martedì 9 dicembre 2014

Ragusa, la madre di Loris fermata per omicidio: “Non l’ho ucciso”. Alle 10,30 altro interrogatorio

La svolta arrivata nella notte dopo 8 ore davanti agli inquirenti. La donna adesso è piantonata in Questura. In mattinata la parola passerà al gip per la convalida dell’arresto

Omicidio volontario, aggravato dal legame di parentela, e occultamento di cadavere: dopo 8 ore di interrogatorio la procura di Ragusa ha emesso un provvedimento di fermo nei confronti di Veronica Stival, la mamma del piccolo Loris. Sarebbe stata dunque lei, da sola, secondo magistrati e investigatori di polizia e carabinieri, a uccidere con una fascetta da elettricista stretta attorno al collo il figlio di 8 anni la mattina di sabato 29 novembre. E sarebbe stata sempre lei a gettare il corpicino nel canalone in contrada Mulino Vecchio, a meno di due chilometri di distanza dal centro di Santa Croce Camerina.

IL PADRE: “SE È STATA LEI MI CADE IL MONDO”

(...) «Questi sono omicidi che non si confessano» dice uno di quelli che ha partecipato all’interrogatorio. (...)

Continua qui

Morte di Loris, radiografia di una indagine

 

La vita difficile di Veronica, mamma ragazzina

 

“Vendesi”, il cartello di casa Stival fissato con le fascette da elettricista

 

 

Nessun commento:

Posta un commento