sabato 2 luglio 2016

Delitto Yara, l’ergastolo per Bossetti I silenzi della madre, i dubbi della moglie: 5 donne chiave dell’inchiesta

Da prova cruciale, gli altri indizi e l’assenza di alibi. Così si è arrivati alla condanna di «Ignoto Uno». I ruoli del pm Letizia Ruggeri, del gip Ezia Maccora, della madre Ester Arzuffi, della moglie Marita Comi e del giudice Antonella Bertoja

L’ultimo sguardo disperato prima di essere riportato in carcere per scontare l’ergastolo è per sua moglie Marita Comi. Una richiesta di aiuto, una supplica rivolta a una delle cinque donne che hanno segnato questo processo e soprattutto la sua vita. Perché sono state loro, ognuna con un ruolo diverso, a «inchiodare» Massimo Bossetti come l’assassino di Yara Gambirasio. Tre sono in aula, due hanno atteso il verdetto a casa. Tutte sono pedine fondamentali di una vicenda che segnerà la storia giudiziaria italiana. Perché per la prima volta l’indagine su un omicidio si è svolta al contrario, partendo da un codice genetico. Dopo l’uscita di scena di Mohamed Fikri — il marocchino subito indiziato e poi completamente scagionato — non c’erano altri sospettati. Gli investigatori avevano soltanto la certezza che «Ignoto 1», l’uomo che aveva lasciato il proprio Dna sugli slip e sui leggings della giovane vittima, fosse il figlio illegittimo di Giuseppe Guerinoni, autista di pullman morto nel 1999. E da lì si è partiti comparando migliaia di tracce, ricostruendo tassello dopo tassello una vicenda incredibile. Fino ad arrivare a quel muratore con i capelli tinti, il pizzetto biondo, la fissazione per l’abbronzatura.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento