mercoledì 24 febbraio 2016

Doppio colpo da Iran e Arabia Saudita. E il petrolio torna a scendere

Un colpo dall’Iran, che ha definito «ridicola» la pretesa di convincerlo a contenere l’offerta di petrolio, e un colpo dall’Arabia Saudita, che ha escluso la possibilità di un taglio di produzione a breve. Dopo i forti rialzi di lunedì, ieri il barile non poteva che invertire la rotta. E così ha fatto, confermando per l’ennesima volta l’estrema volatilità dei prezzi e il forte influsso che sono capaci di esercitare sui listini azionari: il Wti è scivolato di oltre il 5% e Wall Street ha girato in negativo mentre il ministro del Petrolio saudita Ali Al Naimi parlava dal Texas, ospite di un convegno, e quasi contemporaneamente quello iraniano, Bijan Zanganeh, lanciava proclama da Teheran attraverso i media locali. Alla fine il greggio americano ha chiuso a 31,87 dollari al barile (-4,6%), l’europeo Brent a 33,27 $ (-4,1%), senza cancellare del tutto il progresso di lunedì.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento