venerdì 19 settembre 2014

Il cadavere di una donna scoperto in via Genova

Savona - Il cadavere di un noto medico savonese, Luisa Bonello, è stato ritrovato in un appartamento di una palazzina di via Genova, a Savona. Il primissimo allarme, partito dal 118, parlava di un “tentato suicidio”, ma giunti sul posto i soccorritori della Croce Bianca savonese non hanno potuto fare altro che constatare la morte. Sul posto la polizia scientifica, per i rilievi del caso. Saranno questi ultimi a chiarire se si tratti di omicidio, suicidio o disgrazia. Per ora tutte le ipotesi restano aperte anche se la più probabile sembra essere quella del suicidio.

È arrivato e salito nella casa della donna anche il sostituto procuratore della Repubblica Giovanni Battista Ferro

«Le mie denunce inascoltate»: il medico racconta delle lettere scritte al cardinale Bagnasco dopo che le sue denunce con monsignor Lupi erano rimaste inascoltate

Luisa Bonello, ex medico del lavoro a Savona, era conosciuta, oltre che per la sua attività umanitaria e professionale specie nell’Est Europeo, anche per aver consegnato a Papa Francesco in una recente udienza privata a Roma un dossier sugli scandali savonesi dei preti accusati di pedofilia.

«Io, delusa dal mio vescovo»

Continua qui
 

Nessun commento:

Posta un commento