venerdì 5 dicembre 2014

Standard&Poor’s taglia rating Italia: ‘Forte aumento debito e crescita debole’

L'agenzia ritocca al ribasso da BBB a BBB- il giudizio sul debito sovrano italiano. In mattinata il ministro Padoan aveva rivendicato: "E' sostenibile, se l'inflazione fosse in equilibrio scenderebbe"

L’agenzia di rating Standard&Poor’s ha declassato l’Italia. Il rating della Penisola scende da BBB a BBB-, un gradino sopra il livello “junk”, cioè spazzatura. “Il forte aumento del debito, accompagnato da una crescita perennemente debole e bassa competitività, non è compatibile con un rating BBB secondo i nostri criteri”, spiegano gli analisti. La decisione riflette la revisione al rialzo della stima sul debito pubblico, che a fine 2017 è visto in salita a 2.256 miliardi di euro, 80 in più rispetto al livello attuale. Al tempo stesso l’agenzia ha limato la previsione sull’andamento del prodotto interno lordo e ritiene che l’inflazione continuerà a mantenersi troppo bassa. L’outlook resta però stabile, perché S&P si aspetta che il governo attui le riforme necessarie a ridare competitività all’economia mantenendo livelli di spesa sufficienti a contrastare l’eccesso di debito. Ma una mano arriva anche da Mario Draghi: gli analisti di S&P sono convinti che la Bce “lavorerà per riportare a livelli normali” l’inflazione italiana e quella dei Paesi europei che ne sono i principali partner commerciali.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento