mercoledì 21 marzo 2018

I gioielli artistici del territorio aprono le porte grazie al Fai

Novi Ligure, Gavi, Predosa, Mornese, Lerma: sono ben cinque i Comuni della zona coinvolti nell'edizione 2018 delle Giornate di primavera del Fai. Un percorso si snoderà lungo l'antica strada della Bocchetta, un altro dal millenario borgo di Retorto ai manieri dell'ovadese

NOVI LIGURE (AL) – Novi Ligure, Gavi, Predosa, Mornese, Lerma: sono ben cinque i Comuni del novese e dell’ovadese coinvolti nell’edizione 2018 delle Giornate di primavera del Fai, il Fondo ambiente italiano. I luoghi d’arte visitabili il 24 e 25 marzo grazie ai volontari dell’associazione e agli studenti delle scuole medie e superiori del territorio, però, saranno ben di più: a Novi il palazzo Adorno, a Gavi la villa Broglia e la tenuta Centuriona, a Predosa l’antico borgo di Retorto, a Mornese la chiesa e l’oratorio di San Silvestro e a Lerma la Pieve romanica e il ricetto del castello.

Per il Fai di Novi, in particolare, le Giornate di primavera segneranno un piccolo grande traguardo: dal prossimo 4 aprile, infatti, il “gruppo” si trasformerà in “delegazione”. Non un semplice cambiamento di denominazione, ma un balzo in avanti nella scala gerarchica dell’associazione che punta – come ha spiegato la presidente Ada Geraldini Caraccia – a fondare gruppi satellite in val Lemme e in val Borbera, per promuovere ancora meglio il territorio. Merito dei volontari, ovviamente, e di un team di giovani che – ha detto la responsabile Elena D’Elia – dopo aver provato l’esperienza da “Apprendista Cicerone” come studenti del liceo Amaldi o dell’istituto Ciampini-Boccardo hanno deciso di proseguire la collaborazione con l’associazione. Con Novi, saliranno a quattro le delegazioni in provincia (esistono già ad Alessandria, Casale Monferrato e Tortona).

 “Nobili, mercanti e viaggiatori: la nuova strada da Genova all’Oltregiogo” è il titolo che il gruppo Fai novese ha ideato per ricordare i secoli in cui gli abitati posti lungo l’antico itinerario che collegava Genova con la pianura Padana, attraverso il valico della Bocchetta, furono centri di fondamentale importanza per i commerci e non solo.
Sabato 24 e domenica 25 marzo, con orario continuato dalle 10.30 alle 18.30, sarà possibile visitare tre luoghi in cui resiste ancora il fascino di un percorso che conserva tanti luoghi significativi, nonostante il lento abbandono iniziato nel 1823 quando fu inaugurata la più agevole via dei Giovi.

Si partirà idealmente dalla Centuriona, lungo la strada Gavi-Voltaggio, una dimora privata solitamente chiusa al pubblico. Al centro della vasta tenuta si erge l’imponente costruzione che dal Cinquecento vigila sulla piana sottostante. La torre di avvistamento, la cappella gentilizia, le antiche cantine e la residenza padronale con il bel loggiato aperto sulla valle circondano il cortile campestre che ospita due filari ordinati di alberi.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento