delle depressioni atlantiche al Mediterraneo.

Nel prossimo fine settimana infatti la pressione sul nostro Paese è destinata a crollare e si scaverà un canale depressionario che ospiterà diversi corpi nuvolosi ma soprattutto un minimo di pressione al suolo che potrebbe generare fenomeni particolarmente intensi sul nord-ovest
italiano.

Tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre queste cose succedono, anche se non più con la regolarità del passato. Una depressione come quella prevista dal modello americano può lasciare anche il segno: un risvolto alluvionale è da mettere in preventivo se la depressione resta attiva per più di 24-36 ore. 

Brutta, cioè potenzialmente pericolosa, anche la configurazione barica prevista per le 48 ore successive, con altre perturbazioni in arrivo da ovest, parzialmente frenate dalla resistenza dell'anticiclone: da lì possono scaturire precipitazioni persistenti sulle medesime zone.

Scoppia un caso: l'Ospedale di San Marino rifiuta le prime cure agli italiani

La denuncia di un medico del 118 dopo i soccorsi negati a una ragazza ferita in un incidente stradale vicino al confine: "Prendono solo i sanmarinesi, gli altri possono anche morire"

RIMINI - Un incidente di moto al confine, una ragazza gravemente ferita e l'ospedale di San Marino, il più vicino, che non la accoglie perché non è sanmarinese.  E' quanto accaduto sabato, secondo la cronaca locale del Resto del Carlino, a una diciassettene che in una frazione di Monte Grimano, Montellicciano, nella provincia di Pesaro e Urbino a pochi passi dal confine con la Repubblica di San Marino, è caduta in moto.

Il 118 ha inviato sul posto un'ambulanza da Sassocorvaro, a 22 chilometri di curve in montagna. Il medico Michele Nardella, dopo aver constatato possibili fratture (gamba, anca, ginocchia)  e possibili problemi interni da verificare fa chiedere alla centrale operativa di contattare l'Ospedale di San Marino, il più vicino, a soli tre minuti e mezzo di strada. Ma si sente rispondere di no.

Continua qui

Castagnata con furto a Cabella Ligure

Il rischio che quest’anno la castagnata che annualmente la pro loco di Cabella Ligure, organizza per sostenere la locale Croce Rossa, non si potesse fare è stato concreto. Giovedì notte è letteralmente sparita la padellona di ferro per la cottura delle caldarroste. Già, qualcuno, ovviamente non si sa chi sia l’autore, o meglio gli autori visti il peso dell’oggetto, ha rubato il padellone. Uno scherzo idiota o la mano di chi ha pensato di guadagnare qualche euro dalla vendita del ferro? Mistero. Tant’è, che la presidente della pro loco di Cabella, Caterina Fasolini De Martino, ha deciso di sporgere denuncia ai carabinieri.
Fortunatamente ieri pomeriggio in sostegno alla pro loco cabellese è arrivata la pro loco di Cosola che ha prestato il caratteristico padellone forato e così la “Festa di autunno “ si è tenuta senza ulteriori problemi. Tante le persone che vi hanno partecipato, grazie anche al clima, più estivo che autunnale. I banchetti allestiti in piazza della Vittoria hanno arricchito la giornata.
Continua qui

Rischio Paese e ricchezza privata, se fossero i cittadini a salvare lo Stato?

La notiza del declassamento di Moody’s era già abbondantemente scontata dai mercati. Meno il fatto che l’agenzia ci riservasse la clemenza di mantenere stabile l’outlook. Una decisione, quest’ultima, motivata con i punti di forza che ancora l’Italia conserva. Tra questi l’agenzia cita ad esempio «l’economia ampia e diversificata» del nostro Paese, il «surplus della bilancia commerciale», lo stabile «flusso di investimenti internazionali» nonché «l’elevata ricchezza privata». E’ in particolare su quest’ultimo punto che Moody’s si sofferma segnalando il fatto che il patrimonio delle famiglie rappresenta «un’importante valvola di sicurezza per lo Stato e, potenzialmente, «una fonte di finanziamento per il governo».



I numeri d’altronde parlano chiaro. Lo Stato italiano ha un debito pubblico molto elevato ma anche una ricchezza privata tra le più alte al mondo. Il patrimonio netto delle famiglie italiane, calcola l’Ocse, è pari 556 volte il reddito medio disponibile. Meglio di noi ci sono solo Stati Uniti, Giappone, Belgio e Olanda.
Elaborando i dati Bankitalia Unimpresa calcola che, a settembre 2017, la ricchezza privata delle famiglie italiane ammontava a 4290 miliardi di euro. Il grosso di questo tesoro (circa 1400 miliardi) risulta parcheggiato in conti correnti e depositi. Il resto è investito in azioni (991), obbligazioni (456), fondi comuni (517) e riserve assicurative (993).

Fca vende Magneti Marelli per 6,2 miliardi

Accordo per la cessione della società italiana leader nel settore delle batterie per autoveicoli: a comprare è Calsonic Kansei, gruppo giapponese ma controllato dal fondo americano Kkr. Rimarrà il marchio e sono stati assicurata i livelli occupazionali
di PAOLO GRISERI

TORINO - È ufficiale: la Magneti Marelli è dei giapponesi di Carlson Kansei. L'annuncio è arrivato alle 7 di questa mattina, prima dell'apertura delle Borse, dal Lingotto. Dopo mesi di rumors Fca ha dunque deciso di rinunciare al controllo della società di componentistica vendendola per 6,2 miliardi di euro. La trattativa è stata condotta dal fondo Usa Kkr che è il socio di controllo della Carlson.

La vendita, garantisce il comunicato, non avrà impatti sui livelli occupazionali: i dipendenti sono 43.000 nel mondo di cui 9.981 in Italia. La sede centrale è a Corbetta, in provincia di Milano. Gli stabilimenti italiani sono in Piemonte, Campania ed Emilia Romagna.
Continua qui

domenica 21 ottobre 2018

«Omissioni incredibili, ecco come dribblarono i collaudi sul viadotto»

I tiranti del pilone 11, rimasto in piedi: ristrutturati nel 1993. Poi nessun altro intervento
Genova. A poco più di due mesi dalla strage, l’inchiesta sul crollo del Ponte Morandi (43 vittime) ha il primo supertestimone «interno». È un dirigente del ministero dei Trasporti, Bruno Santoro, è a sua volta indagato e il 29 settembre ha deciso di offrire la propria verità agli investigatori, con un lungo colloquio verbalizzato in dieci pagine.
Ha spiegato che Autostrade seguì procedure «incredibili», «assurde» e «inaccettabili», sottodimensionando l’urgenza di’interventi cruciali e potendo per questo evitare «il collaudo» del viadotto, da cui si sarebbe generato un effetto domino di verifiche e limitazioni devastante per la società; ha spiegato che dirigenti e funzionari del suo dicastero hanno violato «obblighi», contribuendo a evitare che sul Morandi si accendessero riflettori più potenti; ha rimarcato come gli ispettori, sia pubblici sia privati, delegati alle ricognizioni sul campo, abbiano omesso comunicazioni decisive. E ha fornito dettagli e nomi, con una postilla: «È evidentissimo che molte cose non abbiano funzionato nel rapporto tra Ministero e Autostrade...».

Gigantesca manifestazione a Londra contro la Brexit

Manifestazione con 700mila persone per la People’s Vote March. Il nuovo referendum è possibile
di Gabriele Bonafede
Oltre mezzo milione di persone, ma le stime degli organizzatori parlano di 700 mila, sfilano a Londra per chiedere di fermare la Brexit al grido di Stop Brexit.
Al momento non c’è alcun accordo, alcun “deal”, tra il Regno Unito e l’Unione Europea. A due anni e mezzo dallo sciagurato voto del 2016, Regno Unito e UE vanno incontro alla catastrofe. Secondo tutti gli studi pubblicati una “hard Brexit”, ma anche un qualsiasi “tipo” di Brexit, rischia di portare una recessione senza precedenti per il Regno Unito che ha grandi probabilità di disseminare nuova miseria per tutta l’Europa.Il centro di Londra è letteralmente saturato da centinaia di migliaia di manifestanti che chiedono una cosa semplice, legittima, logica: un referendum di approvazione o rigetto dell’accordo (o mancanza di accordo) tra il governo britannico e l’Unione Europea.
Continua qui

sabato 20 ottobre 2018

Lavori in via Siffredi e modifiche alla viabilità: traffico paralizzato nel ponente di Genova

GENOVA -  Sabato di passione per chi ha deciso di mettersi in strada per raggiungere da ponente il levante. Tutto bloccato da Pegli verso Cornigliano. "Una situazione drammatica", commentano gli agenti della polizia municipale. "Non ce lo aspettavamo, ma del resto questi lavori sono necessari".
Nonostante le modifiche alla viabilità, nonostante l'apertura oggi di una corsia del ponte di via Giotto, questo sabato gli automobilisti provenienti da ponente, sia dalla viabilità ordinaria sia dall'autostrada, lo passeranno bloccati in coda. Sono tante le segnalazioni che arrivano anche al nostro numero di WhatsApp 347 6766291 per descriverci la situazione. 
Continua qui

venerdì 19 ottobre 2018

CRONACA METEO. Forte MALTEMPO, temporali, nubifragi e allagamenti in Sicilia. ALLUVIONE A CATANIA

Situazioni critiche si registrano al confine tra Catanese e Siracusano, soprattutto sulle zone di Francofonte, Lentini e Sigonella, dove le piogge intense hanno provocato estesi allagamenti costringendo molti residenti a rifugiarsi sui tetti delle loro abitazioni. Sono dovuti entrare in azione gli elicotteri dei Vigili del Fuoco, della Marina Militare e dei Pompieri della Regione Campania per mettere in salvo le persone. Altri rifugiati sui tetti hanno invece rifiutato l'intervento dall'alto con gli elicotteri, pretendendo l'invio dei mezzi da terra, nonostante le condizioni avverse.

Continua qui (video)


Meteo ITALIA: WEEKEND MITE, ma domenica sera si avvicina un IMPULSO FREDDO

Tariffa unica rc auto: a rimetterci sarebbero soprattutto gli automobilisti del Nord

Per rendere "più equo" il premio assicurativo, come auspicato dal vicepremier Di Maio, un'ipotesi è quella di non considerare più la provincia di provenienza come variabile. Questo porterebbe a forti rincari al Settentrione e sgravi al Sud
di FEDERICO FORMICAPer ora sono solo parole e anticipazioni, di nero su bianco ancora nulla. Ma le parole possono pesare molto e quelle del vice-premier Luigi Di Maio sull’rc auto lasciano aperte diverse possibilità.  “Le assicurazioni Rc auto saranno finalmente eque perché in taluni posti si pagava davvero troppo” ha detto il leader dei 5 stelle.

E l’ipotesi più accreditata al momento è che il Governo abbia in mente di applicare la tariffa unica in tutta Italia. In questo modo verrebbero eliminate le enormi differenze che gli automobilisti di diverse province si trovano a pagare. Per fare qualche esempio: il premio medio a Napoli nel primo trimestre 2018 ammontava a 618 euro mentre ad Aosta a 292 euro; Caserta era a 534 euro mentre Udine 316. Ma anche a Roma (475 euro), Firenze (509) e Prato (598) non si scherza. Insomma, qualche eccezione c’è ma in generale le differenze non sono casuali. Come la stessa autorità di settore Ivass ha spiegato nel suo ultimo bollettino, le province meridionali sono “contraddistinte da sinistrosità e prezzi più elevati”.
Continua qui

Spread Btp/Bund schizza in avvio a 331 punti. Milano in calo

Rendimento decennale al 3,72%

Schizza verso l'alto, all'avvio di giornata, lo spread fra Btp e Bund. Il differenziale, dopo i primi minuti di contrattazione, segna 331 punti contro i 327 della chiusura di ieri, giovedì quando aveva toccato i massimi degli ultimi 5 anni. Il rendimento del decennale italiano è apri al 3,72%. La Commissione Ue ieri ha inviato una lettera al governo italiano per contestare una deviazione "senza precedenti" dei conti pubblici dalle regole del patto di stabilità.

Apertura in contenuto calo per Piazza Affari, dopo la lettera dell'Ue sulla manovra finanziaria. L'indice Ftse Mib ha avviato le contrattazioni in ribasso dello 0,38% a 19.015 punti.


Lo spread sfonda quota 320: lo scontro con la Ue costa 200 punti

.

giovedì 18 ottobre 2018

Vincenzo Barone, rettore della Normale di Pisa: "Impossibile promuovere le donne"

Il rettore della Normale di Pisa rompe il clima di omertà e racconta cosa succede quando si discute di far avanzare di carriera una docente


Promuovere le donne è impossibile". Alla vigilia dell'apertura dell'anno accademico, è questa la denuncia che fa il rettore della Normale di Pisa, Vincenzo Barone, in un'intervista al Quotidiano Nazionale.
Ogni volta che si tratta di valutare o proporre il nome di una donna per un posto da docente, si scatena il finimondo. Si parla di tutto, meno che di preparazione, merito e competenze, che dovrebbero essere i soli criteri per valutare un accademico. Calunnie belle e buone, con l'aggiunta, come accaduto in anni recenti, di lettere anonime e notizie false diffuse ad arte.
I contenuti?
Offensivi, con espliciti riferimenti sessuali, volgari e diffamatori. Anche se missive anonime sono state utilizzate per colpire pure candidati uomini. Ma se per gli uomini in genere il copione è quello di additare il maestro che vuole proteggere l'allievo prediletto, per le donne c'è l'aggiunta di risvolti volgari e riferimenti alla vita privata, del tutto inaccettabili e per di più falsi. Non mi stupirei, visto il clima, di vedere prima o poi anche attacchi magari sulle tendenze omosessuali di qualcuno.
Continua qui (video) 

Agenzia delle Entrate, dalla corruzione all’accesso abusivo ai pc: 562 dipendenti inquisiti

di Ivan Cimmarusti

Dal 2013 al 31 dicembre 2017 sono finiti sotto procedimento 562 dipendenti dell’Agenzia delle Entrate, per accuse che vanno dalla corruzione all’accesso abusivo al sistema informatico. Funzionari che in 171 casi (156 indagati e 15 condannati) avrebbero fatto «accessi alla documentazione» fiscale, fornendo - in 98 casi dietro sospette corruzioni- ausilio a «imprenditori e soggetti che si rivolgevano loro per ottenere la verifica degli estratti ruolo, la rateizzazione di cartelle esattoriali senza averne i requisiti» e tanto altro.
Particolari contenuti nelle relazioni investigativee che ricalcano i fatti contestati a un dipendente dell’Agenzia, arrestato per essere stato corrotto da un commercialista.

I dati: 455 indagati e 107 condannati 
Stando ai dati forniti dalla stessa Agenzia delle Entrate, in cinque anni (dal 2013 al 31 dicembre 2017) sono finiti sotto inchiesta 455 dipendenti, mentre in 107 sono stati condannati.
I reati contestati riguardano proprio forme di corruzione e concussione, abuso d’ufficio, peculato e accesso abusivo ai sistemi informatici.

Le 2.278 pratiche modificate 
Indagando su questi fronti, la Procura di Roma ha arresto un dipendente dell’Agenzia Roma 2. Bastava una tangente e le tasse erano facilmente aggirabili. Debiti fiscali, liste di controlli preventivi e operazioni correttive erano manipolabili attraverso il sistema informatico dell’Agenzia delle Entrate. 
L’innesto del procedimento è un whistleblower (disciplinato dall'articolo 1 comma 51 della legge 6 novembre 2012, n. 190), ossia un dipendente dell’Agenzia che ha denunciato un suo collega, colto in flagrante a contare i soldi di una tangente in un bar. I pm hanno ottenuto l’arresto di Orazio Orrei, funzionario accusato di essere stato corrotto da Maurizio Sinigagliesi, commercialista romano. Gli accertamenti - supportati anche da verifiche svolte dall’Agenzia tramite audit - hanno confermato l’attività illecita del dipendente: in pochi i giorni, dal primo dicembre del 2015 al 17 febbraio del 2016, il funzionario ha alterato dati fiscali per oltre 2.278 pratiche per fare ottenere ai clienti del commercialista una diminuzione dell’importo dell’imposta dovuta.

Continua qui


Chivasso, nascondeva nell'auto mezzo milione di euro in contanti

In uno spazio nascosto sotto la vettura apribile con un telecomando

Torino: pinze, guanti e pettorine, i bimbi "puliscono il mondo"

La campagna di Legambiente in collaborazione con Repubblica #oggiraccolgoio. Sabato iniziativa con le scuole, domenica alla raccolta dei rifiuti possono partecipare tutti di ERICA DI BLASI

Bambini impegnati nella raccolta dei rifiuti in un parco giochi 

Torino, l'autista non ha il resto per il biglietto e fa scendere dal bus cuoco del Gambia

Amadou ha 34 anni e vive a Ciriè da tre, ospite di una famiglia. Sull'episodio ha scritto una lettera: "In Italia c'è tanta gente solidale con le persone come me. Una ragazza mi ha dato un passaggio"

di ANTONELLO MICALI

Amadou è un ragazzo gambiano di 34 anni arrivato in Italia 3 anni fa. Come tanti altri attraversando deserto e mare. Orfano di padre, per sfamare una mamma rimasta in Africa con i suoi tanti fratelli. Con lui lo Sprar ha funzionato. Ha continuato  a fare quello che faceva nel suo paese e si è diplomato in Italia in arti bianche. Ha anche trovato l'affetto di una famiglia adottiva a Mathi Canavese, che l'ha aiutato e gli fatto ottenere il permesso di soggiorno. Fa il cuoco, con i contratti precari, ma si arrangia con il catering a domicilio, E' bravo, dice chi ha provato la sua cucina. Ecco perché - ci tiene a sottolineare - lo spiacevole episodio in cui è incorso con l'autista Gtt che lo ha fatto scendere dal pulmann perchè non aveva il resto da dargli per lui è nulla rispetto al dolore del passato da rifugiato e la sua nuova vita in Italia: "Voglio dire che l'Italia ad oggi mi ha solo aiutato e fatto de bene, e anche il gesto della ragazza che mi ha accompagnato in macchina lo dimostra. Anche al mio paese ci sono persone brave e persone che lo sono meno. Non bisogna generalizzare e soffiare sull'intolleranza".
Sulla vicenda Amadou ha scritto una letter ache riportaimo di seguito:

"Mi chiamo Amadou,sono un ragazzo di origine gambiana, attualmente sono residente in un paese vicino a Ciriè. Vorrei raccontarvi un episodio spiacevole che mi è successo una settimana fa. Sono salito sull'autobus Gtt per andare al lavoro nelle Valli di Lanzo. L'autista parlava al telefono mentre guidava e finalmente alla fermata successiva ha visto che volevo comprare il biglietto.

"Io avevo una banconota da 20 euro - prosegue la lettera aperta - e lui non aveva il resto, ma mi ha detto che sarei dovuto andare a prenderlo a Torino negli uffici della GTT.Io gli ho risposto che non potevo, perchè lavoro e che avevo bisogno del resto in giornata, non avendo altri soldi con me. A questo punto lui mi ha fatto scendere dall'autobus ed io mi sono incamminato a piedi, per me non era un problema camminare sulla Provinciale di Lanzo per alcuni chilometri, dopo aver attraversato il deserto del Sahara e il Mediterraneo!


Continua qui


Senegalese cacciato in fondo al bus, la testimone: "Aveva biglietto, sembrano i tempi dell'apartheid"

mercoledì 17 ottobre 2018

Asilo politico negato, un giovane immigrato si toglie la vita

È successo a Castellaneta Marina, in provincia di Taranto. Aveva 22 anni, viveva in Italia da due anni

Un 22enne del Gambia,  Amadou Jawo, che da due anni viveva in Italia, si è tolto la vita, impiccandosi al cornicione della casa a Castellaneta Marina dove viveva con altri connazionali.

Per l'associazione Babele, che ha lanciato una sottoscrizione per il rimpatrio della salma, il giovane "aveva avuto il diniego" alla domanda di asilo politico "e non poteva più restare in Italia. Desiderava tornare in Africa, ma temeva di essere additato come fallito e si vergognava. Ha pensato di non avere scelta".

Due giorni fa il ragazzo ha deciso di farla finita e a nulla sono serviti i tentativi di soccorso da parte del 118. L'associazione sta raccogliendo donazioni con appelli diffusi anche tramite i social network "per riuscire a riportare la sua salma nel villaggio del Gambia in cui viveva". "Servono in pochi giorni - viene spiegato - circa 5mila euro per pagare l'agenzia funebre che si occupa dello spostamento".

Il 22enne era stato prima in una struttura di accoglienza nel leccese e poi si era trasferito a Castellaneta Marina. Alcuni giorni fa gli era scaduto il permesso di soggiorno.


Continua qui

Condono a maglie sempre più larghe, colpo di spugna anche sul riciclaggio

La proposta concede tetti più alti, possibilità di sanare anche l'Iva e, soprattutto, cancella una serie di reati tributari e la disciplina del riciclaggio e dell'autoriciclaggio
di ROBERTO PETRINIROMA - Il condono è sempre più ad alta intensità. L'ultima bozza circolata del decreto, peraltro già approvato dal consiglio dei ministri, allarga le maglie della maxi sanatoria fiscale e contributiva: tetti più alti, possibilità di sanare anche l'Iva e, soprattutto, colpo di spugna su una serie di reati tributari e sulla disciplina del riciclaggio e dell'autoriciclaggio. Tutto nell'articolo 9 del testo dedicato alla celebre "dichiarazione integrativa speciale", la porta d'ingresso che, una volta varcata, porta al condono tombale.Continua qui

Crimea, attacco al Politecnico di Kerch: 19 morti e 50 feriti. “L’autore uno studente 18enne, ha sparato e poi si è ucciso”

Dopo l'esplosione nella mensa ha aperto il fuoco contro i suoi coetanei, uccidendone 18. Poi si è sparato con la stessa arma, un fucile. E' la prima ricostruzione da parte degli inquirenti di quanto accaduto nell'istituto. Ad agire è stato Vladislav Roslyakov, alunno iscritto al quarto anno. Gli investigatori indagano per omicidio e non più per terrorismo

Ha aperto il fuoco contro i suoi coetanei e compagni, uccidendone 18. Poi si è sparato con la stessa arma, un fucile. Così gli inquirenti russi ricostruiscono l’attacco al Politecnico di Kerch, città sul lembo orientale della Crimea. Al momento si contano circa 50 feriti, oltre alle 19 vittime (compreso l’attentatore), per la maggior parte adolescenti. L’autore del gesto è stato identificato in Vladislav Roslyakov, uno studente di 18 anni, e non 22 come riferito inizialmente, che poi si è ucciso. Il governatore della Crimea, Sergei Aksyonov, ha aggiunto che si tratta di un alunno iscritto al quarto anno dello stesso istituto, precisando che ha agito da solo e il suo corpo è stato ritrovato nella biblioteca del secondo piano. Il comitato investigativo russo ha annunciato che adesso sta trattando l’episodio come un caso di omicidio e non più come un attentato terroristico, come lo aveva invece definito prima.


Continua qui

Meteo a 7 giorni: il tempo migliora, ma ARIA FREDDA è in agguato la prossima settimana

Fine settimana nel complesso soleggiato e molto mite sull'Italia. Cambiamenti in vista per la settimana prossima, specie sotto il profilo termico.


Perde forza la vasta depressione che da alcuni giorni si è annidata alle basse latitudini del Mediterraneo.
La struttura di maltempo, non essendo più alimentata da aria fredda, tenderà a perdere importanza nei prossimi giorni e il terzo fine settimana di ottobre risulterà stabile e soleggiato su quasi tutta la nostra Penisola.
Tra giovedì 18 e venerdì 19 ottobre, tuttavia, qualche rovescio potrebbe ancora insistere soprattutto sulla Sardegna orientale e nel sud della Sicilia; sul resto d'Italia il sole tenderà ad imporsi in maniera sempre più egregia, stante la rimonta dell'alta pressione sull'Europa occidentale.
Tra sabato 20 e domenica 21 ottobre (seconda mappa) avremo la massima estensione dell'alta pressione sull'Italia.
Inutile dire che con questa situazione il tempo sarà bello su tutta l'Italia e con temperature esuberanti specie al nord e al centro; qualche addensamento potrebbe interessare ancora il meridione, ma con basso rischio di precipitazioni.
All'inizio della prossima settimana, l'alta pressione inizierà la sua lenta opera di migrazione verso l'Atlantico; da nord-est si preparerà una discesa fredda che tra martedi 23 e mercoledi 24 ottobre inizierà ad interessare l'Italia, soprattutto i settori orientali e il meridione (terza mappa).
Le precipitazioni saranno concentrate essenzialmente sulle regioni del medio-basso Adriatico e al meridione, mentre il nord e l'alto Tirreno staranno nuovamente a guardare, senza beneficiare di nessun fenomeno.
Continua qui

A24-A25: Strada dei Parchi diffida il Ministero, in 5 giorni lo sblocco dei fondi

Concessionaria: 'Per lavori urgenti per la sicurezza su viadotti'

