venerdì 8 maggio 2015

Camera e Senato aboliscono i vitalizi ai parlamentari condannati

Per condanne superiori ai due anni per reati di mafia, terrorismo e contro la Pubblica amministrazione. Boldrini: "Segnale forte di moralizzazione". Grillo: "C'è l'inghippo". La decisione presa dagli Uffici di presidenza. In mattinata scontro Sposetti-M5S

ROMA - Dopo una lunga discussione negli Uffici di Presidenza di Camera e Senato, riuniti dalle 14, è arrivata la decisione finale: deputati e senatori con condanne superiori a due anni per reati di mafia, terrorismo e contro la Pubblica amministrazione non riceveranno più l'assegno vitalizio.




Alla Camera hanno votato a favore Pd, Sel, Scelta Civica, Fratelli d'Italia e Lega. Non hanno partecipato al voto Forza Italia, M5S e Ap, anche se gli esponenti di Ncd e Udc, pur non partecipando al voto, sono rimasti in aula, mentre azzurri e pentastellati sono usciti fuori al momento del voto. Situazione più complicata al Senato, dove ancora non è stato raggiunto un accordo e i numeri nell'ufficio di presidenza sono più stretti.


E' stata necessario uno sforzo maggiore al Senato, dove i numeri nell'ufficio di presidenza sono più stretti. M5S e Gal (Grandi autonomie e Libertà) hanno votato contro, mentre Forza Italia ha abbandonato la riunione. A favore si sono espressi Pd, Sel, Lega.

Tra i reati ricompresi, quelli gravi come mafia e terrorismo, la maggioranza dei reati contro la Pubblica Amministrazione: peculato, concussione, violazione del segreto d'ufficio, ad eccezione del reato di abuso d'ufficio, che al contrario non è ricompreso. Per i reati minori, invece, perchè scatti la cessazione dell'erogazione del vitalizio, occorre che vi sia stata una "condanna definitiva con pene superiori a due anni di reclusione per delitti non colposi, consumati o tentati, per i quali sia prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a sei anni".



Continua qui 

Ecco chi perderà la pensione 

Vitalizi condannati, approvata l’abolizione (a metà): fuori M5S e Forza Italia

Stop vitalizi, Boldrini: “C’è sempre chi rovina la festa dicendo che si poteva fare di più”

 

 

Nessun commento:

Posta un commento