sabato 19 maggio 2018

Assente dal lavoro per curare il padre, in realtà era in vacanza in Kenya

L’uomo, un macellaio di Mappano, è stato licenziato. Il padre rischia la revoca dell’assegno di invalidità


Gianni Giacomino
Mappano (Torino)
Padre e figlio sono finiti nei guai per una storia davvero singolare. Il primo, un macellaio di 47 anni ha usufruito dei permessi previsti dalla “legge 104” per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone disabili, ottenendo dall’azienda dove lavorava settimane di congedo per restare a casa ad accudire il genitore, invalido all’80%. Peccato che quest’ultimo, pensionato di 81 anni abbia guidato l’auto fino a Cattolica per raggiungere, insieme alla moglie, un centro termale, mentre il figlio che avrebbe dovuto accudirlo era in vacanza in Kenya. Risultato? Il 47enne è stato licenziato, mentre l’Inps di Torino Nord ha avviato un’indagine parallela a quella della Procura per capire chi è che ha riconosciuto l’handicap dell’80% al pensionato, che potrebbe anche perdere l’assegno di invalidità. Tutta la storia viene a galla poco prima del Natale scorso quando il direttore di un ipermercato della prima cintura torinese si presenta nella caserma dei carabinieri di Leini: «Credo che un nostro dipendente ci abbia truffato».

Continua qui

 Falsificava i certificati di invalidità: impiegata dell’Asl sospesa dal servizio

Nessun commento:

Posta un commento