lunedì 14 novembre 2016

Amiu, sesso per appalti: tutti a giudizio gli ex dirigenti e gli imprenditori coinvolti

Genova - Sono stati rinviati tutti a giudizio gli ex dirigenti Amiu, l’azienda municipalizzata di Genova che si occupa della raccolta dei rifiuti, e gli imprenditori coinvolti nell’inchiesta su un giro di escort in cambio di appalti. Lo ha deciso il gup Nadia Bolelli. La EcoGe, l’impresa che raccoglieva rifiuti per Amiu, ha patteggiato una condanna a 56 mila euro. L’azienda municipalizzata ha inoltre chiesto il sequestro preventivo alla EcoGe di 270 mila euro.

I pm Paola Calleri e Francesco Cardona Albini avevano chiesto il rinvio a giudizio per dieci persone con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e la turbativa d’asta: Corrado Grondona, ex responsabile Affari generali di Amiu; Gino, Vincenzo e Luigi Mamone, imprenditori titolari della Eco.ge; Stefano e Daniele Raschellà, imprenditori; Claudio Deiana, anche lui imprenditore.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento