lunedì 2 maggio 2016

Michael gira il mondo facendosi toccare i capelli

Tre anni fa ha lasciato Parma per viaggiare, finanziandosi col lavoro e un po’ di ingegno

Michael Petrolini

«Per me viaggiare è come un lavoro: stai vivendo il tuo sogno, ma è un sogno che richiede fatiche, sfide e stress, a contatto con culture e mentalità diverse. Devi mettere in gioco capacità, energie e un po’ di creatività: solo così ti può scattare l’intuizione di finanziarti facendoti toccare i capelli». Farsi pagare per farsi accarezzare la folta chioma: è questa l’idea che ha fatto guadagnare 1346 dollari in tre mesi a Michael Petrolini, 24 anni, ex studente di sociologia che tre anni fa ha salutato la famiglia e gli amici di Parma per un mese negli Stati Uniti. Viaggio che non è mai terminato e che lo ha portato in giro per mezzo mondo, dalla California a Taiwan, toccando Giappone, Cambogia, Australia e Nuova Zelanda.

«Sentivo il bisogno di lasciare il sentiero battuto della comoda vita da universitario per disegnarmi un mio futuro – spiega – Viaggiando si cresce, si apre la mente, si affrontano le proprie paure e si impara ad essere meno egocentrici e viziati. Ti trovi da solo, a gestire i tuoi limiti, e questo porta a conoscerti e a capire davvero chi sei e quando vali». Dall’insegnante di snowboard in Giappone al raccoglitore di banane in Australia, passando dall’essere giardiniere, muratore, venditore, contadino e addetto alle pulizie dei bagni in un supermercato. 

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento