sabato 23 agosto 2014

"Immorale partorire un bimbo Down". Bufera su un biologo britannico

"Abortisci e riprova. Sarebbe immorale metterlo al mondo, visto che hai la possibilità di evitarlo”: un tweet come una miccia, che innesca in pochi minuti una protesta collettiva. L’autore, spiega Redattore Sociale, è il biologo britannico Richard Dawkins, noto per le sue posizioni – e provocazioni, talvolta – atee ed abortiste. Destinataria del messaggio è una donna, che a lui aveva espresso il dilemma se sarebbe giusto mettere al mondo un figlio, nel caso in cui gli fosse pre-diagnosticata una sindrome di Down. E quella risposta, compressa in 140 caratteri, fa insorgere tanti, tra “seguaci” di Dawkins e rappresentanti delle associazioni per la disabilità, britanniche e non solo.

Ma Dawkins non si spaventa, anzi rincara ala dose, rinforzando la provocazione: nel caso di bambini autistici, dice, non sarebbe infatti opportuno l’aborto, perché possono offrire “un grande contributo al mondo, visto che alcune loro facoltà sono superiori alla norma. Non è così per coloro affetti dalla sindrome di Down”. Crescono le polemiche, ma Dawkins insiste e replica, sempre su Twitter: “io sarei un orrido mostro solo per aver consigliato di fare ciò che accade realmente alla maggior parte dei feti affetti dalla Sindrome di Down. E cioè: vengono abortiti”.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento