domenica 29 maggio 2016

Se lo avete perso... dalle signorine buonasera all'artrosi nell'Impero romano

Alcune notizie della settimana che hanno suscitato interesse, hanno fatto discutere o, semplicemente, hanno destato curiosità

 

Ecco alcune notizie della settimana che hanno suscitato interesse, hanno fatto discutere o, semplicemente, hanno destato curiosità.

Da un rapporto dell'agenzia dell'Onu per l'Ambiente (UNEP) e dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), arriva un allarme: l'inquinamento uccide ogni anno nel mondo un numero di persone che è 234 volte quello delle vittime dei conflitti. Il rapporto rivela che, nel 2012, 12,6 milioni di morti premature nel mondo (23%) sono da attribuirsi a condizioni ambientali degradate.

La Terra è ormai diventata un pianeta urbano: oltre metà della popolazione vive nelle città e la tendenza è in costante aumento. Entro il 2050 si prevede che lo faranno due persone su tre: a stimarlo Daniel Kammen, dell'università della California a Berkeley.

Novità nel mondo social network: Twitter va oltre i 140 caratteri, inglobando anche gli allegati come foto e video che quindi non impatteranno più sul limite storico del microblog. Lo annuncia la stessa società, spiegando che la novità sarà attiva "dai prossimi mesi".
 
Era l'artrosi a mettere in ginocchio gli abitanti della citta' eterna, piegando schiene e arti dei cittadini della capitale dell'Impero con un dolore che nessun paziente di oggi conosce. La malattia arrivava presto, gia' a 30 anni. Lo dice il piu' grande studio nel suo genere, realizzato su oltre 2.000 scheletri da una equipe composta da due ortopedici, tre antropologi, due radiologi e due storiche della medicina, in un volume che aiuta a completare un tassello della storia medica.

Dall'antica Roma all'Egitto. E' di origine meteoritica - di uno degli innumerevoli meteoriti caduti sul deserto egiziano, che ancor oggi è facile raccogliere - il metallo della lama di uno dei due pugnali trovati con la mummia di Tutankhamon, lo sfortunato faraone che con il suo incredibile destino continua a sorprendere gli appassionati di egittologia.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento