venerdì 29 giugno 2018

L'ora dell'anticiclone: sole e caldo protagonisti ma...

Arriva l'anticiclone: le temperature aumenteranno ovunque, ma tra domenica e lunedì spifferi d'aria più fresca interverranno al nord e da martedì una certa instabilità atmosferica si manifesterà a ridosso delle Alpi. Rinfrescata non prima di venerdì 6 o sabato 7 luglio.



ANTICICLONE: è la sua ora ma non sarà un dominio assoluto. La sua affermazione sul Mediterraneo infatti risulterà solo parziale, poiché si manifesteranno ancora alcuni disturbi.

FINE SETTIMANA: sabato sarà una giornata veramente calda sull'insieme del Paese, specie sulla Sardegna, sui versanti tirrenici ed il catino padano con punte di 34-35°C sulla Sardegna. 

ARIA MENO CALDA: si insinuerà sul settentrione da est nella notte su lunedì sottoforma di venti orientali, favorendo un modesto ridimensionamento delle temperature. 

INSTABILITA': da martedì un flusso di correnti più umide ed instabili comincerà a coinvolgere il settentrione, favorendo annuvolamenti e qualche locale manifestazione temporalesca a ridosso dei rilievi e su alcune limitate aree di pianura. Tra giovedì e venerdì l'instabilità potrebbe accentuarsi un po', specie sul Triveneto, l'alto Piemonte e l'alta Lombardia, determinando locali flessioni termiche.

Continua qui

LUGLIO: tutta la prima metà del mese potrebbe essere caratterizzato dall'alternanza tra modesti e temporanei passaggi temporaleschi al settentrione e la persistenza di tempo soleggiato, asciutto e spesso caldo sul resto del Paese.

Annapolis, strage nella redazione: 5 morti. L'attentatore era in causa con il giornale

Arrestato il 38enne Jarrod Ramos. I giornalisti del Capital Gazette: "Ha sparato attraverso i vetri, ci siamo nascosti sotto le scrivanie". Aveva anche dell'esplosivo

ANNAPOLIS (MARYLAND) - E' stato identificato l'autore della strage nella redazione del quotidiano locale di Annapolis, nel Maryland, Capital Gazette. Secondo la Nbc si tratta del 38enne Jarrod Ramos. Nel 2012 aveva fatto causa al giornale per diffamazione. Nella strage sono morte cinque persone e altre sono rimaste ferite in maniera grave. La polizia ha detto di aver trovato anche dell'esplosivo e che non c'è stato alcuno scontro a fuoco tra l'attentatore e le forze dell'ordine perchè l'uomo si era nascosto sotto un tavolo dopo la strage. Quattro delle vittime sono morte sul colpo mentre una è deceduta in ospedale. A dare l'allarme al momento dell'attacco armato sono stati i redattori all'interno dell'edificio. Decine di auto della polizia sono intervenute intorno alla sede del giornale.

Continua qui

Stadio Roma, Parnasi parla ai pm per 11 ore: “Ho pagato tutti i partiti”

L'imprenditore, ascoltato in carcere a Rebibbia, ha ammesso di aver finanziato la politica per un tornaconto personale

Ho pagato tutti i partiti“, è quanto avrebbe sostanzialmente confermato davanti agli inquirenti, Luca Parnasi, il costruttore romano interrogato per quasi 11 ore in carcere a Rebibbianell’ambito dell’inchiesta sul nuovo stadio della Roma. Nel corso dell’atto istruttorio, l’indagato avrebbe ammesso, in tema di finanziamenti alla politica, di avere elargito denaro. Dazioni fatte per un tornaconto personale, per accreditarsi, per avere rapporti con tutti i partiti, avrebbe ribadito a chi indaga così come emerge dalle carte dell’inchiesta. La prima parte dell’interrogatorio – sospeso ieri sera alle 22 – era durata 5 ore e già in quella fase l’imprenditore aveva parlato dei suoi rapporti con la politica


Continua qui

giovedì 28 giugno 2018

Scopre che la figlia è stata uccisa mentre è in carcere ed evade per vendicarne la morte

Ha saputo della morte della propria figlia mentre era detenuto in carcere e poche settimane dopo è evaso e la polizia ora teme stia dando la caccia all’assassino della piccola Hadishat, 7 anni, per vendicarne la morte. La bimba è stata uccisa l’11 maggio scorso da un sedicenne ceceno per motivi ignoti.

Ha saputo che la propria figlia di sette anni era stata uccisa da un sedicenne mentre era detenuto nel carcere di Bolzano e immediatamente è evaso di prigione, forse per andare alla ricerca dell'assassino della piccola Hadishat. Secondo quanto si evince dalle prime ricostruzioni, l'uomo starebbe cercando di vendicarsi e per questo motivo sarebbe scappato dal carcere non appena appresa la notizia. La bimba sarebbe stata uccisa da un sedicenne ceceno – stessa nazionalità della vittima e del padre -per motivi ancora da 

Hadishat era sparita l’11 maggio dal parco giochi del quartiere dove era solita andare a giocare. Il giorno dopo, la bimba era stata ritrovata morta: il cadavere era avvolto nel nylon e buttato in un container dei rifiuti. Il caso aveva suscitato molto scalpore, tanto che la notizia era arrivata anche alle orecchi del padre detenuto nel carcere di Bolzano. Una volta scoperta la notizia, il padre della vittima ha iniziato a covare sentimenti di vendetta. Nei giorni scorsi avrebbe dovuto rientrare in cella dopo un breve permesso ma all'improvviso ha fatto perdere le sue tracce ed è al momento latitante. La polizia, che gli sta dando la caccia ovunque, pensa sia evaso per vendicare la figlia.

Continua qui

mercoledì 27 giugno 2018

Thailandia, fiato sospeso per 12 giovani calciatori intrappolati in una grotta

Ricerche febbrili nella provincia di Chiang Rai per trarre in salvo una squadra di ragazzini dispersi in una cavità naturale. Il re Vajiralongkorn ha espresso sostegno alle famiglie


Angoscia e ansia in Thailandia per il destino di un'intera squadra di ragazzi tra gli 11 e i 15 anni, dispersi dopo un'incauta escursione in una zona impervia del Paese. Secondo quanto riferiscono i media locali, i giovani calciatori e il loro allenatore si trovano all'interno di una grotta nella provincia di Chiang Rai, intrappolati a causa delle piogge torrenziali che flagellano la Thailandia in questo periodo dell'anno. Le ricerche proseguono ormai da 5 giorni e con il passare delle ore diminuiscono le possibilità di trarre in salvo la giovane squadra a causa della mancanza di cibo e ossigeno all'interno della grotta.

Continua qui

Latina, cibo scaduto ai migranti: ‘Arrivano i Nas, fai sparire tutto dal magazzino’. ‘L’ho tolto dal congelatore, poi lo rimetto’


I gestori delle onlus di Fondi finite nel mirino della Procura di Latina acquistavano alimenti prossimi alla scadenza "a prezzo di costo" e poi, è l'accusa dei magistrati, lo somministravano agli ospiti dei loro centri quando non erano più commestibili. A far scattare l'indagine una protesta dei richiedenti asilo


Come facevano i gestori de L’Azalea a spendere “un euro e 66 a testa, pranzo e cena” per ogni richiedente asilo? Semplice: davano ai loro ospiti cibo scaduto. E’ quanto emerge dalle carte dell’inchiesta della Procura di Latina sulla gestione di alcuni Centri di accoglienza straordinaria da parte di due onlus di Fondi, nel sud pontino.
Tutto nasce il 20 marzo 2017, quando gli ospiti delle strutture create dalla onlus presieduta da Luigi Pannozzo, finito in carcere, si affollano davanti alla Prefettura del capoluogo per fare una denuncia pubblica: “Ci danno cibo scaduto o deteriorato”, lamentano e mostrano agli agenti della Digos intervenuti per calmare gli animi frutta andata a male e confezioni di carne sulla cui etichetta figurava la data di scadenza del 13 marzo. “E’ questo che ci danno, al centro d’accoglienza”, protestano.

Una circostanza confermata dagli stessi responsabili dell’associazione sottoposti a intercettazione: “Stavo con Giacomo al supermercato – dice al telefono Paolo Giovanni De Filippis, socio fondatore de L’Azalea finito ai domiciliari, a Graziano De Luca, definito nelle carte socio occulto e finanziatore della stessa onlus, anch’egli ai domiciliari – stavamo a prendere tutte cose che scadono tra 3-4 giorni… perché non le possono tenere più nella vendita (…) così ci prendiamo a prezzo di costo…”.

Meteo a 7 giorni: arriva il GRANDE CALDO!

Esaurimento graduale della circolazione fresca ed instabile presente lungo l'Adriatico e sul meridione e, dal fine settimana, repentino rialzo delle temperature, su valori superiori alle medie del periodo ed estate in sella almeno sino alla metà della prossima settimana.


Le correnti fresche che hanno determinato frequenti situazioni temporalesche su alcune zone del centro e del sud tenderanno ad attenuarsi entro giovedì, in concomitanza con il graduale colmamento del minimo di pressione presente sui Balcani.

A sostituirle ci penserà un cuneo anticiclonico di matrice africana che tenderà ad invadere il nostro Paese durante il fine settimana, favorendo un deciso, repentino, fastidioso rialzo delle temperature, che si porteranno al di sopra delle medie del periodo e raggiungeranno picchi di 36-37°C su alcuni settori del Paese, segnatamente la Sardegna e la Puglia, mentre sulle regioni centrali tirreniche e la Valpadana potranno toccare picchi di 34-35°C.

Continua qui

MODELLO EUROPEO: nuovi temporali giovedì 28, poi spazio libero all'anticiclone?


PRIMI di LUGLIO: i temporali diverranno più frequenti al nord, specie nelle Alpi, a partire da mercoledì 4 o giovedì 5 luglio, favorendo anche un calo termico.

lunedì 25 giugno 2018

Meteo a 7 giorni: dai TEMPORALI al CALDO INTENSO

Estate seria nel prossimo fine settimana? Probabile...



Cosa bolle in pentola per la fine di giugno e i primi giorni di luglio un Italia? Le condizioni latentemente instabili che ci stanno interessando da diversi giorni continueranno almeno fino a giovedì 28 giugno.
Il respiro dell'est non ci abbandonerà subito e sarà in grado di generare altre situazioni temporalesche maggiormente concentrate lungo la dorsale appenninica centro-meridionale, ma non solo.
Come vediamo nella mappa relativa alla giornata di giovedì 28 giugno, qualche colpo di tuono si udirà al nord, specie sull'Appennino Ligure, le Alpi occidentali e il Trentino.
Sulle restanti zone avremo un tempo complessivamente buono e con caldo generalmente nella norma.

Continua qui


TEMPORALI: dove saranno maggiormente probabili tra MARTEDI e GIOVEDI?

L'odontotecnico che twittava "tagliamo la gola a Saviano e Boldrini" ora è in un mare di guai

L'ex presidente dalla Camera lo ha denunciato. Non gli è bastato rimuovere il tweet e sparire dal social, uno screenshot lo inchioda e lui si difende: "Solo un'arrabbiatura momentanea"



C'è in giro gente che ancora crede di poter lanciare il sasso sui social network e poi nascondere la mano. Fuor di metafora: augurare la morte e cancellare il tweet. Ora un odontotecnico di Torino si trova in un mare di guai per quella che, in una intervista a Repubblica, ha definito "un'arrabbiatura momentanea"


Come sono andate le cose

E' venerdì 22 giugno, in piena tempesta Saviano-Salvini l'odontotecnico piemontese decide che non ne può più né dell'ex presidente della Camera, né dello scrittore napoletano e twitta: “#Tagliamo la gola a Boldrini e Saviano”. Poche ore prima la Boldrini ha preso le difese di Saviano dopo le parole del ministro dell'Interno sull'opportunità che continui ad avere una scorta e per questo nel suo messaggio l'hater cita sia lei che lo scrittore.

Solo che sotto al post si scatena una marea di insulti, non contro la Boldrini né contro Saviano, ma contro l'odontotecnico che comincia a sentirsi - è il caso di dirlo - come sulla poltrona del dentista e decide di darsi alla fuga. Letteralmente. Cancella non solo il tweet sotto accusa, ma tutto il profilo. Sparisce completamente dai radar, o almeno spera di esserci riuscito. Ma non è così, perché qualcuno ha fatto lo screenshot e lo ha messo in giro con l'hashtag #risorsesalviniane

Continua qui

venerdì 22 giugno 2018

Migranti, truffa sull’accoglienza a Benevento: 5 arresti e 36 indagati. Tra loro due dipendenti pubblici e un carabiniere


Secondo gli inquirenti, è stato messo in piedi un "sistema criminale" per gestire i centri di accoglienza. Sotto inchiesta anche un dipendente della prefettura e un funzionario del ministero della Giustizia Le accuse sono di truffa ai danni dello Stato per il conseguimento di erogazioni pubbliche, frode in pubbliche forniture, corruzione e rivelazione di segreti d’ufficio

Un “sistema criminale” per lucrare sulle assegnazioni pilotate dei migranti e sul sovraffollamento dei centri di accoglienza. Messo in piedi, fra gli altri, da un dipendente della Prefettura di Benevento, da un funzionario del ministero di Giustizia e da un carabiniere. In totale cinque persone sono finite agli arresti domiciliari su decisione del gip della procura campana, mentre altre 36 risultano indagate. Le accuse sono di truffa ai danni dello Stato per il conseguimento di erogazioni pubbliche, frode in pubbliche forniture, corruzione e rivelazione di segreti d’ufficio.

A condurre le operazioni la polizia di Benevento, i carabinieri del Nucleo investigativo e del Nas di Salerno. L’indagine è partita nel novembre 2015 sulla base di un esposto che ha permesso di fare luce su questo sistema criminale. Nel mirino della procura la gestione dei centri di accoglienza per migranti della provincia beneventana. Gli arrestati sono Paolo Di Donato, ex amministratore e da qualche anno consulente del consorzio Maleventum (che gestisce diversi centri nel Sannio), l’imprenditore Angelo Collarile, il dipendente del ministero della Giustizia Giuseppe Pavone, il dipendente della Prefettura beneventana Felice Panzone, e il carabiniere Salvatore Ruta.

Le inchieste del Fatto – Il 18 gennaio 2017 ilfattoquotidiano.itaveva segnalato la decisione della Prefettura di Benevento dispostare 19 migranti da un centro sospeso per segnalazioni negative a una struttura nata come impianto per allevamento di conigli e priva di agibilità. 


Continua qui

L'incerto destino dei piccoli migranti in detenzione: sedati e sparpagliati in tutta l'America


Stasera la Camera voterà una legge che tenta di dare un'inquadratura legale alla detenzione dei minori. Intanto però fioccano le denunce. Ai bambini sarebbero imposte iniezioni di calmanti. E New York scopre di averne in casa 239

giovedì 21 giugno 2018

Roma, sputi a bimbi e donne indiani Un ragazzo li difende: preso a pugni

A Montesacro raid che potrebbe avere matrice razzista: botte a un connazionale colpito con un tirapugni. I carabinieri danno la caccia a due giovani, forse minorenni e del Tufello. La vittima medicata al «Pertini»


Prima gli sputi, su donne e bambini, poi le botte, sul giovane che voleva sapere il perché di quell’oltraggio. Colpi sferrati forse con un tirapugni che l’hanno spedito in ospedale con ferite al volto. Clima di violenza a Montesacro, non si esclude di razzismo, dove domenica sera una comitiva di lavoratori indiani con le loro famiglie si era riunita nello spazio verde di via Scarpanto, che si trova vicino alla fermata Ionio della linea B1. Una scelta che non è piaciuta a un gruppo di ragazzi - fra loro dei minorenni - che li hanno insultati. Quello che doveva essere un momento spensierato è diventato un incubo, raccontato ieri mattina da due signore romane ai carabinieri.
«A loro (ai lavoratori stranieri) - scrivono in una lettera piena di dignità - affidiamo le nostre case, i figli, la nostra vecchiaia e quella dei nostri cari. Devono essere difesi e meritano rispetto». I militari della compagnia Montesacro indagano sulla vicenda. L’indiano preso a pugni ha 34 anni ed è stato dimesso dal «Pertini»: c’è stato portato da un’ambulanza del 118 e ci è rimasto una notte in osservazione. Forse per paura non ha ancora denunciato l’aggressione, confermata da un paio di testimoni. 

Continua qui

Fisco: scoperti mille grandi evasori, hanno sottratto all'erario 2,3 miliardi

Quasi 13mila quelli totali. Dati della Guardia di Finanza degli ultimi 17 mesi, 23mila reati

Due miliardi e 300 milioni, più di due milioni a testa: è quanto hanno sottratto al fisco i mille grandi evasori scoperti dalla Guardia di Finanza dal 1 gennaio del 2017 al 31 maggio di quest'anno. I Finanzieri hanno anche individuato quasi 13mila evasori totali e contestato 23mila reati fiscali.
Dei 2,3 miliardi evasi dai grandi evasori, che non sono piccoli artigiani, commercianti o imprenditori ma soggetti che si avvalgono di una rete di connivenze e spesso anche della consulenza di studi tributari, più della metà - 1,3 miliardi - sono però già stati confiscati acquisiti in via definitiva al patrimonio dello Stato. I dati di quasi un anno e mezzo di attività sono stati resi noti in occasione della festa del Corpo: da gennaio 2017 sono stati scoperti anche 12.824 evasori totali, soggetti del tutto sconosciuti al fisco, che hanno evaso 5,8 miliardi di Iva. 
Continua qui

mercoledì 20 giugno 2018

Meteo a 7 giorni: fresca pausa estiva...

Confermata la rinfrescata sull'Italia a partire da venerdì e per i primi giorni della settimana prossima...



L'alta pressione delle Azzorre che ci ha interessato in questi giorni tenderà ad arretrare verso l'Europa occidentale a partire dalla giornata di venerdì 22 giugno.
L'Italia verrà quindi attraversata da infiltrazioni di aria fresca, precedute da una linea temporalesca che si farà sentire venerdì soprattutto al nord-est, nelle zone interne del centro e lungo il versante adriatico (prima mappa).
Sulle restanti zone i fenomeni saranno scarsi se non del tutto nulli, ma si potrà apprezzare già un lieve calo delle temperature e un maggior movimento eolico.
Continua qui

martedì 19 giugno 2018

Usa, Onu a Trump: ‘Inaccettabile separare migranti dai figli’. Deputato dem: ‘Bimbi chiusi in gabbie’. Melania critica il marito


E' è il monito lanciato a Ginevra dall’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Zeid Raad al-Hussein durante la sessione del Consiglio per i diritti umani. Per la prima volta la first lady parla apertamente di politica e interviene su quanto sta succedendo al confine con il Messico, dove 2mila bambini sono stati separati dalle loro famiglie perché entrate illegalmente in territorio americano

L’Onu punta il dito contro Donad Trump per la pratica pratica in vigore negli Stati Uniti di separare i figli dai genitori migranti che entrano illegalmente dalla frontiera con il Messico. La prassi “èinaccettabile e crudele“, è il monito lanciato a Ginevra dall’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Zeid Raad al-Hussein. “Pensare che uno Stato possa cercare di dissuadere i genitori infliggendo tali abusi sui bambini è inammissibile”, ha detto al-Hussein aprendo una sessione del Consiglio per i diritti umani. La vicenda è quella che riguarda 2mila bambini alla frontiera sud degli Usa che sono stati separati dai lori genitori, colpevoli di essere entrati in territorio americano illegalmente. Un conseguenza della politica di tolleranza zero voluta dall’amministrazione Trump.

Continua qui


Trump firma decreto per tenere unite famiglie migranti

domenica 17 giugno 2018

Fratellini morti a Messina: Francesco, 13 anni, bimbo eroe che si è lanciato nel rogo per tentare di salvare il piccolo Raniero


Prima ci hanno provato i genitori, respinti dalle fiamme e dal fumo che avevano invaso l'appartamento in via dei Mille a Messina, poi è stato lo stessoFrancesco Filippo a tentare di salvare il fratellino più piccolo Raniero. Il tredicenne è però morto asfissiato insieme al fratello di 10 anni.  Emergono gesti di grande amore ed eroismo dalle ricostruzioni della tragedia costata la vita a due bambini nella notte in centro a Messina. Papà e mamma sono riusciti a mettere in salvo i due figli più piccoli, m,a altri due sono restati intrappolati nell'abitazione devastata dal rogo. 

Il racconto, con un filo di voce, è di Fernando Rizzo, cugino della madre dei due bambini. «L'incendio è divampato intorno alle quattro - dice - Ho sentito urlare e bussare forte alla porta erano i miei cugini e i loro figli. Sono entrati e poi ho visto nelle scale anche il loro bambino di 13 anni che si è accorto che mancava quello di dieci ed è scappato scendendo al piano di sotto per salvarlo, ma poi non è più risalito». 

Continua qui

venerdì 15 giugno 2018

Stadio Roma: Raggi convocata in procura. Sindaca: 'Altre verifiche per andare avanti'. Cena Lanzalone-Parnasi-Giorgetti

Il 12 marzo. Per Corriere, Stampa e Messaggero, Malagò indagato.

Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, sarà sentita oggi in procura a Roma nell'ambito dell'indagine sul nuovo stadio della Roma. In base a quanto si apprende Raggi verrà ascoltata come testimone e non è escluso che i pm gli possano rivolgere domande relative all'iter del progetto per la struttura che dovrebbe sorgere a Tor Di Valle.
"Per maggior sicurezza dei cittadini, dell'amministrazione e della Roma avvieremo immediatamente una verifica. Se questa verifica darà esito positivo, si potrà continuare. Per tutto il resto, confidiamo nella magistratura. Noi vorremo proseguire con questo progetto nel solco della legalità, e questa verifica è una ulteriore garanzia": dichiara la Raggi, al termine dell'incontro con il dg della As Roma Mauro Baldissoni in Campidoglio.
Una cena 'segreta' tra Luca Lanzalone, Luca Parnasi, e l'attuale sottosegretario alla presidenza, il leghista Giancarlo Giorgetti, il 12 marzo a casa di Parnasi. Ne riferiscono stamane alcuni quotidiani - tra gli altri, Repubblica, Corriere della sera, Stampa, Messaggero, Fatto quotidiano - basandosi sulle intercettazioni contenute nell'informativa dei Carabinieri di Roma, allegate agli atti dell'inchiesta sul presunto giro di tangenti per accelerare il progetto del nuovo stadio della Roma.
Continua qui

Mondiali: l'Isis minaccia attentati in un video

L'organizzazione terroristica: "Massacri come mai prima d'ora"


L'Isis torna a minacciare i mondiali di calcio in Russia con un video in cui promette "un massacro come mai prima d'ora". In un video diffuso dal tabloid inglese Daily Star, l'organizzazione terroristica mostra immagini di repertorio annunciando di voler "vendetta" nei confronti di Vladimir Putin e della Russia. Il filmato si conclude con una panoramica dello stadio di Sochi 'sorvegliato' da un jihadista in tuta mimetica e mitra a tracolla e virtualmente colpito da esplosioni.

Continua qui

giovedì 14 giugno 2018

Immigrati nei campi per 3 euro l’ora e pane duro: arrestati due caporali a Marsala

I lavoratori chiamavano i loro datori “padrone”. E venivano prelevati direttamente dai centri d’accoglienza


L’altra faccia della realtà, di quello che dopo l’accoglienza può accadere agli immigrati una volta arrivati nella nostra terra. Altro che immigrati pagati per non far nulla, o dediti a compiere gesta criminose. Accade che uomini che per il colore della pelle finiscano sfruttati, costretti a chiamare “padrone” chi li ha resi schiavi, pagati 3 euro all’ora lavorando anche più di 12 ore al giorno, cominciando alle 5 del mattino in campagna tra vigneti e oliveti, o raccogliendo verdura e frutta, per poi essere rifocillati con pane duro e scarso.  

Continua qui

Trovato cadavere ragazza scomparsa

Era uscita con il fidanzato che poco dopo si era impiccato

E' stato trovato il corpo di Sara Luciani, la ragazza di 21 anni sparita da Melzo (Milano) venerdì sera dopo essere uscita con il fidanzato Manuel Buzzini, l'operaio di 31 anni che poche ore dopo si è ucciso impiccandosi. Il cadavere galleggiava nelle acque del canale Muzza, è stato individuato all'altezza di Paullo, a poca distanza dalle griglie della centrale idroelettrica in cui domenica si era incastrato il paraurti della Golf su cui era stata vista l'ultima volta.

   Il cadavere di Sara Luciani è stato avvistato da un passante dopo pranzo, galleggiava a poca distanza dalle griglie della centrale idroelettrica di Paullo. I sommozzatori dei vigili del fuoco lo hanno recuperato e stanno cercando ancora la vettura su cui si era allontanata venerdì sera assieme al fidanzato Manuel Buzzini, che al momento si ritiene abbia ucciso la ragazza e che poi si è ucciso impiccandosi nel cortile del palazzo dove vive sua nonna, a Melzo.

Continua qui

mercoledì 13 giugno 2018

Previsioni Meteo shock per il Solstizio d’Estate 2018: forte maltempo, piogge torrenziali e 10 gradi sotto le medie sull’Italia la prossima settimana

Previsioni Meteo, altro che Solstizio d'Estate: il clima della prossima settimana avrà il sapore di Equinozio d'Autunno per il forte maltempo e le temperature molto più basse della norma

Previsioni Meteo – L’Italia sta vivendo in queste ore una fase climatica transitoria: il Nord è già da ieri colpito da piogge e temporali che stanno interessando gran parte del territorio europeo, mentre al Sud si sta concludendo l’ennesima vampata di super caldo con temperature che in Puglia hanno superato addirittura i +35°C, come se fossimo già in estate inoltrata. Ma nelle prossime ore anche nelle Regioni meridionali arriveranno piogge e temporali, con temperature in picchiata: viviamo il primo importante guasto di questo Giugno, ampiamente annunciato su MeteoWeb nei precedenti bollettini meteo, dopo una prima decade del mese che è stata caratterizzata dall’instabilità più marcata, con piogge, temporali e forti grandinate su gran parte del Centro/Nord. Adesso invece viviamo un peggioramento più serio e organizzato. Una vera e propria perturbazione che arriva dall’Oceano Atlantico e nei prossimi giorni (soprattutto Giovedì 14 e Venerdì 15 Giugno) si concentrerà al Centro/Sud con forti piogge, grandinate, trombe d’aria e temperature di gran lunga inferiori rispetto alle medie del periodo.

Gli ultimi aggiornamenti dei modelli a medio/lungo termine, però, sono ancor più preoccupanti. Quest’ondata di maltempo non sarà isolata. La prossima settimana, infatti, ne arriverà un’altra ancor più seria proprio in concomitanza con il Solstizio d’Estate, che quest’anno cade Giovedì 21 Giugno. In realtà non bisognerà aspettare così tanto per il nuovo peggioramento, che inizierà già Lunedì 18 Giugno e coinvolgerà gradualmente tutt’Italia da Martedì 19. Le mappe sinottiche di ECMWF che proponiamo nella gallery a corredo dell’articolo, evidenziano il movimento della perturbazione dall’Oceano Atlantico verso il Mediterraneo centrale, con un rinforzo del ciclone proprio sull’Italia dove poi stazionerà per tutta la prossima settimana, almeno fino a Venerdì 22/Sabato 23.
Continua qui

Migranti, in 900 verso la Sicilia su una nave che il governo non può fermare „

Migranti, in 900 verso la Sicilia su una nave che il governo non può fermare
La nave Aquarius della Ong Sos Mediterranée e i sui 629 migranti a cui l'Italia ha negato lo sbarco "ha rubato la scena", ma c'è un'altra nave nel Mediterraneo che si sta dirigendo verso Catania. Altri 53 sono sbarcati sulla spiaggia di Calamosche a Noto
Migranti, in 900 verso la Sicilia su una nave che il governo non può fermare


C'è una nave nel Mediterraneo su cui - colpevolmente - in questi giorni si è tenuto un certo silenzio: la vicenda della nave Aquarius della Ong Sos Mediterranée e dei sui 629 migranti a cui l'Italia ha negato lo sbarco "ha rubato la scena", finendo per diventare un caso internazionale, ma c'è un'altra nave cui il Governo non può negare l'attracco. 

Porti chiusi? Solo alle Ong

La nave 'Diciotti' della Guardia Costeria, si sta dirigendo verso la Sicilia con 937 migranti a bordo. I migranti sono stati soccorsi in sette diversi interventi di salvataggio in mare da unità di Eunavformed - la missione europea di contrasto al traffico illegale di esseri umani - e da alcune navi commerciali. A quanto apprende Catania Today a bordo ci sarebbero anche due cadaveri.

Continua qui



Potrebbe interessarti:http://www.today.it/cronaca/migranti-nave-diciotti.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930

martedì 12 giugno 2018

Trump e Kim firmano documento congiunto: 'Messo passato alle spalle'


Lo storico incontro tra Donald Trump e Kim Jong-un è avvenuto poco dopo le 9 (le 3 in Italia) con un copione scenico e hollywoodiano: il presidente Usa e il leader nordcoreano si sono ritrovati sul patio del Capella Hotel, sull'isola di Sentosa, attraversando due porticati opposti. "Abbiamo avuto un incontro storico, abbiamo deciso di lasciarci il passato alle spalle, abbiamo firmato un documento storico, il mondo vedrà un importante cambiamento", ha detto il leader nordcoreano Kim Jong-un. Poi la firma di un documento congiunto con il presidente Usa Donald Trump dopo il vertice a Singapore. "Vorrei esprimere gratitudine al presidente Trump per aver fatto accadere questo incontro", ha aggiunto Kim.

Continua qui

Aquarius, il racconto del soccorritore sulla nave: “Valencia è troppo lontana, stasera terminiamo il cibo per i migranti”


“Al momento non abbiamo ancora ricevuto comunicazioni ufficiali. L’ultima, da parte dell’Mrcc di Roma, l’abbiamo avuta ieri sera (domenica 10 giugno, ndr)”. A dirlo è Alessandro Porro, soccorritore volontario a bordo della nave Aquarius, che ha tratto in salvo 629 migranti. “Il porto di Valencia è troppo lontano, ci vogliono giorni per raggiungerlo. Stasera terminiamo il cibo altamente energetico che generalmente distribuiamo ai migranti” continua. “In loro sta salendo la preoccupazione, ci chiedono dove li porteremo”.

Audio 


Aquarius, migranti saranno trasportati a Valencia anche su navi italiane