Strada dei Parchi, concessionaria di A24 e A25, ha inviato al ministero Infrastrutture e Trasporti una diffida per lo sblocco dei 192 milioni per la messa in sicurezza dei viadotti, fondi inseriti nel decreto Genova. Si chiede di "voler adottare senza ulteriore indugio e comunque entro e non oltre 5 giorni ogni atto autorizzativo teso a consentire l'avvio di lavori urgenti o comunque ritenuti necessari, con ogni conseguente assunzione di responsabilità in caso di ulteriori ritardi e/o espresso diniego". 
"Ci siamo espressi chiaramente perché vogliamo tutelare gli utenti di A24-A25 perché non condividiamo l'allarmismo". Così Mauro Fabris, vicepresidente della concessionaria, spiega la diffida al ministero perché "non bisogna creare allarmismo, Strada dei Parchi è sicura al traffico normale, tenendo presente però che il 60% delle infrastrutture in Italia non è a norma antisismica: il nostro gesto è necessario perché devono essere sbloccati i decreti autorizzativi che il ministero deve emanare".
Bertolaso,ridicolo dire che non ci sono soldi - "È una questione di burocrazia, le risorse ci sono". Guido Bertolaso, già Capo della Protezione Civile, ai microfoni di '6 su Radio 1' parla della messa in sicurezza della A24 e A25 all'indomani dell'allarme lanciato dal Ministro Toninelli. "Le autostrade italiane sono una miniera d'oro per lo Stato e per i concessionari che le utilizzano in nome e per conto dello Stato - spiega poi Bertolaso - Andare a dire che non ci sono i soldi per mettere in sicurezza un ponte per garantire la sicurezza a tutti gli automobilisti è semplicemente ridicolo. Basta evitare che una quota parte degli introiti finisca nelle casse dello Stato per pagare tante altre problematiche e destinarli invece a garanzia della sicurezza di chi attraversa le nostre autostrade. Sappiamo che quelli che sono i soldi che noi paghiamo ai caselli autostradali non vanno alla sicurezza di quello che stiamo percorrendo ma vanno nelle casse dello Stato per coprire i tanti problemi e costi che lo stato deve affrontare nella vita quotidiana del Paese. Bisogna assumersi la responsabilità di ciò che si dice".
Continua qui

"Condono vergognoso", ira elettori M5S

"Puoi chiamarlo come ti pare ma questo è un condono. E io, che le tasse le ho sempre pagate, oggi mi sento un fesso per aver creduto nel Movimento". Il Consiglio dei ministri approva manovra e dl fiscale e tra le norme spunta anche la cosiddetta 'pace fiscale' che consentirà a quanti hanno debiti con il fisco di risanarli attraverso alcune agevolazioni. Troppo, evidentemente, per gli elettori M5S che ora - stando almeno a quanto si legge nel fiume di commenti social - gridano al "tradimento del voto" definendo il provvedimento "un vero e proprio condono, alla faccia di chi le tasse le paga". Qualcosa di diverso, insomma, "dal bisogno di onestà che mi ha spinto a dare fiducia a Di Maio. Ora so - dicono amareggiati - che era soltanto fumo". Il M5S "dalla parte degli onesti e dei cittadini più poveri" resta così per molti "un lontano ricordo": dal momento "dell'accordo con la Lega", spiegano, "il sogno è finito: dovevamo fare la guerra, è stata una resa completa".

"Solo un mese fa - puntano il dito - Di Maio aveva il coraggio di dire che 'il M5S non era disponibile a votare nessun condono'. Oggi, vergognosamente, hanno approvato il più grande condono tombale! Il messaggio è chiaro: 'Caro cittadino che paghi le tasse sei un povero scemo!'". Una misura "ingiusta e irrispettosa" nei confronti di quanti "hanno sempre pagato tutto facendo dei sacrifici enormi", perché "onesti lo si deve essere nei fatti e non solo nelle parole e negli annunci elettorali". E' "semplicemente vergognoso", spiegano, "scendere a patti con le richieste della Lega": quanto fatto "non è quello per cui vi ho votato ma è il motivo che mi spingerà a non votarvi più". Si rivolgono direttamente al capo politico del M5S, il "caro Di Maio" che li ha "delusi", "traditi", che con il Movimento si è "preso il voti di quanti davvero credevano nella possibilità di un governo onesto e lontano dai furbi". "A questo punto sono tutti uguali", riassumono, chiedendosi se la pace fiscale non sia "tanto diverso dallo scudo fiscale di Berlusconi". "Ma il Mov5Stelle era nato per tagliare gli sprechi e difendere i cittadini onesti? o ricordo male io?", si chiedono insistentemente.

Continua qui