venerdì 22 agosto 2014

Quei 40 italiani tra i mujaheddin: così la jihad arruola nel mondo

Ecco l'esercito dell'Is secondo le Intelligence occidentali. Sono uomini, tra i 16 e i 28 anni di età, musulmani e spesso convertiti. Più di 20mila miliziani reclutati in 83 Paesi. Sono numeri destinati a moltiplicarsi. Anche i bambini indottrinati per assicurare un futuro al Califfato.

SONO almeno quaranta i jihadisti partiti dall'Italia verso i fronti siriano e iracheno. È allarme rosso, secondo i servizi segreti. I mujaheddin italiani vengono monitorati nel timore che nel futuro, radicalizzati e addestrati di ritorno dal Medio Oriente, organizzino attività ostili contro il nostro Paese. In più, con il sì delle Camere alle armi ai curdi, l'Italia è nel mirino dei terroristi. La probabilità di un attentato è altissima, avvisa l'intelligence. S'è già visto nel caso di Jarraya Khalil, di stanza a Zenica, arrestato a Bologna con l'accusa di guidare una cellula integralista islamica. O del genovese convertito all'Islam Ibrahim Giuliano Delnovo, ucciso mentre combatteva ad Aleppo con la "Brigata dei Difensori e dei Migranti" diretta dal ceceno Abu Omar.

Continua qui 

"Vanessa e Greta nelle mani dell'Is". Cresce la paura, l'attesa delle famiglie

 

 

Nessun commento:

Posta un commento