venerdì 27 novembre 2015

La ragazza uccisa perché voleva fuggire dall’Isis

Samra, austriaca di 18 anni, era in Siria dall’aprile del 2014: «Massacrata a martellate»


L’ipotesi è che volesse scappare per tornare a casa: per questo motivo, sarebbe stata uccisa Samra Kesinovic, 18 anni, austriaca, affiliata all’Isis. La notizia viene riportata da «Oe24at», che cita informazioni dei servizi segreti, per ora non confermate.

La ragazza sarebbe stata picchiata con colpi di martello, perché voleva fuggire da Raqqa, dove aveva sposato un jihadista. Samra era già nota alle cronache internazionali. Fece scalpore la fuga, insieme a una sua amica, verso la Siria: le due ragazze, di origini bosniache, decisero di sposare due militanti del terrore e lasciarono un agghiacciante messaggio d’addio in rete: «Non cercateci. Noi serviamo Allah e moriremo per lui». Era l’aprile del 2014. Avevano rispettivamente 16 e 15 anni. Secondo le informazioni della stampa austriaca, anche Sabina S. sarebbe morta, a dicembre, nel corso di alcuni combattimenti sul confine siriano.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento